La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La conoscenza del contesto territoriale. La progettazione di offerte formative rivolte agli adulti non può prescindere dalla conoscenza delle caratteristiche.

Copie: 1
Quaderno 2 La conoscenza del contesto territoriale Strumenti per il potenziamento e lo sviluppo dellapprendimento in età adulta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La conoscenza del contesto territoriale. La progettazione di offerte formative rivolte agli adulti non può prescindere dalla conoscenza delle caratteristiche."— Transcript della presentazione:

1 La conoscenza del contesto territoriale

2 La progettazione di offerte formative rivolte agli adulti non può prescindere dalla conoscenza delle caratteristiche e degli ambiti entro i quali si manifestano fenomeni significativi relativi ai bisogni di istruzione e formazione della popolazione residente e alle risorse offerte dal territorio. La produzione di queste conoscenze ha sicuramente un punto di riferimento nella rete delle scuole che strutturano il territorio, ma dovrà essere sviluppata dalle istituzioni/agenzie, enti locali e rappresentanze sociali, come risposta a domande specifiche rivolte dalla scuola stessa. Perché conoscere il territorio?

3 Raccogliere informazioni intorno ai problemi e ai bisogni di un territorio, elaborarle e interpretarle, sono azioni centrali in ogni processo di progettazione di un intervento. Molteplici fattori, infatti, interagisco nel determinare una buona risuscita degli interventi nellambito dellistruzione e dalla formazione, fattori che devono essere valutati prima della progettazione di interventi mirati che ne garantiscono lappropriatezza e lefficacia. Lanalisi di contesto richiede uno sforzo di organizzazione e raccordo delle informazioni che riguardano uno specifico territorio. Il contesto territoriale rappresenta esigenze formative peculiari che sono costituite da dimensioni legate a bisogni individuali, espressi o meno, e a bisogni derivati dal contesto lavorativo di quel territorio. Perché lanalisi di contesto

4 Come si procede ad una analisi di contesto Vengono primariamente individuati tutti i dati utili alla costruzione di un quadro di riferimento. I dati da reperire possono far riferimento a fenomeni diversi tra loro ma che nel loro insieme sono utili allo scopo per cui vengono presi in considerazione. I dati dovranno poi essere organizzati rispetto ad alcuni specifici criteri sempre coerenti con lobiettivo finale. I dati verranno confrontati con riferimenti più ampi relativi al territorio che si vuole conoscere e che permettono di darne una interpretazione attendibile.

5 Di quali informazioni ha bisogno la scuola per sostenere una progettazione concretamente aderente alle necessità della popolazione di riferimento? Informazioni demografiche Livelli di istruzione e processi di scolarizzazione Livelli occupazionali e mercato del lavoro Tessuto imprenditoriale Dinamiche dei settori economici Servizi sociali presenti nel territorio Servizi culturali Appare evidente da questo elenco che alcune informazioni possono essere reperite direttamente dalla istituzione scolastica attraverso rapporti con le agenzie del sistema scolastico stesso (asili nido, scuola primaria, ecc), mentre tutte le altre dovranno essere richieste a chi prende decisioni e fornisce servizi a livello territoriale.

6 Lo scambio di informazioni È chiaro che linterrogazione e la risposta ipotizzano un colloquio interistituzionale che dovrà, almeno, avere una dimensione provinciale allinterno di un contesto regionale. Si prefigura così non solo un funzionamento di flussi di informazione tra soggetti diversi, ma anche modalità di comportamenti interistituzionali finalizzati a favorire la condivisione di scelte politiche a vantaggio della popolazione e di razionalizzazione dei servizi sul territorio. Lobiettivo comune è quello di far emergere criticità e punti di forza che sono propri del territorio indagato per facilitare e orientare le scelte programmatiche finalizzate ad adeguare lofferta formativa alle esigenze locali.

7 Lanalisi di contesto Gli elementi utili, presi in considerazione in questo quaderno, per costruire una analisi di contesto sono: aspetto demografico immigrazione aspetto occupazionale non forza lavoro tessuto imprenditoriale dinamica dei settori (tre macro settori economici) mercato del lavoro I dati relativi a tali variabili sono molto spesso riportati attraverso rappresentazioni grafiche che possono essere più o meno complesse e vengono utilizzate per facilitare la lettura del dato in quanto è possibile visualizzare in modo più diretto le informazioni che il dato può dare.

8 Le rappresentazioni grafiche Le rappresentazioni grafiche presentate nel quaderno sono state costruite in relazione ai seguenti contenuti: dati (assoluti, percentuali ecc.); indicatori, formulazioni sintetiche attraverso le quali vengono identificate le variabili che consentono di tradurre un concetto generale nelle realtà concrete in cui questo si presenta, individuano gli aspetti significativi ed esprimono quindi il rapporto di indicazione di questi con il concetto di partenza; i benchmark sono parametri oggettivi di riferimento costituiti sulla base di indicatori esterni e di comune utilizzo.

9 Le rappresentazioni grafiche Nel quaderno vengono presentate 4 diverse tipologie di rappresentazioni grafiche: lo schema a matrice ; la piramide delletà ; listogramma in pila ; il diagramma o grafico a radar (grafico a ragnatela). Le rappresentazioni grafiche mostrano come è possibile presentare le informazioni relative agli elementi elencati nella slide 8.

10 Le rappresentazioni grafiche Per ognuna delle 4 diverse tipologie di rappresentazioni grafiche vengono riportati: i criteri di costruzione; la struttura grafica; un esempio; un esempio con il commento del dato. Si riporta di seguito un esempio di rappresentazione grafica (schema a matrice). Nel quaderno sono presentati due esempi di lettura dei dati attraverso le 4 rappresentazioni grafiche. Uno relativo alla lettura dei dati nazionali (Introduzione allanalisi pag. 18), uno relativo alla lettura dei dati regionali (Appendice A – Esempio Regione Marche pag. 31). Lappendice B è dedicata al Glossario degli indicatori. Per ogni indicatore utilizzato per la costruzione dellanalisi di contesto viene specificato come si costruisce e viene descritto o meglio spiegato.

11 Lo schema a matrice Lo schema a matrice si rappresenta con un quadrato suddiviso in quattro quadranti e compara contestualmente due indicatori ( Ascissa- asse orizzontale x e Ordinata - asse verticale y). Ognuno dei quattro quadranti rappresenta un benchmark la cui descrizione è ricavata dalla correlazione tra i due indicatori nel contesto dello schema a matrice. Gli assi (Asse 1/Asse 2) rappresentano il valore medio nazionale di ciascun indicatore.

12 Esempio di schema a matrice Si fa presente che nella lettura del grafico : - lASSE 1 rappresenta il posizionamento del valore medio italiano, riferito alla densità di popolazione, lungo la linea dellasse dellordinata y, da aree scarsamente abitate ad aree maggiormente abitate; - lASSE 2 rappresenta il posizionamento del valore medio italiano, riferito allindice di struttura, lungo la linea dellasse dellascissa x, da popolazione più giovane a popolazione più matura. Le linee (assi), partono dal valore indicato sullordinata e sullascissa e definiscono la struttura a quadranti che permette di individuare i benchmark.

13 Lettura dei dati Il contesto in cui si trova ogni provincia è determinato dalla posizione che questa assume nella matrice. Commento: La provincia di Ancona si colloca nel I° quadrante ciò indica che ha il territorio con unalta densità abitativa e un indice di struttura elevato, quindi la popolazione in età lavorativa è più matura e ciò avvantaggia le generazioni più giovani che entrano nel mondo del lavoro.


Scaricare ppt "La conoscenza del contesto territoriale. La progettazione di offerte formative rivolte agli adulti non può prescindere dalla conoscenza delle caratteristiche."

Presentazioni simili


Annunci Google