La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AISV 2005 Salerno Indagine preliminare sul vocalismo della lingua mòoré (Gur, Niger-Congo) Silvia Calamai & Pier Marco Bertinetto (Scuola Normale Superiore,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AISV 2005 Salerno Indagine preliminare sul vocalismo della lingua mòoré (Gur, Niger-Congo) Silvia Calamai & Pier Marco Bertinetto (Scuola Normale Superiore,"— Transcript della presentazione:

1 AISV 2005 Salerno Indagine preliminare sul vocalismo della lingua mòoré (Gur, Niger-Congo) Silvia Calamai & Pier Marco Bertinetto (Scuola Normale Superiore, Pisa)

2 AISV 2005 Salerno Sommario Cenni sulla lingua mòoré Caratteristiche del sistema vocalico orale –Opposizioni [±ATR] Precedenti studi acustici su [±ATR] –Opposizioni di lunghezza

3 AISV 2005 Salerno Ilmòoré Il mòoré – inquadramento tipologico Ramificazione settentrionale del gruppo Gur (voltaico) – famiglia Niger-Congo Etnia corrispondente: mòosé (mossi) Parlanti: oltre 5 milioni (Ethnologue 2005) Burkina Faso Area di diffusione: soprattutto Burkina Faso L1 per oltre metà dei parlanti [minoranze in Benin, Costa dAvorio, Ghana, Mali, Togo] 4 aree dialettali (Canu 1981) 6 aree dialettali (Nikiema 1986)

4 AISV 2005 Salerno Le fonti… Due descrizioni grammaticali disponibili: Canu (1976) Kinda (1999) Quadro divergente circa il numero di fonemi vocalici!

5 AISV 2005 Salerno Il sistema vocalico Canu (1976): /i e a o u/ Kabore (1994) come Canu (1976) –ma 10 possibili realizzazioni fonetiche: [i e a ( ) o u] Kinda (1999): /i e a o u/ Ciascun fonema vocalico può essere –Breve –Lungo –Orale –Nasale –Di tono alto / basso / (medio)

6 AISV 2005 Salerno Canu (1976) (brevi) i e a o u (lunghe) i: : e: a: o: : u: Vocali nasali (brevi) i e a o u (lunghe) i: e: a: o: u: 24 fonemi vocalici – 7 timbri vocalici Vocali orali

7 AISV 2005 Salerno Kinda (1999) (brevi) i e a o u(lunghe) i: : e: : a: : u: Vocali nasali (brevi) i e a o u (lunghe) i: e: a: o: u: Kinda (1999) non riporta /o:/ Vocali orali

8 AISV 2005 Salerno Kabore (1994) Vocali orali (brevi) /i e a o u/ [i e a ( ) o u] Vocali nasali (brevi) / i a u / [i e a ( ) o u ] ?

9 AISV 2005 Salerno Descrizioni impressionistiche / 1 Canu (1976: 36 e 40): / / se manifeste habituellement come un son daperture minimale, antérieur, relâché, oral et bref. Il est réalisé non arrondi, légèrment plus ouvert et plus postérieur que le phonème /i/. Le phonème / / è articulé avec la base de la langue plus en arrière que le phonème /i/; / / se manifeste habituellement comme un son daperture minimale, postérieur, relâché, oral et bref. Il est réalisé non arrondi, légèrment plus ouvert et plus postérieur que le phonème /u/.

10 AISV 2005 Salerno Kinda (1999: 3) se rapproche quelche peu du i français (sans la longueur) dans tit, pire, cirer… Kinda (1999: 4) est différent de u. Il se rapproche du son ou français (sans la longueur) dans pour, pourquoi… Descrizioni impressionistiche / 2

11 AISV 2005 Salerno à tú quil creuse à t quil insulte

12 AISV 2005 Salerno kì mourir k enfoncer dans

13 AISV 2005 Salerno k se donnerk sè nier

14 AISV 2005 Salerno k vieux (végétaux) k sè écourter

15 AISV 2005 Salerno Il corpus sonoro Tre parlanti maschiTre parlanti maschi (nord-est di Ouagadougou) Parlato lettoParlato letto –Liste di parole e liste di frasi presenti in Canu (1976) e Kinda (1999) per esemplificare i fondamentali contrasti fonologici ([ lungo], [ alto], [ ATR], [ nasale])

16 AISV 2005 Salerno Analisi acustica prima sillaba Misurazioni della vocale nella prima sillaba (sede dellaccento dintensità) Corpus (nella maggioranza voci bisillabiche) costituito da 243 entrate vocaliche 1) valori frequenziali di F1, F2, (F3) (spettro medio di tipo FFT estratto in corrispondenza della porzione stazionaria della V) 2) durata temporale 3) frequenza fondamentale

17 AISV 2005 Salerno Analisi statistica Ellissi equiprobabili di dispersione (al 68%) Analisi della varianza a una via con –lunghezza – ATR come fattore

18 AISV 2005 Salerno Vocali brevi Vocali brevi (Canu 1976) e i a o u

19 AISV 2005 Salerno Vocali brevi Vocali brevi – valori medi (Canu 1976) i a u o e

20 AISV 2005 Salerno Vocali lunghe Vocali lunghe (Canu 1976) a i e u

21 AISV 2005 Salerno Alta dispersione acustica del fonema /e/… Cfr. Canu (1976: 37): cette réalisation [ ] nest quune variante libre du phonème /e/. Aucune paire minimale ne permet, en effet, de conclure à léventuelle existence dune opposition * /e Cfr. Kinda (1999: 3) e est toujours prononcé é come dans bébé bé là-bas; kè couper; gésè regarder correspond toujours à è de père ou ê de tête k couper; p ka gifle; g là oeufs

22 AISV 2005 Salerno Tassonomia di Kinda 1999? ANOVA /e/ vs. / / F1 s.; F2 s.; F3 s. i e a u o

23 AISV 2005 Salerno Vocali brevi – Vocali brevi – valori medi (Kinda 1999) i e a u o

24 AISV 2005 Salerno Aspetti articolatori dei sistemi ATR Il contrasto ATR differenze nella posizione della radice della lingua; nellampiezza della cavità faringale e nella posizione della laringe: –[+ATR] avanzamento della radice della lingua; cavità faringale più ampia; abbassamento della laringe –[-ATR] arretramento della radice della lingua; cavità faringale più ristretta; innalzamento della laringe Differenze nella voice quality (vocali [+ATR]: more lax or breathy voice quality)

25 AISV 2005 Salerno Aspetti acustici dei sistemi ATR Il dato più sicuro: abbassamento della prima formante –[+ATR] Maggiore ampiezza della cavità faringale abbassamento della prima formante Effetti sulla seconda formante: non in maniera sistematica da un punto di vista interlinguistico –In alcune lingue: V [+ATR] tendono ad avere valori di F2 più periferici Differenze nellampiezza e nella larghezza di banda –(V [+ATR] maggiore energia alle basse frequenze, maggiore ampiezza di F1, minore larghezza di banda)

26 AISV 2005 Salerno Attenzione al parallelismo [+ATR] [teso] [-ATR] [rilassato] Sullasse posteriore: le V [-ATR] sono più posteriori rispetto alle corrispondenti V [+ATR] le V [rilassate] sono invece più anteriori rispetto alle corrispondenti V [tese] Le vocali rilassate tendono a essere più centralizzate; non è sempre così per le vocali [-ATR]

27 AISV 2005 Salerno Le nostre domande… Anche in mòoré la prima formante è un correlato acustico robusto per segnalare lopposizione [±ATR]? Cosa succede alla seconda formante? Il contrasto [±ATR] ha effetti sulla durata?

28 AISV 2005 Salerno Cfr. Johnson, Ladefoged & Lindau (1993) lopposizione tra vocali tese e vocali rilassate è realizzata – per linglese dAmerica – attraverso strategie articolatorie molto diverse ed estremamente variabili: not only did different speakers produce the tense/lax distinction in different ways, but the same speaker sometimes patterned differently for different tense/lax pairs. Ma prima della statistica… ecologica Un caveat sui parlanti… per una descrizione più ecologica dati scorporati per singolo locutore

29 AISV 2005 Salerno Parlante I (T.B.) – valori medi vocali brevi i e a u o

30 AISV 2005 Salerno Parlante II (A.B.D.) – valori medi vocali brevi i e u o

31 AISV 2005 Salerno Parlante III (A.K.T.) – valori medi vocali brevi i e u o

32 AISV 2005 Salerno H 1 prima formante F1 [+ATR] < F1 [-ATR] F1 /i/ < F1 s. (.001) F1 /u/ < F1 s. (.000) ma ma per le vocali lunghe: F1 /i:/ < F1 : n.s. F1 /u:/ < F1 : n.s.

33 AISV 2005 Salerno H 1 seconda formante F2 [+ATR] > F2 [-ATR] F2 /i/ > F2 s. (.022) F2 /u/ > F2 n.s. F2 /i:/ < F2 : s. (.012) F2 /u:/ < F2 : n.s.

34 AISV 2005 Salerno La differenza tra vocali lunghe [+ATR] e vocali lunghe [-ATR] si riduce Le vocali lunghe [-ATR] diventano più tese? È difficile mantenere il tratto [-ATR] quando si supera una certa lunghezza?

35 AISV 2005 Salerno H 1 durata Durata [+ATR] > Durata [-ATR] Durata /i/ > Durata n.s. Durata /u/ > Durata n.s. Durata /i:/ < Durata : n.s. Durata /u:/ < Durata : n.s.

36 AISV 2005 Salerno Hess (1992: 481) [Akan] there is a tendency for [-ATR] vowels to be shorter than [+ATR] vowels. However, the duration ranges for the vowels overlap considerably, and it is clear that we would not be able to predict the [ATR] value of an unknown vowel from its duration Guion et al (2004: 535) [Maa] vowel duration […] did not reliably distinguish the vowel pairs Local & Lodge (2004: 11) [Kalenjin] averages of vowel duration also reveal differences between the [-ATR] and [+ATR] pairs

37 AISV 2005 Salerno Per le altre vocali la differenza di durata ha conseguenze sul piano timbrico? /a/ vs. /a:/ D s.; F1 n.s.; F2 n.s. /i/ vs. /i:/ D s.; F1 n.s.; F2 n.s. vs. / :/ D s.; F1 n.s.; F2 s. /u/ vs. /u:/ D s.; F1 n.s.; F2 n.s. / / vs. / :/ D s.; F1 n.s.; F2 n.s.

38 AISV 2005 Salerno Cfr. Canu (1976: 46): Les voyelles longues sont structuralement identiques aux voyelles brèves quant aux formants, elles nen diffèrent que par une quantité plus longue, lopposition de quantité étant utilisée à des fins distinctives Cfr. Uguzzoni & Busà (1995) [opposizioni di durata vocalica in frignanese] influenza del grado di apertura sulla durata per le vocali brevi e non per le vocali lunghe a causa di fattori in larga parte idiosincratici, linfluenza del grado di apertura sulla durata non riesce a realizzarsi in maniera coerente

39 AISV 2005 Salerno Le vocali [+ATR] sono più stabili? [+ATR] < [-ATR] Le vocali [+ATR] sono più stabili? H 1 sulla deviazione standard [+ATR] < [-ATR] F1 /i/ < F1 ; F2 /i/ < F2 ; F3 /i/ < F3 ; Durata /i/ < Durata F1 /u/ = F1 ; F2 /u/ < F2 ; F3 /u/ > F3 ; Durata /u/ < Durata

40 AISV 2005 Salerno ds [+ATR] < ds [-ATR] Vocali lunghe: ds [+ATR] < ds [-ATR] F1 /i:/ < F1 : ; F2 /i:/ > F2 : ; F3 /i:/ > F3 : ; Durata /i:/ < Durata : F1 /u:/ > F1 : ; F2 /u:/ < F2 : ; F3 /u:/ < F3 : ; Durata /u:/ < Durata :

41 AISV 2005 Salerno Dalla parte dellascoltatore Dalla parte dellascoltatore… Fulop, Kari, Ladefoged (1998) sulle vocali della lingua Degema (Nigeria) indagine percettiva i parlanti nativi non classificano correttamente le loro vocali [±ATR] usando le frequenze formantiche come unica variabile acustica Cosa faremo: Indagini fonetiche su altri parametri acustici Indagini fonetiche su altri parametri acustici Indagini percettive (con la supervisione di un linguista di madrelingua mòoré) Indagini percettive (con la supervisione di un linguista di madrelingua mòoré)

42 AISV 2005 Salerno Né y zàabrè


Scaricare ppt "AISV 2005 Salerno Indagine preliminare sul vocalismo della lingua mòoré (Gur, Niger-Congo) Silvia Calamai & Pier Marco Bertinetto (Scuola Normale Superiore,"

Presentazioni simili


Annunci Google