La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 SEMINARIO 1/3 GIUGNO 2005 Incontri territoriali : Proposte e riflessioni a cura di Mirella Pezzini e del Comitato Tecnico se volete capire come funziona.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 SEMINARIO 1/3 GIUGNO 2005 Incontri territoriali : Proposte e riflessioni a cura di Mirella Pezzini e del Comitato Tecnico se volete capire come funziona."— Transcript della presentazione:

1 1 SEMINARIO 1/3 GIUGNO 2005 Incontri territoriali : Proposte e riflessioni a cura di Mirella Pezzini e del Comitato Tecnico se volete capire come funziona qualcosa provate a cambiarla (K. Lewin)

2 2 I GENITORI INTERVISTATI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SUPERIORE SARANNO QUELLI DELLE PRIME E PENULTIME CLASSI ( INVECE DELLE ULTIME) LA SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO INTERVISTERA SOLO I GENITORI DELLA SECONDA CLASSE

3 3 GLI ALUNNI DA INTERVISTARE, PER LA SCUOLA SUPERIORE, SARANNO QUELLI DI 4° ANNO E NON PIU QUELLI DI 3° ANNO

4 4 AGGIUNTE ALLINDICATORE I/3 RISORSE MATERIALI I/3/r : Nella scuola esiste uninfrastruttura di rete locale ( lan o intranet) ? Si ( verde) No (Rosso) Se si è risposto SI, indicare quali tra i seguenti ambienti sono collegati alla rete locale ( sono possibili più risposte): DATO DI RETE Lab. informaticasino Lab. non di informatica Uffici di presidenza Segreteria Sala insegnanti

5 5 AREA RISORSE/INPUT SOTTOAREA : SICUREZZA NUOVO INDICATORE : I/4 AZIONI PER LA SICUREZZA DESCRITTORE I/4/a : La scuola è stata adeguata dagli Enti locali ai sensi della normativa vigente ? SI NO IN PARTE TASSO DI PROBLEMATICITA

6 6 DESCRITTORE I/5/b : AZIONI REALIZZATE NELLANNO IN CORSO AZIONISINO 1) Designazione Responsabile SPP 2) Predispozione di un piano di esodo 3) Effettuazione di almeno due prove di esodo 4) Designazione degli addetti al SPP 5) Designazione medico ( ove previsto) 6) Designazione addetti esodo e soccorso 7) Elaborazione documento valutazione rischi e misure di prevenzione 8)Designazione Rappresentante lavoratori 9) Informazione/formazione

7 7 AREA PROCESSI AGGIUNTA allINDICATORE P/2: ACCOGLIENZA e VALORIZZAZIONE degli studenti: Descrittore: P/2/g : Nel caso in cui i genitori non si presentino o si presentino molto raramente ai colloqui programmati e/o richiesti, sono previste forme alternative di Comunicazione? SI NO Ponderazione Se si risponde SI, indicare quali: Lettere Telefonate

8 8 AREA PROCESSI MODIFICHE INDICATORE P/3 PROGETTUALITA ED INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO P/3/a : Numero reti in cui la scuola è capofila P/3/b : Numero reti a cui la scuola aderisce P/3/c : Indicare la tipologia di partner con cui la scuola ha convenzioni o accordi formalizzati: Universitàsino Enti di ricerca (IRRE-INDIRE….) Agenzia di formazione Aziende private Associazioni sportive Assoc. Genitori

9 9 AREA PROCESSI MODIFICHE INDICATORE P/3 PROGETTUALITA ED INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO P/3/d : La scuola fa una rilevazione dei bisogni formativi dellutenza? SI NO Se SI, con quali strumenti ? ( o Con quale modalità?) Elaborare risposte chiuse Ponderazione

10 10 AREA PROCESSI MODIFICHE INDICATORE P/3 PROGETTUALITA ED INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO P/3/e : Nellanno in corso, la scuola ha messo a disposizione locali e/o attrezzature per attività extrascolastiche ad esterni? SI NO Se SI, a quale tipo di esterni? Ponderazione Associaz. sportiveSINO Assoc. Cultur. o di Formazione Università/Enti di Ricerca Aziende private Assoc. di Genitori

11 11 AREA PROCESSI AGGIUNTE ALLINDICATORE P/4 ORGANIZZAZIONE E GESTIONE SCUOLA AGGIUNTE AL DESCRITTORE P/4/b : DATI OGGETTIVI: PUBBLICAZIONE ALBO DOCENTI E ATA di ORGANIGRAMMAFUNZIONIGRAMMA ORGANIGRAMMA e FUNZIONIGRAMMA NUMERO ORE, NELLANNO ( o settimanali), DI NUMERO ORE, NELLANNO ( o settimanali), DI UTILIZZAZIONE UTILIZZAZIONE LAB. INFORMATICA LAB. SCIENTIFICO………….. NUMERO LIBRI LETTI DAGLI ALUNNI NUMERO LIBRI LETTI DAGLI ALUNNI ( PRESTITO BIBLIOT. SCOL.)

12 12 AREA PROCESSI INDICATORE P/5 : PROCESSI INTEGRATI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO Descrittore P/5/a : Azioni dei docenti (Questionario docenti) aggiungere le seguenti domande: 39)Hai realizzato, in lezioni mirate, la comunicazione degli Obiettivi agli alunni per il cosiddetto Contratto Formativo? 40) Sei soddisfatto della formazione organizzata dalla scuola nellanno in corso?

13 13 AREA PROCESSI INDICATORE P/5 : PROCESSI INTEGRATI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO Descrittore P/5/b : Valutazione (Questionario genitori) Rianalizzare le domande 10 e 11, alla luce della Riforma: ( solo per scuole elem. e medie) Attività delle ore opzionali/aggiuntive

14 14 AREA PROCESSI INDICATORE P/5 : PROCESSI INTEGRATI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO Descrittore P/5/b : Valutazione (Questionario alunni) aggiungere : 24 bis ) Hai ricevuto una Valutazione, alla fine di ogni percorso aggiuntivo/opzionale, con la certificazione delle competenze acquisite?

15 15 AREA PROCESSI NUOVA SOTTOAREA: FORMAZIONE INDICATORE P/6----FORMAZIONE Descrittore P/6/a : Rapporto tra i fondi ricevuti per la Formazione ( Stato Diret. 47/04 + Legge 440), nellanno scolastico precedente e i fondi spesi FONDI FONDI RAPPORTO RICEVUTI SPESI

16 16 AREA PROCESSI NUOVA SOTTOAREA: FORMAZIONE INDICATORE P/6----FORMAZIONE Descrittore P/6/b :Valutazione percettiva docenti (Questionario docenti) 41) Sei soddisfatto della formazione ricevuta, a scuola, nellanno in corso, per la Sicurezza ?

17 17 INVALSI Indicare quale sistema di autovalutazione, o di valutazione interna distituto, lIstituzione scolastica utilizza prevalentemente nella.s. in corso Nessuno // Elaborazione interna di un modello di autovalutazione INValSI (Validi, Esi, Quasi, Vives) STRESA, AVIMES Provincia di Trento / PROIS FIDAE EFQM Scuole salesiane// Regione Lombardia FISM // ISO 9000 F.A.R.O. A.I.R.

18 18 CONTESTO ESITIRISORSEPROCESSI ASSUMERE SEMPRE UNA VISIONE DI SISTEMA

19 19 riflessione sistematica soggetti interni pratiche professionali esistenti Lautovalutazione di Istituto come riflessione sistematica da parte dei soggetti interni ad una scuola sulle pratiche professionali esistenti come primo passo di un processo di miglioramento (adattamento progetto ISIP – OCSE CERI) SENSEMAKING processi cognitivi di creazione di senso ORGANIZING processi sociali di organizzazione

20 20 Le Scuole FARO devono sentirsi Responsabili nei confronti della Rete Le Scuole FARO devono sentirsi di Qualità Le Scuole FARO devono essere di Qualità


Scaricare ppt "1 SEMINARIO 1/3 GIUGNO 2005 Incontri territoriali : Proposte e riflessioni a cura di Mirella Pezzini e del Comitato Tecnico se volete capire come funziona."

Presentazioni simili


Annunci Google