La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sara Accetta Sales Manager Area Nord Est BSI Group Italia

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sara Accetta Sales Manager Area Nord Est BSI Group Italia"— Transcript della presentazione:

1 Sara Accetta Sales Manager Area Nord Est BSI Group Italia
Quadro normativo sui sistemi di gestione per l’ambiente e l’energia: ISO 50001:2011 e ISO 14001:2004 Sara Accetta Sales Manager Area Nord Est BSI Group Italia

2 Organizzazione internazionale di servizi per le imprese
No owners/ shareholders: tutto il profitto reinvestito nel business Fondata nel 1901 Standards, Certificazioni, Prove sui prodotti, Formazione, Software #1 Ente di NORMAZIONE al mondo #1 Ente di CERTIFICAZIONE in UK, USA e Korea >2,500 dipendenti e >50% non-UK £235m di fatturato nel 2010 53 sedi locali nel mondo >70,000 siti certificati in 150 Paesi

3 Ente di normazione internazionale
Global Market Leader Ente di normazione internazionale Leader nei servizi di certificazione: Qualità – ISO 9001 Ambiente – ISO 14001 Salute e Sicurezza – OHSAS 18001 Automotive – ISO/TS 16949 Information Security – ISO/IEC 27001 IT Service Management – ISO/IEC 20000 Efficienza energetica – ISO 50001 Aerospaziale – AS9100 Food – ISO 22000 Business Continuity – ISO 22301 Sostenibilità degli eventi – ISO 20121

4 SOSTENIBILITA’ ‘Our biggest challenge in this new century is to take an idea that seems abstract – Sustainable Development – and turn it into a reality for all the world’s people’ Kofi Annan, Former UN Secretary-General 25/03/2017

5 Rio +20: The future we want
69. We also invite business and industry as appropriate and in accordance with national legislation to contribute to sustainable development and to develop sustainability strategies that integrate green economy policies 25/03/2017

6 Sustainable development
Development that meets the needs of the present without compromising the ability of future generations to meet their own needs Clause 3.3, ISO 20121 Note 2 Sustainable development is about integrating the goals of a high quality of life, health and prosperity with social justice and maintaing the earth’s capacity to support life in all its diversity. These social, economic and environmental goals are interdependent and mutually reinforcing. Sustainable development can be treated as a way of expressing the broader expectations of society as a whole. 25/03/2017

7 It’s not just about being green
25/03/2017

8 but.. Economic responsibility: Reducing operational costs
Remaining competitive Continually improving performance Protecting your reputation Environmental and energetical responsibility: Use of natural resources (fossil fuels, water) more efficiently Prevention of pollution (air, land, water) Developing products with minimal lifecycle environmental impacts Social responsibility: Meeting stakeholders needs (employees, customers, shareholders society) Protecting your assets (staff) and society 25/03/2017

9 sistema di gestione ISO 14001(Ambiente) e ISO 50001(Energia)
Sistema per stabilire politica e obiettivi e per conseguire tali obiettivi Sistema di gestione per l’ambiente e l’energia Parte del sistema di gestione di un’organizzazione, utilizzato per attuare la propria politica ambientale ed energetica e per gestire i propri aspetti ambientali ed energetici

10 EMS e EnMS Sistema di gestione ambientale focalizzato su:
10 EMS e EnMS Sistema di gestione ambientale focalizzato su: Protezione ambientale Prevenzione dell’inquinamento Gestione dei rifiuti Performance ambientale Sistema di gestione dell’energia focalizzato su: Efficienza energetica Conservazione dell’energia Gestione dell’energia Performance energetica

11 Contesto normativo ISO 14001
11 Contesto normativo ISO 14001 TESTO UNICO dlgs altre norme che tutelano: Emissioni in atmosfera Sostanze lesive per l’ozono Approvvigionamento idrico Scarichi idrici Rifiuti Inquinamento del suolo Energia aspetti ambientali citati nell'all. della ISO A31 The purpose of ISO/DIS is to enable organizations to establish the systems and processes necessary to improve energy performance, including energy efficiency, use, consumption and intensity. Implementation of this standard should lead to reductions in energy cost, greenhouse gas emissions and other environmental impacts, through systematic management of energy. It is applicable to all types and sizes of organizations irrespective of geographical, cultural or social conditions.

12 Alcune leggi chiave per l’ambiente
ARIA Legge di protezione ambientale del 1990 Legge di controllo delle prevenzione all’inquinamento del 1999 Regolamenti di concessione ambientale del 2008 ACQUA Legge delle risorse idriche Legge del settore dell’acqua TERRA Obblighi di prevenzione Rifiuti pericolosi Concessioni ambientali Piani di gestione dei rifiuti di sito .

13 Contesto normativo Direttiva n. 2006/32/CE D.lgs.115/08
13 ISO 50001:2011 ( ) Sistemi di gestione dell’energia UNI CEI 11352 Società fornitrici di Servizi Energetici - ESCO BS EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell’energia Direttiva n. 2006/32/CE D.lgs.115/08 UNI CEI 11339:2009 Esperti in gestione dell’energia - EGE prEN15900 Servizi di efficienza energetica The purpose of ISO/DIS is to enable organizations to establish the systems and processes necessary to improve energy performance, including energy efficiency, use, consumption and intensity. Implementation of this standard should lead to reductions in energy cost, greenhouse gas emissions and other environmental impacts, through systematic management of energy. It is applicable to all types and sizes of organizations irrespective of geographical, cultural or social conditions. prEN xxx Energy Audit Diagnosi Energetiche prEN xxx Benchmarking EE

14 14 Direttiva n. 2006/32/CE Misure e azioni per conseguire gli obiettivi generali di efficienza e risparmio energetico fissati Gli Stati membri si impegnano a conseguire un obiettivo nazionale indicativo globale di risparmio energetico, tramite servizi energetici e ad altre misure di miglioramento dell'efficienza energetica. D.lgs.115/08 (art. 16) Implementazione di un approccio metodologico di sistema ad una gestione diffusa dell’energia esercitata in modo specialistico e professionale attraverso: certificazione volontaria per le ESCO e per gli Esperti in gestione dell’energia (UNI CEI e UNI CEI 11339) apposita norma tecnica UNI-CEI, una procedura di certificazione per il Sistema di gestione energia e per le Diagnosi energetiche. The purpose of ISO/DIS is to enable organizations to establish the systems and processes necessary to improve energy performance, including energy efficiency, use, consumption and intensity. Implementation of this standard should lead to reductions in energy cost, greenhouse gas emissions and other environmental impacts, through systematic management of energy. It is applicable to all types and sizes of organizations irrespective of geographical, cultural or social conditions.

15 Scopo ISO – ISO 50001 14001: Specifica I requisiti di un sistema di gestione ambientale per consentire ad un’ azienda di sviluppare ed attuare una politica e obiettivi che tengano conto delle prescrizioni legali e altre prescrizioni che la stessa organizzazione definisce e delle informazioni riguardanti gli aspetti ambientali significativi Enfasi sulle prescrizioni legali (4.3.2 Prescrizioni legali e altre prescrizioni) (4.5.2 Valutazione del rispetto delle prescrizioni) 50001: Guida le organizzazioni a stabilire sistemi e processi necessari per migliorare la performance energetica, compresi l’efficienza energetica, l’uso, il consumo e l’intensità di energia. L’implementazione dello standard dovrebbe portare a riduzione in termini di costi dell’energia, di emissioni di gas climalteranti e di altri impatti ambientali, attraverso una gestione sistematica dell’energia.

16 Amm. Finanza e Controllo Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema di gestione Enfasi su aspetto miglioramento e compliance Modello 231 Security e privacy, IT Risk management Amm. Finanza e Controllo Salute e sicurezza sul lavoro Ambiente Qualità Sistema di Gestione aziendale Reati penali legati all’inquinamento ambientale: Scarichi idrici e gestione rifiuti

17 Spirale del miglioramento (SGA)
PLAN DO CHECK ACT Miglioramento continuo Politica Pianificazione (AAI, Leggi, obiettivi) Monitoraggio e azioni correttive Implementazione e funzionamento Riesame della Direzione

18 L’implementazione di un SG aiuta l’organizzazione a sviluppare una politica ambientale ed energetica, Stabilire obiettivi e identificare aspetti significativi Definire ed attuare azioni per il miglioramento Aspetto importante definizione AAI (risk analysis) in cui dai processi si riescono a mappare gli aspetti ambientali ed energetici che hanno impatti significativi

19 Il sistema di gestione ambientale (SGA) risulta quindi uno strumento per identificare, monitorare e controllare gli aspetti ambientali che hanno impatto sui requisiti cogenti normativi (es scarichi idrici, gestione rifiuti, emissioni in atmosfera, gas lesivi per l’ozono) richiamati dal dlgs 231/2001 (aggiornato con dlgs 121/2011) L’implementazione del sistema di gestione per l’efficienza energetica ha come obietivo la riduzione in termini di costi dell’energia, di emissioni di gas climalteranti e di altri impatti ambientali, attraverso una gestione sistematica dell’energia.

20 I benefici della certificazione
20 Garantisce che i rischi siano correttamente identificati e gestiti, che siano individuati i processi critici e controllate le procedure e la documentazione. Attraverso le verifiche periodiche crea opportunità di miglioramento e garantisce il monitoraggio dei processi.

21 Introduzione di un sistema di gestione dell’efficienza energetica

22 Energy Management System Model
22 Energy Management System Model Miglioramento continuo Politica Pianificazione Controllo operativo Monitoraggio, misurazioni, analisi Riesame da parte della Direzione Controlli Audit interni Non conformità, azioni correttive e preventive

23 Plan: identificazione degli aspetti energetici e degli obblighi legali, definizione degli obiettivi energetici e dei relativi target. Do: assegnazione risorse e responsabilità; formazione e training adeguato; promozione della comunicazione interna ed esterna; implementazione controlli operativi. Check: definizione programma di monitoraggio della gestione energetica; valutazione la conformità con obblighi legali; identificazione e gestione non conformità; controllo rilevazioni; verifiche interne sul sistema di gestione energetico. Act: revisione del sistema di gestione dell’energia da parte del top management, per attuare potenziali migliorie e cambiamenti.

24 Migliorare l’efficienza energetica
Rationale Implementazione Migliorare l’efficienza energetica Miglioramento Migliorare la performance energetica Il riesame periodico del sistema di gestione: Identificare le opportunità di miglioramento Rendere operative le opportunità individuate Suscitare miglioramenti del sistema di gestione e della performance energetica dell’organizzazione This slide will help to explain and understand the assumption/basis taken for granted while developing the standard. Justification and assumptions on which the standard is prepared: It is assumed that implementation (first rationale) will lead to energy efficiency and in turn improvements (second rationale) in energy efficiency will lead to improvements in energy performance.  Periodic review and evaluation (third rationale) will help to identify, implement opportunities which leads to improvements in energy performance.  

25 Energy-centric Process Approach
25 25 Altre risorse Energia Prodotto/Servizio ENERGY USE Processi Uffici, linea prod, mag Suoi usi en e variabili per consumo en Input Elettricità, riscaldamento n.pezzi lavorati, ton materie lavorate Opportunità di monitoraggio e misura (Prima, durante e dopo il processo) Consumo energetico/ output unitario

26 Persone Tecnica Organizzazione Energy Management Key Elements BALANCE
26 Organizzazione Tempo - Risorse - Capitale Persone Cultura di efficienza energetica Consapevolezza Motivazione Formazione Dati - Misure Analisi - Competenza Tecnica (Comprensione e controllo usi energia) Energy Management Note the animation on the slide. Explain the essential elements of an energy management system. Explain the need for balancing all the three elements. BALANCE

27 Diagramma di pianificazione energetica
Pianificare cosa considerare come input e chi e quando deve monitorare Pianificare la frequenza delle analisi, le procedure e il team; Pianificare come le opportunità debbano essere registrate e riesaminate. Inputs Bollette, produzione, illuminazione, umidità, gradi giorno, requisiti legali Strumenti e tecniche Grafici, tabelle, Pinch analysis, ecc.. Analisi energetica Analisi degli usi e delle variabili connesse Usi energetici significativi e personale Opportunità di miglioramento Output Analisi energetica 1. EnPI 2. Obiettivi 3. Target 4. Action Plans Operatività 1. Formazione 2. Comunicazione 3. Controllo Operativo 4.Approvvigionamento 5. Progettazione Pianificare risorse, processi e procedure Note animation of callouts, on click, one-by-one Source: ISO/DIS 50001, Figure A.2 — Energy Planning Process Concept Diagram Refer to A.4.1 General (Energy Planning) of ISO/DIS 50001 Output of Energy Planning : a) EnPI and baseline identifying objectives and targets with action plan The organization needs to carry out a systematic energy review which includes analysis of energy consumption and energy use, establishing area of significant energy use and identification and prioritization of improvement opportunities. This approach will help the organization to identify appropriate EnPI, baseline, and aids in establishing objectives and targets. b) Energy review involves analysis of energy consumption and energy use The analysis requires use of appropriate tools and techniques with inputs of process flow diagrams (PFD), energy consumption data, graph and trends, advanced tools viz., LCC analysis, Pinch analysis and energy models. Analysis also consider performance benchmarking and BAT (best available technology) and best practices c) Training, communication, procurement and design guidelines These are the requirements to be planned for an effective EnMS. Communication may be needed across sections, departments; within and across different management levels. Organization to provide strategic/ policy guidelines for procurement of energy consuming equipment and considerations for energy efficiency as applicable, while designing. Every organization needs to have an energy planning process with specifics as applicable to their operations and business. Discuss/explain some of these terms: Energy audit/energy assessments: An energy audit is an inspection, survey and analysis of energy flows in a building, process or system with the objective of understanding the energy dynamics of the system under study. Typically an energy audit is conducted to seek opportunities to reduce the amount of energy input into the system without negatively affecting the output(s). When the object of study is an occupied building then reducing energy consumption while maintaining or improving human comfort, health and safety are of primary concern. Beyond simply identifying the sources of energy use, an energy audit seeks to prioritize the energy uses according to the greatest to least cost effective opportunities for energy savings. Pinch analysis: Pinch analysis is a methodology for minimising energy consumption of chemical processes by calculating thermodynamically feasible energy targets (or minimum energy consumption) and achieving them by optimising heat recovery systems, energy supply methods and process operating conditions; It is also known as process integration, heat integration, energy integration or pinch technology. The process data is represented as a set of energy flows, or streams, as a function of heat load (kW) against temperature (deg C). These data are combined for all the streams in the plant to give composite curves, one for all hot streams (releasing heat) and one for all cold streams (requiring heat). The point of closest approach between the hot and cold composite curves is the pinch temperature (pinch point or just pinch), and is where design is most constrained. Hence, by finding this point and starting design there, the energy targets can be achieved using heat exchangers to recover heat between hot and cold streams. In practice, during the pinch analysis, often cross-pinch exchanges of heat are found between a stream with its temperature above the pinch and one below the pinch. Removal of those exchanges by alternative matching makes the process reach its energy target. Pianificare quali strumenti devono essere usati; come e chi li utilizzerà

28 I passi da compiere Al fine di raggiungere l’obiettivo di un reale controllo dei consumi energetici occorre effettuare i seguenti step: Analisi iniziale (aspetti critici, livello di performance attuale, ...) Sviluppo azioni (differenti approcci)

29 Analisi Energetica: ripartizione dei consumi
Primo Step: Analisi Energetica: ripartizione dei consumi Audit energetico Presse 33% Compressori 20% Forni 11% Unità di recupero % Uffici % Illuminazione % C.T. 12% Esempio consumi industriali Indagine del complesso involucro/impianti mediante: permette di poter ripartire con precisione i consumi di energia elettrica e di gas naturale sopralluoghi e compilazione di schede descrittive delle utenze energetiche esame delle bollette (rifasamenti, tagli dei picchi, ecc.);

30 Monitoraggio dei consumi elettrici/termici
Esempio dei profili di consumo

31 Monitoraggio dei consumi elettrici/termici
Un esempio: il monitoraggio remoto dei consumi permette di: ELECTRICITY METER CLIENT DATA LOGGER PULSE OUTPUT Misurare in modo continuo i consumi elettrici e termici Archiviare giornalmente in un server i dati raccolti tramite un Data-Logger

32 Possibili APPROCCI Mercato Tecnologico Consapevolezza e motivazione
Secondo Step: Azioni per la riduzione del costo (?) energetico Possibili APPROCCI Mercato contrattazione con il fornitore di energia Tecnologico interventi di efficienza energetica per ridurre i consumi Consapevolezza e motivazione Sistema

33 APPROCCIO TECNOLOGICO - Struttura Ospedaliera
L’immagine mostra la distribuzione dei consumi tipica di un ospedale Altri CDZ Dal punto di vista termico, strutture obsolete realizzate con materiali a bassa efficienza termica, richiedono un grosso apporto per il riscaldamento Dal punto di vista elettrico, i consumi prevalenti provengono dall’illuminazione, dalla ventilazione e dal condizionamento In questo caso è utile riferire i KPI non tanto a superficie ed ore di operatività, ma al numero di posti letto (kWh/posto letto)

34 APPROCCIO TECNOLOGICO - Struttura Ospedaliera
INTERVENTI SULL’INVOLUCRO INTERVENTI SUGLI IMPIANTI Situazione iniziale Copertura realizzata a tetto rovescio con presenza di ghiaia come zavorra Problema di impermeabilizzazione delle superfici di copertura n. 30 centrali di trattamento aria Potenza installata: 30kW/each Ore di funzionamento annuo: 5400 Portata media di funzionamento: 85% Soluzione individuata Implementazione di uno strato di isolamento avente uno spessore tale da ottimizzare il risparmio economico/energetico (simulazione di vari valori di trasmittanza della copertura per ciascuno spessore) Lo spessore selezionato ha consentito un risparmio energetico (kWh/anno) dell’ 1,8% Tempo di rientro dell’investimento: 9 anni Installazione di inverter per i ventilatori presenti nelle centrali UTA con un risparmio energetico stimato in circa il 12% Risparmio annuo conseguito per ciascun inverter: 14% Tempo di rientro dell’investimento: 3 anni

35 Fattori umani (conoscenza, consapevolezza) come aspetti significativi
APPROCCIO incentrato su MOTIVAZIONE e CONSAPEVOLEZZA - Settore Pubblico Fattori umani (conoscenza, consapevolezza) come aspetti significativi Miglioramenti attraverso modifica dei comportamenti, attenzione agli sprechi, suggerimenti Motivazione Consapevolezza dell’organizzazione e degli individui

36 APPROCCIO di SISTEMA – ISO 50001
Visione più ampia e sistematica (prestazioni ripetibili e performance incrementali nel tempo): Analisi iniziale Interventi organizzativi, di sensibilizzazione, tecnologici Sistema di gestione (sistematicità nel tempo) Certificazione

37 50001 - Analisi energetica EnPI; Baseline Analisi usi di energia
37 Analisi energetica Identificazione: Strutture, strumenti, sistemi, processi, personale; altre variabili significative Fonti di energia Analisi dei consumi attuali e passati OBIETTIVI Valutazione: Fonti rinnovabili, alternative, e altre fonti energetiche Analisi usi di energia Usi significativi OPPORTUNITA’ Individuazione; Prioritizzazione; Registrazione Stima del consumo futuro Determinazione della performance attuale relativa a: strutture, macchinari, sistemi, processi EnPI; Baseline TARGETS

38 Considerazioni generali
Approccio di mercato Vantaggi: non richiede investimenti (presuppone conoscenza) Svantaggi: non interviene sulle inefficienze, necessità di continuo aggiornamento Approccio tecnologico Vantaggi: interviene sui reali consumi, beneficio complessivo (per l’intero sistema, non solo economico) Svantaggi: richiede investimenti (a volte consistenti, tempi di pay back elevati), mancanza di sistematicità (non ripetibile e con possibili aree grigie) Approccio incentrato su motivazione e consapevolezza Vantaggi: investimenti limitati Svantaggi: controllo indiretto (importanza delle persone)

39 Considerazioni generali
Approccio di sistema Vantaggi: Richiede investimenti limitati rispetto all’approccio esclusivamente tecnologico Copre aspetti gestionali, organizzativi, tecnologici in modo sinergico Permette conoscenza e razionalizzazione dei processi produttivi dal punto di vista energetico, fornendo alle imprese un quadro riconosciuto per integrare l'efficienza energetica nelle proprie pratiche di gestione Fornisce maggiore garanzia di conformità alla legislazione cogente Porta al miglioramento dell’efficienza energetica valorizza l’energy manager della struttura. Svantaggi: Risorse dedicate (anche se possibili sinergie con altri sistemi) Necessità di continuo aggiornamento

40 Considerazioni generali
Certificazione del sistema di gestione per l’energia (ISO 50001) Vantaggi: Permette una visione esterna, terza a conferma della corretta impostazione del sistema Crea benefici d’immagine con vantaggi competitivi sul mercato Crea trasparenza e facilita la comunicazione in tema di gestione dell'energia, promuovendo le migliori pratiche e valorizzare i comportamenti volti ad una efficiente gestione dell'energia

41 Energy Management Systems EN 16001: struttura e requisiti
Case studies di implementazioni di successo

42 I.R.C.A. S.p.A. IRCA RICA – Zoppas Industries da oltre quarant'anni progetta e produce resistenze elettriche e sistemi riscaldanti completi di controlli termici per applicazioni domestiche e industriali

43 I.R.C.A. S.p.A. Punti di forza dell’EnMS 3.4.6 Controllo operativo
Aspetti rilevanti: Monitoraggio consumi e coinvolgimento personale Benefici ottenuti: “E'stato possibile raggiungere tale traguardo a seguito di un percorso iniziato a settembre 2009 con l'approvazione del progetto da parte della Direzione, sulla base delle attività di risparmio e di miglioramento dell'efficienza energetica avviate ed implementate nello stabilimento di San Vendemiano. Questo è solo il primo passo per portare alla certificazioni anche tutti gli altri siti produttivi del Gruppo”. Energy Manager di IRCA spa

44 COMAU S.p.A. Comau realizza sistemi di saldatura e assemblaggio, di lavorazione e montaggio meccanico e un‘ampia gamma di robot applicabili ai più diversi settori industriali.

45 COMAU S.p.A. Punti di forza dell’EnMS 3.5.1 Monitoraggio e misurazione
Aspetti rilevanti: Integrazione con gli altri sistemi, analisi dei consumi come primo step delle aree di miglioramento Benefici ottenuti: “E’ per noi un’occasione di grande prestigio poter annunciare, primi in Italia nel settore industriale, l’ottenimento della Certificazione EN 16001, che ci pone all’avanguardia nell’impegno di sostenibilità, sottolineando così il lavoro di un team e la visione di una azienda che fa del risparmio energetico un valore ed una opportunità di sviluppo. Questo è solo il primo ma fondamentale passo di un percorso che porterà il nostro Gruppo alla certificazione di tutti i siti produttivi entro il 2010 a livello internazionale” Antonio Pastore, Energy Manager COMAU spa

46 Alcoa Fusina Alcoa Fusina produce principalmente piastre e lamiere da costruzione, utilizzate poi nei trasporti e nelle costruzioni per il settore navale.

47 Alcoa Fusina Punti di forza dell’EnMS 3.5.1 Monitoraggio e misurazione
Aspetti rilevanti: Il 14 Ottobre 2010 il sito Alcoa di Fusina ottiene la Certificazione EN16001:2009 diventando un punto di riferimento per lo sforzo che la Corporate porta avanti verso la riduzione dei consumi energetici, per il quale un Sistema di Gestione è lo strumento fondamentale. Benefici ottenuti: l’importanza della “consapevolezza energetica”: Alcuni interventi di riduzione dei consumi sono stati possibili a costo quasi zero grazie all’aumento della “consapevolezza energetica” del personale sul campo, che ha utilizzato lo strumento dei Suggerimenti per proporli come ad es. l’installazione di un sistema di spegnimento automatico dei ventilatori di raffreddamento.La certificazione è una prova che il Management è impegnato a rendere sostenibile il sistema di gestione dell’energia e ne trae beneficio anche la reputazione dell’Azienda

48 Cimberio Cimberio produce valvole e componentistica in ottone per i settori termoidraulico, climatizzazione, reti di distribuzione gas e acquedottistica.

49 Cimberio Punti di forza dell’EnMS 3.4.6 Controllo operativo
Aspetti rilevanti: Nonostante le iniziative in atto, il costo energetico era diminuito solo a causa del contributo dell’uso di energia alternativa derivante dal fotovoltaico ma senza rilevanti risparmi energetici. Benefici ottenuti: Una visione d’insieme dell’energia assorbita permette di riordinare per importanza e priorità di intervento, il confronto con valori di riferimento permette di stabilire l’entità dei risparmi energetici, la possibilità di evidenziare il risparmio energetico attraverso i comportamenti (apparecchio a basso impatto energetico lasciato in stand-by), il piano energetico

50 Electrolux – stab. Pordenone 11.000 euro annui risparmiati!!
50 Giorno successivo a installazione del sw di monitoraggio dei consumi: FOCUS SUL MAGAZZINO PRODOTTI FINITI Dalle ore 23 alle 4 am si verificava aumento importante dei consumi elettrici Risultato analisi: Durante turno notturno, il vigilante entrava nel magazzino , accendeva , completava il giro e a fine turno , dopo 6 ore, spegneva Causa: pochi corpi illuminanti Action plan: installazione di migliori corpi illuminanti Effetto: appiattimento della curva dei consumi durante la notte euro annui risparmiati!!

51 In sintesi…

52 Management System Model
52 Management System Model Miglioramento continuo Politica Pianificazione Riesame da parte della Direzione Controllo operativo Monitoraggio, misurazioni, analisi Controlli Audit interni Non conformità, azioni correttive e preventive

53 Elementi fondamentali
53 Sviluppo, mantenimento e miglioramento del sistema Operatività Monitoraggio Pianificazione What is the main objective of an organization? All organization needs to achieve their business objectives at the least cost. The share of energy cost is significant. Also there may be concern of continued energy supply. Assess energy efficiency in all the activities carried out by the organization, improve energy efficiency. Also explore the possibility for application of renewable energy in alignment with energy policy and objectives. Effective EnMS

54 Rob Steele, segretario generale ISO
54 “…Le singole imprese non hanno il controllo dei prezzi dell’energia, delle politiche pubbliche o dell’economia mondiale, ma possono migliorare la loro gestione dell’energia nel quotidiano. Il miglioramento delle performances energetiche porterà loro benefici in breve tempo, ottimizzando l’uso delle fonti energetiche disponibili, riducendo costi, consumi di energia e impatti ambientali, contribuendo positivamente alla salvaguardia delle risorse energetiche e attenuando gli effetti dell’uso dell’energia a livello mondiale come il riscaldamento globale…” Rob Steele, segretario generale ISO The purpose of ISO/DIS is to enable organizations to establish the systems and processes necessary to improve energy performance, including energy efficiency, use, consumption and intensity. Implementation of this standard should lead to reductions in energy cost, greenhouse gas emissions and other environmental impacts, through systematic management of energy. It is applicable to all types and sizes of organizations irrespective of geographical, cultural or social conditions.

55 Grazie Sara Accetta Nord Est Area Manager T: +39 049-8070809
F: M: W: ww.bsigroup.it


Scaricare ppt "Sara Accetta Sales Manager Area Nord Est BSI Group Italia"

Presentazioni simili


Annunci Google