La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ACQUISIZIONE:Per sistema di acquisizione dati, si deve intendere qualsiasi sistema in grado di rilevare e memorizzare grandezze analogiche e/o digitali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ACQUISIZIONE:Per sistema di acquisizione dati, si deve intendere qualsiasi sistema in grado di rilevare e memorizzare grandezze analogiche e/o digitali."— Transcript della presentazione:

1

2 ACQUISIZIONE:Per sistema di acquisizione dati, si deve intendere qualsiasi sistema in grado di rilevare e memorizzare grandezze analogiche e/o digitali. DISTRIBUZIONE:Consiste nellinviare segnali analogici o digitali ad attuatori come motori,dispositivi riscaldati, relè, teleruttori. SISTEMA DI ACQUISIZIONE E DISTRIBUZIONE DATI

3 Interfaccia dei convertitori A/D e D/A I moderni convertitori A/D e D/A sono realizzati in modo tale da poter essere collegati direttamente con i microprocessori per implementare sistemi di acquisizione o distribuzione dati. Normalmente il convertitore è una periferica di INPUT/OUTPUT, mentre sia il SAMPLE-HOLD che il MULTIPLEXER analogico sono periferiche di OUTPUT. Nella catena il convertitore è un elemento che deve essere sempre presente, mentre possono mancare o il S/H o il MUX o entrambi.Gli altri componenti (trasduttore, condizionatore del segnale o filtro bassa basso),non sono normalmente controllati dalla CPU e svolgono la loro azione direttamente sul segnale analogico da acquisire.Spesso il dato analogico acquisito, trasformato in dato digitale o portato allinterno della CPU, dopo opportune elaborazioni, deve essere trasformato di nuovo in segnale analogico atto a pilotare dispositivi esterni. In tal caso si rende necessario una CATENA DI DISTRIBUZIONE DATI che trasformi opportunamente il valore digitale in uno analogico corrispondente.

4 Architettura generale di acquisizione e distribuzione dati E composto da:un sistema di misura e contatto con il mondo fisico,in grado di rilevare grandezze fisiche come temperatura,velocità,ecc; Un sistema con ununità centrale che fornisce i segnali di controllo e temporizzazione per i sottosistemi di acquisizione e di distribuzione. Lunità centrale esegue operazioni di elaborazione e memorizzazione. Un sottosistema che provvede a generare segnali di uscita che devono comandare motori,relè ecc..

5 ARCHITETTURA DI UNA CATENA DI AQUISIZIONE AD UN SOLO CANALE

6 CICUITO DI CONDIZIONAMENTO E necessario utilizzare circuiti di condizionamento la cui funzione è fondamentale per tutti i blocchi successivi della catena di acquisizione. Infatti,un corretto condizionamento assicura un buon trasferimento dei segnali provenienti dai trasduttori al convertitore ed elimina i disturbi ad esso associati. I circuiti di condizionamento svolgono le seguenti funzioni:conversione corrente - tensione,amplificazione e traslazione di livello,isolamento,filtraggio,linearizzazione.

7 Blocco S/H Il blocco S/H è necessario solamente se la variazione del dato è molto veloce, è in grado di memorizzare il valore assunto dal segnale in un determinato istante (fase di sample) e mantenerlo costante allingrasso del convertitore, per tutto il tempo impiegato ad effettuare la conversione. Quando la variazione del dato è lenta, si può fare a meno del blocco S/H e il segnale può essere applicato allingresso del convertitore A/D.

8 Convertitore A/D Il convertitore A/D ha il compito di trasformare il segnale analogico presente al suo ingresso in un segnale digitale a N bit. Ad un convertitore viene applicata una corrente continua particolarmente stabile detta tensione di riferimento (Vref), questa tensione viene anche detta tensione di fondo scala (Vfs). Il rapporto tra Vfs e due volte il numero dei bit rappresenta la risoluzione del convertitore, ovvero la più piccola tensione che applicata allingresso produce un cambiamento del dato digitale in uscita.

9 Logica di controllo La logica di controllo, costituta normalmente da circuiti di decodifica,o eventualmente da circuiti di temporizzazione,riceve i segnali del bus indirizzi e di controllo del microprocessore e deve generare i segnali di abilitazione per il convertitore e quello per il campionamento e mantenimento del circuito S/H

10 ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI ACQUISIZIONE MULTICANALE

11 Architettura di un sistema di acquisizione a multicanale Quando è necessario rilevare più grandezze, il sistema di acquisizione diviene più complesso,composto da catene di acquisizione in parallelo e dipendenti una dalle altre almeno fino al filtro P.B..Nella figura riportata,le frequenze di campionamento non sono elevate.Questa soluzione prevede un unico circuito S/H ed un solo convertitore A/D, la selezione del canale è resa possibile dal multiplexer analogico (MUX), schematizzato con un commutatore elettronico a più ingressi ed una sola uscita.

12 Multiplexer Analogici Un mux analogico è costituito da un certo numero di interruttori elettronici,realizzati o in tecnologia JFET o CMOS o MOSFET che devono presentare elevata resistenza nello stato di off(aperti) e basso in quello di on(chiusi).Le uscite degli interruttori sono collegate tutte in parallelo e portate verso lesterno come unica uscita.Per mezzo di una decodifica interna è possibile chiudere un solo interruttore per volta portando cosi in uscita il solo segnale presente sullinterruttore che viene di volta in volta chiuso. Spesso il MUX è dotato anche di un ingresso di abilitazione che può disattivare tutti gli ingressi.

13 Sistema di distribuzione ad un solo canale

14 Nella figura riportata si presuppone che si debba agire su un solo attuatore per il controllo di una determinata grandezza fisica(velocità,posizione ec.).In tal coso i dati digitali elaborati dal sistema a microprocessore sono trasformati in dati analogici con un convertitore D/A e,debbono essere stati opportunatamente filtrati se necessario, sono amplificati ed inviati allattuatore.

15 Interfaccia Sistema µP Convertitore D/A Se il convertitore D/A è già dotato di LATCH interni,il dato sul bus dati del sistema a microprocessore è inviato al DAC (convertitore A/D ) altrimenti si utilizza una interfaccia duscita costituita da flip-flop di tipo D. La utilizzazione dei LATCH è legata alla necessità di dover mantenere in uscita il dato fornito dalla CPU per tempi più o meno lunghi. Il convertitore effetua la trasformazione digitale-analogica del dato a N bit memorizzato dai LATCH.

16 Logica di controllo Normalmente la logica di controllo è costituita da semplici circuiti di decodifica,e in alcuni casi di temporizzazione,che debbono fornire i segnali di abilitazione per il circuito di LATCH dal convertitore D\A

17 Filtro Tenendo presente che il DAC fornisce in uscita un segnale a gradini e non un vero segnale analogico,è necessario utilizzare un filtro passa-basso per ricostruire la grandezza analogica in modo appropriato,eliminando le componenti di alta frequenza dovute alle discontinuità presenti nel segnale. Il filtro deve possedere una curva di risposta il più possibile piatta allinterno della sua banda passante,e la frequenza di taglio,deve essere tale da lasciare transitare tutte le frequenze necessarie per una buona ricostruzione del segnale.

18 Preamplificatore e amplificatore di potenza Il segnale in uscita dal convertitore o dal filtro non è in grado di controllare direttamente lattuatore che in genere è un dispositivo che richiede per il funzionamento correnti e tensioni elevate.Occorre eseguire su di esso un processo di amplificazione.A volte si procede prima ad una preamplificazione e poi ad unamplificazione di potenza.La gamma di dispositivi di amplificazione utilizzati è molto varia e dipende in particolare dal tipo di attuatore da controllare.Si possono utilizzare amplificatori a BJT,MOSFET di potenza a SCR o TRIAC, o di tipo integrato con specifiche caratteristiche.

19 Sistema di distribuzione analogico multicanale

20 In questa struttura vengono utilizzati tanti convertitori quanti sono gli attuatori da controllare. Se vengono adoperati DAC con LATCH interno,la logica di controllo deve fornire per ciascuno di essi un segnale distinto che abiliti la memorizzazione del dato presente sul BUS DATI del sistema sul convertitore a cui è destinato.I dati da convertire per ciascun DAC possono essere aggiornati dal sistema in modo sequenziale o casuale.Nel caso in cui i LATCH siano esterni al convertitore i segnali di controllo non agiscono direttamente sul DAC ma sui LATCH stessi.LA struttura di una catena a multicanale è semplificata se vengono utilizzati integrati che contengono al loro interno più convertitori D/A.

21 Caratteristiche dei convertitori D/A I parametri da considerare per valutare la prestazione di un convertitore D/A sono: Risoluzione: è il numero di livelli di tensione o di corrente distinti che il convertitore è in grado di produrre in uscita. Tempo di assestamento: è il tempo necessario perché dopo un cambiamento del codice dingresso,luscita del DAC si stabilizzi entro una specifica banda di errore. Glitch:è un disturbo di forma impulsiva che si presenta in uscita quando cè la variazione del codice in ingresso. Errori di offset: è lerrore dovuto allo scostamento del valore ideale zero in uscita quando in ingresso è applicato il codice digitale zero. Errore di guadagno: provoca una variazione della pendenza della curva di risposta del convertitore rispetto a quella ideale. Errore di non linearità integrale: è lo spostamento delluscita dalla retta tra lo zero ed il fondo scala

22 Catena per lacquisizione dei dati analogici Condizionatore Trasduttore filtro mux S/H A/D CPU

23 INTERFACCIA DEI CONVERTITORI A/D e D/A I convertitori A/De D/A sono realizzati in modo tale da poter essere collegati direttamente con i microprocessori per implementare sistemi di acquisizione e distribuzione dati.Questi dispositivi presentano alcuni pin collegati direttamente con quelli corrispondenti presenti sulla CPU. In una generica catena per lacquisizione dati analogica il segnale alluscita del traduttore viene trasformato e filtrato per essere poi inviato al convertitore attraverso il MUX ed il S/H. Nellanalisi della catena di acquisizione, il S/H. il MUX e lA/D sono dispositivi che debbono essere considerati come generiche periferiche che come tali vanno collegate alla CPU o al BUS del PC. Il convertitore è una periferica di input/output mentre S/H e MUX analogico sono di output.

24 Sistema di acquisizione con CPU Z-80 ADC e S/H Nella figura è illustrato lo schema di principio per la conversione analogica digitale che include anche il circuito S/H

25 Software di gestione I passi necessari perché possano essere campionati, memorizzati ed acquisiti i dati digitali con il circuito precedente rispetto nella figura possono essere cosi sintetizzati : PROGRAMMA PRINCIPALE Campionamento del segnale analogico con listruzione di OUT sulla periferica S/H prendendo la linea D,a livello alto (simple) Mantenimento del segnale dingresso con unalta istruzione di OUT sulla periferica S/H ponendo la linea D a livello basso(hold) Avvio della conversione con listruzione di OUT sulla periferica convertitore. Attesa fine conversione segnalata alla CPU con lattivazione della linea INTR del convertitore. La CPU può svolgere altri compiti in attesa che arrivi la richiesta di interruzione.

26 Routine di servizio Lettura del dato convertito con listruzione IN sulla periferica convertitore. Memorizzazione del dato per leventuale elaborazione. Ritorno al programma di principio

27


Scaricare ppt "ACQUISIZIONE:Per sistema di acquisizione dati, si deve intendere qualsiasi sistema in grado di rilevare e memorizzare grandezze analogiche e/o digitali."

Presentazioni simili


Annunci Google