La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura della classe IV L del L.S.S. G. Oberdan. Ogni anno in Italia si verificano circa 220.000 incidenti di diversa entità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura della classe IV L del L.S.S. G. Oberdan. Ogni anno in Italia si verificano circa 220.000 incidenti di diversa entità"— Transcript della presentazione:

1 A cura della classe IV L del L.S.S. G. Oberdan

2 Ogni anno in Italia si verificano circa incidenti di diversa entità

3 Questi nel corso dellanno 2008 hanno causato vittime e feriti

4 A morire sono soprattutto i conducenti (69,8%). La fascia detà maggiormente colpita è quella tra i 25 e i 29 anni.

5 Tra i passeggeri, che rappresentano il 16,5% dei decessi e il 24,1% dei feriti, la fascia detà più coinvolta è quella fra i 15 e i 19 anni.

6 Gli incidenti avvengono soprattutto in città (43,9%); circa 1 ogni 10 accade sulle autostrade.

7 I più gravi si verificano di notte, tra le 21 e le 7, con unincidenza maggiore alle 5. E soprattutto nei weekend:

8 Nelle notti di venerdì e sabato ha luogo il 45,1% dei decessi. Il 47,2% dei feriti è coinvolto in questi incidenti

9 Allo stato psico-fisico alterato del conducente è imputabile solo il 3,1% degli incidenti. Di questi, il 68,1% è causato dallalcol

10 Essi si evidenziano non tanto per il numero, quanto soprattutto per la loro gravità

11

12 13 settembre 2001 LUnione Europea fissa un obiettivo allinterno del Libro Bianco:

13 La riduzione del 50% della mortalità negli incidenti stradali entro lanno 2010

14 Fine anno 2008: Portogallo, Lussemburgo e Lettonia hanno raggiunto limportante traguardo

15 Francia, Spagna e Germania sono vicine, con un decremento dei decessi rispettivamente del 47,1%, del 46,3% e del 40,3%

16 La media europea risulta essere del 31,2%. LItalia ottiene un risultato leggermente migliore della media ma molto lontano dallobiettivo, attestandosi intorno al 33%

17 Ci sono inoltre Paesi come ad esempio la Gran Bretagna che non hanno ridotto in maniera particolarmente significativa la percentuale di decessi, ma il loro numero risulta comunque inferiore anche di molto a quello degli altri stati

18

19 Calcolare il prezzo di un incidente stradale, specie se con vittime, è unoperazione molto complessa

20 Bisogna considerare i costi dintervento, le spese sanitarie, i danni materiali, i costi amministrativi, quelli giuridici e i costi umani

21 Tra le spese sanitarie rientrano i costi delle ambulanze, del pronto soccorso, del ricovero ospedaliero

22 I costi amministrativi e giuridici comprendono sia le spese di gestione delle assicurazioni, sia quelle affrontate dalle autorità giudiziarie per accertare le responsabilità civili

23 Molto complessi da stimare sono i danni umani: rientrano in questa voce i danni biologici subiti dalle vittime,

24 quelli stimati in seguito alla perdita temporanea o definitiva, parziale o completa della capacità produttiva

25 e quelli più difficili da stimare: i danni morali

26 Per valutare il valore di questi ultimi, difficilmente quantificabili, vengono utilizzate specifici parametri elaborati dai Tribunali Italiani

27 La conclusione è che nellanno 2008 gli incidenti stradali hanno pesato sulla società con un danno stimato attorno ai milioni di euro, pari al 2% del Prodotto Interno Lordo

28

29 Proposta 1: Maggiori controlli sia nei locali che sulle strade per rilevare e sanzionare i trasgressori.

30 Ricordiamo che il codice della strada aggiornato con la legge 94/2009 prevede un inasprimento delle già severe pene per la guida in stato debbrezza

31 In particolare per i contravventori individuati tra le 22 e le 7 le sanzioni vengono esacerbate

32 Inoltre come da normativa europea il tasso alcolico consentito ai neopatentati è pari a 0 (zero) g/l.

33

34 Proposta 2: Campagne di sensibilizzazione, corsi di educazione stradale e sugli effetti di alcol e sostanze stupefacenti da effettuarsi soprattutto alle scuole medie inferiori e nelle autoscuole.

35 In particolare rendere obbligatoria per il conseguimento della patente di guida di qualsiasi categoria la frequentazione di un corso di almeno 5 ore presso i Dipartimenti delle Dipendenze delle ASL

36 Proposta 3: Rendere letilometro tascabile dotazione obbligatoria, come ad esempio i giubbotti catarifrangenti.

37 Una tale normativa incentiverebbe certamente i conducenti a verificare autonomamente il proprio tasso alcolemico

38 Proposta 4: Introduzione nelle autovetture di sistemi simili a quello sviluppato dalla casa automobilistica Toyota

39 Lindustria giapponese ha infatti sviluppato con la collaborazione di Hino Motors un apparato in grado di valutare lo stato debbrezza tramite un campione di alito e luso di una telecamera che analizza le espressioni facciali del conducente.

40 Se il conducente risulta essere in stato debbrezza, lautovettura si blocca automaticamente.

41 Sistemi simili a questo, attualmente testato in Giappone sugli automezzi pesanti, sono stati sviluppati anche in altri Stati, tra cui lItalia

42 USIAMO LA TESTA, NON SCHIANTIA- MOCI CONTRO LALCOL

43 Classe 4^ L – L.S.S. G. Oberdan Anno scolastico GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE

44 Riferimenti statistici e fotografici: o Rapporto ACI – ISTAT 2009 sugli incidenti stradali o nuovosoldo.files.wordpress.com o it.wikipedia.org o


Scaricare ppt "A cura della classe IV L del L.S.S. G. Oberdan. Ogni anno in Italia si verificano circa 220.000 incidenti di diversa entità"

Presentazioni simili


Annunci Google