La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

© STUDIO TORTA Brevetti, Marchi e Design: aspetti strategici per lo sviluppo e la competitività dellimpresa Ing. Corrado Modugno Studio Torta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "© STUDIO TORTA Brevetti, Marchi e Design: aspetti strategici per lo sviluppo e la competitività dellimpresa Ing. Corrado Modugno Studio Torta."— Transcript della presentazione:

1 © STUDIO TORTA Brevetti, Marchi e Design: aspetti strategici per lo sviluppo e la competitività dellimpresa Ing. Corrado Modugno Studio Torta

2 © STUDIO TORTA D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30: Codice della proprietà industriale l Disposizioni generali e principi fondamentali (art. 1-6) l Norme relative allesistenza, allambito e allesercizio dei diritti di proprietà industriale Marchi (art. 7-28) Indicazioni geografiche (art ) Disegni e modelli (art ) Invenzioni (art ) Modelli di utilità (art ) Topografie dei prodotti a semiconduttori (art ) Informazioni segrete (art ) Nuove varietà vegetali (art )

3 © STUDIO TORTA D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30: Codice della proprietà industriale l Tutela giurisdizionale dei diritti di proprietà industriale Disposizioni processuali (art ) Misure contro la pirateria (art ) l Acquisto e mantenimento dei diritti di proprietà industriale Domande in generale (art ) Osservazioni sui marchi d'impresa e opposizioni alla registrazione dei marchi (art ) Pubblicità (art ) l Procedure speciali espropriazione, trascrizione, annotazioni, segretazione militare, licenza obbligatoria, ecc. (art ) l Ordinamento professionale (art ) l Gestione servizi e diritti (art ) l Disposizioni transitorie e finali (art ) - continua -

4 © STUDIO TORTA Principali tipologie di proprietà industriale in Italia l Invenzione durata 20 anni tasse annuali dal 4° anno l Modelli di utilità durata 10 anni tasse ogni 5 anni l Disegni e modelli (anno di Grazia) durata 25 anni tasse ogni 5 anni l Marchio durata 10 anni rinnovabile

5 © STUDIO TORTA Invenzioni

6 © STUDIO TORTA Normative sui brevetti per Invenzione l Normativa italiana D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30 (Codice di proprietà industriale) l Normativa comunitaria Regolam. n. 1768/92/CEE del Consiglio Regolam. n. 1610/96/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio Direttiva n. 98/44/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio l Normativa internazionale Convenzione di Parigi (CUP) Convenzione di Monaco sul brevetto europeo (CBE) Trattato di cooperazione in materia di brevetti (PCT)

7 © STUDIO TORTA Le Invenzioni nel Codice di proprietà industriale l Oggetto e contenuto del brevetto (artt ) l Effetti e diritti del brevetto (artt , 66, 68) l Titolare del brevetto (artt ) l Attuazione, decadenza, nullità, rinuncia (artt )

8 © STUDIO TORTA Art. 45 (Oggetto del brevetto) 1.Possono costituire oggetto di brevetto per invenzione le invenzioni nuove che implicano un'attività inventiva e sono atte ad avere un'applicazione industriale. 2. Non sono considerate come invenzioni ai sensi del comma 1 in particolare: a) le scoperte, le teorie scientifiche e i metodi matematici; b) i piani, i principi ed i metodi per attività intellettuali,per gioco o per attività commerciale ed i programmi di elaboratore; c) le presentazioni di informazioni. 3.Le disposizioni del comma 2 escludono la brevettabilità di ciò che in esse e' nominato solo nella misura in cui la domanda di brevetto o il brevetto concerna scoperte, teorie, piani, principi,metodi, programmi e presentazioni di informazioni considerati in quanto tali.

9 © STUDIO TORTA Art. 45 (Oggetto del brevetto) - continua - 4. Non sono considerati come invenzioni ai sensi del comma 1 i metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico del corpo umano o animale e i metodi di diagnosi applicati al corpo umano o animale. Questa disposizione non si applica ai prodotti, in particolare alle sostanze o alle miscele di sostanze, per l'attuazione di uno dei metodi nominati. 5. Non possono costituire oggetto di brevetto le razze animali ed i procedimenti essenzialmente biologici per l'ottenimento delle stesse. Questa disposizione non si applica ai procedimenti microbiologici e dai prodotti ottenuti mediante questi procedimenti.

10 © STUDIO TORTA Art. 46 (La novità) 1. Un'invenzione è considerata nuova se non è compresa nello stato della tecnica. 2. Lo stato della tecnica è costituito da tutto ciò che è stato reso accessibile al pubblico nel territorio dello Stato o all'estero prima della data del deposito della domanda di brevetto, mediante una descrizione scritta od orale, una utilizzazione o un qualsiasi altro mezzo.

11 © STUDIO TORTA Art. 46 (La novità) - continua - 3. E' pure considerato come compreso nello stato della tecnica il contenuto di domande di brevetto nazionale o di domande di brevetto europeo o internazionali designanti e aventi effetto per l'Italia, così come sono state depositate, che abbiano una data di deposito anteriore a quella menzionata nel comma 2 e che siano state pubblicate o rese accessibili al pubblico anche in questa data o più tardi. 4.Le disposizioni dei commi 1, 2 e 3 non escludono la brevettabilità di una sostanza o di una composizione di sostanze già compresa nello stato della tecnica, purché in funzione di una nuova utilizzazione.

12 © STUDIO TORTA 1.Per l'applicazione dell'articolo 46, una divulgazione dell'invenzione non è presa in considerazione se si è verificata nei sei mesi che precedono il deposito della domanda di brevetto e risulta direttamente o indirettamente da un abuso evidente ai danni del richiedente o del suo dante causa. 2. Non è presa altresì in considerazione la divulgazione avvenuta in esposizioni ufficiali o ufficialmente riconosciute ai sensi della convenzione concernente le esposizioni internazionali, firmata a Parigi il 22 novembre 1928, e successive modificazioni. 3.Per le invenzioni per le quali si è rivendicata la priorità ai sensi delle convenzioni internazionali, la sussistenza del requisito della novità deve valutarsi con riferimento alla data alla quale risale la priorità. Art. 47 (Divulgazioni non opponibili)

13 © STUDIO TORTA 1.Un'invenzione è considerata come implicante un'attività inventiva se, per una persona esperta del ramo, essa non risulta in modo evidente dallo stato della tecnica. Se lo stato della tecnica comprende documenti di cui al comma 3 dell'articolo 46, questi documenti non sono presi in considerazione per l'apprezzamento dell'attività inventiva. Art. 48 (Attività inventiva) 1.Un'invenzione è considerata atta ad avere un'applicazione industriale se il suo oggetto può essere fabbricato o utilizzato in qualsiasi genere di industria, compresa quella agricola. Art. 49 (Industrialità)

14 © STUDIO TORTA 1.Non possono costituire oggetto di brevetto le invenzioni la cui attuazione è contraria all'ordine pubblico o al buon costume. 2.L'attuazione di un invenzione non può essere considerata contraria all'ordine pubblico o al buon costume per il solo fatto di essere vietata da una disposizione di legge o amministrativa. Art. 50 (Liceità)

15 © STUDIO TORTA 1.Alla domanda di concessione di brevetto per invenzione industriale debbono unirsi la descrizione e i disegni necessari alla sua intelligenza. 2. L'invenzione deve essere descritta in modo sufficientemente chiaro e completo perché ogni persona esperta del ramo possa attuarla e deve essere contraddistinta da un titolo corrispondente al suo oggetto. 3. Se un'invenzione riguarda un procedimento microbiologico o un prodotto ottenuto mediante tale procedimento e implica l'utilizzazione di un microrganismo non accessibile al pubblico e che non può essere descritto in modo tale da permettere ad ogni persona esperta del ramo di attuare l'invenzione, nella domanda di brevetto si dovranno osservare, quanto alla descrizione, le norme previste nel regolamento. Art. 51 (Sufficiente descrizione)

16 © STUDIO TORTA 1.La descrizione deve iniziare con un riassunto che ha solo fini di informazione tecnica e deve concludersi con una o più rivendicazioni in cui sia indicato, specificamente, ciò che si intende debba formare oggetto del brevetto. 2. I limiti della protezione sono determinati dal tenore delle rivendicazioni. Tuttavia, la descrizione e i disegni servono ad interpretare le rivendicazioni. 3. La disposizione del comma 2 deve essere intesa in modo da garantire nel contempo un'equa protezione al titolare ed una ragionevole sicurezza giuridica ai terzi Art. 52 (Rivendicazioni)

17 © STUDIO TORTA Come si redige e come si legge un brevetto per invenzione (e per modelli di utilità) l Titolo l Titolare l Inventore l Classificazione l Riassunto l Stato dellarte l Problema tecnico l Soluzioni del problema tecnico l Elenco figure l Descrizione di una o più forme di attuazione l Funzionamento l Vantaggi l Varianti l Rivendicazioni

18 © STUDIO TORTA 1.I diritti esclusivi considerati da questo codice sono conferiti con la concessione del brevetto. 2. Gli effetti del brevetto decorrono dalla data in cui la domanda con la descrizione e gli eventuali disegni è resa accessibile al pubblico. 3. Decorso il termine di diciotto mesi dalla data di deposito della domanda oppure dalla data di priorità, ovvero dopo novanta giorni dalla data di deposito della domanda se il richiedente ha dichiarato nella domanda stessa di volerla rendere immediatamente accessibile al pubblico, l'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi pone a disposizione del pubblico la domanda con gli allegati. Art. 53 (Effetti della brevettazione)

19 © STUDIO TORTA 4. Nei confronti delle persone alle quali la domanda con la descrizione e gli eventuali disegni è stata notificata a cura del richiedente, gli effetti del brevetto per invenzione industriale decorrono dalla data di tale notifica. Art. 53 (Effetti della brevettazione) - continua - Art. 60 (Durata) 1. Il brevetto per invenzione industriale dura venti anni a decorrere dalla data di deposito della domanda e non può essere rinnovato né può esserne prorogata la durata.

20 © STUDIO TORTA Decorrenza degli effetti del brevetto (artt. 53,60) Deposito domanda Pubblicazione titolo Limite per estensione Pubblicazione domanda n Concessione brevetto 20*12 Termine brevetto mesi

21 © STUDIO TORTA 1.I diritti di brevetto per invenzione industriale consistono nella facoltà esclusiva di attuare l'invenzione e di trarne profitto nel territorio dello Stato, entro i limiti ed alle condizioni previste dal presente codice. 2. In particolare il brevetto conferisce al titolare i seguenti diritti esclusivi: a) se oggetto del brevetto è un prodotto, il diritto divietare ai terzi, salvo consenso del titolare, di produrre, usare, mettere in commercio, vendere o importare a tali fini il prodotto in questione; b)se oggetto del brevetto è un procedimento, il diritto di vietare ai terzi, salvo consenso del titolare, di applicare il procedimento, nonché di usare, mettere in commercio, vendere o importare a tali fini il prodotto direttamente ottenuto con il procedimento in questione. Art. 66 (Diritto di brevetto)

22 © STUDIO TORTA 1.La facoltà esclusiva attribuita dal diritto di brevetto non si estende, quale che sia l'oggetto dell'invenzione: a)agli atti compiuti in ambito privato ed a fini non commerciali, ovvero in via sperimentale ancorché diretti all'ottenimento, anche in paesi esteri, di un'autorizzazione all'immissione in commercio di un farmaco ed ai conseguenti adempimenti pratici ivi compresi la preparazione e l'utilizzazione delle materie prime farmacologicamente attive a ciò strettamente necessarie; b)alla preparazione estemporanea, e per unità, di medicinali nelle farmacie su ricetta medica, e ai medicinali così preparati, purché non si utilizzino principi attivi realizzati industrialmente. Art. 68 (Limitazioni del diritto di brevetto)

23 © STUDIO TORTA Art. 68 (Limitazioni del diritto di brevetto) - continua - 2.Il brevetto per invenzione industriale, la cui attuazione implichi quella di invenzioni protette da precedenti brevetti per invenzioni industriali ancora in vigore, non può essere attuato, né utilizzato, senza il consenso dei titolari di questi ultimi. 3. Chiunque, nel corso dei dodici mesi anteriori alla data di deposito della domanda di brevetto o alla data di priorità, abbia fatto uso nella propria azienda dell'invenzione può continuare ad usarne nei limiti del preuso. Tale facoltà è trasferibile soltanto insieme all'azienda in cui l'invenzione viene utilizzata. La prova del preuso e della sua estensione è a carico del preutente.

24 © STUDIO TORTA 1.Quando l'invenzione industriale è fatta nell'esecuzione o nell'adempimento di un contratto o di un rapporto di lavoro o d'impiego, in cui l'attività inventiva è prevista come oggetto del contratto o del rapporto e a tale scopo retribuita, i diritti derivanti dall'invenzione stessa appartengono al datore di lavoro, salvo il diritto spettante all'inventore di esserne riconosciuto autore. Art. 64 (Invenzioni dei dipendenti) Servizio

25 © STUDIO TORTA Art. 64 (Invenzioni dei dipendenti) - continua - 2. Se non è prevista e stabilita una retribuzione, in compenso dell'attività inventiva e l'invenzione è fatta nell'esecuzione o nell'adempimento di un contratto o di un rapporto di lavoro o di impiego, i diritti derivanti dall'invenzione appartengono al datore di lavoro, ma all'inventore, salvo sempre il diritto di essere riconosciuto autore, spetta, qualora il datore di lavoro ottenga il brevetto, un equo premio per la determinazione del quale si terrà conto dell'importanza della protezione conferita all'invenzione dal brevetto, delle mansioni svolte e della retribuzione percepita dall'inventore, nonché del contributo che questi ha ricevuto dall'organizzazione del datore di lavoro. Azienda

26 © STUDIO TORTA Art. 64 (Invenzioni dei dipendenti) - continua - 3. Qualora non ricorrano le condizioni previste nei commi 1 e 2 e si tratti di invenzione industriale che rientri nel campo di attività del datore di lavoro quest'ultimo ha il diritto di opzione per l'uso esclusivo, o non esclusivo, dell'invenzione, o per l'acquisto del brevetto, nonché per la facoltà di chiedere, od acquistare, per la medesima invenzione, brevetti all'estero, verso corresponsione del canone o del prezzo, da fissarsi con deduzione di una somma corrispondente agli aiuti che l'inventore abbia comunque ricevuti dal datore di lavoro per pervenire all'invenzione. Il datore di lavoro potrà esercitare il diritto di opzione entro tre mesi dalla ricevuta comunicazione dell'avvenuto deposito della domanda di brevetto. I rapporti costituiti con l'esercizio dell'opzione si risolvono di diritto ove non venga integralmente pagato alla scadenza il corrispettivo dovuto. Occasionale

27 © STUDIO TORTA Art. 64 (Invenzioni dei dipendenti) - continua - 4.Ferma la competenza del giudice ordinario relativa all'accertamento della sussistenza del diritto all'equo premio, al canone o al prezzo, se non si raggiunga l'accordo circa l'ammontare degli stessi, anche se l'inventore è un dipendente di amministrazione statale, alla determinazione dell'ammontare provvede un collegio di arbitratori, composto di tre membri, nominati uno da ciascuna delle parti ed il terzo nominato dai primi due, o, in caso di disaccordo, dal Presidente della sezione specializzata del Tribunale competente dove il prestatore d'opera esercita abitualmente le sue mansioni. Si applicano in quanto compatibili le norme degli articoli 806 e seguenti del codice di procedura civile.

28 © STUDIO TORTA Art. 64 (Invenzioni dei dipendenti) - continua - 5.Il collegio degli arbitratori può essere adito anche in pendenza del giudizio di accertamento della sussistenza del diritto all'equo premio, al canone o al prezzo, ma, in tal caso, l'esecutività della sua decisione è subordinata a quella della sentenza sull'accertamento del diritto. Il collegio degli arbitratori deve procedere con equo apprezzamento. Se la determinazione è manifestamente iniqua od erronea la determinazione è fatta dal giudice. 6.Agli effetti dei commi 1, 2 e 3, si considera fatta durante l'esecuzione del contratto o del rapporto di lavoro o d'impiego l'invenzione industriale per la quale sia chiesto il brevetto entro un anno da quando l'inventore ha lasciato l'azienda privata o l'amministrazione pubblica nel cui campo di attività l'invenzione rientra.

29 © STUDIO TORTA 1.In deroga all'articolo 64, quando il rapporto di lavoro intercorre con un'università o con una pubblica amministrazione avente tra i suoi scopi istituzionali finalità di ricerca, il ricercatore è titolare esclusivo dei diritti derivanti dallinvenzione brevettabile di cui è autore. In caso di più autori, dipendenti delle università, delle pubbliche amministrazioni predette ovvero di altre pubbliche amministrazioni, i diritti derivanti dallinvenzione appartengono a tutti in parti uguali, salvo diversa pattuizione. Linventore presenta la domanda di brevetto e ne dà comunicazione allamministrazione. Art. 65 (Invenzioni dei ricercatori delle università e degli enti pubblici di ricerca)

30 © STUDIO TORTA Art. 65 (Invenzioni dei ricercatori delle università e degli enti pubblici di ricerca) - continua - 2.Le Università e le pubbliche amministrazioni, nellambito della loro autonomia, stabiliscono limporto massimo del canone, relativo a licenze a terzi per luso dellinvenzione, spettante alla stessa università o alla pubblica amministrazione, ovvero a privati finanziatori della ricerca, nonché ogni ulteriore aspetto dei rapporti reciproci. 3. In ogni caso, linventore ha diritto a non meno del cinquanta per cento dei proventi o dei canoni di sfruttamento dellinvenzione. Nel caso in cui le università o le amministrazioni pubbliche non provvedano alle determinazioni di cui al comma 2, alle stesse compete il trenta per cento dei proventi o canoni.

31 © STUDIO TORTA Art. 65 (Invenzioni dei ricercatori delle università e degli enti pubblici di ricerca) - continua - 4.Trascorsi cinque anni dalla data di rilascio del brevetto, qualora linventore o i suoi aventi causa non ne abbiano iniziato lo sfruttamento industriale, a meno che ciò non derivi da cause indipendenti dalla loro volontà, la pubblica amministrazione di cui linventore era dipendente al momento dellinvenzione acquisisce automaticamente un diritto gratuito, non esclusivo, di sfruttare linvenzione e i diritti patrimoniali ad essa connessi, o di farli sfruttare da terzi, salvo il diritto spettante allinventore di esserne riconosciuto autore. 5. Le disposizioni del presente articolo non si applicano nelle ipotesi di ricerche finanziate, in tutto o in parte, da soggetti privati, ovvero realizzate nellambito di specifici progetti di ricerca finanziati da soggetti pubblici diversi dalluniversità, ente o amministrazione di appartenenza del ricercatore.

32 © STUDIO TORTA Esempi di idee inventive

33 © STUDIO TORTA Classificazione di idee inventive

34 © STUDIO TORTA Il brevetto Europeo (EPC) 0 18nn+6 Deposito domanda (locale) Limite per opposizione Pubblicazione domanda A1 (Domanda + RR) A2 (Domanda) A3 (RR) RR Richiesta Esame p Concessione brevetto IT GB DE FR p+3 Traduzioni lingue non ufficiali p+9

35 © STUDIO TORTA Il brevetto Internazionale (PCT) Deposito domanda locale Deposito domanda PCT A1 (Domanda + RR) A2 (Domanda) A3 (RR) RR+ WO Pubblicazione domanda 22 Richiesta IPRP (Demand) EP GB DE US EP GB DE US 30 Fasi nazionali (IPRP=RR+WO) Demand (+ emendamenti) 30 Fasi nazionali 28 Invio IPRP al richiedente

36 © STUDIO TORTA Siti per ricerche brevettuali gratuiti 1) BREVETTI DA TUTTO IL MONDO 2) BREVETTI AMERICANI 3) BREVETTI TEDESCHI 4)BREVETTI SPAGNOLI 5)BREVETTI INGLESI 6)BREVETTI FRANCESI 7)BREVETTI GIAPPONESI 8)BREVETTI AUSTRALIANI 9)ORGANIZZAZIONE MONDIALE PER LA PROPRIETÀ INDUSTRIALE 10) UFFICIO EUROPEO PER LARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (marchi, disegni e modelli)

37 © STUDIO TORTA Siti per ricerche brevettuali gratuiti 1) BREVETTI DA TUTTO IL MONDO esempio di ricerca con espacenet.com

38 © STUDIO TORTA titolare inventore brevetto europeo

39 © STUDIO TORTA vediamo in dettaglio...

40 © STUDIO TORTA brevetti equivalenti

41 © STUDIO TORTA domanda di brevetto...

42 © STUDIO TORTA …e corrispondente brevetto concesso.

43 © STUDIO TORTA Il rapporto di ricerca dellEPO

44 © STUDIO TORTA Lequivalente brevetto statunitense

45 © STUDIO TORTA Lequivalente brevetto giapponese

46 © STUDIO TORTA LA TUTELA DEL DESIGN IN CINA Legge sui brevetti del e modificata il

47 © STUDIO TORTA DOMANDA allufficio brevetti cinese ESAME (accoglimento o rifiuto) PUBBLICAZIONE CONCESSIONE OPPOSIZIONE PROCEDURA DI REGISTRAZIONE DEL DESIGN IN CINA

48 © STUDIO TORTA DIRITTI DI DESIGN In seguito alla concessione del brevetto di design, i terzi non possono fabbricare e vendere i prodotti con il design tutelato dal brevetto

49 © STUDIO TORTA REQUISITI PER LA REGISTRAZIONE (Novità del design / diritto priorità) 1.Il design NON deve essere identico o simile ad un design divulgato in Cina o all'estero prima della data del deposito della domanda 2.E' possibile depositare in Cina un design già depositato all'estero, ma nel termine di 6 MESI dal primo deposito estero (in questo caso la data del deposito cinese retroagisce a quella del primo deposito estero)

50 © STUDIO TORTA I. DEPOSITO DELLA DOMANDA -All'Ufficio Brevetti cinese -Una domanda di design per ogni tipo di prodotto (salvo prodotti della stessa categoria venduti in set) -Indicazione del prodotto per il quale si chiede la tutela del design -Disegni o fotografie del design del prodotto devono essere allegate alla domanda

51 © STUDIO TORTA II. ESAME -Esame della novità -Approvazione -Pubblicazione

52 © STUDIO TORTA III. RIFIUTO -Notifica rifiuto -Entro 3 mesi: richiesta di RIESAME al PATENT REEXAMINATION BOARD (PRB) -Decisione del PRB e notifica al richiedente (non appellabile)

53 © STUDIO TORTA IV. OPPOSIZIONE -Entro 6 mesi dalla concessione, da parte del titolare di un design anteriore -Decisione dell'Ufficio Brevetti (revoca o conferma) e notifica alle parti -Entro 3 mesi: richiesta di RIESAME al PRB (la decisione è inappellabile) (dopo 6 mesi dalla concessione del design, il titolare di un design anteriore può invece presentare un'azione di cancellazione al PRB)

54 © STUDIO TORTA Durata del design DURATA 10 anni dalla data di deposito

55 © STUDIO TORTA AZIONI A DIFESA DEL DESIGN AZIONI GIUDIZIARIE AZIONI AMMINISTRATIVE davanti ai tribunali cinesi davanti all'autorità amministrativa appello al tribunale

56 © STUDIO TORTA LA TUTELA DEI MARCHI IN CINA Legge marchi del e modificata il Regolamento, ordine del

57 © STUDIO TORTA Due modalità di registrazione del marchio in CINA Deposito nazionale cinese Registrazione internazionale (Accordo/Protocollo di Madrid)

58 © STUDIO TORTA DOMANDA allufficio marchi cinese ESAME (accoglimento o rifiuto) PUBBLICAZIONE OPPOSIZIONE CONCESSIONE REGISTRAZIONE NAZIONALE CINESE

59 © STUDIO TORTA ESTENSIONE ALLA CINA REGISTRAZIONE/DOMANDA ITALIANA DOMANDA ALLOMPI (Ginevra) REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE

60 © STUDIO TORTA Esame in CINA ACCOGLIMENTO O RIFIUTO

61 © STUDIO TORTA TIPI DI MARCHIO 1.Ordinario (di prodotto o servizio) 2.Collettivo 3.Di certificazione

62 © STUDIO TORTA MARCHIO ORDINARIO E' il marchio dell'impresa: permette di identificare la provenienza del prodotto da unimpresa, distinguendolo da quello dei concorrenti I nomi geografici di paesi stranieri se sono famosi non possono essere usati come marchi ordinari, ma solo come marchi collettivi

63 © STUDIO TORTA Marchio collettivo ("collective trademark") - E' registrato a nome di una organizzazione - E' usato nell'attività di impresa dai membri del gruppo ed indica la loro appartenenza all'organizzazione -Se il marchio collettivo è geografico, si deve consentire a chiunque di fare parte dell'organizzazione NON CORRISPONDE AL NOSTRO "MARCHIO COLLETTIVO"

64 © STUDIO TORTA Marchio di certificazione ("certification mark") - E' registrato a nome di una organizzazione - E' usato nell'attività di impresa dai membri del gruppo e garantisce certe caratteristiche del prodotto e/o procedimenti di lavorazione e/o una determinata provenienza geografica -Se il marchio collettivo è geografico, si deve consentire a chiunque rispetti il disciplinare di usarlo CORRISPONDE AL NOSTRO "MARCHIO COLLETTIVO"

65 © STUDIO TORTA Marchio "collettivo" internazionale Cremona Liuteria

66 © STUDIO TORTA

67

68 SEGNI REGISTRABILI COME MARCHIO Segni visibili, compresi: - parole, - disegni - lettere - numeri - marchi 3D - combinazioni di colore

69 © STUDIO TORTA TIPI DI MARCHI Caratteri latini Caratteri cinesi DRAGO Traduzione cinese

70 © STUDIO TORTA © STUDIO TORTA 2006 CARATTERE DISTINTIVO NON sono registrabili i segni: - che costituiscono il nome generico del prodotto - che indicano la funzione, la qualità o altre caratteristiche del prodotto -che manchino di carattere distintivo PERO' SONO REGISTRABILI SE HANNO ACQUISITO CARATTERE DISTINTIVO CON L'USO ("secondary meaning")

71 © STUDIO TORTA MARCHI GEOGRAFICI I nomi geografici stranieri conosciuti dal pubblico NON sono registrabili come marchio PERO' Sono registrabili quelli che: - hanno un altro significato, - sono depositati come marchi collettivi o di certificazione

72 © STUDIO TORTA MARCHI 3D NON sono registrabili se la forma tridimensionale: - è determinata dalla natura del prodotto - è necessaria per ottenere un effetto tecnico - determina il valore sostanziale del prodotto

73 © STUDIO TORTA MANCANZA DI NOVITA' NON sono registrabili i marchi identici o simili a marchi anteriori per prodotti/servizi identici o simili

74 © STUDIO TORTA © STUDIO TORTA 2006 DEPOSITO DEL MARCHIO NAZIONALE IN CINA

75 © STUDIO TORTA DOMANDA allUfficio Marchi cinese ESAME (accoglimento o rifiuto) PUBBLICAZIONE OPPOSIZIONE CONCESSIONE REGISTRAZIONE NAZIONALE CINESE

76 © STUDIO TORTA Trademark Office Esamina e concede o rifiuta il marchio Trademark Review and Adjudication Board (TRAB) Decide i ricorsi e le controversie relative ai marchi AMMINISTRAZIONI CINESI COMPETENTI

77 © STUDIO TORTA I. DOMANDA DI MARCHIO -Si presenta all'Ufficio Marchi Cinese -Si osserva la classificazione internazionale (Nizza) -Una domanda di marchio per ogni classe -Diritto di priorità ( entro 6 mesi dal primo deposito estero ) (NON E' AMMESSO IL DEPOSITO PLURICLASSE)

78 © STUDIO TORTA II. ESAME -Esame del carattere distintivo -Esame di novità ( assenza di conflitto con marchi anteriori ) -Approvazione -Pubblicazione

79 © STUDIO TORTA III. RIFIUTO -Se mancanza di carattere distintivo o di novità -Notifica rifiuto -Entro 15 gg: richiesta di RIESAME al TRAB -Decisione del TRAB e notifica al richiedente -Entro 30 gg: ricorso al tribunale cinese

80 © STUDIO TORTA IV. OPPOSIZIONE -Entro 3 mesi da pubblicazione, da parte del titolare di marchi o altri diritti anteriori -Decisione dell'Ufficio Marchi e notifica alle parti -Entro 15 gg: richiesta di RIESAME al TRAB -Decisione del TRAB e notifica al richiedente -Entro 30 gg: ricorso al tribunale cinese (dopo la concessione del marchio, il titolare di marchi o diritti anteriori può invece presentare un'azione di cancellazione al TRAB)

81 © STUDIO TORTA V. CONCESSIONE -Se entro 3 mesi da pubblicazione, non viene presentata opposizione -O se l'opposizione è superata favorevolmente -Concessione del marchio ed emissione del certificato di registrazione

82 © STUDIO TORTA Durata e rinnovo del marchio -DURATA 10 anni dalla data di registrazione - RINNOVO entro 6 mesi prima della scadenza (può essere concessa una proroga di 6 mesi): in mancanza, il marchio è cancellato (... e non può essere ridepositato se non dopo 1 anno dal mancato rinnovo)

83 © STUDIO TORTA Revoca per mancato uso -se non è usato entro 3 anni dalla registrazione -se l'uso viene interrotto per 3 anni o più (... e non può essere ridepositato se non dopo 1 anno)

84 © STUDIO TORTA TUTELA DEL MARCHIO E' vietato l'uso di un segno identico o simile per prodotti/servizi identici o simili

85 © STUDIO TORTA AZIONI A DIFESA DEL MARCHIO AZIONI GIUDIZIARIE AZIONI AMMINISTRATIVE davanti ai tribunali cinesi

86 © STUDIO TORTA AZIONI AMMINISTRATIVE 1)AUTORITA' COMPETENTE Administrative Department for Industry and Commerce 2)POTERI INVESTIGATIVI - esame e copia di documenti (contratti, contabilità) - ispezioni sul posto - esame dei prodotti contraffatti - sequestro dei prodotti per conservare le prove (... le parti possono assistere, ma non impedire l'investigazione)

87 © STUDIO TORTA 3)POTERI SANZIONATORI -ordinare immediata cessazione della violazione, -confiscare o distruggere i prodotti e le attrezzature usate per la produzione - sanzione pecuniaria Entro 15 gg è possibile ricorrere ìn tribunale, o le misure diventano esecutive 4) DANNI L'Administrative Department invita alla mediazione. Se fallisce, le parti agiscono davanti al tribuinale

88 © STUDIO TORTA R I S A R C I M E N T O D E I D A N N I PER CONTRAFFAZIONE Criteri di calcolo -utili del contraffattore - o perdite subite, comprese le spese sostenute per impedire la contraffazione -se i criteri sopra sono inapplicabili, il tribunale condanna a 500,000 Yuan, o meno, a seconda della gravità delle circostanze Venditore ignaro Se uno vende prodotti acquistati da un terzo ed è ignaro della contraffazione, e prova di averli acquistati legalmente ed indica il nome del fornitore, non risponde dei danni

89 © STUDIO TORTA PROVVEDIMENTI DI URGENZA 1)INIBITORIA CAUTELARE Ordinata dal tribunale, su istanza di parte, se sussiste un danno irreparabile nel caso in cui non venga subito bloccata subito la contraffazione 2)DESCRIZIONE Prima di iniziare la causa si può chiedere che le prove vengano descritte, se possono poi andare perdute o se risulta difficile acquisirle in seguito. Il tribunale decide in 48 ore e l'esecuzione è immediata 3)CAUZIONE Il tribunale può ordinare il versamento di una cauzione 4)CAUSA DI MERITO Se non inizia la causa entro 15 gg, il tribunale può ordinare revoca delle misure

90 © STUDIO TORTA LA TUTELA DEI PRODOTTI TIPICI IN CINA

91 © STUDIO TORTA LOMBARDIA REGIONE DI PRODOTTI TIPICI (DOP-IGP, DOCG-DOC-IGT) FORMAGGI Bitto, Formai de Mut Dell'alta Valle Brembana, Gorgonzola, Grana Padano, Provolone Valpadana, Quartirolo Lombardo, Taleggio, Valtellina Casera SALUMI Bresaola della Valtellina, Salame Brianza VINI DOCG: Franciacorta, Sforzato della Valtellina, Valtellina Superiore DOC: Botticino, Capriano del Colle, Cellatica, Garda, Garda Colli Mantovani, Lambrusco Mantovano, Lugana, Oltrepò Pavese, San Colombano al Lambro, San Martino della Battaglia, Terre di Franciacorta, Valcalepio, Valtellina Rosso.

92 © STUDIO TORTA Art Legge marchi Divieto di usare e registrare marchi che contengano indi-cazioni di provenienza geografica dei prodotti non veritiere, creando confusione per il pubblico Art. 5 - Legge sulla concorrenza sleale Divieto di danneggiare i concorrenti mediante luso di indicazioni ingannevoli di origine dei prodotti Art Legge sulla qualità dei prodotti Divieto di indicare luoghi di produzione non veritieri, e di usare illegalmente i nomi o gli indirizzi di altri produttori

93 © STUDIO TORTA CINA Marchi ordinari Marchi di certificazione

94 © STUDIO TORTA Modalità di deposito della domanda 1°) MARCHIO NAZIONALE CINESE 2°) MARCHIO INTERNAZIONALE

95 © STUDIO TORTA I CONTRATTI DI IMPRESA CON PARTNERS CINESI Corrado Modugno

96 © STUDIO TORTA IMPRESA ITALIANA JOINT VENTURE LICENSING DISTRIBUTORE VENDITA DI PRODOTTI SUBFORNITURA AGENTE FRANCHISEE VENDITA DI MACCHINARI

97 © STUDIO TORTA IMPRESA ITALIANA SUBFORNITORE CINESE Ordini Fornitura Subfornitura

98 © STUDIO TORTA CONTRATTO DI SUBFORNITURA (checklist) 1.Identificazione del prodotto del committente - descrizione del prodotto - specifiche tecniche e funzionali - progetti, schede tecniche 2.Fornitura esclusiva - obbligo di fabbricazione in esclusiva per il committente

99 © STUDIO TORTA 3.Procedimenti di lavorazione del prodotto - procedimenti del committente - uso di stampi o attrezzature del committente 4.Controlli del committente presso gli impianti del subfornitore 5.Garanzia del subfornitore - garanzia per difetti di conformità - termini per la denuncia dei difetti - durata della garanzia - rimedi (sostituzione del prodotto, riduzione del prezzo, risoluzione del contratto, risarcimento del danno)

100 © STUDIO TORTA 6.Consegne - Incoterms CCI ed (FOB, CIF, ecc.) - modalità di consegna (imballaggio, containers) - termini di consegna 7.Prezzi e modalità di pagamento

101 © STUDIO TORTA 8.Proprietà industriale (P.I.) - titolarità dei brevetti, know-how, design, marchi del committente - uso da parte del subfornitore solo per fabbricare il prodotto per il committente - diritti del committente sugli sviluppi realizzati dal subfornitore - obbligo di segretezza del subfornitore

102 © STUDIO TORTA IMPRESA ITALIANA SUBFORNITORE CINESE Ordine Fornitura Terzo acquirente Tutela del prodotto: Contratto (esclusiva) Marchi Design Brevetti Fornitura in contraffazione Rischio di contraffazione

103 © STUDIO TORTA 9.Legge applicabile 10. Arbitrato o foro competente 11. Durata 12. Clausole varie

104 © STUDIO TORTA Vendita di prodotti o macchinari IMPRESA ITALIANA Contratto di vendita del prodotto/macchinario ACQUIRENTE CINESE

105 © STUDIO TORTA CONTRATTO DI VENDITA (checklist) 1.Identificazione del prodotto 2.Prezzo 3.Pagamenti / garanzie del pagamento 4.Consegna 5.Garanzia 6.Macchinari: collaudo, supervisione montaggio, … ecc.

106 © STUDIO TORTA Convenzione di Vienna delle Nazioni Unite sui contratti internazionali di vendita di merci (CV) RatificaEntrata in vigore Riserva art. 95 CINA Non si applica CV a Stati non contraenti Forma scritta ITALIA

107 © STUDIO TORTA CONVENZIONE DI VIENNA SULLA VENDITA 1.Ambito di applicazione (artt. 1-6) 2.Disposizioni generali (artt. 7-13) 3.Conclusione del contratto (artt ) 4.Vendita di merci – disposizioni generali (artt ) 5.Obblighi del venditore (artt ) - Consegna (artt ) - Conformità della merce (artt ) - Inadempimento del venditore (artt ) 6.Obblighi del compratore (artt ) - Pagamento (artt ) - Presa in consegna (artt ) - Inadempimento del compratore (artt ) 7.Altre norme (66-101)

108 © STUDIO TORTA AMBITO DI APPLICAZIONE 1.Materie regolate: vendita/appalto di merci (art. 3) - se il compratore non fornisce parte sostanziale dei materiali - se il fornitore non fornisce in modo preponderante prestazioni di manodopera 2.Applicazione: Italia e Cina sono parti contraenti (art. 1.a) - il contratto di vendita internazionale è regolato dalla C.V. 3.Deroghe: la C.V. è derogabile su accordo delle parti (art. 6) - con la Cina, però, non è derogabile la forma scritta (artt. 12 e 95)

109 © STUDIO TORTA OBBLIGHI DEL VENDITORE CONSEGNA 1.Consegna secondo le previsioni del contratto 2.Se non è stabilito il luogo di consegna: - consegna al primo trasportatore perché la merce pervenga al compratore - se non è previsto il trasporto: consegna nel luogo dove le parti sapevano che si trovavano le merci -in ogni altro caso: consegna presso la sede daffari del venditore 3.Data di consegna: - alla data stabilita -se stabilito un periodo: in qualsiasi momento in quel periodo; ma se risulta che la scelta spetta al compratore, consegna alla data richiesta dal compratore -se non è stabilito nulla: consegna entro un termine ragionevole dalla stipulazione

110 © STUDIO TORTA 4.Trasporto 5.Se il venditore consegna la merce ad un trasportatore: -deve identificarla come la merce oggetto del contratto (con segni sulla merce o nei doc. di trasporto), -altrimenti, deve notificare al compratore un avviso di spedizione, indicando specificamente la merce. In difetto, la merce non si considera messa a disposizione del compratore ed il rischio non passa. Passaggio del rischio (a)Quando il compratore prende in consegna la merce; (b)Oppure, quando il venditore mette la merce a disposizione del compratore, se questultimo si rende inadempiente allobbligo di presa in consegna (c)Se trasporto: -quando il venditore rimette la merce al trasportatore nel luogo determinato nel contratto, -oppure, se non è stabilito un luogo determinato, quando la merce viene rimessa al primo trasportatore

111 © STUDIO TORTA CONFORMITA DELLA MERCE La merce non è conforme se: (a)E difforme dallaccordo delle parti, e (b)Salvo diverso accordo, se: -non è idonea alluso normale, -non è idonea alluso specifico espressamente o implicitamente noto al venditore, salvo che risulti che il compratore non aveva fatto affidamento sulla competenza del venditore, -non possiede le qualità del campione, -non è imballata secondo i criteri usuali, o in maniera idonea (Il venditore non risponde se il compratore conosceva o non avrebbe potuto ignorare il difetto di conformità)

112 © STUDIO TORTA DENUNCIA DEI DIFETTI 1.Esame della merce Nel tempo più breve possibile 2.Denuncia del difetto di conformità Entro un termine ragionevole dal momento in cui lha scoperto o avrebbe dovuto scoprirlo, e precisandone la natura Non oltre due anni dalla consegna, salvo pattuizione di una garanzia di maggiore durata (Il venditore non può fare valere la decadenza se conosceva o non avrebbe potuto ignorare il difetto di conformità e non lo ha comunicato al compratore)

113 © STUDIO TORTA RIMEDI PER LINADEMPIMENTO DEL VENDITORE I.ADEMPIMENTO 1.Richiesta di adempimento 2.Concessione di un termine supplementare per adempiere, 3.Se merce non conforme, richiesta di riparazione, se ragionevole 4.Se merce non conforme ed il difetto di conformità è un inadempimento essenziale, richiesta di sostituzione 5. Se merce non conforme e il venditore non rimedia, il compratore può ridurre il prezzo (anche se già corrisposto) proporzionalmente alla differenza di valore II.RISOLUZIONE DEL CONTRATTO - se inadempimento essenziale del venditore, - se il venditore non adempie entro il termine di grazia concesso dal compratore III.RISARCIMENTO DEL DANNO

114 © STUDIO TORTA OBBLIGHI DEL COMPRATORE PAGAMENTO DEL PREZZO 1.Mancata determinazione del prezzo Si ritiene sia quello abitualmente praticato nel settore per merci analoghe in circostanze comparabili 2.Mancata determinazione del luogo di pagamento -presso la sede daffari del venditore, o -luogo della consegna, se pagamento contro rimessa della merce 3.Mancata determinazione della data di pagamento quando il venditore consegna la merce ed il compratore ha avuto la possibilità di esaminarla, a meno che il contratto non condizioni la consegna al preventivo pagamento PRESA IN CONSEGNA… e

115 © STUDIO TORTA RIMEDI PER LINADEMPIMENTO DEL COMPRATORE I.ADEMPIMENTO - Richiesta di adempimento (pagare il prezzo, ritirare la merce) - Concessione di un termine supplementare per adempiere, II.RISOLUZIONE DEL CONTRATTO - se inadempimento essenziale del compratore, - se il compratore non adempie entro il termine di grazia concesso dal venditore III.RISARCIMENTO DEL DANNO IV.INTERESSI

116 © STUDIO TORTA Licensing IMPRESA ITALIANA LICENZIATARIO CINESE Contratto di licenza di brevetto e/o know-how Tutela della tecnologia: Trattative (NDA) Contratto di licenza Brevetto Know-how

117 © STUDIO TORTA ACCORDO DI SEGRETEZZA Tra (il "Licenziante") e …. (il Ricevente") premesso -che il Licenziante è titolare delle informazioni relative alla fabbricazione del prodotto: (Prodotto"); -che il Ricevente desidera conoscere tali informazioni per valutare l'opportunità di concludere un contratto di licenza di fabbricazione del Prodotto; si conviene quanto segue Trattative

118 © STUDIO TORTA Art. 1 Con il termine "Informazioni" si intende qualsiasi informazione tecnica, commerciale, aziendale od altra informazione del Licenziante. Esso non comprende le informazioni che erano di dominio pubblico alla data di stipulazione del presente accordo, o lo sono diventate in seguito senza colpa del Ricevente. Art. 2 Le Parti convengono che le Informazioni comunicate dal Licenziante al Ricevente restano di proprietà del Licenziante. Art. 3 Il Ricevente, senza il preventivo consenso scritto del Licenziante, si impegna -a non rivelare, divulgare o comunicare altrimenti a terzi le Informazioni, - a non usarle se non per lo scopo di valutazione sopra specificato.

119 © STUDIO TORTA Art. 4 Il Ricevente si impegna a proteggere le Informazioni, adottando i mezzi necessari per impedirne la conoscenza a terzi. Art. 5 Gli obblighi di segretezza del Ricevente previsti nel presente accordo resteranno in vigore fino a quando le Informazioni del Licenziante diventeranno di pubblico dominio senza colpa del Ricevente. Art. 6 Dietro semplice richiesta del Licenziante, il Ricevente si impegna a restituire tutti i documenti e le altre Informazioni al Licenziante, senza trattenerne copia. Art. 7 Per ogni atto di violazione del presente accordo, il Ricevente si impegna a corrispondere al Licenziante, a titolo di penale, la somma di …

120 © STUDIO TORTA LA NORMATIVA CINESE SUL LICENSING ___________________ 1.Technology Import and Export Administrative Regulations, del (in vigore dal ) 2.Rules on Registration of Technology Import and Export Contracts, Order n° 17 del (in vigore dal ) 3. Administrative measures on Prohibited and Restricted Imports; Catalogue of Technologies Prohibited and restricted for Imports

121 © STUDIO TORTA Tipi di contratto 1.Cessione di brevetto 2.Licenza di brevetto 3.Licenza di know-how 4.Servizi tecnici (training, assistenza, consulenza)

122 © STUDIO TORTA I.TECNOLOGIE "LIBERE" Semplice registrazione - Contratto valido con la sottoscrizione - Registrazione MOC (key projects) o autorità decentrate - Registrazione on-line China Int'l Electronic Commerce Network II.TECNOLOGIE "LIMITATE" Approvazione - Contratto valido con l'approvazione - Esame di convenienza per il Paese da parte del MOC - Rifiuto o "Proposal for Import License" - Con la "Proposal" l'importatore può negoziare il contratto di licensing - Firma del contratto e sottoposizione al MOC - Se approvato, rilascio della "Import License" - Registrazione on-line China Int'l Electronic Commerce Network III.TECNOLOGIE "VIETATE"

123 © STUDIO TORTA CLAUSOLE OBBLIGATORIE (Garanzie del licenziante) 1.Garanzia di titolarità della tecnologia 2.Garanzia per violazione di diritti di privativa anteriori di terzi 3. Garanzia per violazione di diritti di terzi 4.Garanzia che la tecnologia è completa, priva di errori ed in grado di conseguire lo scopo convenuto

124 © STUDIO TORTA CLAUSOLE VIETATE 1.Tie-in 2.Royalty per brevetti scaduti o invalidi 3.Restrizioni allo sviluppo di perfezionamenti 4.Restrizioni all'uso di tecnologie concorrenti 5.Restrizioni irragionevoli all'acquisto di materiali 6. Restrizioni irragionevoli dei volumi di produzione e dei prezzi 7. Restrizioni irragionevoli delle esportazioni

125 © STUDIO TORTA TECHNOLOGY LICENSE AGREEMENT By and between... with its office at... (ITALY) (hereinafter referred to as "LICENSOR") and... with its office at... (CHINA) (hereinafter referred to as "LICENSEE") It is agreed as follows

126 © STUDIO TORTA Article 1 Definitions 1.1.The term " PRODUCTS " means the washing machine model TRIPLE A specified in the LICENSOR's brochure attached hereto as Exhibit "A". 1.2.The term " KNOW-HOW " means the technical documentation for the manufacture of the PRODUCTS specified in Exhibit "B".

127 © STUDIO TORTA 1.3.The term PATENTS means the Chinese patents registrations covering the PRODUCTS specified in Exhibit "C". 1.4.The term " TERRITORY " means the following countries: People's Republic of China,

128 © STUDIO TORTA Article 2 License LICENSOR grants to LICENSEE the right to use the PATENT and the KNOW-HOW in order to manufacture and sell the PRODUCTS in the TERRITORY.

129 © STUDIO TORTA Article 3 LICENSEE's Exclusivity LICENSOR shall not manufacture and sell the PRODUCTS in the TERRITORY, or license the PRODUCTS to third parties in the TERRITORY.

130 © STUDIO TORTA Article 4 LICENSOR's Exclusivity LICENSEE shall not manufacture and sell the PRODUCTS outside the TERRITORY in Countries where the LICENSOR sells the PRODUCTS directly or has granted exclusive rights to third parties.

131 © STUDIO TORTA Article 5 Supply of KNOW-HOW 5.1.LICENSOR shall deliver to LICENSEE the KNOW- HOW within 30 days after the date of receipt of the payment set out under article KNOW-HOW shall be in English language.

132 © STUDIO TORTA Article 6 Payments 6.1.LICENSEE shall pay to LICENSOR an initial lump-sum of ,00 Euro within 30 days after the signature of this agreement. 6.2.In addition, for the entire duration of this agreement, LICENSEE shall pay to LICENSOR a royalty of 5% to be calculated on the invoiced price of all PRODUCTS sold by LICENSEE in the TERRITORY. 6.3.In any case, LICENSEE shall pay to LICENSOR a minimum guaranted royalty of ,00 Euro for each year during the term of this agreement.

133 © STUDIO TORTA Article 7 Secrecy LICENSEE shall not, during the term of this agreement and thereafter, disclose or otherwise reveal to third parties the KNOW-HOW furnished by LICENSOR to LICENSEE, or any other information of the LICENSOR, without the prior written consent of LICENSOR.

134 © STUDIO TORTA Article 8 Guarantees 8.1.LICENSOR guarantees to be the owner of the PATENTS and KNOW-HOW defined above, and to have full rights to enter into the present Agreement with the LICENSEE. 8.1.LICENSOR guarantees to have filed/registered the PATENTS and to have possession of the KNOW- HOW defined above.

135 © STUDIO TORTA 8.2.LICENSOR is hereby exempted from any liability in case the PATENT or the KNOW-HOW infringe rights of third parties. 8.2.LICENSOR declares to have performed the patent search enclosed hereto without finding any patents of third parties that cover the PATENT or the KNOW-HOW or the PRODUCTS under this Agreement. No other liability is undertaken by LICENSOR in connection with rights of third parties.

136 © STUDIO TORTA 8.3.LICENSOR guarantees that the technology provided is complete, error-free, effective and capable of achieving its intended purpose. 8.3.LICENSORS guarantees that he will communicate the KNOW- HOW to the LICENSEE to the extent that it is reasonably necessary to manufacture the PRODUCTS for a licensee that is reasonably experienced in the industrial field of the PRODUCTS.

137 © STUDIO TORTA Article 9 Applicable Law The present agreement is governed by the Italian Laws.

138 © STUDIO TORTA Article 10 ICC Arbitration Any dispute arising out of or in connection with this agreement shall be finally settled under the Rules of Conciliation and Arbitration of the International Chamber of Commerce by three arbitrators appointed in accordance with said Rules. Article 10 CIETAC Arbitration Any dispute arising from or in connection with this Contract shall be submitted to China International Economic and Trade Arbitration Commission for arbitration which shall be conducted in accordance with the Commission's arbitration rules in effect at the time of applying arbitration. The arbitral award is final and binding upon both parties.

139 © STUDIO TORTA Conciliazione Italy-China Business Mediation Center Camera Arbitrale Nazionale e Internazionale di Milano Arbitrato CLAUSOLA PER ARBITRATO INTERNAZIONALE Tutte le controversie derivanti dal presente contratto saranno risolte mediante arbitrato secondo il Regolamento della Camera Arbitrale Nazionale e Internazionale di Milano. Il Tribunale Arbitrale sarà composto da un arbitro unico/tre arbitri, nominato/i in conformità a tale Regolamento. Il Tribunale Arbitrale giudicherà secondo la legge... La sede dell'arbitrato sarà...La lingua dell'arbitrato sarà...

140 © STUDIO TORTA Convenzione di New York (1958) sull'arbitrato internazionale RatificaRiserva CINA Non si applica ai lodi pronunciati in Stati non contraenti Si applica solo ai rapporti commerciali secondo la legge nazionale ITALIA ACCORDO ARBITRALE DELLE PARTI IN FORMA SCRITTA

141 © STUDIO TORTA Article 10 Jurisdiction The Courts of.... (Italy) shall have exclusive jurisdiction for any dispute arising out of or in connection with this Agreement. Article 10 Jurisdiction The Courts of.... (People's Republic of China) shall have exclusive jurisdiction for any dispute arising out of or in connection with this Agreement. ACCORDO ITALIA - CINA SUL RECIPROCO RICONOSCIMENTO DELLE SENTENZE (1991)

142 © STUDIO TORTA Contratto di agenzia IMPRESA ITALIANA AGENTE CINESE CLIENTI CINESI

143 © STUDIO TORTA

144 ACCORDO DI AGENZIA Tra ("Fabbricante") e … (Agente") si conviene quanto segue Art. 1 Prodotti e territorio Il Fabbricante incarica l'Agente, che accetta, di promuovere la vendita dei prodotti... ("Prodotti") nel territorio della Repubblica Popolare Cinese ("Territorio"). L'incarico si intende esclusivo/ non esclusivo.

145 © STUDIO TORTA Art. 2 Compiti dell'Agente LAgente si impegna a promuovere, in conformità alle istruzioni ricevute dal Fabbricante, la vendita dei Prodotti nel Territorio. L'Agente non ha alcun potere di stipulare contratti in nome e per conto del Fabbricante, né di impegnare quest'ultimo nei confronti di terzi. L'Agente non è autorizzato a ricevere pagamenti per conto del Fabbricante, se non previa specifica autorizzazione scritta di quest'ultimo.

146 © STUDIO TORTA Art. 3 Obbligo di non concorrenza Per tutta la durata del presente contratto, l'Agente si impegna a non trattare prodotti concorrenti con i Prodotti. Art. 4 Minimo di affari L'Agente simpegna a procurare al Fabbricante vendite di Prodotti a clienti nel Territorio per una cifra complessiva non inferiore ai seguenti minimi per ciascun anno:.... Qualora anche uno solo di tali minimi non venga conseguito, il Fabbricante avrà la facoltà di risolvere il presente contratto con effetto immediato.

147 © STUDIO TORTA Art. 5 Marchi del Fabbricante L'Agente si impegna ad usare i marchi del Fabbricante solo al fine di promuovere i Prodotti nel Territorio. In tale uso egli si atterrà alle istruzioni ricevute dal Fabbricante. L'Agente si impegna a cessare ogni uso di tali marchi al momento dello scioglimento del presente contratto.

148 © STUDIO TORTA Art. 6 Provvigione Il Fabbricante corrisponderà all'Agente una provvigione del....% da calcolarsi sulle somme incassate dal Fabbricante quale corrispettivo per le vendite di Prodotti concluse nel Territorio per effetto dell'intervento dell'Agente. Le provvigioni saranno pagate dal Fabbricante entro le seguenti scadenze..., dietro ricevimento di idoneo documento contabile dell'agente. Art. 7 Durata del contratto Il presente contratto entra in vigore il... e termina il...

149 © STUDIO TORTA Contratto di distribuzione IMPRESA ITALIANA DISTRIBUTORE CINESE CLIENTI CINESI

150 © STUDIO TORTA CONTRATTO DI DISTRIBUZIONE (Checklist) 1.Definizione di "Prodotti" e "Territorio" 2.Conferimento dell'incarico di distribuire i Prodotti nel Territorio 3.Distribuzione esclusiva / non esclusiva 4.Modalità della distribuzione 5.Obbligo di non concorrenza 6. Minimi di acquisto

151 © STUDIO TORTA Checklist - SEGUE 7.Condizioni di vendita - Ordini - Prezzi - Pagamenti - Consegne - Garanzia 8.Marchi del Concedente 9.Segretezza...ecc.

152 © STUDIO TORTA FRANCHISING IMPRESA ITALIANA SOCIETA' COMMERCIALE CINESE FRANCHISEES CINESI PUNTI VENDITA DIRETTI

153 © STUDIO TORTA Contratto di franchising Requisiti del Franchisor - Disponibilità del marchio, ditta, ecc. - Capacità di prestare training ed assistenza continuativa - Gestione diretta di almeno 2 punti vendita in Cina - Godere di buona reputazione commerciale e finanziaria

154 © STUDIO TORTA Obblighi del Franchisor 1.Comunicare il know-how commerciale 2.Concessione diritti d'uso del marchio, know-how, ecc. al franchisee 3.Training ed assistenza al franchisee 4.Fornitura di beni secondo il contratto (Di regola, il Franchisor non può imporre al franchisee l'acquisto di beni del Franchisor, ma deve indicare gli standard di qualità e vari fornitori) 5.Promozione e pubblicità

155 © STUDIO TORTA Pagamenti 1.Quota di affiliazione (membership fee) 2.Corrispettivo per l'uso (usage fee) 3.Cauzione (deposit) da restituire allo scioglimento del contratto Durata contratto Almeno 3 anni Registrazioni - Registrazione contratto di franchising presso i locali dipartimenti del MOC - Registrazione contratto di franchising per l'uso del marchio all'Ufficio marchi

156 © STUDIO TORTA Joint venture societaria IMPRESA ITALIANA JV SOCIETARIA CON PARTNER CINESE Costituzione JV, stipulazione atti societari e contratti collegati

157 © STUDIO TORTA PROCEDURE 1.Atti: - Letter of Intent e Feasibility Study - Shareholders' Agreement e contratti collegati - Statuto (Articles of Association) 2.Approvazione del dipartimento locale del MOC Approval Letter (condizioni dell'approvazione) e Approval Certificate (conferma l'approvazione) 3.Registrazione e rilascio della Business License da parte del SAIC (State Administration for Industry and Commerce)

158 © STUDIO TORTA 1.Investimento capitale registrato e finanziamenti a medio o lungo termine 2.Capitale registrato a.Per piccole società (fino a 3 milioni USD): capitale registrato 70% (minimo) ed indebitamento 30% (massimo), b.Finanziamenti aggiuntivi: modifica statuto, rideposito statuto, approvazione (procedura complessa), c.Conferimenti dei soci: denaro, impianti, materiali, tecnologia (limiti %) d.Versamento entro 6 mesi (ma nello Statuto si può prevedere: 20% entro 90 giorni dal rilascio della Business License ed il resto entro 1 anno o più, secondo scaglioni di importi)

159 © STUDIO TORTA GESTIONE BOARD OF DIRECTORS a.FUNZIONI: organo deliberativo della società b.NOMINATO dai soci c.COMPOSIZIONE: secondo le quote di partecipazione al capitale d.PRESIDENTE BOARD: rappresenta la società e.DELIBERE: maggioranza semplice (assoluta per modifiche statuto, aumento capitale, liquidazione) f.RIUNIONI: anche per fax, videoconferenza g.Il Board nomina il GENERAL MANAGER (gestione quotidiana)


Scaricare ppt "© STUDIO TORTA Brevetti, Marchi e Design: aspetti strategici per lo sviluppo e la competitività dellimpresa Ing. Corrado Modugno Studio Torta."

Presentazioni simili


Annunci Google