La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Clima Organizzativo e Sicurezza sul Lavoro: Studio Pilota nelle Aziende Alimentari Dr. Simone Cheli Suono e Silenzio Srl CIBUS TEC Parma 20 Ottobre 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Clima Organizzativo e Sicurezza sul Lavoro: Studio Pilota nelle Aziende Alimentari Dr. Simone Cheli Suono e Silenzio Srl CIBUS TEC Parma 20 Ottobre 2007."— Transcript della presentazione:

1 Clima Organizzativo e Sicurezza sul Lavoro: Studio Pilota nelle Aziende Alimentari Dr. Simone Cheli Suono e Silenzio Srl CIBUS TEC Parma 20 Ottobre 2007

2 Il Progetto Pilota nelle Aziende Alimentari Commitment Dr. Marco Tarducci Valutazione del Clima Organizzativo nelle aziende alimentari Patrocinio AIFOS Realizzazione di un progetto pilota nella Regione Toscana e nel Veneto

3 Obiettivi del Presente Studio Indagare le correlazioni tra clima organizzativo e incidenti sul lavoro Indagare le correlazioni tra clima organizzativo e attivazione di corsi relativi alla sicurezza sul lavoro Verificare la fattibilità di un progetto di ricerca su scala nazionale nelle aziende alimentari

4 Il Clima Organizzativo: un costrutto multidimensionale Valutazioni Oggettive Modelli Organizzativi Dati economici Composizione del Personale Disposizioni Soggettive Percezioni Opinioni Convincimenti

5 Una Possibile Definizione …un set di caratteristiche che descrivono unorganizzazione e che la distinguono da altre organizzazioni, sono relativamente durature nel tempo e influenzano il comportamento degli individui. Forehand & Gilmer, 1964

6 La Sicurezza sul Lavoro nelle Aziende Alimentari

7 Malattie Tabellate Malattie Non Tabellate

8 Materiali e Metodi Mayer DAmato Organizational Questionnaire Versione ridotta a 4 scale (38 items) Questionario per il titolare dazienda Dati socio- anagrafici dei dipendenti Somministrazione in 4 aziende alimentari della Toscana Somministrazione in 4 aziende alimentari del Veneto

9 Questionario sul Clima Organizzativo 1.Coerenza 1.Coerenza: coerenza tra orientamenti strategici e loro declinazione operativa (10 items) 2.Dinamismo 2.Dinamismo: vitalità organizzativa e propensione allinnovazione (11 items) 3.Job Description 3.Job Description: chiarezza dei ruoli e dei compiti (7 items) 4.Sviluppo 4.Sviluppo: apertura al progresso sociale e personale (10 items) 1.La direzione prende decisioni riguardanti lorganizzazione del lavoro senza consultare il personale. 2.Qui vengono incoraggiate le idee innovatrici e originali. 3.Le funzioni connesse al mio ruolo sono chiaramente definite. 4.La mia azienda cerca di adattarsi ai cambiamenti sociali e politici.

10 Altre Variabili in Esame Titolare Dati anagrafici Permanenza Denuncia incidenti negli ultimi 6/12 mesi Volume daffari Attivazione corsi Dipendenti Dati anagrafici Permanenza Tipo contratto Inquadramento Incidenti sul lavoro

11 Analisi Descrittive Totale Dipendenti : n=112 Composizione per Sesso: Uomini 35.7% Donne 60.7% n.r. 3.6% Composizione per Età: <26 anni 17.9% % % % >50 0% n.r. 3.6%

12 Analisi Descrittive Composizione per Permanenza: <1 anno 17.9% % % % >20 0% n.r. 3.6% Composizione per Inquadramento: Tempo Pieno 39.3% Part-time 53.6% n.r. 7.1% Solo un Incidente Denunciato

13 Analisi di Raggruppamento: per Attivazione Corsi Cluster 1: Si 100% No 9.1% Cluster 2: Si 0% No 90.9%

14 Analisi di Raggruppamento: per Attivazione Corsi

15 Analisi di Raggruppamento: per Permanenza Cluster 1: <1 anno 100% % % Cluster 2: <1 anno 0% % %

16 Analisi di Raggruppamento: per Permanenza

17 Analisi di Raggruppamento: per Sesso Cluster 1: Uomo 100% Donna 58.8% Cluster 2: Uomo 0% Donna 41.2%

18 Analisi di Raggruppamento: per Sesso

19 Conclusioni Significative Il Cluster composto da aziende con con corsi attivati negli ultimi 6/12 mesi mostrano punteggi significativamente più alti a tutte le scale. Circa l80% dei dipendenti con una permanenza superiore a 5 anni mostrano punteggi significativamente più bassi a tutte le scale. Il 40% delle donne mostrano punteggi significativamente più bassi a tutte le scale.

20 Ipotesi Esplicative Lattivazione di Corsi di Formazione relativi alla sicurezza sul lavoro sembra influenzare lefficienza organizzativa dellazienda. I lavori in aziende alimentari appaino usuranti già dopo il V anno. Le dipendenti donne sembrano vivere una condizione lavorativa di maggior disagio rispetto ai colleghi uomini.

21 Obiettivi di un Progetto su Scala Nazionale La definizione del rapporto tra clima organizzativo e sicurezza può facilitare la ri-definizione e lo sviluppo di interventi formativi. Indagini approfondite sul clima organizzativo possono far emergere problematiche di sicurezza e di salute finora taciute o sottostimate. Un assessment capillare congiunto ad interventi formativi è unefficace forma di prevenzione degli infortuni e dei costi conseguenti.

22 Possibile Protocollo di Realizzazione Mandato istituzionale Reclutamento di un campione nazionale rappresentativo Aggiunta di uno questionario qualitativo per la rilevazione dei bisogni formativi Definizione di cut-off significativi per lerogazione di interventi di formazione Erogazione Interventi Prevenzione Assessment

23 Grazie per lAttenzione Progetto AIFOS per la Sicurezza sul Lavoro nelle Aziende Alimentari Responsabile: Dr. Marco Tarducci Coordinatore Studio Pilota: Dr. Simone Cheli


Scaricare ppt "Clima Organizzativo e Sicurezza sul Lavoro: Studio Pilota nelle Aziende Alimentari Dr. Simone Cheli Suono e Silenzio Srl CIBUS TEC Parma 20 Ottobre 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google