La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

O 2 -O 3 Terapia nelle IBD F.Bossa, I.Nicoletti Gasparrini, M.Luongo, C.M.DAmbrosio, P.Esposito, M.I.Russo, C.Luongo, M.Agresti e G.Riegler.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "O 2 -O 3 Terapia nelle IBD F.Bossa, I.Nicoletti Gasparrini, M.Luongo, C.M.DAmbrosio, P.Esposito, M.I.Russo, C.Luongo, M.Agresti e G.Riegler."— Transcript della presentazione:

1

2 O 2 -O 3 Terapia nelle IBD F.Bossa, I.Nicoletti Gasparrini, M.Luongo, C.M.DAmbrosio, P.Esposito, M.I.Russo, C.Luongo, M.Agresti e G.Riegler

3 Inflammatory Bowel Disease Con tale termine ci si riferisce di solito alla Malattia di Crohn e alla Rettocolite Ulcerosa. Patologie ad eziologia ancora ignota caratterizzate da flogosi cronica a carico del tratto gastrointestinale.

4 IPOTESI EZIOPATOGENETICA Secondo lipotesi più accreditata un agente esterno (batterio, virus, etc) determinerebbe, in individui geneticamente predisposti, unabnorme risposta immunitaria con conseguente instaurazione di una flogosi cronica.

5 SISTEMA IMMUNITARIO ED OSSIGENOTERAPIA IPERBARICA Sono numerose le segnalazioni sullazione dellossigenoterapia sul sistema immunitario e quindi su quelle patologie a chiara etiopatogenesi autoimmunitaria.

6 Variazioni dei parametri immunologici in 80 pz suddivisi in 8 gruppi di patologie diverse, di cui 3 a chiara etiopatogenesi immunitaria (Sclerosi Multipla, Eritema Nodoso, Sindrome di Lyell). Nel corso del trattamento si osservava: Globale riduzione dei GB con tendenza alla normalizzazione della formula leucocitaria Riduzione dei linf. T CD4+ ed aumento dei CD8+ Progressiva riduzione di C3 ed una riduzione delle Ig sieriche (IgG, IgA e IgM). La normalizzazione di tali parametri avveniva intorno al X trattamento iperbarico, in concomitanza con il miglioramento clinico. Luongo C, Vicario C et al.: Monitoraggio immunologico del paziente sottoposto ad OTI. Convegno Nazionale Monitoraggio in anestesia e terapia intensiva, Modena 1991 SISTEMA IMMUNITARIO ED OSSIGENOTERAPIA IPERBARICA

7 Pz, femmina, 29 anni Anamnesi patologica remota: n.d.r. Improvvisamente presenta dolori addominali violenti per cui si ricovera di P.S. e viene effettuata una laparotomia esplorativa che evidenzia una peritonite associata a flogosi dellultima ansa ileale. Al 7 o giorno post-operatorio deiscenza dei punti con fuoriuscita di materiale purulento e, nel giro di pochi giorni, formazione di alcuni tramiti fistolosi entero-cutanei. Una coltura delle secrezioni evidenzia uninfezione da P.Aeruginosa multiresistente agli antibiotici. Il forte deperimento organico intanto porta alla formazione di piaghe da decubito in regione sacrale e scapolare. Dopo alcuni giorni comparsa di una Necrolisi Tossica Epidermica da farmaci molto estesa. CASO CLINICO

8 Si decise di intraprendere, in associazione alla terapia convenzionale un ciclo di OTI iniziando con 23 trattamenti a 2 atmosfere assolute della durata di 1 ora con completa risoluzione della dermatite tossica, delle piaghe e parziale chiusura delle fistole entero-cutanee, le quali però, nel giro di pochi giorni tornarono ad aprirsi mostrando una abbondante secrezione purulenta. Per tale motivo fu sottoposta ad un secondo ciclo di OTI, 20 sedute a 2 Atmosfere Assolute della durata di 1 ora ottenendo stavolta una completa chiusura di tutti i tramiti fistolosi CASO CLINICO

9 IBD E O 2 -O 3 terapia Arruolati 30 pazienti, affetti da RCI o M. di Crohn (24 F, 6 M) con età media di 33,4 anni (range 22-76) trattati con insufflazioni rettali di miscela gassosa di O 2 -O 3 con posologia di ml per seduta per un totale di 30 sedute. 15 pazienti (50%) hanno mostrato una normalizzazione del quadro endoscopico ed hanno potuto sospendere la terapia convenzionale ed altri 11 (36%) hanno avuto una risposta parziale con miglioramento clinico e riduzione della terapia convenzionale. Solo 4 pazienti non-responder sono stati avviati alla chirurgia. DAmbrosio CM: Trattamento delle MICI mediante ossigeno-ozonoterapia per via rettale. Rivista Italiana di Ossigeno-Ozonoterapia, 2002; 1:155-8.

10 RCI E O 2 -O 3 terapia nostra esperienza Abbiamo sottoposto a trattamento con ossigeno-ozono terapia 2 pazienti (1M e 1F, rispettivamente di 61 e 60 anni, rispettivamente con circa 12 e 8 anni di malattia) affetti da RCI di grado moderato, refrattari alle terapie convenzionali. I pazienti, pur continuando la terapia convenzionale (mesalazina per os e per via rettale, steroidi per via rettale e in un paziente metotrexate i.m.) sono stati trattati con insufflazioni rettali di miscele gassose di O 2 -O 3 alla dose di 50 microgrammi/180 cc per 2 volte alla settimana per 8 settimane.

11 I pazienti sono stati sottoposti a: Controllo endoscopico a T0 e a 8 settimane Valutazione di alcuni parametri di laboratorio: emocromo, VES, PCR, QPE a T0 e a 8 settimane Valutazione dellattività di malattia mediante uno score clinico (indice di Powell-Tuck) a T0, dopo 4 settimane e a 8 settimane RCI E O 2 -O 3 terapia nostra esperienza

12 Senso di benessere: Dolore addominale: 0 = Normale 0 = Assente 1 = Alterato, attività normali possibili1 = Con le evacuazioni 2 = Riduzione attività2 = più continuo 3 = Impossibilità normale attività Alvo: Consistenza delle feci 0 = < 3 scariche/die0 = Formate 1 = 3-6 scariche/die1 = Molli 2 = >6 scariche/die2 = Liquide/semiliquide Sangue nelle feci: Anoressia 0 = Assente0 = Assente 1 = Tracce1 = Presente 2 = Evidente Nausea e vomito: Dolorabilità intestinale 0 = Assente0 = Assente 1 = Presente1 = Lieve 2 = Moderata 3 = Rebound positivo Complicanze oculari, articolari, orali, cutanee: Temperatura 0 = Assenti0 = < 37°C 1 = Una lieve1 = 37,1 – 38°C 2 = Una grave o due lievi2 = > 38°C Indice di attività: 3=normale; >3= attività N.B.: il valore soglia non deve essere raggiunto con 1 solo indice INDICE DI POWELL - TUCK

13 KkKk

14 GgGg

15 SfSf

16 Lendoscopia mostrava: Proctosigmoidite di grado moderato nel paziente maschio Pancolite di grado moderato con accentuazione della flogosi a livello del sigma-retto nella paziente donna Controllo bioumorale e clinico VES alla I ora rispettivamente 28 e 35 mm/ora PCR rispettivamente 8,0 e 9,4 g/ml (v.n. 0-6) Hb = rispettivamente 10,8 e 11,5 g/dl. Indice di Powell-Tuck rispettivamente 9 e 10. RCI E O 2 -O 3 terapia nostra esperienza

17 I pazienti sono stati trattati con: Mesalazina per os alla dose di 1,6 g/die Mesalazina per via rettale (4g/die) Metilprednisolone 20 mg/die per via rettale Il paziente che assumeva MTX ha continuato la terapia 10 mg/sett Insufflazioni di O 2 -O 3 per via rettale per 2 volte alla settimana. Al controllo clinico dopo 4 settimane i pazienti mostravano una riduzione dellindice di P-T= per entrambi 7 A 8 settimane dallinizio del trattamento mostravano: Controllo bioumorale: normalizzazione della VES e della PCR Incremento dei valori di Hb (rispettivamente 12,2 e 12,0) Miglioramento clinico con indice di P-T rispettivamente di 4 e 5 RCI E O 2 -O 3 terapia nostra esperienza

18 DdDd

19 FfFf

20 fsfs

21 È noto che le IBD hanno nella maggior parte dei pazienti (circa l80% nei pz con RCI*) un andamento intermittente con fasi di acuzie alternati a fasi di remissione. ^Meyers S. et al. Gastroenterology 87;1189, 1984 *Edwards F.C. GUT 4:299, 1963 CONCLUSIONI - 1 Talvolta le recidive si autolimitano, confondendo i risultati dellefficacia di presidi terapeutici (circa il 30% dei pz con M. di Crohn va in remissione col solo trattamento con placebo^) Per tali motivi abbiamo deciso di valutare lefficacia della terapia con O 2 -O 3 nei pz con RCI sinistra/distale confrontando in open i pazienti trattati con terapia convenzionale + ozono verso pazienti trattati con la sola terapia convenzionale.

22 La terapia con ossigeno-ozono per via rettale può essere di ausilio alla terapia convenzionale della RCI sinistra/distale Tale terapia è priva di effetti collaterali e in alcuni casi permette di sospendere le terapie convenzionali. I dati finora disponibili non ci permettono di fare conclusioni sulla reale efficacia di questo presidio e solo uno studio caso- controllo permetterà di fare considerazioni più vicine alla realtà. CONCLUSIONI - 2

23


Scaricare ppt "O 2 -O 3 Terapia nelle IBD F.Bossa, I.Nicoletti Gasparrini, M.Luongo, C.M.DAmbrosio, P.Esposito, M.I.Russo, C.Luongo, M.Agresti e G.Riegler."

Presentazioni simili


Annunci Google