La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO "GESMAR" GESMAR S.P.A. dott. ing. Riccardo Zemiti Comune di Casorate Primo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO "GESMAR" GESMAR S.P.A. dott. ing. Riccardo Zemiti Comune di Casorate Primo."— Transcript della presentazione:

1 PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO "GESMAR" GESMAR S.P.A. dott. ing. Riccardo Zemiti Comune di Casorate Primo

2 Foto

3 N.T.A. art. 39 ter I t = 1,2 mc/mq H max = 8 m ESTRATTO P.R.G. VIGENTE

4 ESTRATTO N.T.A. VIGENTI Art. 39 ter (Zona residenziale di espansione di densificazione e compensazione ecologica) Tali zone sono riservate alla creazione di nuovi insediamenti residenziali. Le destinazioni compatibili con la residenza non possono superare il 30% della volumetria complessiva. Sono escluse le seguenti destinazioni: a) le autorimesse non costituenti pertinenza di unità immobiliari b) le attività industriali ed artigianali c) le attività agricole e per lallevamento di animali d) le medie e grandi strutture di vendita, i centri commerciali e) le discoteche o altre attività che possano arrecare disturbo alle destinazioni residenziali f) sistemi fissi delle telecomunicazioni e radiotelevisivi generanti campi magnetici Tali zone si attuano mediante la preventiva formazione di Piano Attuativo, secondo le specifiche disposizioni dettate dallart. 9.

5 Oltre a rispettare ogni obbligo dettato dalla legislazione vigente, il piano attuativo e la relativa convenzione dovranno prevedere: 1.La cessione gratuita delle aree necessarie alla realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria. 2.La cessione gratuita delle aree a standard nella misura minima del 50% della quantità prevista dalla vigente legislazione, mentre per la rimanente quota è consentita la monetizzazione. Della quota di cessione almeno il 50% è da destinarsi a verde attrezzato e il rimanente 50% a spazio attrezzato di uso pubblico (piazza pedonale) e a parcheggio. It = 1,2 mc/mq Rc = 40% H max = 8 m Le norma specifiche di cui al presente articolo prevalgono su quelle, eventualmente in contrasto, previste da articoli delle presenti norme aventi carattere di applicabilità generale. H max = 12,50 m

6 RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente Programma Integrato di Intervento, in conformità alle seguenti: L.R. 12 dell11 marzo 2005 Art. 25 I comma (art. 2 comma 2 della L.R. 23/97 – procedimento semplificato: lettere c) ed f) Art. 25 VII comma (Documento di Inquadramento) Artt. 87/94 DGR VI/44161 del 9 luglio 1999 (punto 8 - documentazione minima a corredo del P.I.I.): Elenco elaborati grafici Elenco elaborati di analisi Ulteriori elaborati Note: c) varianti atte ad apportare agli strumenti urbanistici generali, sulla scorta di rilevazioni cartografiche aggiornate, delleffettiva situazione fisica e morfologica dei luoghi, delle risultanze catastali e delle confinanze, le modificazioni necessarie a conseguire la realizzabilità delle previsioni urbanistiche anche mediante rettifiche delle delimitazioni tra zone omogenee diverse; f) varianti che comportino modificazioni dei perimetri degli ambiti territoriali subordinati a piani attuativi, finalizzate ad assicurare un migliore assetto urbanistico nellambito dellintervento, opportunamente motivato e tecnicamente documentato, ovvero a modificare la tipologia dello strumento urbanistico attuativo;

7 RIFERIMENTI PROGETTUALI E OBIETTIVI DEL PIANO Sistemazione e riqualificazione del tessuto urbanistico, edilizio e ambientale pluralità di destinazioni e di funzioni (residenziali e terziario-direttive) tipologie edilizie integrate al contesto edilizio esistente potenziamento delle opere di urbanizzazione esistenti primarie: sistema fognario, viabilità, parcheggi e verde pubblico/attrezzato con funzione di mitigazione ambientale secondarie: verde di quartiere (parco attrezzato, piazza e percorsi pedonali) riqualificazione ambientale e paesaggistica

8 DOCUMENTO DI INQUADRAMENTO

9 PLANIVOLUMETRICO DI PROGETTO

10

11

12

13

14 RETE FOGNARIA DI PROGETTO

15 Indici e parametri Indice di fabbricabilità territorialeIt = 1,2 mc/mq Rapporto di CoperturaRc = 40% Altezza maxH max = 12,50 m Parcheggi Pertinenziali (Legge Tognoli 122/89 – Residenziale)1 mq / 10 mc Capacità Insediativa:1 abitante / 100 mc DATI QUANTITATIVI GENERALI Ai sensi del Documento di Inquadramento dei Programmi Integrati di Intervento approvato dal Comune di Casorate Primo, si sono adottati i parametri urbanistici delle zona residenziale di espansione di densificazione e compensazione ecologica (art. 39 ter delle N.T.A.) previste dal vigente P.R.G. e si è andati in deroga allaltezza massima. In particolare si conferma lindice 1,2 mc/mq di superficie territoriale e la nuova altezza massima consentita pari a 12,50 m.

16 Verifica standard urbanistici: Superficie territoriale: St = mq Volume max ammissibile: Vol. = St x It = mq x 1,2 mc/mq = mc Volume di progetto: mc < Vol. max ammissibile di cui lo 0,3x10% pari a di terziario-direzionale Parcheggi pertinenziali: Vol. di progetto x (1 mq / 10 mc) = mq Parcheggi pertinenziali di progetto: mq > Parcheggi pertinenziali richiesti Numero abitanti Vol. di progetto x (1 ab. / 100 mc) = 342 ab.

17 Verifica dotazioni di vicinato (art. 39 delle N.T.A.): Aree di cessione complessiva: 342 ab. x (26,5 mq/ab.) = mq Aree di cessione: da realizzare almeno il 50% _ per la rimanente parte è prevista la monetizzazione 4532 mq Verde pubblico: almeno il 50% delle aree di cessione complessive mq Parcheggi: rimanente 50% mq

18 Aree di cessione: Aree di cessione per urbanizzazioni primarie Verde pubblico/attrezzato= mq (> 2.266) Strade= mq Marciapiedi= 943 mq Piazza e percorsi pedonali= 289 mq Parcheggi= mq (> 2.266) Totale= mq Aree di cessione per urbanizzazioni secondarie Verde di quartiere= mq Totale= mq _________________________________________________________________ TOT.= mq Aree di cessione di progetto > Aree richieste

19 Standard qualitativo (SQ) – Documento di Inquadramento PII: Superficie Territoriale mq x 60% (destinazione duso) = ,2 mq Percentuale in detrazione per utilizzo di suolo con stessa destinazione funzionale 70% ,2 mq – 70% = 5.130,36 mq

20 Monetizzazione: Oneri di Urbanizzazione Primaria: Vol. di prog. (residenziale) mc x 11,84 /mc = ,16 Area di prog. (direzionale) 1026/3 x 96,33 /mq = ,86 Tot ,02 Oneri di Urbanizzazione Secondaria: Vol. di prog. (residenziale) mc x 16,97 /mc = ,78 Area di prog. (direzionale) 1026/3 x 3,60 /mq =1.231,20 Tot ,98 Corrispettivo Standard Qualitativo: SQ = 5.130,36 x 30 /mq = = (0,3 x 60% x St x 30 /mq) = ,80

21 Scomputo del corrispettivo dovuto in opere: Urbanizzazioni Primarie: - Strade e parcheggi - Marciapiedi, piazza e percorsi pedonali - Fognatura - Pubblica illuminazione - Linea ENEL BT - Linea Telecom - Rete acquedotto - Rete Gas - Verde pubblico/attrezzato Totale Urbanizzazioni Primarie ,78 Scomputo Urbanizzazioni Primarie > Oneri Urbanizzazioni Primarie ,78 > ,02

22 Urbanizzazioni Secondarie: - Verde di quartiere Totale Urbaniz. Secondarie87.617,34 Scomputo Urb. II e Standard Qualitativo < Oneri Urb. II e Standard Qualitativo ,34 < ,78 IMPORTI DOVUTI Urbanizzazioni Primarie0,00 Urbanizzazioni Secondarie ( ,98 – ,34 ) ,64 Standard Qualitativo ,80 Totale ,44 _______________________

23 GRAZIE PER LATTENZIONE dott. ing. Riccardo Zemiti


Scaricare ppt "PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO "GESMAR" GESMAR S.P.A. dott. ing. Riccardo Zemiti Comune di Casorate Primo."

Presentazioni simili


Annunci Google