La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO."— Transcript della presentazione:

1 28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO REGOLAMENTO RUR (L. Miconi) 4. I NUOVI FLUSSI INFORMATIVI (G. Gioga) 5. FUNZIONI E ASSEGNAZIONI DEI MEDICI COORDINATORI (C. Corti)

2 28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO REGOLAMENTO RUR (L. Miconi) 4. I NUOVI FLUSSI INFORMATIVI (G. Gioga) 5. FUNZIONI E ASSEGNAZIONI DEI MEDICI COORDINATORI (C. Corti)

3 TAVOLO TECNICO Rappresentanti EE. LL. Tecnici ULL 16 Rappresentanti Enti Gestori Terzo settore PRESENTAZIONE richieste da parte di Enti Gestori su R.S.A. altre strutture residenziali Centri Diurni e Progetti LINEE GUIDA REGIONALI ESAME e VALUTAZIONE delle richieste CONDIVISIONE di una proposta sintetica PRESENTAZIONE della proposta sintetica allEsecutivo dei Sindaci per un primo PARERE APPROVAZIONE definitiva del Documento di ri-pianificazione da parte della Conferenza dei Sindaci INVIO in Regione AREA ADULTI ANZIANI 1. RIPIANIFICAZIONE 2013 PIANI DI ZONA

4 RI-PIANIFICAZIONE 2013 PIANI DI ZONA ULSS 16 CRITERI DI VALUTAZIONE VINCOLI POSTI DALLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE con riferimento alle diverse tipologie di struttura RISORSE DISPONIBILI/ATTIVABILI a livello territoriale TERRITORIALIZZAZIONE (servizi nel territorio, indicatori demografici e di salute) VINCOLI posti dalla VIABILITA TEMPISTICA di realizzazione SOSTENIBILITA NEL TEMPO dellattività proposta

5 Recente emanazione degli standards per Ospedali di comunità e per URT. Attesa per programmazione dei posti Sotto utilizzo di posti in Centri Diurni già attivi Limitazioni regionali alla programmazione di incremento posti nei Centri Diurni POTENZIALITA DA SVILUPPARE Applicazione nuovo Regolamento su inserimenti residenziali con nuove modalità di Gestione Registro Unico di Residenzialità - RUR CRITICITA

6 CENTRI SERVIZIO ANZIANI 1° livello (ridotto minimo) Posti pubblici convenzionati1070 Posti privati convenzionati1018 2° livello (medio) Posti pubblici convenzionati250 Posti privati convenzionati223 CENTRI DIURNI Posti pubblici convenzionati 90 Posti privati convenzionati112 STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI NELLULSS 16 Ospiti nel ALCUNI DATI

7 28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO REGOLAMENTO SUL RUR (L. Miconi) 4. I NUOVI FLUSSI INFORMATIVI (G. Gioga) 5. FUNZIONI E ASSEGNAZIONI DEI MEDICI COORDINATORI (C. Corti)

8 2. Il fabbisogno e i posti accreditabili Fabbisogno stimato (dgrv 164/2001) Quota del 25% 667 TOTALE POSTI ACCREDITABILI 3.334

9 POSTI LETTO PROGRAMMATI POSTI LETTO ESISTENTI INCREMENTO INCREMENTO TOTALE POSTI PROGRAMMATI 2.988

10 POSTI LETTO PROGRAMMABILI FABBISOGNO + 25% POSTI PROGRAMMATI POSTI LETTO PROGRAMMABILI = 346

11 IMPEGNATIVE ASSEGNATE PRIMO LIVELLO1.908 SECONDO LIVELLO 394 RELIGIOSI 39 SVP 30 TOTALE ASSEGNATO2.371

12 28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO REGOLAMENTO RUR (L. Miconi) 4. I NUOVI FLUSSI INFORMATIVI (G. Gioga) 5. FUNZIONI E ASSEGNAZIONI DEI MEDICI COORDINATORI (C. Corti)

13 CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (1) ARTICOLI ART. 1: - LA LIBERTA DI SCELTA- ART. 2: - LA DOMANDA- ART. 3: - LUNITA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE- ART. 4: - LE GRADUATORIE- ART. 5: - AMMISSIONE IN STRUTTURA, LA GESTIONE DELLIMPEGNATIVA ART. 6: -RINUNCIA ALLINGRESSO- ART. 7: -MOBILITA DEI CITTADINI-

14 LA GRADUATORIA ART. 4 INSERIMENTO DI 365 GIORNI LOBBLIGO DELLINSERIMENTO DELLE PREFERENZE DA PARTE DEI DISTRETTI SOCIO SANITARI, SULLA BASE DELLE SCELTE DELLUTENZA I CENTRI SERVIZI VEDRANNO SOLO GLI ASSISTITI CHE ESPRIMONO LA PREFERENZA PER LA LORO STRUTTURA

15 LAMMISSIONE IN STRUTTURA, LA GESTIONE DELLIMPEGNATIVA DI RESIDENZIALITA ART. 5 (1) LAZIENDA ULSS 16 ACCERTA LA DISPONIBILITA DELLIMPEGNATIVA, VERIFICA LE PREFERENZE, INFORMA LA PRIMA PERSONA IN GRADUATORIA E DÀ CONTESTUALMENTE COMUNICAZIONE AL CENTRO SERVIZI PRESCELTO DAL CITTADINO LAZ. ULSS 16 EMETTE LIMPEGNATIVA E IL CENTRO SERVIZI AVVIA LINSERIMENTO ENTRO 3 GIORNI LAVORATIVI PENA LA REVOCA DELLIMPEGNATIVA

16 LAMMISSIONE IN STRUTTURA, LA GESTIONE DELLIMPEGNATIVA DI RESIDENZIALITA ART. 5 (2) LAZIENDA ULSS 16 PUO DEROGARE FINO AD UN MASSIMO DI 5 IMPEGNATIVE (N. 3 DI PRIMO LIVELLO E N. 2 DI SECONDO LIVELLO), PER SITUAZIONI URGENTI ADEGUATAMENTE MOTIVATE LA MOTIVAZIONE VIENE REGISTRATA IN NOTA ALLINTERNO DEL RUR

17 LA RINUNCIA ALLINGRESSO IN STRUTTURA ART. 6 LA RINUNCIA DELLINTERESSATO ALLINGRESSO NEI VARI CENTRI SERVIZI COMPORTA LA SOSPENSIONE DAL RUR PER SEI MESI UNA SECONDA RINUNCIA COMPORTA LA SOSPENSIONE DEFINITIVA

18 Norme finali ART. 14 Lingresso presso i Centri Servizi in deroga rispetto alletà anagrafica viene autorizzato direttamente dal Direttore Servizi Sociali e della Funzione Territoriale Le eventuali controversie sullapplicazione del presente regolamento sono di competenza Direttore Servizi Sociali e della Funzione Territoriale

19 28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO REGOLAMENTO RUR (L. Miconi) 4. I NUOVI FLUSSI INFORMATIVI (G. Gioga) 5. FUNZIONI E ASSEGNAZIONI DEI MEDICI COORDINATORI (C. Corti)

20 OGGETTO DI RILEVAZIONE 4. I NUOVI FLUSSI INFORMATIVI i trattamenti di assistenza residenziale e semiresidenziale extraospedaliera per persone anziane e altri non autosufficienti, titolari di impegnativa di residenzialità/quota di rilievo sanitario. i trattamenti assistenziali derivanti da accoglimenti diretti di persone non autosufficienti, in possesso di valutazione multidimensionale effettuata con lo strumento SVaMA. i trattamenti assistenziali rivolti a persone autosufficienti ospiti di nuclei/sezioni/UDO per autosufficienti allinterno di centri di servizio per persone non autosufficienti e ospiti in case per persone anziane autosufficienti, autorizzate o accreditate o con provvedimento in itinere.

21 La valutazione multidimensionale Valutazione allammissione. Viene effettuata dall'UVMD in seguito alla prima richiesta di accesso alla rete dei servizi residenziali. Ri-valutazione periodica. Viene effettuata dalla UOI interna alla struttura, con cadenza trimestrale, come previsto dal Flusso FAR, per gli ospiti con impegnativa di residenzialità/quota. Viene altresì effettuata per gli ospiti non autosufficienti e autosufficienti privi di impegnativa di residenzialità. Utilizzo di SVaMA. In realtà, AL MOMENTO, trimestralmente occorre aggiornare le SVAMA, se si modificano le condizioni del paziente. La UOI deve essere fatta ANNUALMENTE (salvo diverse indicazioni …). Rivalutazione straordinaria. E effettuata dall'UVMD qualora vi sia la necessità di effettuare una nuova valutazione per lemissione di una impegnativa di diverso livello o per il passaggio da una impegnativa temporanea ad una impegnativa definitiva

22 Ammissione, dimissione, trasferimento deve essere alimentata a cura delle Aziende ULSS presso le quali insistono le UDO per tutti gli utenti presenti. Da sottolineare: Il campo Totale della quota alberghiera giornaliera a carico dell'utente Il campo Soggetto pagante rileva il soggetto pagante la quota alberghiera. I valori previsti sono: utente (in toto o con la compartecipazione della famiglia); utente o famiglia parzialmente (con la compartecipazione del Comune); Comune (in toto); paziente ex OP Valorizzazione di alcuni indicatori di qualità assistenziale, che devono essere rilevati e forniti con la medesima frequenza del Tracciato ADT: cadute (numero e distinzione), lesioni da decubito (presenza e classificazione), presenza di catetere urinario, numero di infezioni urinarie e non urinarie, presenza di contenzione

23 Rilevazione degli indicatori di qualità assistenziale dove reperire istruzioni In particolare: allegato 2 alla nota del Segretario regionale alla Sanità prot. n del 19 marzo ioneadtdefinizionedicontenzione cadute (numero e distinzione), lesioni da decubito (presenza e classificazione), presenza di catetere urinario, numero di infezioni urinarie e non urinarie, presenza di contenzione Saranno inserite in analogia ai movimenti, in SID ADI, indicativamente da luglio 2013

24 Rilevazione dati dellUdO Sostituisce rilevazione Dgrv 216/2010 Annuale: dati sulle attività, sul personale ed i relativi costi e altre informazioni sullorganizzazione del servizio

25 28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO REGOLAMENTO RUR (L. Miconi) 4. I NUOVI FLUSSI INFORMATIVI (G. Gioga) 5.FUNZIONI E ASSEGNAZIONI DEI MEDICI COORDINATORI (C. Corti)

26 Ospedale e strutture residenziali hanno due mission diverse. Il paziente va in ospedale perché sta male Il paziente necessita di cure residenziali perché è diventato fragile e disabile Cura della malattia Recupero stabilizzazione palliazione Infermiere lavora per compiti Infermiere case manager Focus su malattie, diagnosi e procedure Focus su funzionalità e prognosi Le Strutture residenziali extraospedaliere

27 acuta o cronica riacutizzata Diagnosi di malattia ICD 9 –CMRiacqaisizione liv. di salute Curare la malattia, se possibile guarire OSP. PER LIVELLI Medico ospedal. Inferm. per compiti post-acuta o cronica funzionalità - non riserva adl iadlDisabilità definitiva adattarsi alla disabilità RSA Osp. di comunita o SAPA MMG, Geriatra, inf. case manager FASE DELLA MALATTIA FOCUS PRINCIPALE CLASSIFICO CON BISOGNO PRIMARIO DATO DA PROGNOSI - PROGETTO SETTING secondo PSSR PERSONALE: post-acuta o cronica funzionalità - recupero barthel o performance perdita abilitàrecuperare le abilita RSA Osp. di comunita URT MMG, fkt, fisiatra, inf. case manager, terminaleQualità di vitakarnofky scale dolore Controllo dolore e sintomi Accompagnam ento con dignità Hospice o Osp. di comunita RSA MMG, Palliativista- NCP Ospedale = diagnosi, terapia, procedure Territorio = funzionalita, traiettoria prognostica Framework concettuale della malattia (modificato da Boyd)

28 Misurare lo stato funzionale allingresso e periodicamente con strumenti multidimensionali Formulare una ipotesi tra le 3 traiettorie prognostiche (recupero, stabilizzazione, palliazione) in un soggetto con multimorbilita e disabilita. Monitorare periodicamente lo stato funzionale e la corrispondenza tra atteso (traiettoria prognostica ipotizzata allingresso) e osservato (effettiva traiettoria vissuta) in equipe (UOI). Punti focali per il pz in RSA

29 Garantire la qualita della erogazione di prestazioni considerate standard* nella residenzialita per anziani = contenuto assistenziale della quota di rilievo sanitario: A.Supervisione e sorveglianza a soggetti con mobilità ridotta, decadimento cognitivo e disturbi del comportamento. B.Assistenza nelle attività strumentali della vita quotidiana (iADL) (tra cui assunzione dei farmaci, trasporto e accompagnamento) C.Assistenza nelle attività della vita quotidiana (ADL: mangiare, lavarsi, vestirsi, camminare, trasferirsi, usare il WC/bagno) * Legge 22/2004 e DGR 84/2007Legge 22/2004 e DGR 84/2007 Coordinamento sanitario nei CS

30 Garante della applicazione della convenzione per prestazioni sanitarie e di riabilitazione tra ULSS e Centro Servizi che sono il contenuto assistenziale della quota sanitaria: Attivita di Medicina Generale Attivita di coordinamento sanitario Attivita specialistica e di riabilitazione * DGR 3856 del 2004, pag 9 e documento internoDGR 3856 del 2004documento interno Coordinamento sanitario nei CS

31 Riferimento DGRDescrizione attivita 1.Garantire il rispetto degli impegni contrattuali sottoscritti dal MMG e loro sostituti operanti nella struttura (art. 4 della DGR) Conoscenza e sorveglianza delle attivita e compiti dei MMG nei centro servizi 2.Rispetto dei progetti assistenziali e sanitario/riabilitativi elaborati dalla UVMD e/o UOI Conoscenza dei progetti assistenziali elaborati in UVMD e in UOI Att.tà di coordinamento sanitario c/o CS (DGRV 3856/2004)

32 Riferimento DGRDescrizione attivita 3.Presenza del medico coordinatore nelle valutazioni periodiche interne alla struttura Partecipazione attiva alle valutazioni periodiche con controllo della corrispondenza tra profilo dellospite descritto ed osservato 4.Garantire il rispetto degli impegni contrattuali sottoscritti dal medico di medicina generale e dai loro sostituti operanti nella struttura Controllo della registrazione e rispetto delle presenze secondo orari concordati con il CS

33 Att.tà di coordinamento sanitario c/o CS (DGRV 3856/2004) Riferimento DGRDescrizione attivita 5.Attivare i singoli protocolli di assistenza medica programmata ai nuovi ospiti non autosufficienti accolti nella struttura Controllo della tempestivita della presa in carico del nuovo ospite con esecuzione della UOI e predisposizione PAI entro un mese 6.Confrontare gli elenchi degli ospiti ammessi a vario titolo al rimborso delle spese di rilievo sanitario che lEnte e tenuto a trasmettere agli enti deputati al pagamento Verifica corrispondenza elenchi con presenze effettive

34 Att.tà di coordinamento sanitario c/o CS (DGRV 3856/2004) Riferimento DGRDescrizione attivita 7. Riferire con periodicita sul rispetto degli standard organizzativi dichiarati dall Ente in collaborazione con IP/coord infermieristico ULSS Raccogliere almeno trimestralmente dati relativi agli standard di personale (IP, OSS, ass sociali, EP, psicologo etc.) in rapporto al numero, profilo di autonomia e livello degli ospiti. 8. Riferire nel caso di presenza di ospiti non autosufficienti superiori a quelli ammessi al contributo, sul rispetto degli standard organizzativi e strutturali dovuto al maggior numero di ospiti presenti Raccogliere almeno trimestralmente dati relativi agli standard di personale in rapporto al numero e profilo di autonomia degli ospiti senza contributo, che non deve superare il 10%.

35 Att.tà di coordinamento sanitario c/o CS (DGRV 3856/2004) Riferimento DGRDescrizione attivita 9.Assicurare la fornitura dei farmaci, degli stupefacenti, dei prodotti nutritivi artificiali, dei disinfettanti e delle protesi e ausili nelle modalita e forme previste dagli art. 8 e 9. Verificare periodicamente giacenze e scadenze di farmaci vigilando sulleccesso o difetto di scorte presso i magazzini di reparto o di struttura. 10.Assicurare periodicamente la corretta tenuta dei diari clinici dei singoli ospiti non autosufficienti presenti nella struttura Verificare la presenza nel diario/scheda clinica di es. obiettivo, diagnosi, eventi clinici rilevanti, (infezione urinaria o di altra infezione, lesioni da decubito, cadute con conseguenze cliniche, aggiornamento/riconciliazione almeno mensile delle prescrizioni farmacologiche)

36 Att.tà di coordinamento sanitario c/o CS (DGRV 3856/2004) Riferimento DGRDescrizione attivita 11. Assicurare il rispetto delle prestazioni sanitarie, preventive, e diagnostiche, di cui allart. 6 della 3856 Verificare lappropriatezza e lerogazione di prestazioni richieste in loco e di altre eseguite, con trasporto, presso strutture esterne 12.Vigilare sulla corretta modalita duso degli ausili di contenzione, prescritti dal medico curante, nellambito dei programmi terapeutici riabilitativi personalizzati. Verificare la diligente annotazione nel diario clinico della prescrizione di contenzione, delle motivazioni e della durata, inclusa la presenza della firma di consenso da parte dellospite o del familiare o dellAdS

37 Att.tà di coordinamento sanitario c/o CS (DGRV 3856/2004) Riferimento DGRDescrizione attivita 13.Adeguata e periodica presenza presso la struttura Da commisurare al numero di ospiti e di MMg da coordinare 14.Presenza alle attivita delle Unita Operative Interne di cui garantisce la regolare esecuzione Costante presenza alle UOI, precedute da un incontro di persona con lospite. 15.Revisione della profilazione SVAMA periodica e dell invio del flusso di dati dal CS alla ULSS Garantisce il periodico aggiornamento della profilazione SVAMA e sugli eventi sentinella, vigilando sui flussi di dati dal CS allazienda ULSS


Scaricare ppt "28 maggio 2013 Incontro con i CdS 1. LA RIPIANIFICAZONE TERRITORIALE 2013 (G. Zulian) 2. FABBISOGNO – POSTI LETTO –IMPEGNATIVE (D. Salvato) 3. IL NUOVO."

Presentazioni simili


Annunci Google