La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

D ALLA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DELLE PRIME ESPERIENZE Ermanno Turco Presidente del Nucleo di Valutazione del Conservatorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "D ALLA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DELLE PRIME ESPERIENZE Ermanno Turco Presidente del Nucleo di Valutazione del Conservatorio."— Transcript della presentazione:

1 D ALLA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DELLE PRIME ESPERIENZE Ermanno Turco Presidente del Nucleo di Valutazione del Conservatorio Guido Cantelli di Novara

2 I NTRODUZIONE : I L N UCLEO DI V ALUTAZIONE DEL C ONSERVATORIO G. C ANTELLI DI N OVARA Nucleo costituito con delibera del Consiglio di Amministrazione dellIstituto il giorno 6 ottobre Il Nucleo si è insediato il 14 gennaio Tre componenti: un membro interno (M° V. Cerutti) e due membri esterni (Prof. P. Laporta, professore universitario; ing. E. Turco ex manager di azienda e consulente di direzione). Dal regolamento del Nucleo : …il Nucleo di Valutazione redige un piano programmatico triennale indicando le priorità di monitoraggio, gli obiettivi da conseguire con le relative tempistiche e le attività del Nucleo di Valutazione connesse al raggiungimento degli obiettivi. Il piano viene aggiornato con cadenza annuale. 2 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

3 D ALLA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DELLE PRIME ESPERIENZE A GENDA La definizione del un piano triennale. La fase progettuale Il piano e le prime azioni La indagine sulla Valutazione Complessiva degli Studenti Gli elementi del questionario Alcuni risultati Conclusioni 3 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

4 L A DEFINIZIONE DEL P IANO TRIENNALE Le attività per la definizione del Piano Triennale sono state scomposte in due fasi: 1. Fase 1 : Il progetto a) Definizione di una lista di aree di monitoraggio coerente con le esigenze dellIstituto. b) Assegnazione alle aree di monitoraggio della priorità di intervento, scelta tra 3 possibilità : interventi per il 1° anno, per il 2° anno, per il 3° anno. 2. Fase 2 : Stesura del Piano a) Produzione un piano lavori di dettaglio per gli interventi del 1° anno, ed una pianificazione di massima per gli interventi degli altri due anni. 4 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

5 L A DEFINIZIONE DEL P IANO T RIENNALE : LA FASE PROGETTUALE Allo scopo di definire la lista delle aree da monitorare ed individuare le priorità di intervento, il Nucleo si è, inizialmente, interrogato sugli aspetti valutabili coinvolgendo anche la Direzione per mettere a fuoco le esigenze emerse negli anni precedenti. Successivamente, il Nucleo ha condotto un numero limitato di interviste sia a docenti che a studenti per espandere ad altri in Istituto la indagine. Nelle interviste sono state incluse, oltre alla Dirigenza dellIstituto, due rappresentanti del corpo docente e due rappresentanti degli studenti. 5 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

6 Esempio di report delle interviste a docenti e studenti 1/2 6 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

7 Esempio di report delle interviste a docenti e studenti 2/2 7 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

8 L A DEFINIZIONE DEL P IANO T RIENNALE : IL PIANO E LE PRIME AZIONI Indagine presso gli studenti del nuovo ordinamento (tutti) e del vecchio ordinamento (limitatamente a quelli del periodo medio e superiore) in merito alla loro soddisfazione sulle tre aree di monitoraggio individuate per il primo anno. Divulgazione dei risultati a livello Istituto sul Sito del Conservatorio. Edizione di un documento con i risultati dettagliati della indagine dedicato ai docenti. Il Piano Triennale Le prime azioni 8 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

9 I L QUESTIONARIO PER LA INDAGINE SULLA V ALUTAZIONE C OMPLESSIVA DEGLI S TUDENTI 1/3 Il questionario è stato suddiviso in più sezioni, ciascuna dedicata allapprofondimento di un tema specifico: 1. Organizzazione dei Corsi di studio 2. Organizzazione degli Insegnamenti 3. Attività didattiche e Attività di studio 4. Servizi e Supporti alla Didattica 5. Interesse e Soddisfazione 6. Immagine e Comunicazione Nel questionario è stata inclusa anche una parte introduttiva per raccogliere informazioni anonime in merito al Corso di appartenenza (Nuovo o Vecchio Ordinamento) e al Dipartimento o ai Dipartimenti di in merito alla residenza (se fuori o dentro la Provincia di Novara, ovvero in città) come pure sulleventuale coinvolgimento in attività artistiche esterne al Conservatorio. 9 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

10 I L QUESTIONARIO PER LA INDAGINE SULLA V ALUTAZIONE C OMPLESSIVA DEGLI S TUDENTI 2/3 Organizzazione dei Corsi di studio (5 domande): indaga sul carico di studi complessivo, la struttura oraria dei Corsi, la informazione fornita sulle tempistiche degli esami ed ancora sulle opportunità fornite in termini di sviluppo di competenze collaterali e la qualità dellofferta formativa. Organizzazione degli Insegnamenti ( 3 domande): sonda più nel dettaglio gli insegnamenti allinterno dei corsi, considerando gli obiettivi, i programmi, le modalità di esame, come pure gli orari e lo svolgimento dellattività didattica e la disponibilità dei docenti. Attività didattiche e Attività di studio (11 domande): le domande sono focalizzate su docenti e studenti, materie e materiali di studio. 10 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

11 11 A LCUNI R ISULTATI : ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI STUDIO Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

12 12 A LCUNI R ISULTATI : ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI STUDIO Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

13 I L QUESTIONARIO PER LA INDAGINE SULLA V ALUTAZIONE C OMPLESSIVA DEGLI S TUDENTI 3/3 Servizi e Supporti alla Didattica (6 domande): è dedicata ai servizi del Conservatorio, come la biblioteca ed i supporti informatici. Interesse e Soddisfazione Generale (5 domande): ha lo scopo di riassumere interesse e soddisfazione generale per gli argomenti dei corsi, la preparazione acquisita ed il Conservatorio nel suo complesso. Immagine e Comunicazione (2 domande): indaga su come è comunicata la produzione artistica del Conservatorio e laccesso alle informazioni 13 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

14 14 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara Parma 14/03/2009

15 Il Nucleo di Valutazione del Conservatorio G. Cantelli ritiene che un piano programmatico triennale sia uno strumento efficace di gestione delle attività. Le priorità di monitoraggio allinterno del piano sono state definite utilizzando lo strumento delle interviste ed il confronto diretto con lIstituto. Lindagine sulla valutazione complessiva da parte degli studenti del Conservatorio, effettuata a fine maggio 2008, si è dimostrata uno strumento estremamente utile ed efficace per evidenziare alla Direzione dellIstituto aspetti positivi e criticità dellattuale organizzazione dei corsi di studio, della didattica erogata dal Conservatorio e, più in generale, sulla comunicazione e soddisfazione complessiva. C ONCLUSIONI Parma 14/03/2009 Ermanno Turco - Conservatorio G. Cantelli - Novara 15


Scaricare ppt "D ALLA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DELLE PRIME ESPERIENZE Ermanno Turco Presidente del Nucleo di Valutazione del Conservatorio."

Presentazioni simili


Annunci Google