La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Teoria dello Stato e del Controllo Sociale Lezione 12 Corso di Formazione in Sicurezza e Mitigazione del Rischio Milano, 12 marzo 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Teoria dello Stato e del Controllo Sociale Lezione 12 Corso di Formazione in Sicurezza e Mitigazione del Rischio Milano, 12 marzo 2009."— Transcript della presentazione:

1 Teoria dello Stato e del Controllo Sociale Lezione 12 Corso di Formazione in Sicurezza e Mitigazione del Rischio Milano, 12 marzo 2009

2 Howard Becker e letichettamento H.Becker (Outsiders, 1963: pagg ) Chi è loutsider? Becker parte da unequiparazione outsider = deviante. Outsider è colui che infrange norme comunemente accettate nella società Cosè la devianza? Tre tipi di interpretazione: devianza statistica; devianza patologica (comportamento non funzionale al sano funzionamento del corpo sociale); devianza relativistica (violazione delle norme vigenti in una società spazio-temporalmente definita). Inadeguatezza di tutte queste interpretazioni Limportanza della reazione pubblica come processo sociale nella definizione della devianza: la devianza si costituisce a partire dal processo di etichettamento di un determinato comportamento come deviante e dallapplicazione di una serie di sanzioni a coloro che sono accusati di averlo praticato

3 Howard Becker e il potere H.Becker (Outsiders, 1963: pagg ) Chi è loutsider? Per chi viene considerato outsider (deviante), loutsider potrebbe essere anche colui che ha stabilito la norma in base alla quale egli è definito come outsider. Concezione pluralista e conflittuale della società: norme sociali diverse sono create e considerate vincolanti da gruppi sociali differenti che però coesistono nella stessa società Limportanza del punto di vista: chi viene considerato deviante potrebbe avere un punto di vista diverso sulla reale portata deviante del comportamento che gli viene attribuito perché considera cogenti norme diverse rispetto a quelle di chi attribuisce letichetta Il potere politico e comunicativo condiziona la possibilità di imporre il rispetto di determinate regole anche al di fuori dei gruppi al cui interno esse sono inizialmente state concepite

4 Howard Becker e la carriera deviante H.Becker (Outsiders, 1963: pagg ) Non è possibile comprendere in che modo i diversi fattori che possono produrre un comportamento deviante riescano a combinarsi e a produrlo nella realtà sociale (analisi multifattoriale) se non si parte da una prospettiva dinamica: modello sequenziale di devianza Il concetto collegato a tale impostazione nello studio della devianza è quello di carriera: allinterno di un ruolo deviante ogni soggetto attraversa una progressione di fasi e di passaggi di status allinterno delle quali i fattori che producano devianza si combinano in modo differente, a seconda del livello di devianza raggiunto Da dove parte una carriera deviante? Non esistono casi patologici (in senso clinico o sociale): tutte le persone sono sottoposte a stimoli di tipo deviante, pur restando agganciate ad una tensione di fondo verso la conformità sociale. La spinta al comportamento deviante deriva da motivazioni socialmente apprese (commitments)

5 Howard Becker e le subculture devianti H.Becker (Outsiders, 1963: pagg ) Lappartenenza ad un gruppo considerato deviante rafforza lidentità deviante del singolo soggetto: razionalizzazione della subcultura deviante e tecniche di neutralizzazione Lappartenenza ad un gruppo deviante rende più agevole (sia da un pdv morale che da un pdv professionale) lapprendimento del repertorio di tecniche e saperi legati al comportamento deviante Lappartenenza ad un gruppo deviante rende lindividuo più ostile nei confronti delle norme e istituzioni della cultura ufficiale che condannano e definiscono in termini di devianza il comportamento praticato nel gruppo

6 Howard Becker e le subculture devianti H.Becker (Outsiders, 1963: pagg ) Il controllo sociale influenza il comportamento individuale attraverso sanzioni coercitive / afflittive (di tipo morale o giuridico) ed orientamenti motivazionali alle opinioni ed alle azioni In ogni subcultura deviante vi sono diverse fasi di appartenenza che rendono possibile al soggetto elaborare strategie di contenimento dei meccanismi di controllo Più un individuo progredisce nella sua appartenenza alla subcultura deviante, meno il controllo sociale riesce a far presa sullindividuo, grazie allapprendimento di tecniche, giustificazioni e allamplificazione delle razionalizzazioni e delle reazioni ostili al controllo sociale

7 Per ogni ulteriore domanda o suggerimento relativamente alla lezione:


Scaricare ppt "Teoria dello Stato e del Controllo Sociale Lezione 12 Corso di Formazione in Sicurezza e Mitigazione del Rischio Milano, 12 marzo 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google