La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il progetto Sopravvivere alla sepsi nel Policlinico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il progetto Sopravvivere alla sepsi nel Policlinico."— Transcript della presentazione:

1 Il progetto Sopravvivere alla sepsi nel Policlinico

2 IN-HOSPITAL PROGRAM 2004 REGIONAL PROGRAM 2005

3 Phase 1 Barcelona declaration (2002) Phase 2 Evidence based guidelines (2004) Phase 3 Implementation and education (underway) Acute conditionMortality rate (%) Sepsis28–50* AMI2.7–9.6 Stroke9.3 Ruptured abdominal aortic aneurysm50.0–73.3 § MISSION 1) Increase awareness, understanding and knowledge 2) Define standards of care in severe sepsis 3) Reduce the mortality associated with sepsis by 25% over the next 5 years

4 PROBLEMA # 2: OBIETTIVI e PROGETTAZIONE..obiettivo di promuovere il trasferimento nella pratica di interventi assistenziali di provata efficacia nel ridurre la mortalità attribuibile alla sepsi grave..

5 PROBLEMA # 2: OBIETTIVI e PROGETTAZIONE Monitoraggio continuo delle innovazioni Monitoraggio continuo delle innovazioni sulla sepsi Promozione della loro diffusione attraverso RETE regionale Promozione della loro diffusione attraverso RETE regionale: Programmi di formazione programmi e strumenti di audit clinico Valutazione dellimpatto degli interventi Valutazione dellimpatto degli interventi: fonti informative correnti database clinico per tutti i pazienti in terapia intensiva miglioramento delle conoscenze programmi di audit clinico Valutazione del profilo rischio-beneficio degli interventi farmacologici Valutazione del profilo rischio-beneficio degli interventi farmacologici, con valutazioni di efficacia incerte o incomplete

6 PROBLEMA # 3: FORMAZIONE Costituzione della rete TEAM OSPEDALIERO MINIMO : (1) Anestesista/Rianimatore (2) Infermiere area intensiva, (3) Medico Direzione Sanitario, (4) Medico PS (5) Infettivologo/microbiologo (o specialista orientato alle infezioni) (6) Infermiere addetto alla sorveglianza infezioni, (7) un componente del Comitato Infezioni Ospedaliero

7 STEP 1: FORMAZIONE TEAM OSPEDALIERI Corsi residenziali di 3 gg in diverse sedi ER Contenuti: dallincidenza della sepsi allorganizzazione di un ospedale. Presentazioni frontali, lavori di gruppo, discussioni casi clinici con simulazione 5 edizioni da OTT 2006 a SETT FORMATI 25 TEAM OSPEDALIERI (50 Rianimatori, 23 Medici durgenza, 18 Infettivologi, 47 Medici di direzione sanitaria, 46 Infermieri)FORMATI 25 TEAM OSPEDALIERI (50 Rianimatori, 23 Medici durgenza, 18 Infettivologi, 47 Medici di direzione sanitaria, 46 Infermieri) PROBLEMA # 3: FORMAZIONE

8 PROBLEMA # 2: OBIETTIVI e PROGETTAZIONE Gruppo di progetto 2 Anest/Rian 1 Med DS 1 Med Infettivologo 1 Med Interno Gruppo di Lavoro Aziendale 9 Medici U.O. frequenti sepsi 3 Infermieri U.O. frequenti sepsi 1 Microbiologo 1 Laboratorio analisi 1 Farmacia 1 Ufficio Qualità 1 Infermierie Sorveglianza Infezioni

9 OBIETTIVO PRIMARIO: migliorare la prognosi dei pazienti con sepsi grave nel Policlinico di Modena OBIETTIVI SECONDARI: ottimizzare il trattamento della sepsi e lutilizzo di nuovi farmaci ad alto costo ridurre i tempi di degenza (e quindi la spesa sanitaria) per il paziente con sepsi sviluppo e attivazione di eventuali progetti di ricerca. PROBLEMA # 2: OBIETTIVI e PROGETTAZIONE

10 FORMAZIONE * CORSO BASE: 2 edizioni 2004 (max. 50 pers) + 4 edizioni 2005 (max. 80 pers) + 3 edizioni 2006 (max. 80 pers) + 2 edizioni 2007 (max. 80 pers) + 2 edizioni 2008 (max. 80 pers) CORSO AVANZATO + REFRESH 4 edizioni 2005 (max. 30 pers) + 3 edizioni 2006 (max. 30 pers) + 1 edizioni 2007 (max. 30 pers) + 2 edizioni 2008 (max. 50 pers) Partecipazione MEDICI STRUTTURATI200 (di 400) INFERMIERI450 (di 950) MEDICI IN FORMAZIONE 150 Totale800 PROBLEMA # 3: FORMAZIONE *dal 2007 obiettivo Budget U.O.

11 STEP 2: FORMAZIONE AZIENDALE Analisi FEBBRAIO 2009 PROBLEMA # 3: FORMAZIONE

12 PERFORMANCE e OUTCOME CLINICAL and ORGANIZATIONAL PROTOCOLS - pre- ICU - ICU PERORMANCE MEASUREMENT - Sepsis incidence - Sepsis management EDUCATION INFORMATION - Hospital Managers - Nurses, Doctors - Patients REPARTI NON INTENSIVI TEAM SEPSI T INTENSIVA

13 AGENDA Dicembre 2006– 15 Gennaio 2007 (1 mese) Malattie Infettive 15 Marzo 2007 – 15 Aprile 2007 Chirurgia Urgenza, Chirurgia Trapianti, Chirurgia Vascolare, Urologia 15 Maggio 2007 – 15 Guigno 2007 Medicina II, Pneumologia, Nefrologia REPARTI NON INTENSIVI 2005 vs 2007 AGENDA Novembre 2004 – 15 Gennaio 2005 Malattie Infettive 15 Marzo 2005 – 15 Aprile 2005 Chirurgia Urgenza, Chirurgia Trapianti, Chirurgia Vascolare, Urologia 16 Aprile 2005 – 16 Maggio 2005 Medicina II, Pneumologia, Nefrologia

14 Studiati 2005 Studiati 2007 No Sepsi 2005 No Sepsi 2007 Sepsi+ Sepsi severa 2005 Sepsi+ Sepsi severa 2007 TOTALE n paz/% (92,4%) 508 (93%) 49 (7,6%) 38 (7,0%) Chirurgie (30 gg) (91,7%) 232 (94,6%) 19 (8,3%) 13 (5,4%) Medicine+ m. infettive(3 0 gg) (92,7%) 276 (91,6%) 30 (6,3%) 25 (8,4%) LOS H (gg) ,0±20,220,1±21,2 Mortalità 30 gg (%) ??5 (12%)1(2,6%) REPARTI NON INTENSIVI 2005 vs 2007

15 REPARTI NON INTENSIVI 2005 vs 2007: con M.I.

16 PROBLEMA # 4: PROTOCOLLI e OPERATIVITA

17 TEAM SEPSI GIUGNO 2006 – DICEMBRE 2008 TOTALE PAZIENTI 232 PAZIENTI MESE: 7,4 ± 3,9CHIAMATE PER PAZIENTE: 1, 3 ± 0,9 ATTIVAZIONE CORRETTA : 82%RICOVERI ICU: 111 (48%)

18 TEAM SEPSI GIUGNO 06 – FEBBRAIO 08 DESTINAZIONE PAZIENTI PER STATO CLINICO ALLA CHIAMATA REPARTI TERAPIA INTENSIVA (a) rIcoverati in TI 2 chiamata per evoluzione quadro clinico (a) Tutti I pazienti = 112; ricoverati in TI 64 (57%); reparto ordinario 48 (43%)

19 No ICU *Sepsis*Severe*Shock*No sepsis Total patient (n;%) 4814 (0,29) 25 (0,52) 1 (a) (0,02) 8 (0,17) Mortality (n ;%)12 (0,25) 4 (0,29) 7 (0,28) 0 (0,00) 1 (0,13) TEAM SEPSI GIUGNO 06 – FEBBRAIO 08 NON RICOVERATI IN TI * CONDIZIONE CLINICA ALLA PRIMA VISITA TEAM SEPSI (a): Paziente delloncoematologia in isolamento e senza necessità di supporto respiratorio Catetere venoso centrale = posizionati 12 + presenti 4 = 16/48 (33%)

20 TEAM SEPSI GIUGNO 06 – AGOSTO 07 INDICATORI PERFORMANCE pazienti NON RICOVERATI IN TI: sepsi (n = 13) - sepsi severa (n = 14)- shock settico (n =1) sepsi severa + shock settico

21 TERAPIA INTENSIVA (01/ /2008) 203 PAZIENTI SEPSI SEVERA/SHOCK SETTICO 131 PAZIENTI ELEGGIBILI 129 PAZIENTI 44 SEPSI SEVERA 85 SHOCK SETTICO 72 esclusi: 49 CIRROTICI ATTESA OLT 23 OLT 2 DATI INSUFFICIENTI

22 TI ( ) sepsi severa/shock settico PERFORMANCE CLINICA INTERVENTI 6H INTERVENTI 24 H n =129

23 TI ( ) sepsi severa/shock settico MORTALITA TI e H GIViTI shock settico annoSAPS IIMort.H ±1862, ±1861,1 SAP S II 50±1658±2764±2456±1661±1656±2165±1954±17 FORMAZIONE TEAM SEPSI SAPS II Ospedale 30 GIORNI SHOCK SETTICO n = 85

24 TI ( ) sepsi severa/shock settico INTERVENTI e MORTALITA SAPS II SI COMPLETATO NO COMPLETATO * * * * p< 0,01 n =69

25 TI ( ) sepsi severa/shock settico INTERVENTI e MORTALITA Regressione Logistica Multivariata Mortalità H Variabili confondenti: età, sesso, sito infezione, SAPS II, SOFA, Shock. Variabili trattamento: singolo intervento, bundles, team sepsi OR95% CIp Source Control 0,1200,015-0,9600,045 Antibiotic 0,0860,007-1,0520,055 Fluidi 5,0071,260-19,900,022 6 H Bundles 0,2740,065-1,1520,077 Steroids 4,2381,13-15,820,032 rhAPC 0,2260,064-0,8030,021 Sepsis Team 0,2390,081-0,7030,009 n =129


Scaricare ppt "Il progetto Sopravvivere alla sepsi nel Policlinico."

Presentazioni simili


Annunci Google