La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Verifica di efficacia delle misure di prevenzione dell’esposizione occupazionale a cancerogeni Dario Mirabelli Unità di Epidemiologia dei Tumori – Università.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Verifica di efficacia delle misure di prevenzione dell’esposizione occupazionale a cancerogeni Dario Mirabelli Unità di Epidemiologia dei Tumori – Università."— Transcript della presentazione:

1 Verifica di efficacia delle misure di prevenzione dell’esposizione occupazionale a cancerogeni
Dario Mirabelli Unità di Epidemiologia dei Tumori – Università di Torino e CPO Piemonte Milano, 5 dicembre 2008

2

3 Manuale UICC Indirizzi per il download:
Dal sito UICC (http://www.uicc.org/ ) selezionare “What do we do” => “Cancer prevention and control” => “evidence-based cancer prevention” => “manuale per l’Europa” Molti argomenti della presentazione di oggi sono tratti dal capitolo “Esposizioni occupazionali”, scritto insieme a Franco Merletti Presentazione: Casi di studio: benzene, amianto, industria della gomma, polveri di legno Conclusioni

4 Benzene Coorte Pliofilm: il rischio di leucemia diminuisce all’aumentare del tempo trascorso dal termine esposizione, dovuta alla chiusura della lavorazione (Rinski et al. Am J Ind Med 2002;42: Silver et al. Am J Ind Med 2002;42:481-9). NB: esposizioni spesso > 200 ppm*anno Evidenza di potenziale efficacia della riduzione/eliminazione dell’esposizione Studi su coorti di esposti in Cina: evidenza di perpetuazione del rischio in popolazioni non protette in modo sufficiente (Hayes et al Am J Ind Med 2001;40:117-26). NB: esposizioni spesso < 200 ppm*anno

5 Amianto Tesi per cui continuare l’esposizione ad amianto dopo un’esposizione “iniziale” sarebbe irrilevante per il rischio di mesotelioma: la dose non conta, solo la latenza determina il rischio di malattia (Chiappino, Med Lav 2005;96:3-23, pag. 19). Non meno di 9 studi epidemiologici hanno trovato una relazione tra rischio di mesotelioma ed esposizione cumulativa (esterna), altri 5 quella con il carico polmonare di fibre. Non meno di 13 studi hanno mostrato un chiaro effetto della durata di esposizione, dopo aver corretto per la latenza.

6 Amianto (segue) T&N di Rochdale (UK): efficacia della riduzione dell’ esposizione (Peto et al. Ann Occup Hyg 1985;29: ) Eternit, minatori di Wittenoom, produzione di maschere antigas: diminuzione del rischio dopo la cessazione dell’esposizione (Magnani et al. Occup Environ Med 2007;65: – Berry et al. Occup Environ Med 2004; 61:e14 - McDonald et al. Occup Environ Med 2006;63:852-5) Incidenza di mesoteliomi: in Svezia (dal 1975 forti limiti all’uso di amianto) l’aumento si è fermato nella seconda metà degli anni ’90 (Burdorf et al. Int J Cancer 2005;113: )

7 Industria della gomma Eliminazione del Nonox-S e di prodotti similari dalla fine anni ’40 in UK (Nutt. Scand J Work Environ Health 1983; 9 (Suppl 2):49-57. E nel resto dell’Europa? Nel 1983 censito ancora l’uso di prodotti a base di -naftilamina, fenil--naftilamina e diaril-para-fenilendiamine con residui di -naftilamina e o-toluidina In parallelo al controllo del rischio da amine aromatiche: diffusione dell’uso di oli plastificanti aromatici Svariate segnalazioni in letteratura di persistenza di eccessi di mortalità/incidenza per cancro della vescica (es.: Straif et al Occup Environ Med 1998;55:325-32)

8 Polveri di legno Livelli di esposizione (associati all’insorgenza di adenocarcinomi delle fosse nasali e dei seni paranasali nell’industria del mobile in legno), High Wycombe, UK (Demers et al. Scand J Work Environ Health 1995;21:179-90): 8.5 (range: 2.0 – 32) mg/m3 nel (range: 0.3 – 53) mg/m3 nel 1983 Livelli di esposizione in SIREP (Scarselli et al. Occup Environ Med 2008;65:567-74): 1.6 (5-95° centile: ) mg/m3 tra il 1996 ed il 2006

9 Conclusioni Rarità degli studi di efficacia (è data per scontata?)
Trionfalismi che non hanno ragione di essere, sulla base di studi inadeguati (es.: Doll Brit J Ind Med 1955;12:81-6. Oppure: Wong, Raabe. Regul Toxicol Pharmacol 1997;26:188-99) Difficoltà di conduzione ed intepretazione: Latenza Difficoltà di caratterizzare le esposizioni

10 Conclusioni (segue) Caratteristiche di fondo degli interventi efficaci: A livello aziendale (igiene industriale): Sostituzione Lavorazione in ciclo chiuso o con confinamento stretto A livello nazionale/internazionale (politiche e regolamentazione): Divieti/restrizioni di impiego Misure di controllo esposizione Informazione (inclusa etichettatura) Difficoltà di applicazione dei paradigmi della “Evidence-Based Medicine” Su chi ricade l’onere della prova?


Scaricare ppt "Verifica di efficacia delle misure di prevenzione dell’esposizione occupazionale a cancerogeni Dario Mirabelli Unità di Epidemiologia dei Tumori – Università."

Presentazioni simili


Annunci Google