La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L UE e le pari opportunita ASSEMBLEA LEGISLATIVA Commissione VI "Statuto e Regolamento" Bologna, 23 Maggio 2011 Lorenza Badiello Responsabile del Servizio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L UE e le pari opportunita ASSEMBLEA LEGISLATIVA Commissione VI "Statuto e Regolamento" Bologna, 23 Maggio 2011 Lorenza Badiello Responsabile del Servizio."— Transcript della presentazione:

1 L UE e le pari opportunita ASSEMBLEA LEGISLATIVA Commissione VI "Statuto e Regolamento" Bologna, 23 Maggio 2011 Lorenza Badiello Responsabile del Servizio di collegamento della Regione Emilia-Romagna con lUE a Bruxelles

2 Indice LUE oggi e le pari opportunità LUE oggi e le pari opportunità Uguaglianza di genere nellUE Uguaglianza di genere nellUE Lazione dellUE Lazione dellUE Istituzioni, organi e reti europee Istituzioni, organi e reti europee Risorse finanziarie europee Risorse finanziarie europee Le regioni nellUE Le regioni nellUE Proposte Proposte

3 SUCCESSI Il risultato del più grande progetto politico- istituzionale del XX secolo UnUnione di valori e di diritti : uguaglianza, pace, democrazia, solidarietà, integrazione, divieto di ogni forma di discriminazione, prosperità e coesione, cittadinanza UnUnione tra i popoli dEuropaUnUnione tra i popoli dEuropa Una potenza economica : il più esteso mercato del mondo (500 Ml persone), l Euro Potere normativo : primato del diritto europeo sul diritto interno (aquis communautaire fondato su pagine). Il Trattato di Roma già prevedeva principio di parità (retribuzione e lavoro) Una potenza politica : integrazione, allargamento con effetto di trasformazione e stabilizzazione, il maggior donatore dEuropa Carta Europea dei Diritti Fondamentali con forza legale e cogente che include divieto per ogni forma di discriminazione Il Trattato di Lisbona (riaffermazione divieto dogni forma di discriminazione) SFIDE SFIDE Crisi economica – politica – sociale Nuovi equilibri politici nellEuropa a 27 Efficienza/efficacia del processo decisionale Nuova leadership politica europea : il presidente del Consiglio Europeo, lAlto Rappresentante e i 27 Stati Membri Ridefinizione delle politiche (anche per rispondere ai nuovi conflitti sociali) Implementazione delle agende politiche dellUE : in primis EUROPA 2020 Verso la riunificazione del continente (Balcani occidentali), nuovi allargamenti e crisi nel Mediterraneo Globalizzazione (cambiamenti demografici, migrazioni e welfare, inclusione sociale, sicurezza, dialogo interculturale, cambiamenti climatici) UE potenza mondiale : Competizione/cooperazione con le altre potenze (Usa, Giappone, BRICs e PVS), gestione delle crisi e capacità militari (Pesc/Pesd) Verso un nuovo consenso europeo : accrescere la partecipazione dei cittadini al processo di integrazione europea, in primis aumentando i tassi doccupazione, in particolare femminile. LUE oggi e le pari opportunità

4 Il concetto di pari opportunità nellUE In ambito europeo il concetto di equal opportunities è ampio: si tratta del diritto di godere delle medesime chances e di non subire discriminazioni in relazione al sesso, alla razza o all'origine etnica, alla religione o alle convinzioni personali, alla disabilità, all'età o all'orientamento sessuale.

5 Il dilemma europeo in materia di parità di genere Le donne continuano a guadagnare in media il 17.8% in meno degli uomini per ogni ora lavorata. Le donne continuano a guadagnare in media il 17.8% in meno degli uomini per ogni ora lavorata. Il divario di retribuzione donne-uomini registrato in Italia è del 4,9%. Il rischio di povertà è superiore per le donne che per gli uomini. Il rischio di povertà è superiore per le donne che per gli uomini. Le donne sono le principali vittime della violenza sessuale, inoltre donne e ragazze sono più esposte alla tratta di esseri umani. Le donne sono le principali vittime della violenza sessuale, inoltre donne e ragazze sono più esposte alla tratta di esseri umani. La ripartizione delle responsabilità familiari tra uomini e donne resta poco equilibrata. La ripartizione delle responsabilità familiari tra uomini e donne resta poco equilibrata.

6 Donne che ricoprono ruoli direttivi Le donne continuano ad essere sottorappresentate nelle posizioni che comportano responsabilità politiche ed economiche, anche se la percentuale è aumentata nel corso degli ultimi dieci anni.

7 Occupazione femminile nei singoli Stati membri Il tasso di occupazione delle donne è in crescita ma deve deve ancora aumentare per raggiungere lobiettivo fissato dalla strategia Europa 2020 (75% Il tasso di occupazione delle donne è in crescita ma deve deve ancora aumentare per raggiungere lobiettivo fissato dalla strategia Europa 2020 (75% rispetto allattuale 62,5% per le donne).strategia Europa 2020strategia Europa 2020

8 conseguenze dirette sulla coesione economica e sociale, conseguenze dirette sulla coesione economica e sociale, conseguenze sulla crescita sostenibile e la competitività, conseguenze sulla crescita sostenibile e la competitività, conseguenze sulle sfide demografiche. conseguenze sulle sfide demografiche. Ad esempio, il PIL potrebbe registrare un incremento del 30% se le donne fossero destinatarie di un trattamento lavorativo analogo a quello degli uomini. Implicazioni delle disparità di genere

9 Il quadro normativo: excursus Trattato di Roma del 1957 Trattato di Roma del 1957 (principio di parità di retribuzione a parità di lavoro) Carta sociale europea del Consiglio dEuropa del 1961 (rivista nel 1996) Carta sociale europea del Consiglio dEuropa del 1961 (rivista nel 1996) (tutela delle donne) Trattato di Maastricht del Accordo sulla politica sociale Trattato di Maastricht del Accordo sulla politica sociale (principio di parità nellattività professionale) Trattato di Amsterdam del 1997 Trattato di Amsterdam del 1997 (principio di parità uomo-donna in tutti i settori, non solo quello lavorativo) Carta dei diritti fondamentali dellUnione del 2000 Carta dei diritti fondamentali dellUnione del 2000 (divieto dogni forma di discriminazione) Carta europea per l'uguaglianza e la parità delle donne e degli uomini nella vita locale Carta europea per l'uguaglianza e la parità delle donne e degli uomini nella vita locale del 2006, promossa dal Consiglio dei Comuni e delle Regioni dEuropa Trattato di Lisbona del 2009 Trattato di Lisbona del 2009 (piena riaffermazione del divieto di ogni forma di discriminazione) (piena riaffermazione del divieto di ogni forma di discriminazione)

10 Le pari opportunita nel TUE e TFUE Articolo 2 TUE Articolo 3 TUE Le pari opportunita nel TUE e TFUE Articolo 2 TUE L'Unione si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. Questi valori sono comuni agli Stati membri in una società caratterizzata dal pluralismo, dalla non discriminazione, dalla tolleranza, dalla giustizia, dalla solidarietà e dalla parità tra donne e uomini. Articolo 3 TUE L'Unione combatte l'esclusione sociale e le discriminazioni e promuove la giustizia e la protezione sociali, la parità tra donne e uomini, la solidarietà tra le generazioni e la tutela dei diritti del minore.

11 Le pari opportunità nel TUE e TFUE Articolo 8 TFUE Nelle sue azioni l'Unione mira ad eliminare le ineguaglianze, nonché a promuovere la parità, tra uomini e donne. Articolo 10 TFUE Nella definizione e nell'attuazione delle sue politiche e azioni, l'Unione mira a combattere le discriminazioni fondate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, la disabilità, l'età o l'orientamento sessuale. Articolo 19 TFUE 1. Fatte salve le altre disposizioni dei trattati e nell'ambito delle competenze da essi conferite all'Unione, il Consiglio, deliberando all'unanimità secondo una procedura legislativa speciale e previa approvazione del Parlamento europeo, può prendere i provvedimenti opportuni per combattere le discriminazioni fondate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, la disabilità, l'età o l'orientamento sessuale. 2. In deroga al paragrafo 1, il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria, possono adottare i principi di base delle misure di incentivazione dell'Unione, ad esclusione di qualsiasi armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri, destinate ad appoggiare le azioni degli Stati membri volte a contribuire alla realizzazione degli obiettivi di cui al paragrafo 1.

12 Il quadro normativo: diritto derivato Numerose direttive a partire dalla Direttiva 75/117/CEE, in particolare in tema di: oParità retributiva oAccesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionali e le condizioni di lavoro oSicurezza sociale oEsercizio di attività autonome oTutela della maternità oAccesso ai beni e servizi e nella fornitura di beni e servizi Molteplici risoluzioni del Parlamento europeo in materia di uguaglianza di genere e lotta alla violenza sulle donne. Le più recenti riguardano: Molteplici risoluzioni del Parlamento europeo in materia di uguaglianza di genere e lotta alla violenza sulle donne. Le più recenti riguardano: –aspetti di genere della recessione economica e della crisi finanziaria –aspetti di genere della recessione economica e della crisi finanziaria –definizione di un nuovo quadro politico dell'UE in materia di lotta alla violenza contro le donne –povertà femminile nell'Unione europea –lavoratrici precarie –ruolo delle donne in una società che invecchia –integrazione sociale delle donne appartenenti a gruppi etnici minoritari –madri sole –imprenditorialità femminile

13 Le competenze dellUnione europea in virtù del Trattato di Lisbona Competenze esclusive Solo lUE può adottare atti giuridicamente vincolanti, mentre gli Stati membri possono intervenire se autorizzati a farlo dallUnione o per attuare gli atti di questultima. Competenze concorrenti LUE e gli Stati membri hanno entrambi la facoltà di adottare atti giuridicamente vincolanti; tuttavia gli Stati membri possono agire nella misura in cui lUnione non labbia già fatto o receda dalla sua competenza. Tra le competenze concorrenti rientrano: Politica sociale Coesione economica, sociale e territoriale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Competenze di supporto LUnione può intervenire solo per sostenere lazione degli Stati membri, mentre non può armonizzare le disposizioni legislative e regolamentari nazionali. Tra le competenze complementari rientrano: Tutela e miglioramento della salute umana Istruzione Formazione professionale metodo di coordinamento aperto Il metodo di coordinamento aperto nel settore della protezione sociale e dellintegrazione sociale è uno strumento essenziale per lo sviluppo del modello sociale europeo.

14 Le politiche di genere in ambito UE Le politiche di genere in ambito UE In materia di pari opportunità e specificatamente nellambito delle politiche di genere, l'UE ha sposa un duplice approccio, associando: –«gender mainstreaming», ovvero lintegrazione della tematica della parità fra le donne e gli uomini in tutte le politiche e attività dell'UE –azioni specifiche

15 La Strategia per la parità fra le donne e gli uomini ( ) Il 21 settembre 2010 la Commissione europea, riprendendo le priorità definite dalla Carta, ha presentato la nuova strategia per la promozione della parità fra uomini e donne nellUnione europea (COM(2010)491). Il 21 settembre 2010 la Commissione europea, riprendendo le priorità definite dalla Carta, ha presentato la nuova strategia per la promozione della parità fra uomini e donne nellUnione europea (COM(2010)491). La presente strategia fa seguito alla Tabella di marcia per la parità fra le donne e gli uomini.

16 Strategia per la parità fra le donne e gli uomini La Commissione sottolinea la necessità di tenere in considerazione la parità fra i generi in tutte le politiche dellUE. La Commissione sottolinea la necessità di tenere in considerazione la parità fra i generi in tutte le politiche dellUE. 5 campi d'azione specifici: 5 campi d'azione specifici: Lindipendenza economica Lindipendenza economica Riduzione delle differenze di retribuzione Riduzione delle differenze di retribuzione Maggior rappresentanza di donne nei processi decisionali e nelle posizioni di potere Maggior rappresentanza di donne nei processi decisionali e nelle posizioni di potere Il rispetto della dignità e dellintegrità delle donne, ma anche la lotta alla violenza basata sul genere, comprese le prassi nocive dettate da consuetudini o tradizioni Il rispetto della dignità e dellintegrità delle donne, ma anche la lotta alla violenza basata sul genere, comprese le prassi nocive dettate da consuetudini o tradizioni Impegno a difendere la parità tra donne e uomini nel quadro delle relazioni con i paesi terzi. Impegno a difendere la parità tra donne e uomini nel quadro delle relazioni con i paesi terzi.

17 Patto europeo per luguaglianza di genere 2011 – 2020 Il Consiglio dellUnione europea il 7 Marzo 2011 ha adottato il nuovo Patto che invita gli Stati membri e lUnione a prendere misure volte a : eliminare gli stereotipi di genere, assicurare un medesimo salario per analogo lavoro e promuovere luguale partecipazione delle donne nellassunzione di decisioni; eliminare gli stereotipi di genere, assicurare un medesimo salario per analogo lavoro e promuovere luguale partecipazione delle donne nellassunzione di decisioni; migliorare lofferta di servizi accessibili e di buona qualità per la cura dei bambini e promuovere orari di lavoro flessibili; migliorare lofferta di servizi accessibili e di buona qualità per la cura dei bambini e promuovere orari di lavoro flessibili; rafforzare la prevenzione della violenza contro le donne e la protezione delle vittime e concentrarsi sul ruolo degli uomini e dei ragazzi per eliminare la violenza. rafforzare la prevenzione della violenza contro le donne e la protezione delle vittime e concentrarsi sul ruolo degli uomini e dei ragazzi per eliminare la violenza. Viene anche riaffermata limportanza di integrare la prospettiva di genere in tutte le politiche, compresa lazione esterna dellUE.

18 La Strategia Europa 2020 Strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva La Commissione europea, il 3 marzo 2010, ha pubblicato Europa 2020, la strategia per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva. Concretamente, l'Unione europea ha stabilito 5 obiettivi da raggiungere entro il 2020: Occupazione: il 75% delle donne e uomini tra i 20 e i 64 anni di età debbono avere un lavoro R & S / innovazione: il 3% del PIL dell'UE (pubblico e privato insieme) deve essere investito in R & S / innovazione Cambiamenti climatici / energia: Istruzione: ridurre i tassi di abbandono scolastico al di sotto del 10%; almeno il 40% delle donne e degli uomini deve completare la formazione di terzo livello Povertà / esclusione sociale: almeno 20 milioni di persone in meno a rischio di povertà ed esclusione sociale

19 Europa 2020: le 7 Iniziative faro La Commissione ha presentato 7 flagship initiatives per catalizzare i progressi relativi ai tre obiettivi prioritari posti per il 2020: 1.INNOVATION UNION 2.DIGITAL AGENDA FOR EUROPE 3.YOUTH ON THE MOVE 4.UN'EUROPA EFFICIENTE SOTTO IL PROFILO DELLE RISORSE 5.UNA POLITICA INDUSTRIALE PER L'ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE 6.UNAGENDA PER NUOVE COMPETENZE E PER LOCCUPAZIONE 7.PIATTAFORMA EUROPEA CONTRO LA POVERTÀ E LESCLUSIONE SOCIALE Luguaglianza di genere non costituisce oggetto di una specifica iniziativa faro, è piuttosto un obiettivo trasversale. Le flagship initiatives maggiormente correlate alla tematica sono: –Unagenda per nuove competenze e per loccupazione –Piattaforma europea contro la povertà e lesclusione sociale – –Digital Agenda for Europe in cui grande rilievo assumono le iniziative che enfatizzano il ruolo delle donne in tale settore, in particolare liniziativa ICT Woman in Europe.

20 Anno europeo 2007: Anno europeo per le pari opportunità per tutti 2007: Anno europeo per le pari opportunità per tutti 2011: Anno europeo del volontariato 2012: Anno europeo dell'invecchiamento attivo

21 Istituzioni e organi dellUE Commissione europea Commissione europea Commissario Viviane Reding responsabile per la Giustizia, Diritti Fondamentali e Cittadinanza Commissario Viviane Reding responsabile per la Giustizia, Diritti Fondamentali e Cittadinanza DG Just Giustizia (Direttore Generale è Ms Francoise Le Bail). Commissario Làszlò Andor responsabile per Occupazione, affari sociali e integrazione Commissario Làszlò Andor responsabile per Occupazione, affari sociali e integrazione DG EMPL Occupazione, Affari Sociali e Inclusione. Le politiche relative alluguaglianza e alla non discriminazione sono ora trasferite alla DG JUST. Comitato consultivo per le pari opportunità che assiste la Commissione nella formulazione e attuazione delle attività condotte dall'UE per promuovere la parità tra uomo e donna. Comitato consultivo per le pari opportunità che assiste la Commissione nella formulazione e attuazione delle attività condotte dall'UE per promuovere la parità tra uomo e donna. Consiglio dellUE Consiglio dellUE formazione Occupazione, politica sociale, salute e consumatori Parlamento europeo Parlamento europeo Commissione FEMM Diritti della donna e uguaglianza di genere Comitato delle Regioni Comitato delle Regioni Commissione Politica economica e sociale (ECOS)

22 Programmi UE di cofinanziamento diretto PROGRESSDAPHNE VII PQ Programmi UE di finanziamento indiretto In primis FSE

23 Programmi di cofinanziamento europei Il programma PROGRESS ( ) Il programma è destinato a sostenere finanziariamente la realizzazione degli obiettivi dellUE nel settore delloccupazione e degli affari sociali conformemente allAgenda sociale europea. Il programma è articolato in 5 sezioni : 1) Occupazione 2) Protezione sociale e integrazione 3) Condizioni di lavoro 4) Diversità e lotta contro la discriminazione 5) Parità fra uomini e donne - Sostegno allapplicazione efficace del principio della parità fra uomini e donne e promozione dellintegrazione della dimensione di genere in tutte le politiche comunitarie. Risorse finanziarie disponibili di euro Parità fra uomini e donne 12% delle risorse Il contributo comunitario, per le azioni realizzate a seguito di inviti a presentare proposte di progetto può coprire fino all80% dei costi totali del progetto. Le azioni realizzate a seguito di bando di gara dappalto saranno,invece, interamente coperte dai relativi contratti di Aree geografiche coinvolte –UE 27 –Paesi candidati –EFTA/SEE (Norvegia,Islanda,Liechtenstein) –Balcani occidentali Strumento di microfinanza Progress (EPMF) istituito con decisione del 25 marzo 2010 per sostenere la creazione e lo sviluppo delle piccole imprese o delle attività autonome nell'Unione europea. Tale strumento è rivolto alle persone che incontrano difficoltà di accesso al credito tradizionale.

24 Programmi di cofinanziamento europei Programma Daphne III Programma specifico per la prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti dei bambini, dei giovani e delle donne e per la protezione delle vittime e dei gruppi a rischio. DAPHNE III costituisce uno dei cinque programmi specifici che formano il programma quadro Diritti Fondamentali e Giustizia per il periodo Risorse finanziarie disponibili: di euro Aree geografiche coinvolte: –UE 27 –Paesi candidati –EFTA/SEE (Norvegia, Islanda, Liechtenstein) –Balcani occidentali Altri programmi di cofinanziamento: per la trasversalità della tematicapari opportunità, vi sono altri programmi comunitari (es: 7° Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico) che, pur afferendo ad altri settori, possono offrire opportunità finanziarie di interesse.

25 Il Fondo Sociale Europeo (FSE) Direzione Generale Occupazione, Affari Sociali, Pari Opportunità.

26 Non solo unUnione di Stati…. anche unUnione di Regioni UE: 264 Regioni UE + Area di vicinato: più di 500 Regioni

27 Bruxelles: cuore dellEuropa

28 Contatti Emilia-Romagna EU Liaison Office in Brussels: Indirizzo: Avenue de lYser 19 B-1040 Brussels Indirizzo: Avenue de lYser 19 B-1040 Brussels Tel.: Tel.: Web: Web:


Scaricare ppt "L UE e le pari opportunita ASSEMBLEA LEGISLATIVA Commissione VI "Statuto e Regolamento" Bologna, 23 Maggio 2011 Lorenza Badiello Responsabile del Servizio."

Presentazioni simili


Annunci Google