La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L'accessibilità dei componenti multimediali per il Web Roberto Ellero Co.Re.Com. Friuli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L'accessibilità dei componenti multimediali per il Web Roberto Ellero Co.Re.Com. Friuli."— Transcript della presentazione:

1 L'accessibilità dei componenti multimediali per il Web Roberto Ellero Co.Re.Com. Friuli Venezia Giulia Pordenone 9 giugno 2006 Barriere digitali

2 Di cosa tratteremo? Diffusione dei componenti multimediali su Web Esemplificazioni per indicare lattuabilità delle alternative per laccessibilità del multimedia

3 IWA/HWG Italia Supporto e collaborazione globale ai suoi associati Promotore di principi universali di etica e di pratica professionale per tutti i professionisti del Web Unica Associazione di sviluppatori esperti di accessibilità riconosciuta ai sensi della Legge 04/2004 Organizzazioni alle quali IWA partecipa: – W3C – UNI-ISO – EAC ( E uro A ccessibility C onsortium) – CNIPA – Ministero Beni Culturali – GLA-ICS ( A ccessibilità nell I ndustria, C ommercio e S ervizi) 100 paesi, 130 sedi, iscritti

4 IWA/HWG Italia Seminari in-formativi Corsi specialistici WAS (Web Accessibility Specialist) –Web Operator –Content Manager –Web Designer –Application Developer Attivita Formative Più di 500 persone formate in due anni

5 IWA/HWG Italia IWA Italia ha promosso due modifiche alla legge c.d. Stanca, che con il supporto degli Onorevoli Campa e Palmieri saranno depositate all'interno di un ddl alla Camera proprio in questi giorni. IWA supporta tutte le iniziative volte alla verifica e allattuazione della legge 4/2004. Modifiche alle legge 4/2004

6 Al comma 2 dell'art. 4 della Legge 4/2004 è aggiunto il seguente: 2 bis. I soggetti di cui all'art. 3 comma 1 applicano i requisiti di accessibilità stabiliti dal decreto di cui all'articolo 11 in tutti i casi di creazione o modifica di siti INTERNET.

7 Lattuale art. 7 comma 2 della 4/2004 recita: 2. Le regioni, le province autonome e gli enti locali vigilano sull'attuazione da parte dei propri uffici delle disposizioni della presente legge. Considerato che quasi ogni regione ha un CORECOM, e che il CORECOM ha un compito indipendente dallamministrazione regionale di effettuare il controllo del corretto uso delle forme di comunicazione, e considerato che alcuni CORECOM si stanno muovendo proprio per garantire un intervento anche nel campo dellaccessibilità, si propone di modificare il suddetto articolo con la seguente dicitura. Al termine del comma 2 dellart. 7 della legge 4/2004 è aggiunto il seguente testo: anche con lausilio del Comitato Regionale per le Comunicazioni, ove presente.

8 Strumenti di supporto all'implementazione e verifica Legge 04/2004 dalla teoria alla realtà –(ottobre 2005) di Roberto Scano - Il manuale per applicare e verificare i requisiti della legge 04/2004. Prefazione del Ministro per lInnovazione e Tecnologie On. Lucio Stanca. –Analisi dei singoli requisiti per i siti internet, hardware e software con motivazioni (perché è presente il requisito), implementazione (come implementare soluzioni conformi) e verifica (come verificare la conformità ai requisiti). Accessibilità: dalla teoria alla realtà –(ottobre 2004 – ristampa ) di Roberto Scano - Un vero e proprio trattato sull'accessibilità del web che non si limita alla teoria ma approfondisce la verifica nella realtà, grazie al contributo dei maggiori esperti di accessibilità ed usabilità del world wide web. –Introduzione del Prof. Pierluigi Ridolfi (Presidente della Commissione Interministeriale Permanente per l'impiego dell'ICT a favore delle categorie deboli e svantaggiate). –Capitoli per problemi e soluzioni per le diverse disabilità scritti direttamente dai soggetti interessati.

9 La formazione Per i dirigenti Per i tecnici Per i redattori

10 Il profilo CWP IEAS 1/3 Sviluppatore esperto in materia di accessibilità – I percorsi formativi IWA/HWG sono riconosciuti dal CENORM nel Meta-Framework degli Skill per le professioni ICT (pag. 58): ftp://ftp.cenorm.be/PUBLIC/CWAs/e-Europe/ICT- Skill/CWA Feb.pdf ftp://ftp.cenorm.be/PUBLIC/CWAs/e-Europe/ICT- Skill/CWA Feb.pdf –Il primo dei nuovi percorsi formativi europei che IWA Italia ha sviluppato per i propri iscritti è lIEAS (Iwa European Accessibility Syllabus), nato dalla necessità di formare in Italia e in tuttEuropa una nuova generazione di webmaster in grado di creare siti ed applicazioni Web accessibili, nel pieno rispetto delle normative internazionali e delle legislazioni locali.

11 Il profilo CWP IEAS 2/3 Sviluppatore esperto in materia di accessibilità –Questo syllabus propone un percorso formativo di base e fortemente orientato alla risoluzione delle problematiche principali legate all accessibilità del Web. La scansione degli argomenti e la giusta alternanza di teoria e pratica garantiscono lacquisizione di una panoramica ragionevolmente completa sullo sviluppo di applicazioni web accessibili e conformi alla normativa vigente nel nostro paese. –In tutte le fasi dello sviluppo e della progettazione del percorso formativo IEAS, è stato fatto tesoro dellesperienza che IWA/HWG (unica realtà associativa a livello mondiale nel settore del Web) ha accumulato negli anni in materia di accessibilità del Web, anche grazie alla sua attiva partecipazione ai lavori del W3C, dellISO ed alle collaborazioni istituzionali con le Pubbliche Amministrazioni italiane, col CNIPA, col Ministero per i Beni Culturali.

12 Il profilo CWP IEAS 3/3 Sviluppatore esperto in materia di accessibilità – Durata: Minimo cinque giorni (sei ore per ogni giornata formativa). – Finalità: Fornire gli strumenti essenziali per lo sviluppo ed il mantenimento di applicazioni Web based accessibili secondo gli standard internazionali e conformi alla recente legislazione italiana (Legge Stanca 04/2004). – Prerequisiti: Conoscenza di base dei seguenti argomenti: tecnologia Web, linguaggio di marcatura HTML. – Docenti: I docenti del corso sono riconosciuti come sviluppatori esperti in materia di accessibilità dall'associazione IWA/HWG nonché sono docenti CNIPA (Centro Nazionale Informatica per la Pubblica Amministrazione) ed autori del materiale didattico per i percorsi formativi erogati dal CNIPA alle Pubbliche Amministrazioni.

13 multimedia.repubblica.it La sezione multimediale di Repubblica online

14

15 Tg online: Contenuti video e audio dedicati per Internet

16

17 E stato qui pubblicato il confronto Prodi-Berlusconi con sottotitoli per non udenti, per consentire alle decine di migliaia di elettori con problemi di sordità di seguire il dibattito politico televisivo nella campagna elettorale.

18

19 Sono disponibili online gran parte dei servizi dei Tg e dei Gr che vanno in onda sui canali radiotelevisivi della Rai: oltre 25mila video e di 45mila audio. Le prove generali del video on demand sul Web.

20

21 Web channel dedicato agli italiani allestero. Italia Tv presenta una serie di servizi (scritti, in audio e video) con notizie italiane per i nostri concittadini che vivono allestero, ma anche con notizie delle comunità italiane allestero per gli italiani dItalia.

22

23 Un raro esempio di produzione di filmati con sottotitoli

24

25 Testata giornalistica online specializzata nellinformazione e aggiornamento dei dipendenti della Pubblica Amministrazione

26

27

28 Definizione di multimedia Ogni medium ha il proprio ambito di applicazione per il quale è adatto, per tutto ciò che esula da tale ambito è o poco efficace o del tutto inadeguato La multimedialità indica la compresenza e l'interazione di diversi linguaggi allinterno di un oggetto o di una tecnologia di comunicazione La multimedialità indica la compresenza e l'interazione di diversi linguaggi allinterno di un oggetto o di una tecnologia di comunicazione

29 Definizione di Multimedia Nel glossario della bozza delle WCAG 2.0 il Multimedia è così definito: Audio or video synchronized with another type of media and/or with time-based interactive components Video: the technology of moving pictures or images Note: Video can be made up of animated or photographic images, or both. multimediadef

30 Come una navigazione, ma preregistrata: viene meno il controllo dellinterazione. Come una navigazione, ma preregistrata: viene meno il controllo dellinterazione.

31 User Agent Accessibility Guidelines 1.0 W3C Recommendation 17 December 2002 Linee guida per l'accessibilità dei programmi utente L'utente deve poter definire una serie di preferenze per accedere al contenuto e interagire con i componenti multimediali.

32 Progettazione o ricostruzione Non c'è un componente multimediale che non sia stato pensato in forma testuale o per immagini prima di diventare un oggetto fruibile. All'origine del multimedia è sempre un testo (sceneggiatura, copione), o un testo associato a immagini (storyboard ).

33 Progettazione o ricostruzione Due scenari: Il filmato (o la presentazione) non è stata progettato fin dall'inizio con l'accessibilità in mente. Dovremo ricostruire la sceneggiatura, ritrovare il testo originario, e integrarlo nell'oggetto. Il filmato (o la presentazione) è stata progettato fin dall'inizio con l'accessibilità in mente: si è pensato alle diverse esigenze del pubblico, didascalie e aspetti visuali sono stati integrati nei canali sostitutivi, sfruttando pause nei dialoghi e fra le scene, predefinite in fase di progettazione.

34

35 Modalità di implementazione Vi sono due modalità principali di fornire contenuti equivalenti per il multimedia: trascrizioni testuali (SOTTOTITOLI) dei dialoghi e dei contenuti audio per utenti non udenti descrizioni audio dei contenuti video per utenti non vedenti Vi sono due modalità principali di fornire contenuti equivalenti per il multimedia: trascrizioni testuali (SOTTOTITOLI) dei dialoghi e dei contenuti audio per utenti non udenti descrizioni audio dei contenuti video per utenti non vedenti

36 Descrizione audio Per la descrizione audio, destinata agli utenti non vedenti, è necessario che il testo descriva la scena in cui si svolge l'azione, in modo da descrivere l'ambiente in cui si svolge l'azione e fornire quegli elementi che non fanno parte del dialogo (esattamente come avviene ad esempio nelle didascalie dei testi teatrali). Esempio di sintesi vocale di una trascrizione:

37 Per essere considerato accessibile, un componente multimediale deve essere sincronizzato ed equivalente (nella sua parte testuale), inoltre il testo equivalente deve essere accessibile alle TA. Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 l'accessibilità agli strumenti informatici. Allegato A Verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie internet

38 Enunciato: Nel caso in cui un filmato o una presentazione multimediale siano indispensabili per la completezza dellinformazione fornita o del servizio erogato, predisporre una alternativa testuale equivalente, sincronizzata in forma di sotto-titolazione o di descrizione vocale, oppure fornire un riassunto o una semplice etichetta per ciascun elemento video o multimediale tenendo conto del livello di importanza e delle difficoltà di realizzazione nel caso di trasmissioni in tempo reale. Riferimenti WCAG 1.0: 1.3, 1.4 WCAG 1.0: 1.3, 1.4WCAG 1.0: 1.3, 1.4 Riferimenti Sec. 508: (b) 508: (b)508: (b) Requisito n. 18

39 Decreto per le opere multimediali Legge 4/2004, Art. 7 1.La Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per l'innovazione e le tecnologie, anche avvalendosi del Centro nazionale per l'informatica nella pubblica amministrazione [...]: [...] g) promuove, di concerto con i Ministeri dell'istruzione, dell'università e della ricerca e per i beni e le attività culturali, iniziative per favorire l'accessibilità alle opere multimediali, anche attraverso specifici progetti di ricerca e sperimentazione con il coinvolgimento delle associazioni delle persone disabili; sulla base dei risultati delle sperimentazioni sono indicate, con decreto emanato di intesa dai Ministri interessati, le regole tecniche per l'accessibilità alle opere multimediali.

40 Abbiamo bisogno di questi elementi: un documento multimediale; la trascrizione del testo della traccia audio; la possibilità di registrare del parlato; un editor specializzato.

41 Un documento SMIL/SAMI garantisce la sincronizzazione tra la sottotitolazione e il contenuto del filmato multimediale. Il codice di marcatura per linclusione dellelemento multimediale deve rispettare il Requisito 1.

42 SMIL

43 Il sistema di Programmi audiodescritti della Rai consente al pubblico non vedente di poter seguire sui canali onde medie della radiofonia alcuni programmi televisivi di particolare interesse: voci professionali accompagnano lo svolgersi dei programmi televisivi, integrandone lo sviluppo con interventi mirati in voce. Il sistema di Programmi audiodescritti della Rai consente al pubblico non vedente di poter seguire sui canali onde medie della radiofonia alcuni programmi televisivi di particolare interesse: voci professionali accompagnano lo svolgersi dei programmi televisivi, integrandone lo sviluppo con interventi mirati in voce.www.segretariatosociale.rai.it AUDIODESCRIZIONI

44

45

46

47 WMP 11

48

49

50

51 Esempi di sottotitoli multilingua Esempio sottotitoli e audiodescrizione

52 Riferimenti tecnici Web Content Accessibility Guidelines 1.0 W3C Recommendation 5-May-1999 Punti di controllo 1.3 [Priorità 1], 1.4 [Priorità 1], 7.1 [Priorità 1], 8.1 [Priorità 1 se importante, altrimenti Priorità 2], 14.2 [Priorità 3] NCAM National Center for Accessible Media (NCAM)

53 Contatti Roberto Ellero Pordenone 9/06/2006 Co.Re.Com. Friuli Venezia Giulia Convegno: Barriere digitali

54 Il multimedia nelle linee guida e nella normativa Circolare AIPA Circ. 6 settembre 2001, n. AIPA/CR/32 Criteri e strumenti per migliorare l'accessibilità dei siti web e delle applicazioni informatiche a persone disabili

55 Circolare AIPA La rispondenza ai requisiti di accessibilità deve essere interpretata in maniera non limitativa: gli autori non devono essere scoraggiati ad usare elementi multimediali, ma, al contrario, invitati a sfruttarli per assicurare l'accesso alle informazioni a una sempre più vasta platea di utenti.

56 Il multimedia nelle linee guida e nella normativa CIRCOLARE FUNZIONE PUBBLICA Circ. 13 marzo 2001, n. 3/2001. Linee guida per l'organizzazione, l'usabilità e l'accessibilità dei siti web delle pubbliche amministrazioni

57 CIRCOLARE FUNZIONE PUBBLICA Componenti multimediali Corredare le componenti sonore di segnalazioni alternative visive. Corredare, possibilmente, i filmati di descrizione testuale delle immagini e di sottotitolazione dei dialoghi.

58 Il multimedia nelle linee guida e nella normativa Web Content Accessibility Guidelines 1.0 W3C Recommendation 5-May-1999 Linee guida per l'accessibilità ai contenuti del Web Raccomandazione del W3C del 5 maggio 1999 Punti di controllo 1.3 [Priorità 1], 1.4 [Priorità 1], 7.1 [Priorità 1], 8.1 [Priorità 1 se importante, altrimenti Priorità 2], 14.2 [Priorità 3]

59 Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Punto di controllo 1.4 [Priorità 1] Per ogni presentazione multimediale temporizzata (come un film o un'animazione), sincronizzare alternative equivalenti (per esempio didascalie o descrizioni parlate del filmato) con la presentazione.

60 Il multimedia nelle linee guida e nella normativa Web Content Accessibility Guidelines 2.0 W3C Working Draft 27 aprile 2006 Linee guida 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 2.2, 2.3

61 - Linea guida 1.2 Guideline 1.2 Provide synchronized alternatives for multimedia. Fornire contenuti multimediali equivalenti sincronizzati per i contenuti dipendenti dal tempo.

62 L1 Success Criteria (Livello 1 per la verifica di successo) Captions are provided for prerecorded multimedia. Audio descriptions of video, or a full multimedia text alternative including any interaction, are provided for prerecorded multimedia. Si devono corredare i filmati di sottotitoli e di audiodescrizione. L'audiodescrizione può essere sostituita, al livello 1, con una alternativa testuale (completa dei dialoghi trascritti e delle informazioni di scena).

63 L2 SC (Livello 2 per la verifica di successo) Audio descriptions of video are provided for prerecorded multimedia. Captions are provided for live multimedia. Il secondo livello richiede sottotitoli e audioscrizioni.

64 L3 SC (Livello 3 per la verifica di successo) Sign language interpretation is provided for multimedia. Extended audio descriptions of video are provided for prerecorded multimedia. For prerecorded multimedia, a full multimedia text alternative including any interaction is provided. E' richiesta l'interpretazione col linguaggio dei segni. Sono richieste audiodescrizioni estese.

65 Sezione 508 del Rehabilitation Act § Informazioni e applicazioni Internet e Intranet sul Web b) Alternative equivalenti per una qualsiasi presentazione multimediale dovranno essere sincronizzate con la presentazione stessa. Il multimedia nelle linee guida e nella normativa


Scaricare ppt "L'accessibilità dei componenti multimediali per il Web Roberto Ellero Co.Re.Com. Friuli."

Presentazioni simili


Annunci Google