La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Meccanica 6 21 marzo 2011 Cambiamento di sistema di riferimento Trasformazioni di coordinate tra sistemi inerziali (Galileo, Lorentz) Trasformazione delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Meccanica 6 21 marzo 2011 Cambiamento di sistema di riferimento Trasformazioni di coordinate tra sistemi inerziali (Galileo, Lorentz) Trasformazione delle."— Transcript della presentazione:

1 Meccanica 6 21 marzo 2011 Cambiamento di sistema di riferimento Trasformazioni di coordinate tra sistemi inerziali (Galileo, Lorentz) Trasformazione delle velocita` e delle accelerazioni Trasformazioni con sistemi non inerziali Sistema in caduta libera e sistema in rotazione uniforme

2 Sistemi di riferimento inerziali Si dicono inerziali i sistemi in cui vale il primo principio di Newton Nella meccanica newtoniana i sistemi inerziali rivestono un ruolo speciale In essi infatti le leggi fisiche assumono la forma più semplice È spesso utile, nello studio dei sistemi fisici, cambiare sistema di riferimento 2

3 Sistemi di riferimento inerziali Il cambiamento più frequente è quello che porta da un sistema inerziale ad un sistema in moto rettilineo uniforme rispetto ad esso Vedremo tra breve che anche il nuovo sistema è inerziale Solitamente gli assi del secondo sistema si scelgono paralleli agli assi corrispondenti del primo 3

4 Sistemi di riferimento inerziali Le equazioni che permettono di passare dal primo sistema (inerziale) S(O,x,y,z) al secondo S(O,x,y,z) sono le seguenti O x y z O x y z R r r Posizione del corpo in S= Posizione del corpo in S – posizione dellorigine O (rispetto a S) 4

5 Sistemi di riferimento inerziali Con la condizione che R sia Ove R 0 è la posizione dellorigine O, rispetto ad O al tempo t=0 O x y z O x y z R R0R0 V 5

6 Sistemi di riferimento inerziali O z x y O z x y R V Per semplicità spesso si sceglie R 0 =0 e la velocità V parallela ad uno degli assi di S, p.e., lasse x 6

7 Trasformazioni di Galileo Ad esse possiamo aggiungere lequazione di trasformazione del tempo t=t che stabilisce che il tempo è sempre lo stesso (il tempo è assoluto) e che non cambia col sistema di riferimento Le equazioni di trasformazione trovate sono dette trasformazioni di Galileo 7

8 Trasformazioni inverse Tali trasformazioni sono facilmente invertibili: basta scambiare le coordinate di S con quelle di S e cambiare il segno alla velocità Si vede quindi che cè simmetria tra i due sistemi S e S e si intuisce che il sistema S debba essere anchesso inerziale 8

9 Trasformazioni di Lorentz In relativita` le trasformazioni di Galileo sono sostituite da quelle di Lorentz 9

10 Inerzialità Mostriamo ora che il nuovo sistema di riferimento è davvero inerziale A tal fine calcoliamo la velocità di un punto materiale in entrambi i sistemi Legge di trasformazione delle velocità 10

11 Inerzialità E laccelerazione Legge di trasformazione delle accelerazioni 11

12 Inerzialità Quindi il punto materiale ha accelerazione nulla (ovvero velocità costante) nel sistema S se e solo se accade lo stesso nel sistema S Ovvero S è inerziale se e solo se S è inerziale Ciò significa anche che dato un sistema inerziale possiamo trovare una triplice infinità di sistemi inerziali, tanti quante sono le possibili scelte della velocità di traslazione V 12

13 Trasformazioni più generali In linea di principio una qualunque trasformazione di coordinate del tipo non può cambiare la fisica di un fenomeno, ma solo la descrizione che ne facciamo In pratica però esistono trasformazioni (cioè sistemi) per cui la descrizione del fenomeno è molto più semplice che per altre Sono questi, come già detto, i sistemi inerziali 13

14 Sistema di riferimento solidale con la terra A volte è però conveniente considerare trasformazioni, un po più generali, in sistemi accelerati rispetto ad un sistema inerziale Laccelerazione può essere dovuta a moto traslatorio non rettilineo uniforme e a moto di rotazione È questo, in particolare, il caso importantissimo del sistema di riferimento solidale con la terra, la quale ruota (attorno al proprio asse) e trasla (moto curvilineo di rivoluzione attorno al sole) rispetto ad un sistema inerziale Tale sistema è usato per descrivere i fenomeni atmosferici su larga scala 14

15 Sistemi accelerati Invece di considerare il caso più generale, ci limiteremo a considerare –il caso di un sistema in moto rettilineo uniformemente accelerato parallelamente ad un asse coordinato (p.e. z) –Il caso di un sistema in moto rotatorio uniforme attorno ad un asse coordinato (p.e. z) 15

16 Sistema in moto rettilineo uniformemente accelerato Le equazioni di trasformazione sono O y x z O y x z R r r 16

17 Sistema in moto rettilineo uniformemente accelerato Un caso particolare di questa trasformazione si ha per un sistema S in caduta libera, cioè che accelera verso il basso (rispetto a S) con accelerazione A=g (sempre rispetto a S) e che inizialmente (per t=0) è fermo con lorigine O coincidente con O In altri termini S è il sistema solidale con un grave in caduta libera 17

18 Sistema in moto rettilineo uniformemente accelerato Le equazioni di trasformazione per la velocità e laccelerazione 18

19 Sistema in moto rettilineo uniformemente accelerato In S le coordinate x, y, z sono costanti, quindi le componenti della velocità in S sono identicamente nulle e lo stesso vale per laccelerazione Ritroviamo così (in S) le leggi della caduta libera di Galileo (ricordiamo che A=g) 19

20 Dinamica in un sistema accelerato Dalle eqq. precedenti vediamo subito che nel sistema S il secondo principio di Newton non è valido Infatti benché in S la forza di gravità terrestre continui ad agire, abbiamo Si può però estendere il secondo principio ai sistemi accelerati introducendo opportune forze dinerzia F i accanto alle forze reali (F g ) 20

21 Dinamica in un sistema accelerato In S la forza dinerzia bilancia esattamente la forza di gravità, per cui in S (sistema che trasla di moto uniformemente accelerato con A=g rispetto a S) il grave, inizialmente fermo, continua a rimanere fermo 21

22 Sistema in moto rotatorio uniforme Consideriamo un sistema S con asse z coincidente con lasse z del sistema S, in rotazione (rispetto a S) con velocità angolare attorno a z Le equazioni di trasformazione sono O x y z O x y z r(t) r(t+dt) Spostamento del corpo in S= Spostamento del corpo in S – Spost. dovuto alla rotazione di S (rispetto a S) drdr drdr 22

23 O x y z r(t) r(t+dt) drdr O x y z r(t) r(t+dt) drdr 23

24 Sistema in moto rotatorio uniforme E per la velocità e laccelerazione 24

25 Sistema in moto rotatorio uniforme Un caso particolare di questa trasformazione si ha per un sistema S solidale con un corpo che ruota in S (trattenuto p.e. da una fune) di moto circolare uniforme attorno a z In tal caso il corpo ha velocità identicamente nulla in S e, di conseguenza, anche accelerazione nulla In tal caso le eqq. diventano Abbiamo ritrovato (nel sistema S) le eqq. del moto circolare uniforme 25

26 Dinamica in un sistema accelerato Di nuovo, le eqq. precedenti nel sistema S sono incompatibili col secondo principio di Newton Infatti benché in S la forza della fune F f continui ad agire sul corpo in rotazione, abbiamo Si può però estendere il secondo principio al sistema accelerato S introducendo unopportuna forza dinerzia F i accanto alla forza reale F f F i è la famosa forza centrifuga, che ha diritto allesistenza solo nel sistema accelerato e non in S 26

27 Dinamica in un sistema accelerato In S la forza centrifuga bilancia esattamente la forza centripeta della fune, per cui in S (sistema che ruota di moto circolare uniforme rispetto a S) il corpo, inizialmente fermo, continua a rimanere fermo 27


Scaricare ppt "Meccanica 6 21 marzo 2011 Cambiamento di sistema di riferimento Trasformazioni di coordinate tra sistemi inerziali (Galileo, Lorentz) Trasformazione delle."

Presentazioni simili


Annunci Google