La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DAL REPERTORIO ALLOSSERVATORIO DEI CONSUMI: Scenari di utilizzo Dott.ssa Annamaria Donato Direzione Generale dei farmaci e dei dispositivi medici Ministero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DAL REPERTORIO ALLOSSERVATORIO DEI CONSUMI: Scenari di utilizzo Dott.ssa Annamaria Donato Direzione Generale dei farmaci e dei dispositivi medici Ministero."— Transcript della presentazione:

1 DAL REPERTORIO ALLOSSERVATORIO DEI CONSUMI: Scenari di utilizzo Dott.ssa Annamaria Donato Direzione Generale dei farmaci e dei dispositivi medici Ministero della Salute

2 La Banca Dati ed il Repertorio dei Dispositivi Medici Banca Dati DM Repertorio DM La Banca Dati ed il Repertorio dei Dispositivi Medici (sistema BD/RDM) costituiscono i principali strumenti per la raccolta e la gestione delle informazioni rilevanti relative ai DM di Classe e ai DM Impiantabili Attivi. La Banca Dati raccoglie le informazioni relative ai dispositivi medici in commercio in Italia Art 13 D.Lgs 37/2010 Il Repertorio raccoglie le informazioni relative ai dispositivi medici in commercio in Italia per i quali sia stata chiarata la disponibilità alla vendita alle strutture del SSN D.M. 21 dicembre 2009

3 Prevede la realizzazione del Repertorio dei dispositivi medici (RDM); Istituisce la Commissione Unica sui Dispositivi Medici (CUD); Prevede che le Aziende sanitarie espongano on line i costi unitari dei dispositivi medici Normativa di riferimento LEGGE 27 dicembre 2002, n°289- Art. 57, c. 5 Stabilisce le modalità con le quali le aziende sanitarie devono inviare al Ministero della salute, per il monitoraggio nazionale dei consumi dei dispositivi medici, le informazioni previste dal comma 5 dellart. 57 della citata legge n. 289 del 2002 LEGGE 23 dicembre 2005, n°266 – Art. 409, c. 1

4 Detta le Nuove modalità per la registrazione e la comunicazione dei dati relativi ai dispositivi, prevedendo la trasmissione dei dati da parte dei fabbricanti esclusivamente in formato elettronico attraverso il Sistema Banca Dati e Repertorio dei Dispositivi Medici Decreto del Ministero della Salute Apporta alcune modifiche alle procedure previste dal decreto 20 febbraio 2007, prevedendo la riduzione del numero dinformazioni obbligatorie richieste per le registrazioni Decreto del Ministero della Salute Normativa di riferimento

5 Il DM 21 Dicembre 2009 (1/3) Il Ministero della Salute, con il decreto del 21 dicembre 2009 (in vigore dal 6 febbraio 2010), anche su indicazione della Commissione Europea Ha apportato alcune modifiche alle procedure di registrazione previste dal D.M. 20 febbraio 2007 Ha ridotto il numero di informazioni obbligatorie per le registrazioni di cui allarticolo 13 del decreto legislativo 24 febbraio 1997 n. 46 e per quelle relative ai dispositivi medici impiantabili attivi di cui al decreto legislativo 14 dicembre 1992 n. 507 Ha eliminato il divieto di acquisto da parte delle strutture del SSN di dispositivi medici non iscritti nel Repertorio, presente nel D.M. 20 febbraio 2007

6 Per i Dispositivi Medici di Classe I Sistemi o kit assemblati (art.12, c.2 D.Lgs 46/1997) prodotti da fabbricanti o riconducibili a mandatari che non abbiano sede legale nel territorio italiano Non è obbligatoria la registrazione nel Sistema BD/RDM Alcuni dati relativi alla Documentazione Tecnica (Informazioni tecniche del DM, Bibliografia scientifica) Alcuni dati previsti nella Scheda Tecnica dei dispositivi Dati per cui è ammessa lomissione Il DM 21 Dicembre 2009 (2/3) Ha chiarito che nelle procedure di acquisto dei dispositivi medici, le strutture del SSN si astengono dal richiedere ai fornitori qualsiasi informazione dichiarata dagli stessi disponibile nel Repertorio

7 . I fabbricanti possono comunque registrare nel sistema su base VOLONTARIA tutti i dati disponibili nonché quelli relativi ai seguenti dispositivi: dispositivi medici per i quali abbiano provveduto, anteriormente al 1° maggio 2007, ad ottemperare agli obblighi previsti dallarticolo 13 del D.Lgs. 46/97 (o alle corrispondenti previsioni del D.Lgs. 507/92); dispositivi medici di classe I e assemblati di dispositivi immessi in commercio in Italia, prodotti da fabbricanti o riconducibili a mandatari che hanno sede legale fuori del territorio italiano Banca i DM Il DM 21 Dicembre 2009 (3/3)

8 Fotografia dei DM presenti nel Sistema BD/RDM Situazione febbraio 2010

9 Fotografia dei DM presenti nel Sistema BD/RDM Situazione febbraio 2010

10 Fotografia dei DM presenti nel Sistema BD/RDM Situazione febbraio 2010

11 Fotografia dei DM presenti nel Sistema BD/RDM Situazione febbraio 2010

12 La Banca Dati ed il Repertorio dei Dispositivi Medici Banca Dati DM Repertorio DM Fabbricanti Le informazioni, dopo esser state inserite nel sistema (dal fabbricante o da un suo delegato) prima di essere validate mediante apposizione della Firma Elettronica/Digitale possono essere rese disponibili alle strutture sanitarie del SSN con liscrizione, contestuale o successiva, al Repertorio In tal caso, il numero progressivo attribuito dal sistema al dispositivo iscritto presenterà anche il suffisso /R Liscrizione in BD rappresenta la notifica di un dispositivo da parte dei prevista dallart.13 del D.Lgs 46/97 Cosa rappresenta il Repertorio?

13 Cosa rappresenta il numero identificativo? Il numero identificativo viene assegnato dal sistema allatto di attivazione della procedura di notifica Il dispositivo risulta iscritto in BD solo quando la procedura viene completata e viene apposta la firma digitale N. identificativo di iscrizione Dati del Fabbricante Dati del Dispositivo Documentazione Il numero identificativo di iscrizione presenta il suffisso R quando le informazioni di dettaglio inserite dai fabbricanti nel sistema BD/RDM sono rese disponibili anche agli operatori delle strutture del SSN autorizzati

14 Il numero identificativo di iscrizione Pertanto, il patrimonio informativo disponibile necessita di costante aggiornamento VIGILANZA – le schede di segnalazione di incidenti che coinvolgono dispositivi medici allegate al D.M. 15 novembre 2005 ne prevedono lindicazione MONITORAGGIO DEI CONSUMI – il flusso informativo per il monitoraggio dei consumi dei dispositivi medici direttamente acquistati dal SSN (in fase di attivazione) prevede la rilevazione attraverso lindicazione di tale numero Rappresenta, inoltre, lelemento di identificazione univoca anche in altre rilevazioni :

15 Dal Repertorio allosservatorio dei consumi di dispositivi medici È quindi possibile attuare un monitoraggio tempestivo dei consumi dei dispositivi medici direttamente acquistati dal SSN mediante la rilevazione sistematica di informazioni riguardanti ciascun dispositivo medico iscritto nel Repertorio La costituzione del Repertorio dei Dispositivi Medici ha rappresentato un passaggio indispensabile per lattuazione del monitoraggio dei consumi di dispositivi medici del SSN, promuovendo un Linguaggio comune A seguito dellistituzione del Repertorio, infatti, è possibile identificare, attraverso il numero identificativo di iscrizione, i dispositivi medici acquistati, dispensati ed utilizzati nellambito del SSN, in modo univoco mediante una anagrafe unica a valenza nazionale

16 Riunioni periodiche della Commissione Unica dei Dispositivi Medici (CUD) per la predisposizione di uno schema di decreto alle quali hanno partecipato i rappresentanti regionali componenti di tale organismo Incontri tecnici allargati alla partecipazione delle Regioni per la definizione dello schema di decreto e comunicazioni alla CUD sullo stato di avanzamento dei lavori Dicembre2006 Febbraio 2008 Approvazione dello schema di decreto nella Seduta Tecnica della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome Iter dello Schema di Decreto per il monitoraggio dei consumi di dispositivi medici Trasmissione alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome per lacquisizione del previsto parere Prima presentazione dello schema di decreto alla Cabina di Regia NSIS Approvazione dello schema di decreto alla Cabina di Regia NSIS In attesa dellapprovazione definitiva nella Seduta Politica della Conferenza Stato-Regioni Aprile 2008 Aprile 2009 Maggio 2009 Novembre 2009 Dicembre 2009 Febbraio 2010

17 Monitoraggio dei consumi di dispositivi medici Obiettivi Informazioni relative alle distribuzioni interne (consegne) di DM alle strutture sanitarie direttamente gestite dal SSN, relative a ciascun mese solare. Monitorare i consumi dei dispositivi medici direttamente acquistati dal SSN Informazioni relative ai contratti stipulati per lapprovvigionamento di DM; Per alcune informazioni di dettaglio è prevista una fase di sperimentazione di 24 mesi. OBIETTIVO

18 Principali informazioni rilevate CONTRATTI Identificativo di iscrizione al repertorio Quantità aggiudicata Prezzo unitario aggiudicato Aliquota IVA Conto deposito Identificativo del contratto Data di stipula del contratto Durata del contratto Dati relativi al contratto Numero di pezzi presenti nella confezioni minima di vendita Denominazione del fornitore Partita IVA del fornitore Voce di imputazione nel C.E. Tipologia di contratto Forma di negoziazione Ambito di valenza del contratto Dati relativi al singolo DM

19 Dati della struttura Dati relativi al singolo DM Identificativo di iscrizione al Repertorio Destinazione di utilizzo Quantità distribuita Costo di acquisto CONSUMI Tipo struttura utilizzatrice Codice struttura utilizzatrice Codice unità operativa Principali informazioni rilevate

20 Grazie per lattenzione ! Annamaria Donato Direttore ufficio III – Direttore reggente ufficio VI Direzione Generale farmaci e dispositivi medici Tel


Scaricare ppt "DAL REPERTORIO ALLOSSERVATORIO DEI CONSUMI: Scenari di utilizzo Dott.ssa Annamaria Donato Direzione Generale dei farmaci e dei dispositivi medici Ministero."

Presentazioni simili


Annunci Google