La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio."— Transcript della presentazione:

1 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 ASPETTI REALIZZATIVI DEL NUOVO INVENTARIO Patrizia Gasparini CRA-ISAFA

2 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 LA STORIA primo inventario forestale nazionale (IFNI85) studio di fattibilità per il secondo inventario progetto INFC fotointerpretazione di I fase rilievi al suolo di II fase rilievi al suolo di III fase elaborazione dei dati e presentazione dei risultati

3 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 IL DISEGNO DI CAMPIONAMENTO IFNI 85 INFC

4 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio ,865 punti di campionamento FASE 1 Classificazione delluso-copertura del suolo ~ ~ 301,000 punti di campionamento FASE 2 FASE 2 Classificazione delle aree forestali e rilievo attributi qualitativi 30,000 punti di campionamento FASE 3 FASE 3 Rilievi quantitativi IL DISEGNO DI CAMPIONAMENTO

5 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 IL DISEGNO DI CAMPIONAMENTOPrecisione Uso delle ortofoto in I fase Permette unintensità di campionamento molto elevata per stratificare in base alluso del suolo precisione e accuratezza elevate Accuratezza Rilievi speditivi al suolo in II fase di costo limitato su molti punti per fornire stime accurate delle superfici del bosco e delle categorie forestali in base allosservazione a terra

6 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio copertura arborea> 10% - area > 0.5 ha - larghezza > 20 m - altezza potenziale > 5 m "Foreste" e "Altre terre boscate" come definite da FAO – FRA 2000 Boschi densi e aperti Boschi giovani Aree temporan. prive di soprassuolo Impianti di arboricoltura da legno Boschi da seme Vivai forestali Arbusteti Boschi radi FORESTE ALTRE TERRE BOSCATE IL DOMINIO INVENTARIALE Boschi bassi Boscaglie

7 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 I RILEVATORI FASE 1 50 fotointerpreti 1 anno complessivo di lavoro (2003) 1 punto/km 2 di superficie territoriale FASE 2 FASE squadre circa, di 2-3 rilevatori 2-3 punti/giorno 2 anni di lavoro ( ) ~ 1 punto/3.5 km 2 di Bosco e ATB 80 squadre circa, di 2-3 rilevatori 1 punto/giorno 1 anno di lavoro (2006) ~ 1 punto/12.8 km 2 di Bosco

8 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 PRIMA FASE FOTOINTERPRETAZIONE Classi di uso/copertura del suolo sottoclassi Superfici artificialiParchi urbani Aree agricoleImpianti di arboricoltura da legno Foreste e aree naturali e semi- naturali Bosco e altre terre boscate Aree umide Corpi dacqua Schema di classificazione ortofoto b/n risoluzione 1 m periodo OBIETTIVO identificazione degli strati di II fase mediante classificazione dell'uso-copertura del suoloFonti poche ampie classi di uso-copertura del suolo con solo alcune sottoclassi

9 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 Individuazione del poligono omogeneo in cui ricade il punto Confronto con le descrizioni delle classi e sottoclassi di uso del suolo Verifica del rispetto delle soglie minime dimensionali per lattribuzione delluso estensione>5.000 m 2 larghezza > 20 m Per alcuni usi, verifica anche di soglie di copertura arborea, arbustiva o erbacea copertura arboreo- arbustiva > 10% copertura arboreo- arbustiva % copertura erbacea >40% Formazioni forestali Formazioni forestali rade Praterie pascoli, incolti In prima fase non si distingue fra copertura arborea e copertura arbustiva PRIMA FASE PROCEDURA DI CLASSIFICAZIONE

10 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 Limite del Bosco PRIMA FASE FOTOINTERPRETAZIONE

11 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 La fotointerpretazione è stata condotta in ambiente GIS mediante il Sistema Informativo per la Montagna (SIM) del Corpo Forestale dello Stato PRIMA FASE FOTOINTERPRETAZIONE

12 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 PRIMA FASE FOTOINTERPRETAZIONE Per facilitare e standardizzare il lavoro dei diversi fotointerpreti è stato usato uno strumento grafico, che ha aiutato i rilevatori a verificare rapidamente se le soglie dimensionali della definizione fossero state superate 50m 10m 150m - copertura delle chiome > 10% - area > 0.5 ha - larghezza > 20 m Stima preliminare dellarea complessiva di Bosco e altre terre boscate

13 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 SECONDA FASE CLASSIFICAZIONE AL SUOLO E RILIEVI QUALITATIVI principalmente rilievi al suolo, ma anche fotointerpretazione, cartografia e archivi territoriali disponibili, interviste stimare le superfici del Bosco e delle Altre terre Boscate stimare le superfici delle categorie e sotto-categorie forestali raccogliere informazioni su attributi qualitativi delle foreste identificare gli strati di III fase OBIETTIVI FONTI

14 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 Punto C classificazione B/ATB, categorie inventariali, attributi amministrativi e gestionali Fotoplot II fase (FP2500 m 2 ) Copertura delle chiome, tessitura, margini Area di rilevamento al suolo (ARS2000 m 2 ) Caratteri stazionali, composizione specifica, descrizione della fitocenosi SECONDA FASE CLASSIFICAZIONE AL SUOLO E RILIEVI QUALITATIVI UNITA DI CAMPIONAMENTO AREE DI RIFERIMENTO ATTRIBUTI QUALITATIVI

15 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 SECONDA FASE CLASSIFICAZIONE AL SUOLO Superfici boscate e ambienti seminaturali, formazioni forestali Boschi alti Boschi di abete bianco Abetina e Abeti-faggeta a mirtillo e Majanthemum II FASE categoria inventariale categoria forestale sottocategoria forestale I FASE classe e sottoclasse di uso-copertura del suolo

16 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 BOSCHI copertura specie arboree > 10%, altezza potenziale in situ degli alberi 5 m IMPIANTI DI ARBORICOLTURA formazioni di origine artificiale caratterizzate da sesto di impianto regolare e in genere dalla presenza di una sola o di poche specie, sottoposte a pratiche agronomiche più o meno intensive AREE TEMPORANEAMENTE PRIVE DI SOPRASSUOLO aree prive di vegetazione arboreo/arbustiva o con copertura 10% per cause accidentali (calamità naturali, incendi) o antropiche (tagliate) BOSCHI BASSI copertura specie arboree > 10%, altezza potenziale in situ degli alberi 2 m e < 5 m BOSCAGLIE copertura specie arboree > 10%, altezza potenziale in situ degli alberi < 2 m BOSCHI RADI copertura specie arboree > 5% e 10%, altezza potenziale in situ degli alberi 5 m ARBUSTETI copertura specie arboree 5 %, copertura specie arbustive > 10% CATEGORIE INVENTARIALI SECONDA FASE CLASSIFICAZIONE AL SUOLO

17 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 SECONDA FASE CLASSIFICAZIONE AL SUOLO GRADO DI COPERTURA

18 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 La categoria forestale viene attribuita sulla base della specie prevalente nellarea di saggio ? 23 categorie forestali 91 sottocategorie forestali SECONDA FASE CLASSIFICAZIONE AL SUOLO

19 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 SECONDA FASE CLASSIFICAZIONE AL SUOLO N E O N-O S-ES-O N-E S Nei casi difficili la specie prevalente viene individuata mediante dei transect

20 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 altezzaincrementoetà altezza inserzione chioma posizione sociale stato di salute (danni da agenti patogeni biotici) Alberi in piedi diametro a 1,30 m vitalità/integritàspecie altezza di troncatura stadio di decadimento Legno morto Legno morto a terra: diametro e lunghezza diametro e lunghezza stadio di decadimento stadio di decadimento gruppo (con./ lat.) gruppo (con./ lat.)Ceppaie: diametro, altezza diametro, altezza stadio di decadimento stadio di decadimento specie specie epoca taglio epoca taglio intensità della gestione funzione prioritaria utilizzazioni principali prodotti non legnosi Soprassuolo età stato di salute (valutazione complessiva) specie n o di soggetti danniorigine Alberi campione Selvicoltura & produzione Rinnovazione & arbusti PRINCIPALI RILIEVI TERZA FASE RILIEVI QUANTITATIVI

21 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 TERZA FASE RILIEVI QUANTITATIVI N 50 m m 2 12 m m alberi modello dellaltezza e dellincremento 1 albero modello delletà rinnovazione e arbusti (H>= 50 cm) alberi (D >= 10 cm) legno morto (D >= 10 cm) utilizzazioni (ceppaie ultimo anno) alberi (D >= 4.5 cm) stato di salute, funzione prioritaria, aspetti selvicolturali UNITA DI CAMPIONAMENTO

22 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 rendere omogeneo il lavoro di classificazione delle varie squadre e rendere confrontabili i risultati Obiettivi garantire una buona accuratezza dei risultati Strumenti assistenza durante la classificazione controlli a campione dei rilievi in corso collaudo finale Fase I: assistenza via internet nella fotointerpretazione Fase II: ~ 1000 chiamate telefoniche Fase III: ~ 960 chiamate telefoniche Fase I: ~ 5600 punti controllati Fase II: ~ 200 rilievi di controllo Fase III: 80 rilievi di controllo Fase I: ~ 7600 punti di collaudo Fase II: ~ 120 rilievi di collaudo Fase III: 30 rilievi di collaudo CONTROLLI DI QUALITA

23 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 DQLs (data quality limits – o livello di accuratezza desiderata) basati sullimportanza degli attributi e sulla difficoltà della loro misura CONTROLLI DI QUALITA

24 Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio ISTAT – 29 maggio 2007 GLI ATTORI UNIVERSITA DI SIENA UNIVERSITA DI SIENA – Dipartimento Metodi Quantitativi Consulenza statistica (disegno di campionamento, elaborazione dei dati) STUDIO RDM Formazione squadre, controlli di qualità e collaudi AGRISIAN – GALILEO SISTEMI Aspetti informatici (costruzione e gestione database, sviluppo software acquisizione dati, servizi web) CFS Corpo Forestale dello Stato - finanziamento - organizzazione, logistica - rilievi CRA-ISAFA -progettazione -consulenza scientifica -formazione e assistenza rilevatori -controllo qualità dei dati -elaborazione e produzione dei risultati


Scaricare ppt "Il sistema nazionale delle statistiche forestali: situazione attuale e prospettive LInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio."

Presentazioni simili


Annunci Google