La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I FATTORI CHE PROMUOVONO LA CRESCITA ECONOMICA Marchionatti/Mornati, VEDI DISPENSE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I FATTORI CHE PROMUOVONO LA CRESCITA ECONOMICA Marchionatti/Mornati, VEDI DISPENSE."— Transcript della presentazione:

1 I FATTORI CHE PROMUOVONO LA CRESCITA ECONOMICA Marchionatti/Mornati, VEDI DISPENSE

2 Produzione e crescita n La domanda di Adam Smith: da cosa dipende la ricchezza di una nazione? n La ricchezza di una nazione dipende dalla sua capacità di produrre beni e servizi. n La ricchezza è misurata con il PIL pro-capite e si può considerare una buona approssimazione del c.d. tenore di vita (vedi però i punti deboli del PIL). n La ricchezza varia tantissimo... ä …nel tempo nellambito di una medesima nazione. ä … tra le diverse nazioni. n Le variazioni della ricchezza di una nazione nel corso del tempo sono misurate dal tasso di crescita (= pct. annuale) del PIL reale. äQuindi: più aumenta il PIL reale e maggiore è la crescita economica, ovvero il progresso della ricchezza nazionale.

3 Andamento del PIL reale in Italia

4 Crescita del PIL nei paesi OCSE

5 Andamento Pil pro-capite (a valori PPP) Italia vs altri paesi UE Nota: valore EU-27 = 100 in ogni anno

6 La regola del 70 n Piccole differenze annuali nel tasso di crescita del PIL diventano rapidamente molto grandi a causa delleffetto di composizione (compounding). n La c.d. regola del 70 afferma che se una variabile cresce ogni anno al tasso dellx% occorrono circa 70/x anni perché quella variabile raddoppi. n P.e.: una somma di 5000 investita al 7% di interesse annuo raddoppia dopo 10 anni. Se invece linteresse è del 3% occorrono circa 23 anni perché raddoppi. äLArgentina nellanno 1900 aveva un PIL reale maggiore di più del 50% rispetto al Giappone. Nellanno 2000, a causa di un tasso di crescita medio annuo minore di meno di un punto pct. (1.86% rispetto a 2.81%), il suo PIL reale era meno della metà di quello giapponese.

7 Anno 2000 Anno 2010 Anno 2030 Anno 2050 Anno 2070 Anno 2100 Quanto conta il tasso di crescita? Anno 2000 Anno 2010 Anno 2030 Anno 2050 Anno 2070 Anno 2100 Tabella da: Lipsey & Chrystal, Economia, p.459

8 La funzione aggregata di produzione n Per comprendere le grandi differenze nel tenore di vita sia nel tempo che tra paesi dobbiamo concentrarci sulla capacità di uneconomia di produrre beni e servizi. n A livello macroeconomico possiamo ipotizzare che valga la seguente funzione aggregata di produzione: Y = A F(L, K, H, N) dove: Y = quantità di output/PIL A = conoscenze tecniche disponibili F(.) indica come sono combinati i fattori: L = quantità di lavoro K = quantità di capitale fisico H = quantità di capitale umano N = quantità di risorse naturali Attraverso la funzione aggregata di produzione immaginiamo che il sistema economico funzioni come ununica impresa, e quindi che tutti i processi produttivi siano riassunti in uno solo.

9 La variabile cruciale: la produttività dei fattori n Al di là della quantità disponibile dei fattori di produzione, la variabile chiave che determina il tenore di vita è la produttività totale dei fattori (TFP), ovvero la quantità di beni e servizi che può essere prodotta con una data dotazione di tutti i fattori. äLa TFP è una misura dellefficienza con cui uneconomia usa tutti i fattori di produzione. Essa quindi misura limpatto sulla crescita del PIL anche dei fattori di produzione non espressamente elencati nella FdP aggregata (p.e. la qualità delle istituzioni). n I fattori della produzione sono pertanto molto rilevanti, sia a livello quantitativo che come impatto sulla TFP, ai fini della comprensione dei meccanismi della crescita economica.

10 Il capitale fisico ed umano n Definiamo capitale ogni fattore di produzione a sua volta prodotto da un precedente processo produttivo. n Investimenti: accumulazione di capitale fisico ed umano. Tale capitale è uno dei principali motori della crescita economica di una nazione. n Il capitale fisico è linsieme degli strumenti, delle attrezzature e delle infrastrutture utilizzati per produrre beni e servizi. n Il capitale umano è linsieme delle conoscenze e delle capacità acquisite dai lavoratori mediante listruzione, laddestramento e lesperienza. äQuindi: studiare significa investire nella creazione di capitale umano, capitale che poi, conclusi gli studi, verrà dato in affitto sul mercato del lavoro al fine di produrre beni e servizi.

11 n Le risorse naturali sono tutti i fattori della produzione forniti dalla natura (terra, acqua, minerali, ecc.). äSi dividono in risorse rinnovabili (energia solare, alberi) e non rinnovabili (petrolio) äIl possesso di risorse naturali è importante ma non necessario perché uneconomia sia molto produttiva (p.e. Giappone) n Le conoscenze tecnologiche sono tutte le nozioni relative a come produrre nel modo più efficiente i beni e servizi. äTale insieme comprende anche i modi di organizzare la produzione äSi tratta di beni non rivali e (spesso) non escludibili äIl capitale umano non è altro che linsieme delle risorse necessarie per trasmettere tali conoscenze tra gli individui Le risorse naturali e la tecnologia

12 Leffetto di scala n La popolazione determina lentità della forza lavoro (L) di un paese. Storicamente, quindi, si è creduto che una popolazione numerosa fosse indicatore della ricchezza di una nazione. n In effetti, paesi molto popolati hanno anche un PIL molto grande: c.d. scale effect – o effetto di scala – nella FdP aggregata. n Ma la miglior misura del tenore di vita è il PIL pro- capite, e la forte crescita della popolazione è quasi sempre causa di una riduzione del PIL pro-capite. äSe cresce la popolazione, infatti, si riduce la dotazione pro- capite degli altri fattori di produzione (p.e. il capitale pro- capite) e quindi il singolo lavoratore è meno produttivo. n In effetti, i paesi sovra-popolati sono spesso anche quelli più poveri.

13 Il ruolo del policy-maker nella crescita n Il policy-maker può intervenire in vari modi per aumentare la produttività e quindi la ricchezza della nazione: äIncoraggiare i risparmi e gli investimenti äPromuovere listruzione e la formazione äPromuovere la ricerca scientifica äFavorire il libero scambio äGarantire la tutela dei diritti di proprietà n In particolare, lazione del policy-maker volta ad incentivare i risparmi e gli investimenti sarà oggetto di particolare attenzione vedi prossima lezione.

14 Promuovere i risparmi e gli investimenti n Un modo semplice per far crescere la produttività totale è investire di più, cioè accumulare più capitale (fisico ed umano), sacrificando i consumi correnti per quelli futuri. n Il governo può favorire laccumulazione... ä...o incentivando i risparmi e gli investimenti nazionali ä...o agevolando lafflusso di capitali dallestero. n Al crescere dello stock di capitale, tuttavia, lincremento di produzione è sempre minore per effetto del principio dei rendimenti decrescenti: un medesimo incremento di capitale genera un effetto via via minore in termini di output (= PIL) n Quindi il beneficio sul tasso di crescita del PIL ottenuto risparmiando ed investendo è via via minore: accumulare capitale, specie quello fisico, è dunque necessario, ma non sufficiente per la crescita economica.

15 Promuovere listruzione e la formazione n Per garantire la crescita di lungo periodo di una nazione, listruzione (cioè laccumulazione di capitale umano) è almeno altrettanto importante quanto linvestimento in capitale fisico. n Laccumulazione di capitale umano è in realtà un tipico caso di esternalità positiva. äTale esternalità può più che compensare leffetto dei rendimenti decrescenti, per cui conviene continuare ad accumulare capitale umano anche quando non conviene più investire in capitale fisico. n Questo spiega perché esiste un ampio spazio per il policy- maker nel fornire direttamente, o nellincentivare la produzione privata (p.e. mediante appositi sussidi), dei beni pubblici istruzione e formazione.

16 La ricerca scientifica n Il progresso nelle conoscenze scientifiche e tecnologiche può venire dallazione dei privati o del policy-maker. n Le conoscenze scientifiche e tecnologiche sono sempre non rivali e spesso non escludibili. Sono quindi beni pubblici (oppure monopoli naturali), capaci di generare esternalità positive. n Quindi, il mercato produce troppo poca ricerca scientifica. Come nel caso dellistruzione, esiste ampio spazio per lazione pubblica diretta o indiretta. n Il policy-maker può favorire la ricerca… ä…direttamente (università pubbliche, CNR) ä…o indirettamente (incentivando la ricerca privata mediante sussidi fiscali o tutelando temporaneamente le posizioni di monopolio attraverso un efficace sistema dei brevetti ).

17 La promozione del libero scambio n Il libero scambio consente di sfruttare i vantaggi comparati ed incrementare lefficienza produttiva. äP.e. ottenere con lo scambio internazionale un nuovo bene capitale prima non disponibile equivale a beneficiare di uninnovazione tecnologica. n Due tipi di politica degli scambi internazionali: äAutarchia (= sostituzione delle importazioni con beni nazionali): p.e. America Latina negli anni 60. äApertura al commercio con lestero: p.e. le c.d. tigri asiatiche negli anni 80; oggi la Cina e lIndia. n La storia non lascia dubbi su quale sia stata la politica vincente…

18 La tutela dei diritti di proprietà n E un aspetto spesso trascurato ma assolutamente cruciale per la crescita economica (già A. Smith lo aveva capito!). n In generale, migliore è la qualità delle istituzioni di una nazione e maggiore è la sua TFP. n Il rispetto e la tutela della proprietà privata (p.e. un efficace funzionamento della giustizia civile) è essenziale perché il meccanismo del mercato possa funzionare. äC.d. rule of law, ovvero la possibilità di far valere i contratti. n Lo stesso vale per la stabilità politica e la presenza di un ordinamento favorevole al sistema del libero mercato. n Lobiettivo è ridurre lincertezza degli operatori economici e consentire lo sviluppo di una struttura dei mercati la più completa possibile. äAnche in questo caso siamo in presenza di unesternalità positiva, generata dalla rule of law.

19 IDENTITA MACRO FONDAMENTALI & MERCATO DEI FONDI MUTUABILI Marchionatti/Mornati, Parte IV & DISPENSE

20 Lidentità macro fondamentale n Lidentità fondamentale della contabilità nazionale è quella tra reddito e spesa. n Ipotizzando uneconomia chiusa (= senza NX), lidentità è: Y = C + I + G n Da questa identità derivano altre importanti relazioni. Ciò che avanza dal PIL una volta che si sono pagati i consumi pubblici e privati è detto risparmio aggregato: S = Y – C – G ovvero: S = I Tenendo conto delle imposte totali T: S = (Y – T – C) + (T – G)

21 Il risparmio privato e pubblico n Il risparmio privato è il reddito che rimane alle famiglie una volta detratte le imposte e la spesa per consumi: S p = (Y – T – C) n Il risparmio pubblico è quanto residua del gettito fiscale T una volta detratta la spesa per acquisti pubblici G: S g = (T – G) n Mettendo insieme le due identità: S = I & S = Sp + Sg, si ha: I = Sp + Sg = (Y – T – C) + (T – G) ovvero: I – Sg = Sp Se Sg > 0, il risparmio pubblico contribuisce ad I Se Sg < 0, il deficit pubblico compete con I

22 Come ridurre il deficit pubblico? n Per evitare che vengano sottratte risorse agli investimenti privati, il deficit pubblico G – T va ridotto e tenuto sotto controllo. n Questo è lo spirito alla base del criterio del 3% nel rapporto tra deficit e PIL previsto dal trattato di Maastricht. n Esistono due modi per ridurre il deficit pubblico: ä Aumentare le tasse T ä Ridurre la spesa pubblica G n Ma aumentare T significa ridurre il reddito disponibile per i consumatori Y – T, e quindi ridurre anche i risparmi privati Sp. äInoltre, al crescere di T si genera molto spesso il c.d. tax push: più lo Stato incassa e più spende. n Quindi se si vuole davvero promuovere la crescita economica, lunica via per ridurre il deficit è la riduzione della spesa pubblica. äN.b.: la spesa pubblica in G è quella c.d. improduttiva; gli investimenti pubblici (strade, scuole, ospedali, ecc.) sono infatti già compresi in I. [Nella realtà però anche tali investimenti sono considerati ai fini del criterio del 3%, ma tagliarli significa, di nuovo, ostacolare la crescita!]

23 Identità o equilibrio? n In qualsiasi sistema economico è sempre identicamente vero che i risparmi sono ex post pari agli investimenti: S = I n Dal punto di vista contabile il rispetto dellidentità è sempre assicurato dalla variazione (volontaria o no) delle scorte. La contabilità nazionale considera investimento in scorte anche ciò che rimane invenduto al 31/12 nei magazzini delle imprese. n Due temi cruciali della macroeconomia sono: i) studiare tale identità come condizione di equilibrio ex ante, ovvero come esito di scelte volontarie degli agenti; ii) capire se tale equilibrio assicura o meno il pieno impiego delle risorse.

24 Il sistema finanziario n Il sistema finanziario è formato dalle istituzioni il cui compito è di allocare i risparmi presso tutti coloro che intendono investire. n Il compito del sistema è quindi trasferire le risorse scarse dai risparmiatori a coloro che intendono prenderle a prestito. La sua è dunque unattività di intermediazione e coordinamento. n Tipi di istituzioni finanziarie: äMercati finanziari: istituzioni attraverso le quali i risparmiatori entrano direttamente in contatto con chi desidera prendere a prestito le risorse. Esempi: mercato azionario, mercato obbligazionario. äIntermediari finanziari: istituzioni attraverso le quali i risparmiatori ed i prenditori di fondi sono messi in contatto solo in via indiretta. Esempi: banche, fondi comuni di investimento.

25 Gli strumenti dei mercati finanziari n Obbligazioni ed azioni sono i due tipici strumenti finanziari, o asset. Con questultimo termine si intende in realtà qualsiasi cosa (materiale o meno) che sia in grado di trasferire valore nel tempo. Ad esempio anche un immobile è un asset. n Unobbligazione è un titolo di credito che specifica le obbligazioni del debitore nei confronti di chi detiene il titolo. Il rendimento di unobbligazione è dato dallinteresse e dal guadagno in conto capitale (aumento di valore del titolo nel tempo; è pari alla differenza tra prezzo di acquisto e valore di mercato corrente). n Chi detiene un obbligazione rischia di perdere il proprio investimento solo in caso di fallimento del debitore (c.d. default). n Anche i titoli del debito pubblico, detti anche titoli di stato, sono obbligazioni emesse da un governo sovrano. n Unazione rappresenta una quota della proprietà di una società. n Quando unimpresa emette azioni per finanziarsi, offre al mercato dei titoli che, rispetto alle obbligazioni, implicano un maggior rischio (perché chi li detiene non ha alcuna garanzia di poter recuperare il capitale investito), ma anche un rendimento potenzialmente illimitato. n Il rendimento di unazione è dato dal dividendo (quota parte degli utili dimpresa) e dal guadagno in conto capitale.

26 Gli intermediari finanziari n Le banche svolgono una funzione di intermediazione: prendono i depositi degli agenti che intendono risparmiare e li trasformano in prestiti per gli agenti che intendono investire. n Inoltre le banche svolgono una fondamentale funzione monetaria creando mezzi di scambio ( vedi prossime lezioni). n Lutile delle banche deriva dal margine di intermediazione, cioè la differenza tra tassi attivi imposti ai debitori (imprenditori, mutuatari) e tassi passivi concessi ai depositanti od a chi presta loro denaro. n Un fondo comune di investimento è unistituzione che vende quote di se stessa al pubblico ed utilizza il ricavato per comprare una selezione (detta portafoglio) di titoli di vario tipo (azioni ed obbligazioni). n La funzione essenziale dei fondi comuni è consentire anche a chi ha scarse dotazioni finanziarie di diversificare i propri investimenti. n Inoltre attraverso i fondi comuni la gestione dei risparmi (ovvero del portafoglio titoli) è affidata a professionisti dellinvestimento.

27 n Gli operatori finanziari coordinano i risparmi e gli investimenti del sistema economico nel c.d. mercato dei fondi mutuabili (FM). Il mercato FM non esiste, ma è usato a scopo didattico perché riassume tutti i mercati finanziari della realtà. n Lofferta di fondi mutuabili proviene dagli agenti che decidono di risparmiare e prestare una parte del proprio reddito. n La domanda di fondi mutuabili proviene dagli agenti che desiderano prendere a prestito denaro per investirlo. n Il mercato dei fondi mutuabili, funziona come gli altri mercati: lequilibrio tra domanda ed offerta determina la quantità di fondi mutuabili scambiata ed il prezzo (= tasso di interesse reale). Il mercato dei fondi mutuabili

28 Fondi mutuabili 0 Tasso di interesse 5% Offerta FM (risparmio) Domanda FM (investimento) 1200

29 Politiche pubbliche su risparmi ed investimenti n Maggiore è la quantità di equilibrio sul mercato FM e maggiori saranno le risorse che verranno investite nellaccumulazione di capitale fisico ed umano, ovvero nei due principali motori della crescita economica. n Il policy-maker è dunque interessato a stimolare tale mercato per promuovere la crescita. n Il policy-maker ha vari strumenti per influenzare, in positivo o in negativo, le decisioni di risparmio ed investimento e quindi lequilibrio del mercato FM. äLimposizione fiscale sui risparmi äLimposizione fiscale sugli investimenti äIl deficit pubblico e lo spiazzamento degli investimenti privati

30 La tassazione del risparmio n Sappiamo dalla micro che la remunerazione del risparmio NON è mai una rendita: con tale termine si indica infatti la remunerazione dei fattori produttivi ad offerta fissa o quasi fissa (p.e. la terra), mentre lofferta di risparmio, specie in uneconomia aperta, è molto elastica! n Le imposte sui risparmi disincentivano il risparmio. n Quindi una riduzione delle imposte stimola il risparmio a parità di remunerazione del risparmio stesso (cioè a parità di tasso di interesse). La rappresentazione è quella usuale: Lofferta di fondi mutuabili si sposta verso destra. Il tasso di interesse di equilibrio diminuisce. La quantità di equilibrio di fondi mutuabili aumenta e con essa anche gli investimenti e laccumulazione del capitale.

31 FM 0 r 4% 5% Offerta S 1 S2S Domanda

32 Investimenti detraibili fiscalmente n Un credito di imposta sugli investimenti è la possibilità per limpresa di detrarre dalle imposte sul reddito dovute annualmente una somma pari ad una percentuale (anche il 100%) degli investimenti effettuati. n Tale misura stimola la domanda di fondi mutuabili. Le imprese sono infatti incentivate ad investire di più perché il costo netto di tali investimenti è minore. äLimpresa paga il tasso di interesse sui fondi che prende in prestito per investire, ma gode di una riduzione delle imposte che deve versare allo Stato. La rappresentazione è quella usuale: La domanda si sposta a destra. Il risultato è un tasso di interesse di equilibrio più alto… …ed una maggiore quantità di equilibrio di fondi mutuabili.

33 FM 0 r 5% 6% Offerta Domanda D 1 D2D2

34 Leffetto del deficit pubblico sul mercato FM n Quando lo Stato spende più di quanto incassa (ovvero quando G > T) si ha un risparmio pubblico negativo, cioè un deficit pubblico. n Il deficit non va confuso con il debito pubblico: ädeficit pubblico: è grandezza flusso (saldo negativo tra entrate ed uscite pubbliche) ädebito pubblico: è grandezza stock (somma dei deficit, e degli eventuali avanzi, pubblici passati) n Lesigenza dello Stato di prendere a prestito fondi per finanziare il deficit riduce lofferta di FM che rimangono a disposizione per gli investimenti dei privati. Si parla così di spiazzamento (crowding out) degli investimenti privati: äLa curva di offerta si sposta a sinistra. äIl tasso r aumenta e la quantità di equilibrio di FM si riduce.

35 FM 0 r S2S2 Offerta S 1 Domanda 5% 6% Il deficit pubblico riduce lofferta di FM a disposizione degli investimenti privati e quindi penalizza la crescita economica

36 ECONOMIE APERTE Marchionatti/Mornati, Parte IV, Cap.3

37 Economie chiuse e aperte n Uneconomia chiusa è un sistema che non interagisce con le altre economie mondiali: non ci sono né scambi commerciali né flussi di capitali con lestero. n Uneconomia aperta è un sistema che interagisce con le altre economie mondiali in due modi principali: ä Compra e vende beni e servizi nel mercati dei beni e servizi. ä Compra e vende attività patrimoniali (asset) nei mercati finanziari internazionali. n I due tipi di interazione economica con il resto del mondo sono alla base delle due componenti fondamentali della bilancia dei pagamenti, il conto corrente ed il conto capitale.

38 Il conto corrente n Il conto corrente racchiude tutte le operazioni di una nazione con il resto del mondo che si svolgono completamente nel periodo di riferimento (= periodo corrente). n Si divide in tre parti: ä Bilancia commerciale: differenza tra esportazioni ed importazioni di beni e servizi ä Redditi netti da capitale: differenza tra redditi percepiti e redditi pagati su investimenti (p.e. interessi, dividendi, ecc.) ä Trasferimenti netti (p.e. aiuti internazionali) n Di queste tre voci, la prima è di gran lunga la principale come entità ed è anche quella meno stabile nel tempo. Possiamo quindi per semplicità ignorare le altre due. ä Ma non sarebbe così p.e. in un PVS, dove la terza voce potrebbe essere molto rilevante.

39 n Definiamo esportazioni nette o bilancia commerciale (NX) la differenza tra valore delle esportazioni e valore delle importazioni di una nazione: Esportazioni X: beni e servizi prodotti internamente e venduti allestero Importazioni M: beni e servizi prodotti allestero venduti internamente. n Si ha un avanzo commerciale quando: X > M NX > 0 n Si ha un disavanzo commerciale quando: X < M NX < 0 La bilancia commerciale

40 Il conto capitale n Il conto capitale misura le variazioni della proprietà estera netta delle attività patrimoniali (asset) nazionali. ä Netta perché si deve fare la differenza tra variazioni di asset nazionali detenuti da agenti stranieri ed asset stranieri detenuti da agenti nazionali. n Anche qui abbiamo tre categorie: ä Gli investimenti esteri diretti netti: riguardano la creazione di nuovo capitale reale nel paese e allestero. ä Gli investimenti di portafoglio netti: riguardano la compravendita di titoli di credito nazionali ed esteri. ä Altri investimenti netti: movimenti di depositi bancari nazionali ed esteri. n Nel seguito indichiamo tutte queste voci con la sigla NFI (= net foreign investments). n Infine, in base alle diverse convenzioni, possiamo includere o meno nel conto capitale anche i c.d. movimenti delle riserve valutarie (RV) ä Si tratta della variazioni delle riserve di valuta estera detenute dalla Banca Centrale di una nazione. ä Possiamo includerli nel conto capitale o considerarli una voce a parte.

41 n Definiamo investimenti esteri netti (NFI) la differenza tra gli assets esteri acquistati da residenti e gli assets nazionali acquistati da stranieri. ä P.e.: un italiano può comprare azioni Microsoft mentre un giapponese può comprare un titolo di Stato italiano. ä Un asset è, in generale, qualsiasi titolo che dia diritto ad uno o più pagamenti futuri. n Se gli italiani acquistano più assets esteri di quanto gli stranieri acquistino assets italiani, allora NFI > 0 e si ha un deflusso netto di capitali dallItalia. n Se gli italiani acquistano meno assets esteri di quanto gli stranieri acquistino assets italiani, allora NFI < 0 e si ha un afflusso netto di capitali esteri in Italia. Investimenti esteri netti

42 n Definiamo bilancia dei pagamenti la differenza tra NX e NFI: BP = NX – (NFI + RV) n Il saldo della BP è sempre zero, perché le due voci che la compongono si devono necessariamente bilanciare: BP = 0 NX = (NFI + RV) n Questo perché ogni transazione con lestero incide sui due lati dellidentità in ugual misura. n Spiegazione: il movimento di valuta compensa quello dei beni. ä Esempio: se lItalia esporta una Ferrari in USA lincasso in dollari è considerato come un acquisto di asset americani ottenuto dando lauto in contropartita e viene registrato dentro RV. ä In realtà: la Ferrari vende i $ incassati alla BdI in cambio di. Ma questo fa crescere le riserve valutarie italiane in $ detenute dalla BdI (c.d. movimenti compensativi delle riserve valutarie) ä Quindi parlare di deficit di BP è un modo scorretto di dire riduzione di RV n I movimenti compensativi di RV assicurano il pareggio anche in caso di operazioni nel conto capitale, senza scambio di beni. Lidentità fondamentale delle economie aperte

43 Identità contabili e deficit gemelli n Lidentità tra reddito e spesa in uneconomia aperta è: Y = C + I + G + NX Y – C – G = I + NX n In uneconomia aperta esistono due modi di usare il risparmio nazionale: per investimenti nazionali e per investimenti allestero. Pertanto: S = I + NFI n Quindi se S – I < 0 NFI < 0, ovvero: i capitali esteri contribuiscono a finanziare gli investimenti interni n E possibile che vi sia il problema dei c.d. deficit gemelli: ä Deficit pubblico: S g < 0 ä Disavanzo commerciale: NX < 0 (NFI + RV) < 0 n Come sappiamo, S g < 0 riduce S. Questo può provocare S – I < 0, e quindi, a parità di RV, la necessità per il paese di finanziare I mediante lafflusso di capitali esteri che acquistano asset nazionali: NFI < 0 NX < 0.

44 Dimostrazione dei deficit gemelli n Partiamo da: Y = C + I + G + NX (identità reddito = spesa) n Questa si può scrivere come: Y – C – G = I + NX n Ma sappiamo che: Y – C – G = S & NX = NFI + RV n Quindi possiamo scrivere lidentità come: S = I + NFI + RV n Hp: esiste un deficit pubblico S g < 0 n Ma allora è possibile che sia: S = S p + S g < I n Quindi: S < I S – I < 0 n Ma: S – I = NFI + RV, e quindi, per un dato RV (che alla peggio può essere 0), avremo: NFI < 0 NX < 0 n Pertanto lesistenza di un (grande) deficit pubblico S g < 0 può implicare anche NX < 0, cioè un deficit commerciale. n E il c.d. problema dei deficit gemelli (p.e. gli USA oggi).

45 32 | 45Cowen-Tabarrok, PRINCIPI DI ECONOMIA, Zanichelli editore S.p.A. Copyright © 2011 La bilancia dei pagamenti USA

46 Due significati del disavanzo commerciale n Che significato dare ad NX < 0, e quindi anche ad NFI < 0? n Visione ottimistica: nel paese in questione le opportunità di investimento sono così numerose ed appetibili che le risorse nazionali non bastano a finanziare tutti quegli investimenti. Nessun problema, però! Dallestero ci sarà un afflusso di capitali da parte di agenti stranieri desiderosi di investire in quel paese. n Visione pessimistica: nel paese in questione si risparmia così poco (p.e. perché il deficit pubblico è molto alto) che non si riescono a finanziare tutti gli investimenti. E un bel problema, perché per mantenere il suo livello di investimenti il paese è alla mercé degli agenti stranieri che fanno affluire i capitali. ä E vero che possiamo contare sul fatto che gli stranieri abbiano comunque convenienza ad investire in quel paese (anche perché per loro il problema è opposto: NX > 0 NFI + RV > 0) … ä … ma questo vale solo se le decisioni degli stranieri verranno prese sulla base di valutazioni economiche e non in base a considerazioni di altro tipo (p.e. di politica estera).

47 Il mercato dei fondi mutuabili in uneconomia aperta n Lofferta di fondi mutuabili dipende, come nel caso dell economia chiusa, dai risparmi nazionali. n La domanda, invece, ora proviene sia dagli investimenti interni I che dagli investimenti esteri netti NFI. n A parità di RV, lidentità contabile fondamentale è: S = I + NFI n Per un opportuno tasso reale di interesse r tale identità vale anche come condizione di equilibrio, cioè esprime una situazione in cui i piani di risparmio ed investimento degli agenti sono tutti realizzati. n Il tasso r influenza sia I che NFI (oltre che S): esso infatti esprime il rendimento di un asset nazionale. ä Quindi se r aumenta si riduce I, ma anche NFI, perché aumenta la domanda di asset nazionali a scapito di quella di asset esteri (si ricordi che NFI < 0 significa afflusso di capitali).

48 Q* FM r r* Offerta di FM (deriva dal risparmio nazionale) Domanda di FM (per I interni & per NFI) Anche stavolta qui si trova lequilibrio, non la mera identità Fondi mutuabili in uneconomia aperta Se a parità di r cambia NFI, si sposta tutta la curva

49 Da cosa dipende NX La bilancia commerciale dipende da vari fattori: –Le preferenze dei consumatori per i beni nazionali ed esteri. –Le politiche dei governi nei confronti del commercio con lestero (tariffe, quote, ecc.). –I costi di trasporto dei beni. –Il prezzo dei beni e servizi allinterno (P) ed allestero (P*). –Il tasso di cambio e a cui si può acquistare valuta estera usando valuta locale. Ciascuno di questi fattori può incrementare o ridurre sia la quantità che il valore delle importazioni e delle esportazioni. Dato che NX è una componente della domanda aggregata AD, al mutare di una delle determinanti si genere una variazione di NX e quindi anche uno spostamento della AD. In particolare, ci soffermiamo sul ruolo del tasso di cambio e dei prezzi nazionali ed esteri. Possiamo quindi scrivere: NX = NX 0 + f(P, P*, e) dove NX 0 indica la componente autonoma di NX.

50 Tassi di cambio nominali e reali Le transazioni internazionali dipendono dai prezzi internazionali. I due principali prezzi internazionali sono il tasso di cambio nominale e quello reale. Il tasso di cambio nominale è il prezzo di una valuta in termini di unaltra valuta, ovvero il rapporto con cui si può trasformare una valuta in unaltra. Il tasso di cambio reale è il rapporto con cui è possibile scambiare i beni e servizi di un paese con gli stessi beni e servizi di un altro paese. E un indice della competitività di un sistema economico.

51 Il cambio nominale e si può esprimere in due modi: –In unità di valuta estera per una unità di valuta locale (p.e. quanti dollari ci vogliono per comprare un euro?). –In unità di valuta locale per una unità di valuta estera (p.e. quanti euro lire ci vogliono per comprare un dollaro?). –N.b.: in Italia eravamo abituati ad usare il secondo metodo, ma con lavvento delleuro si usa il primo metodo: p.e. quanti yen o dollari ci vogliono per comprare un euro? Se oggi con un euro posso comprare più unità di valuta estera di ieri si dice che leuro si è apprezzato. Viceversa si dice che leuro si è deprezzato. In un sistema di cambi flessibili, il tasso di cambio nominale oscilla liberamente sul mercato in base a domanda e offerta delle varie valute (più precisamente: degli asset finanziari espressi nelle varie valute). Lo si determina trovando lequilibrio con la solita forbice marshalliana. Invece in un sistema di cambi fissi, o semi-fissi, il cambio è mantenuto ad un valore predefinito dalla Banca Centrale. Il tasso di cambio nominale

52 Il tasso di cambio reale Il cambio reale s mette a confronto i prezzi dei medesimi beni e servizi nazionali ed esteri. Il cambio reale dipende dal cambio nominale e e dai prezzi dei beni nazionali ed esteri convertiti nella medesima valuta. La formula è: s = e (P/P*) Quindi se un hamburger di McDonalds costa meno in Italia che non in USA, il cambio reale è minore di 1 (cioè con un hamburger USA compro più di un hamburger in Italia). Esempio: –P hamburger in Italia = 2 ; P* hamburger in USA = 3$ –Cambio nominale e = 1.35 [cioè: 1 = 1.35 $] –Cambio reale s = 1.35 (2/3) = 0.9, cioè lhamburger in Italia costa il 90% che negli USA. Quindi lItalia è più competitiva nel mercato degli hamburger. Considerando invece di un solo bene, un paniere tipo di beni e servizi, possiamo usare come P e P* i relativi CPI: il cambio reale indicherà in quale dei due paesi il paniere tipo costa meno e quindi qual è il paese più competitivo.

53 A cosa serve il cambio reale Il cambio reale è uno dei fattori cruciali per spiegare la bilancia commerciale NX di un paese. Se un paese ha un basso cambio reale, allora i suoi beni sono relativamente meno costosi rispetto a quelli esteri. N.b.: una riduzione del cambio reale (s ) si ha se e e/o P e/o P* In breve, il cambio reale è un indice della competitività di un paese in termini di un dato paniere di beni e servizi. I consumatori, sia nazionali che esteri, tenderanno a comprare i beni del paese con un basso cambio reale. La bilancia commerciale NX di quel paese pertanto migliorerà, inducendo uno spostamento verso lalto della domanda aggregata AD.

54 La teoria PPP La legge del prezzo unico è il principio che afferma che uno stesso bene deve avere lo stesso prezzo ovunque sia venduto. –Tale legge vale, in generale, anche per gli scambi internazionali. La legge del prezzo unico si regge sul c.d. principio di non arbitraggio: se la legge non valesse, e quindi un medesimo bene fosse venduto a prezzo diverso in due diversi paesi, esisterebbero opportunità di arbitraggio profittevole non sfruttate, ma questo è impossibile in un mondo di agenti economici razionali. –Ovviamente, la legge esprime solo una tendenza di lungo periodo e non vale per ampie categorie di beni e servizi (c.d. beni e servizi non commerciabili, cioè che non possono essere esportati) La teoria della parità del potere di acquisto (purchasing power parity, PPP) è la più vecchia, semplice e diffusa spiegazione del tasso di cambio nominale in equilibrio di lungo periodo. –La teoria PPP risale al 1600, ma nella versione moderna si deve alleconomista svedese Gustav Cassel (1918). Il principio base della teoria PPP è che una data somma di una certa valuta deve poter comprare la stessa quantità di beni in tutti i paesi, cioè deve avere identico potere dacquisto ovunque

55 La PPP si può esprimere dicendo che s = 1 deve valere come condizione di equilibrio di lungo periodo. Affinché il potere di acquisto di una somma di denaro possa essere lo stesso in tutti i paesi, il tasso di cambio nominale e deve aggiustarsi: 1 = e (P / P*) da cui: e = P*/P. In pratica, la PPP richiede che il cambio nominale rifletta le differenze nei livelli di prezzo dei diversi paesi. Segue che, in base alla teoria PPP, i paesi con uninflazione relativamente più elevata avranno una valuta che si deprezza nel tempo (infatti: e se P per mantenere s = 1), mentre la valuta dei paesi con minore inflazione si apprezza. La PPP spiega dunque i movimenti di lungo periodo del cambio nominale: il cambio e varia finché non raggiunge il livello di equilibrio previsto dalla PPP.

56 I limiti della teoria PPP Insieme alla TQM, la PPP è laltro caposaldo della c.d. teoria monetaria classica. Entrambe le teorie valgono però solo come condizioni di equilibrio di lungo periodo. In particolare, la PPP è violata in presenza dei beni e servizi c.d. non commerciabili, dato che per essi la non vale legge del prezzo unico. –Questo significa che i settori che producono beni e servizi non commerciabili sono protetti dalla concorrenza internazionale, mentre tutti gli altri settori sono esposti a tale concorrenza. In un paese può aversi inflazione elevata a causa degli aumenti di prezzi e salari nei settori protetti o di un eccessivo livello di spesa pubblica; tale inflazione si ripercuote sulla competitività dei settori esposti. –Se il cambio nominale del paese non può aggiustarsi (p.e. perché il paese aderisce ad un accordo di cambio rigido oppure perché non ha più una propria valuta), i settori esposti perdono quote di mercato di fronte alla concorrenza internazionale. Il problema è che quasi sempre i settori esposti sono anche i più innovativi e decisivi per la crescita del PIL.


Scaricare ppt "I FATTORI CHE PROMUOVONO LA CRESCITA ECONOMICA Marchionatti/Mornati, VEDI DISPENSE."

Presentazioni simili


Annunci Google