La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Walter Palermo 1 CONTABILITA E BILANCIO DELLE IMPRESE TURISTICHE A.A. 2006 – 2007 III Trimestre 16 aprile – 15 giugno 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Walter Palermo 1 CONTABILITA E BILANCIO DELLE IMPRESE TURISTICHE A.A. 2006 – 2007 III Trimestre 16 aprile – 15 giugno 2007."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Walter Palermo 1 CONTABILITA E BILANCIO DELLE IMPRESE TURISTICHE A.A – 2007 III Trimestre 16 aprile – 15 giugno 2007

2 Prof. Walter Palermo 2 Cap. 2 Introduzione alleconomia del sistema ricettivo

3 Prof. Walter Palermo 3 Le strutture turistiche Per tipologie Per tipologie salutistico termale culturale di studio devasione dimmagine o di tendenza sessuale agriturismo enogastronomico religioso sportivo montano balneare Per esigenza commerciale di transito sportivo per salute culturale daffari di ricerca scolastico rientro di immigrati

4 Prof. Walter Palermo 4 Tipi di turismo Per distanza Per distanza Nazionale Internazionale Intercontinentale Per soggetti Per soggetti Individuale Gruppi Comitive Giovani Anziani Esclusivo Per periodo Alta stagione Media stagione Bassa stagione Work shop Scolastico Per durata Per durata Week end Stagionale Occasionale Per provenienza o destinazione Incoming Outgoing

5 Prof. Walter Palermo 5 Attività turistiche (ex criteri economici) Caratteristiche (con più del 50% dei ricavi da turisti) Strutture ricettive Alloggi privati locati e non Bar con spettacolo Ristoranti Trasporti Agenzie di viaggio ADV e tour operator TO Amministrazione turistica pubblica Di produzione di beni e servizi connessi (con meno del 50% dei ricavi da turisti) Bar senza spettacolo Dettaglianti (alimentari, foto/cine, souvenir, abbigliamento/calzature) Distributori di carburanti Costruzione e manutenzione mezzi di trasporto Servizi di credito, sanitari, ricreativi, culturali ecc. Di produzione di investimenti fissi turistici Costruzione di appartamenti e altre strutture ricettive Costruzione di mezzi di trasporto

6 Prof. Walter Palermo 6 Imprese turistiche (ex l. 135/2001) Le imprese che esercitano attività economiche organizzate per la produzione, la commercializzazione, lintermediazione e la gestione di prodotti, di servizi, di infrastrutture, e di esercizi che insieme concorrono alla formazione dellofferta turistica. Le imprese di viaggiLe imprese di viaggi Agenzie di viaggio Tour operator Le imprese di trasportiLe imprese di trasporti Aereo, ferroviario, marittimo, su gomma Le strutture ricettiveLe strutture ricettive Strutture alberghiere Strutture extra-alberghiere Gli stabilimenti balneariGli stabilimenti balneari Gli esercizi di somministrazioneGli esercizi di somministrazione

7 Prof. Walter Palermo 7 Le strutture ricettive (in base alle tipologie) Alberghiere Alberghi Motel Villaggi-albergo Residenze Turistico alberghiere Extra-alberghiere Campeggi Villaggi turistici Strutture agroturistiche Affittacamere Case per vacanze Case per ferie Ostelli per la gioventù Rifugi alpini

8 Prof. Walter Palermo 8 Le strutture alberghiere Elementi comuni Offerta di un pubblico servizio Gestione unitaria Fornitura di alloggio, eventuale vitto e altri servizi accessori Fabbricato con camere Requisiti minimi Almeno sette stanze Almeno un servizio igienico ogni dieci posti letto Un lavabo con acqua corrente calda e fredda per ogni camera Un locale a uso comune Impianti tecnologici N. addetti adeguati e qualificati in base alla struttura

9 Prof. Walter Palermo 9 Le strutture extra-alberghiere Campeggi Strutture ricettive aperte al pubblico, a gestione unitaria, provviste di aree recintate per la sosta e il soggiorno di turisti, di solito muniti di tende o altri mezzi autonomi per il pernottamento Villaggi turistici Strutture ricettive aperte al pubblico, a gestione unitaria, provviste di aree recintate per la sosta e il soggiorno, in allestimenti minimi, di turisti sprovvisti di mezzi autonomi per il pernottamento. Villaggi-albergo Strutture ricettive con camere decentrate e servizi comuni centralizzati.

10 Prof. Walter Palermo 10 Le strutture extra-alberghiere Residence Strutture che forniscono alloggio e servizi accessori in strutture abitative arredate, composte di uno o più locali e con servizio autonomo di cucina Affittacamere Strutture formate da non più di sei camere, in non più di due appartamenti ammobiliati, in uno stesso fabbricato, nei quali vengono forniti alloggio e servizi accessori. Case e appartamenti per vacanze Immobili arredati, per laffitto a turisti in diverse stagioni, con contratti non superiori a tre mesi consecutivi. Senza servizi centralizzati.

11 Prof. Walter Palermo 11 Le strutture extra-alberghiere Alberghi per la gioventù Detti Ostelli, riservati prevalentemente ai giovani. Servizi essenziali. Rifugi alpini Situati in zone di montagna ad alta quota e fuori da centri abitati, offrono ristoro agli alpinisti e agli escursionisti. Alloggi agrituristici Fabbricati rurali ove si forniscono alloggio e servizi accessori ai turisti, consentendo il contatto diretto con la natura e la conoscenza di usi e costumi locali. Case per ferie Manca lo scopo di lucro. Gestite fuori dai canali commerciali da associazioni o enti operanti a fini sociali, culturali, assistenziali, religiosi o sportivi o da aziende per il propri dipendenti.

12 Prof. Walter Palermo 12 Le strutture ricettive (altri criteri di classificazione) Periodo di funzionamento a gestione continua a gestione discontinua Tipo di conduzione familiare diretta indiretta Dimensione piccole medie grandi Qualità Stelle Categorie ***** lussoLusso *****Lusso ****Prima ***Seconda **Terza *Quarta

13 Prof. Walter Palermo 13 La forma giuridica delle imprese alberghiere Limpresa alberghiera può essere classificata a seconda della tipologia gestionale, che influenza la scelta della veste giuridica da assumere, in almeno tre categorie: struttura alberghiera a conduzione familiare struttura alberghiera a conduzione diretta struttura alberghiera a conduzione indiretta

14 Prof. Walter Palermo 14 La forma giuridica delle imprese alberghiere S. A. a conduzione familiare Normalmente si tratta di imprese nelle quali la proprietà e la gestione coincidono Generalmente assumono la veste giuridica di ditta individuale, di azienda coniugale o di impresa familiare Normalmente non risulta presente personale dipendente estraneo alla famiglia

15 Prof. Walter Palermo 15 La forma giuridica delle imprese alberghiere S. A. a conduzione diretta Normalmente si tratta di imprese nelle quali la proprietà e la gestione coincidono ma risulta impiegato personale dipendente estraneo alla famiglia Generalmente assumono la veste giuridica di società di persone

16 Prof. Walter Palermo 16 La forma giuridica delle imprese alberghiere S. A. a conduzione indiretta la gestione è affidata a personale specializzato e a managers, estranei alla proprietà. In questo caso, la veste giuridica prescelta risulta essere quella societaria, ed in particolare la società di capitali.

17 Prof. Walter Palermo 17 La forma giuridica delle imprese alberghiere Le caratteristiche tendenziali delle aziende turistiche -la forma della società a responsabilità limitata rappresenta quella più adottata tra le società di capitali; -il capitale sociale non risulta essere particolarmente elevato; -il coinvolgimento del titolare, dei soci e dei loro familiari nella ge-stione operativa è forte e risulta essere indipendente dalla forma giuridica prescelta;

18 Prof. Walter Palermo 18 La forma giuridica delle imprese alberghiere Le caratteristiche tendenziali delle aziende turistiche -ladesione alle catene alberghiere appare ancora modesta; -la proprietà dellimmobile utilizzato per lattività si occupa general-mente anche della gestione operativa dellalbergo; -le politiche di sviluppo della prestazione alberghiera sono in gran parte costituite dallincremento del numero dei servizi offerti, dalla ristrut-turazione delle camere o dallaumento del loro numero.

19 Prof. Walter Palermo 19 Le catene alberghiere 1 a forma: associazionismo volontario; franchising. 2 a forma: privato; spesso corporate tradizionale MOTIVAZIONI Controllare la domanda Diversificare lofferta Maggiore penetrazione commerciale Frazionamento dei rischi Servizi comuni Trasferimento di tecnologie promozione di attività di benchmarking fruibilità di norme che incentivano e agevolano iniziative consortili; impiego e sviluppo di reti telematiche intra-aziendali realizzazione di programmi di qualità totale.


Scaricare ppt "Prof. Walter Palermo 1 CONTABILITA E BILANCIO DELLE IMPRESE TURISTICHE A.A. 2006 – 2007 III Trimestre 16 aprile – 15 giugno 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google