La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laura Rasero 2011. OBIETTIVI DIDATTCI: Secondo anno Pianificare una ricerca in ambito organizzativo- clinico-formativo Pianificare una sperimentazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laura Rasero 2011. OBIETTIVI DIDATTCI: Secondo anno Pianificare una ricerca in ambito organizzativo- clinico-formativo Pianificare una sperimentazione."— Transcript della presentazione:

1 Laura Rasero 2011

2 OBIETTIVI DIDATTCI: Secondo anno Pianificare una ricerca in ambito organizzativo- clinico-formativo Pianificare una sperimentazione clinica controllata Presentare il protocollo di ricerca a comitati etici, società scientifiche, organizzazioni sanitarie Scrivere e pubblicare un lavoro scientifico Laura Rasero 2011

3 La ricerca: il metodo scientifico Laura Rasero 2011 Selezione e definizione Di un problema Formulazione quesiti /ipotesi Raccolta/analisi dei dati Comunicazione dei risultati

4 La ricerca Il quesito di ricerca il quesito di ricerca nasce da una lacuna nella conoscenza nella popolazione alla quale il ricercatore vuole dare una risposta attraverso uno studio originale nel campione dei partecipanti Laura Rasero 2011

5 La ricerca Il quesito di ricerca Argomento: Gli effetti dellelettrostimolazione ed esercizi del pavimento pelvico sugli esiti funzionali nella incontinenza femminile 1.gli esercizi del pavimento pelvico sono efficaci tanto quanto lelettrostimolazione.....? 2.Lelettrostimolazione aumenta il tono muscolare? 3.Gli esercizi del pavimento pelvico diminuiscono gli episodi di incontinenza? 4. In quali gruppi di pazienti gli esercizi del pavimento pelvico sono più efficaci? 5.Quale tipo di incontinenza risponde meglio allelettrostimolazione? Laura Rasero 2011

6 quesito di ricerca le alternative Le donne anziane raramente riescono ad eseguire gli esercizi del pavimento pelvico. Perchè? 1. Le donne anziane hanno meno forza muscolare 1.1 le donne hanno meno massa muscolare 1.2 La fibra muscolare delle donne è intrinsicamente più debole 2. Le donne anziane sono meno motivate 2.1 le donne fortemente motivate riescono ad eseguire gli esercizi? 3 Le donne anziane non hanno le conoscenza del pavimento pelvico 3.1 se riescono ad riconoscere quali muscoli contrarre, riescono ad eseguire gli esercizi? Laura Rasero 2011

7 quesito di ricerca Principale: Le donne anziane hanno meno forza muscolare Secondario: Hanno meno forza muscolare in quanto hanno meno massa muscolare? Laura Rasero 2011

8 quesito di ricerca Significato Non riuscire a contrarre i muscoli del pavimento pelvico: senso di impotenza?, depressione, rischio di perdita del ruolo sociale, perdita di fiducia in se stessi? Non riuscire a contrarre i muscoli del pavimento pelvico è indicatore di minor forza muscolare che è indice di maggior rischio di incontinenza urinaria? Utilizzare gli esercizi del pavimento pelvico nello screening dei fattori di rischio di incontinenza Laura Rasero 2011

9 tipo di studio che permette di rispondere a questo quesito di ricerca osservazionale trasversale caso-controllo di coorte ( longitudinale) Sperimentale Laura Rasero 2011

10 popolazione campione Popolazione bersaglio: donne anziane e giovani, adulti, sani Popolazione accessibile: Donne anziane e giovani, adulti, sani, che afferiscono agli ambulatori medici.. Campione scelto: quelli che afferiscono agli ambulatori di screening oncologico Laura Rasero 2011

11 criteri di inclusione ed esclusione inclusione: Afferenti allambulatorio di prevenzione oncologica donne anziani e giovani tra i 30 è 70 anni Esclusione: Malattie muscolari anamnesi familiare di miopatie pregressi interventi chirurgici, genitali, intestino, zona perineale Già incontinenti in gravidanza non consenso informato ecc Laura Rasero 2011

12 Campionamento Campionamento sistematico di un campione di convenienza: tutte le persone che afferiscono agli ambulatori di prevenzione in un mese Laura Rasero 2011

13 Identificazione del problema e dello scopo Revisione della letteratura Identificazione delle variabili Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca FASE I identificazione e definizione del problema FASE II scelta del metodo di ricerca FASE V Utilizzazione dei risultati DIFFUSIONE RISULTATI Selezione del disegno Identificazione del campione Identificazione degli strumenti FASE III Raccolta dati Raccolta registrazione dati FASE IV Analisi dei dati Analisi interpretazione

14 Il disegno dello studio Le domande che il ricercatore deve porsi sono: Come voglio studiare gli eventi? Quale è il migliore approccio per rispondere alla mia domanda di ricerca al fine di ottenere dati accurati e interpretabili? Laura Rasero 2011

15 Processo di ricerca fase II Scelta del metodo di studio: disegno, popolazione, selezione degli strumenti Da questa fase dipende la scelta dei metodi per lanalisi dei dati Laura Rasero 2011

16 elementi di base per giudicare un disegno di ricerca Congruenza tra disegno e filosofia, teoria e domanda di ricerca Livello di sviluppo dei concetti della conoscenza Obiettivi dello studio Controllo sui fenomeni indagati Veridicità dei risultati Coinvolgimento del ricercatore con i soggetti o partecipanti Laura Rasero 2011

17 Pelvic floor muscle training is effective in women with urinary incontinence after stroke: a randomised, controlled and blinded study. A randomized prospective study comparing new vaginal cone and FES-Biofeedback. Effect of intravaginal electrical stimulation on pelvic floor muscle strength. Pelvic floor reconstruction before orthotopic bladder replacement after radical cystectomy for bladder cancer. Urinary incontinence among older women. Measurement of the effect on health-related quality of life. Laura Rasero 2011

18 Il disegno dello studio Studio osservazionale? Il ricercatore rimane estraneo agli eventi Studio sperimentale?:Il ricercatore applica un intervento e ne osserva gli effetti Laura Rasero 2011

19 La popolazione Laura Rasero 2011

20 La selezione del campione Serve per ottenere informazioni da un piccolo gruppo per poi generalizzare i risultati a una popolazione. poichè la generalizzazione alla popolazione è basata sulle caratteristiche di un campione, questo deve essere rappresentativo Laura Rasero 2011

21 concetti di campionamento: campione e popolazione la prima fase del campionamento consiste nel definire la popolazione La popolazione: insieme completo di soggetti, oggetti o elementi dello studio. gruppo ben definito in cui i membri possiedono specifici attributi Laura Rasero 2011

22 La popolazione Può essere costituita da individui o elementi: cartelle cliniche, cadute dei pazienti, diagnosi, eventi assistenziali, caratteristiche delle istituzioni e ogni altra unità di interesse Laura Rasero 2011

23 Il campione Non essendo possibile studiare tutti i componenti di una popolazione si rende necessario selezionare il campione il campione scelto rappresenta la popolazione totale Laura Rasero 2011

24 popolazione Popolazione target: insieme completo di elementi sui quali il ricercatore potrebbe fare generalizzazioni Es. Infermieri neoassunti: tutti gli infermieri neoassunti nella istituzione Laura Rasero 2011

25 popolazione Popolazione accessibile: campione facilmente raggiungibile dal ricercatore che rappresenta la popolazione target Laura Rasero 2011

26 Selezione della popolazione la popolazione in studio dovrebbe rappresentare quella parte della popolazione generale che trarrebbe maggiore beneficio dal trattamento considerare i potenziali rifiuti nella partecipazione considerare la popolazione che ha potenziali controindicazioni al trattamento Laura Rasero 2011

27 Dimensione del campione è necessario avere una popolazione di dimensioni sufficienti bisogna prevedere una sufficiente dimensione del campione, alla luce delle possibili uscite dallo studio può essere utile studiare una popolazione ad alto rischio per la malattia è necessario avere una sufficiente durata del follow-up Laura Rasero 2011

28 Selezione del campione Specificare le condizioni di eleggibilità – Criteri di inclusione – Criteri di esclusione – definire le caratteristiche dellarruolamento/reclutamento: campione Luogo, tempo e metodi di arruolamento Laura Rasero 2011

29 Popolazione in studio Laura Rasero 2011 Popolazione generale Rifiuti Controindicazioni Persi al follow-up Popolazione in studio Trattati Non trattati Persi al follow-up Incidenza Non elegibili

30 La ricerca infermieristica Grandezza del campione e ambiente dello studio Descrive le caratteristiche dellambiente dove avrà luogo il proposto progetto di ricerca, devono essere descritti grandezza e natura del campo di ricerca, nonché i criteri di selezione del campione Laura Rasero 2011

31 La randomizzazione Procedimento mediante il quale lassegnazione dei soggetti partecipanti allo studio ad uno di gruppi di confronto avviene secondo una sequenza casuale I due gruppi così ottenuti non risulteranno necessariamente uguali per tutti i parametri considerati, ma questi saranno certamente distribuiti in maniera casuale Laura Rasero 2011

32 OGNI SOGGETTO DI UNA POPOLAZIONE DEVE AVERE LA STESSA PROBABILITA DI ESSERE INCLUSO IN UNO DEI GRUPPI A CONFRONTO In assenza del trattamento (es. farmaco) loutcome delle popolazioni a confronto dovrebbe essere identico a causa del tendenziale bilanciamento dei fattori prognostici fra i gruppi assicurato dalla procedura di randomizzazione

33 Laura Rasero 2011 Altre fonti di distorsione: CONTAMINAZIONE somministrazione accidentale del trattamento ai pazienti del gruppo di controllo COINTERVENTO effettuazione di interventi diagnostici e/o terapeutici addizionali nei gruppi a confronto

34 Laura Rasero 2011 NON COMPARABILITA a)delle popolazioni dei soggetti trattati b) delle osservazioni su cui basare il giudizio di efficacia c) degli effetti attribuiti al trattamento PLACEBO RANDOMIZZAZIONE BLINDING (CECITA)

35 Le fasi della ricerca 1.Individuazione del problema 2.Definizione degli obiettivi specifici 3.Valutazione bibliografica delle conoscenze relative al problema 4.Stesura del protocollo di ricerca 5.Attivazione ed effettuazione del protocollo di ricerca 6.Raccolta dati 7.Analisi dei dati 8.Valutazione critica dei dati 9.Postulati conclusivi della ricerca 10.Presentazione dei risultati Laura Rasero 2011

36 Il protocollo di ricerca Il modo in cui verrà esplorato il problema Descrive Che cosa si sta ricercando Come si farà per raggiungere i risultati Laura Rasero 2011

37 Il protocollo di ricerca strutturazione 1.Introduzione e background scientifico 2.Obiettivi dello studio 3.Criteri di selezione dei pazienti 4.Disegno dello studio (se possibile diagramma di flusso) 5.Programmi dettagliati di intervento 6.Dati clinici e/o di laboratorio 7.Criteri per la valutazione dellintervento oggetto dello studio 8.Valutazione statistica 9.Consenso informato 10.Scheda raccolta dati 11.Bibliografia 12.Elenco dei responsabili dello studio Laura Rasero 2011

38 Il protocollo di ricerca (Studi quantitativi) Manuale duso del progetto di ricerca Simile a istruzioni operative Deve essere chiaro ed indicare perché, come, da chi lo studio viene condotto Da sottoporre a Comitato Etico

39 Laura Rasero 2011 Il protocollo di ricerca (Studi quantitativi) 1.Titolo dello studio 2.Introduzione 3.Quesito di ricerca 4.Obiettivi 5.Disegno dello studio 6.Soggetti 7.Metodo 8.Piano delle attività 9.Valutazioni previste 10.Analisi statistica 11.Aspetti etici 12.Costi 13.Personale coinvolto e ruolo 14.Conflitto di interessi 15.Bibliografia 16.Allegati

40 Laura Rasero 2011 Il protocollo di ricerca ItemSuggerimenti 1. Titolo dello studio 2. Introduzione (razionale) Dimostrare di aver ricercato ed effettuato una lettura critica del lavori esistenti sul tema in ambito nazionale ed internazionale. Cosa hanno fatto gli altri? Che spazio rimane per questo studio? Argomentare la rilevanza ed importanza dello studio Perché è importante fare questo studio? 3. Quesito di ricerca (PICO) Pazienti Intervento sperimentato o esposizione indagata Comparazione (se presente) Outcome 4. Obiettivi Obiettivo generale dello studio: Cosa mi propongo di studiare (es.valutare lefficacia di un intervento educativo; valutare il ruolo di un fattore di rischio) Obiettivo primario - Come lo misuro: preferibilmente uno solo; quale variabile di outcome; quale variabile di esposizione/intervento ? Obiettivi secondari – (inclusi i sottostudi) Come li misuro: anche più di uno; quali variabili di outcome quali variabili di esposizione?

41 Laura Rasero 2011 Il protocollo di ricerca ItemSuggerimenti 5. Disegno dello studio O studio monocentrico; O studio policentrico; O coordinato dal proponente O studio clinico controllato randomizzato (RCT) cecità: O no; O singolo; O doppio; O triplo disegno: O a gruppi paralleli; O crossover; O gruppo singolo; O altro …………………… O studio osservazionale O trasversale (descrittivo o di prevalenza); O longitudinale prospettico (Coorte); O longitudinale retrospettivo (Caso- Controllo) O longitudinale con confronto storico(Pre -Post)

42 Laura Rasero 2011 Il protocollo di ricerca Item Suggerimenti 6. Soggetti criteri di inclusione e criteri di esclusione (Criteri di arruolamento) In caso di studio osservazionale specificare i criteri di formazione dei gruppi(coorti oppure casi e controlli) 7. Metodo Dimensione del campione dalla letteratura; si basa sullobiettivo primario e lo indica lo statistico. esempio: media e DS oppure N e % attesi nel gruppo di riferimento (trattamento tradizionale / assenza del fattore di rischio) ed effetto clinico da raggiungere/osservare (Minimal Important Difference, MID) Modalità di campionamento Campionamento di convenienza, selettivo, sistematico, casuale, proporzionale ecc. Randomizzazione/cecità Indicare come vengono effettuate randomizzazione e cecità/mascheramento se RCT Definizioni Definire tutte le variabili in studio: ad esempio se studio pazienti ad alto rischio deve essere dichiarato come valuto il rischio Strumenti e/o schede di raccolta dati Indicare quali strumenti o schede vengono utilizzati per raccogliere i dati Metodo di raccolta e gestione dei dati Indicare come vengono raccolti e gestiti i dati (cartaceo, informatizzato, strategie per minimizzare la perdita di dati)

43 Laura Rasero 2011 Il protocollo di ricerca Item Suggerimenti 8. Piano delle attività Sequenza delle attività dello studio (utile fornire diagramma di flusso) 9. Valutazioni previste Quali e tempi 10. Statistica Indicare i test statistici che si intendono utilizzare 11. Aspetti etici Consenso informato: prevedere per studi sperimentali ma anche per studi osservazionali (consenso al trattamento dei dati) Modalità di protezione dei pazienti: Assicurazione (se presente rischio di danno); protezione dei dati sensibili. Valutazioni intermedie. Dichiarare come vengono rispettati i principi etici. Sottoporre il protocollo al Comitato Etico 11. Costi Voci di costo ipotizzabili 13. Persone coinvolte e ruolo Indicare i componenti del gruppo di studio ed i collaboratori e dichiararne il ruolo (serve anche per la politica di pubblicazione) 14. Conflitto di interessi Dichiarare leventuale presenza di conflitto di interessi (ad es. sponsor) 15. Bibliografia Fornire lelenco delle citazioni bibliografiche utilizzate per elaborare il protocollo 16. Allegati Allegare piano dettagliato dei costi e tutto il materiale di supporto allo studio: informazioni per la persona, scheda di raccolta dati, riferimenti per i contatti, curriculum del ricercatore responsabile dello studio, moduli vari ecc.

44 Laura Rasero 2011 Sharon K. Ostwald, PhD, RN, GNP Professor, School of Nursing Isla Carroll Turner Chair in Gerontological Nursing The University of Texas School of Nursing at Houston

45 Laura Rasero 2011

46 Modello concettuale dello stress e del coping della famiglia* Supporto Sociale Servizi Formali/Informali Fattore stressante ICTUS Tipo e gravità Conoscenze e Skill Percezione della Competenza Strategie di Coping Condizioni preesistenti Sociodemografiche Ruolo della famiglia Rapporto a due *Adattato da H. McCubbin & colleghi Buffer/Mediatori Buffer/Mediatori Esiti Potenziale vulnerabilità Malato di Ictus Funzioni Stress Depressione Impatto sulla vita Qualità di vita Autovalutazione della salute Utilizzo dei servizi Coniuge Stress Depressione Peso Coping Qualità di vita Autovalutazione della salute Funzione immunitaria Utilizzo dei servizi

47 Laura Rasero 2011 Misurazione delle variabili legate al contesto Condizioni preesistenti Socio- demografici Famiglia Rapporto familiare Fattore stressante Tipo e gravità di ICTUS Età, sesso, razza/etnia, Istruzione, lavoro, assicurazione, responsabilità assistenziali Family APGAR Scala della reciprocità (della coppia) National Institutes of Health Stroke Scale (NIHSS) Tipo di Ictus, sede dellIctus, danni causati dallIctus, complicanze da Ictus Malattie croniche & Medicazioni

48 Laura Rasero 2011 Misurazione delle variabili indipendenti Supporto sociale Servizi Formali/Informali Conoscenze Skills Percezioni Preparazione Risposte al problem Solving e al Coping Preparazione per la Caregiving Scale Studio degli esiti sanitari (MOS) Indagine sul supporto sociale & Calendario dellutilizzo dei servizi F-Copes

49 Laura Rasero 2011 Misurazione delle variabili di risultato Malato di Ictus Funzioni Qualità di vita Autovalutazione della salute Depressione Stress Utilizzo dei servizi Misurazione dellautosufficienza (FIM) Scala di impatto dellIctus Autovalutazione della salute Scala di depressione geriatrica Scala dello stress percepito Rapporto sulluso dei servizi Scala di Zarit sullonere Analisi delle citochine Rapporti qualitativi Coniuge Onere Funzione immunitaria Autovalutazione della salute Depressione Stress Utilizzo dei servizi

50 Laura Rasero 2011 Piano di ricerca CAReS Reclutare le coppie Valutare & Randomizzare Terapia tradizionale Opuscolo sul recupero post Ictus Lettera mensile sullIctus Abbonamento alla rivista Stroke Smart Rapporto sul calendario mensile Visite domiciliari multidisciplinari per 6 mesi usando protocolli standard Intervento blando + Intervento legato al domicilio Valutazione a 3, 6, 9 & 12 mesi

51 Laura Rasero 2011 Passaparola Volantini Brochure Annunci sui giornali Articoli su newsletters Radio TV o cavo Avere un piano per farsi sentire

52 Laura Rasero 2011 Logo Brochure Pubblicità gratuita Pubblicità a pagamento Come raggiungere il tuo TARGET di audience

53 Laura Rasero 2011 Database del programma di gestione – - Tenere traccia del reclutamento – età, sesso, razza - Tenere traccia della permanenza – motivo dellabbandono - Programmare & tenere traccia delle valutazioni ripetute - Tenere traccia di tutti gli indirizzi – lettere, cartoline Guidare riunioni del comitato direttivo - Revisione di tutte le questioni del comitato etico - Aggiornamenti sui progressi - Programmare rapporti, articoli, presentazioni Tenere traccia del Budget Condurre incontri regolari di project management

54 Laura Rasero 2011 Incontri di reclutamento – PI & reclutatori Riunioni di intervento – PI, APN, OT, PT Riunioni di valutazione – PI, valutatori Data meetings – PI, data manager, epidemiologi Riunioni dello Staff – RAs & coordinatori Riunioni del comitato direttivo – tutti gli investigatori e lo staff Proposte – problemi di problem solving, fornire supporto & valutare ladesione al piano

55 Laura Rasero 2011 Ottenere fondi Creare un sistema di tracciabilità Monitorare tutte le spese Monitorare i subappalti Conoscere le restrizioni Registrare le richieste Conoscere i criteri di aumento dei costi Fare regolari rapporti sul vostro budget

56 Laura Rasero 2011 Determinare le descrizioni del lavoro Addestramento trasversale ove possibile Addestrare il personale per il suo lavoro Supervisionare il personale Adeguare i lavori in base al cambiamento dei bisogni Monitorare la qualità Creare il senso di lavoro di gruppo

57 Laura Rasero 2011 Consenso informato Clausole particolari Variazioni nei protocolli Conformità alle indicazioni del Comitato Etico Registrare tutte le reazioni avverse Protezione di tutti i dati File protetti Proteggere la privacy dei partecipanti

58 Laura Rasero 2011

59 Qualsiasi evento medico che comporta una visita al Pronto Soccorso, ricovero in ospedale, o terapie a lungo degenza o morte

60 Laura Rasero 2011

61 Sviluppare un processo di raccolta dati Sviluppare e testare la modulistica Sviluppare e testare i processi di inserimento dati Sviluppare e testare i database Confrontare tutte le trascrizioni con le registrazioni (per garantire la precisione) Usare il computer per programmare le visite, le chiamate, le valutazioni Usare il computer per evitare sovrapposizione dei dati in ingresso

62 Laura Rasero 2011 Sintesi cartella clinica – Dati sulla riabilitazione e dimissione Sintesi dimissioni – Tipo di Ictus, malattie, medicazioni Interviste – Esperienze vissute durante il periodo di recupero Questionari – Scale standardizzate Osservazione – Gravità dellictus e delle funzioni Prelievi di sangue – Citochine nei caregivers Calendari settimanali – Utilizzo del servizio Protocolli – Attuazione e comprensione dellintervento Indagini Brevi - Soddisfazione della coppia dellintervento Diari CPHS – Eventi avversi Database del Project Management – livelli di partecipazione, demografia, motivi di rifiuto, ritiri

63 Laura Rasero 2011 Formare infermieri/terapisti Certificazione NIHSS e FIM Coerenza nella preparazione dei materiali Raccolta degli esami immunologici Maschera per la raccolta dei dati per organizzare lintervento assistenziale Integrità dei dati Questionario Teleform Scansioni dirette nel computer Verificare la precisione Fissare i parametri per migliorare la precisione

64 Laura Rasero 2011

65

66 Tenere i file chiusi sotto chiave Tenere separati nomi e codici numerici Limitare laccesso ai file Inserire nel database dati grezzi - Teleform Controllare lesattezza e la completezza Fare il Back up del computer – 2 hard drives Riunioni regolari per parlare dei dati Tenere la serie di CD in un posto sicuro

67 Laura Rasero 2011 Stabilire i protocolli Raccogliere e archiviare tutti i materiali didattico Randomizzare i partecipanti Registrare tutte le visite Trasferire le visite sul computer principale Mantenere un del database dei protocolli Riunioni regolari del team operativo Mantenere nel tempo la qualità e la coerenza dellintervento

68 Laura Rasero 2011 Processo di recupero da Ictus Skill Training terapeutico Problemi specifici Stress da ictus Strategie di Coping Promozione uno stile di vita sano Servizi sociali Protocolli di altri processi Protocolli

69 Laura Rasero 2011

70

71 Preparare rapporti per lNIH sul progresso Preparare lettere sui progressi per le sedi di reclutamento Con il ricercatore principale presentate le situazioni che riflettono i risultati Presentare gli abstract ai convegni professionali Produrre DVD con le esperienze delle coppie Vivere dopo un ictus: conversazioni con le coppie Produrre DVD sullIctus – le cause, la prevenzione e la terapia Ictus: riconoscimento precoce e terapia Scrivete manoscritti Pianificare una conferenza annuale per i malati di ictus Distribuire lavori e ricompense scrivere, scrivere, scrivere

72 Laura Rasero 2011 Identificazione del problema e dello scopo Revisione della letteratura Identificazione delle variabili Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca FASE I identificazione e definizione del problema FASE II scelta del metodo di ricerca FASE V Utilizzazione dei risultati DIFFUSIONE RISULTATI Selezione del disegno Identificazione del campione Identificazione degli strumenti FASE III Raccolta dati Raccolta registrazione dati FASE IV Analisi dei dati Analisi interpretazione

73 Gli strumenti della ricerca Lo strumento della ricerca è quel mezzo o tecnica che ci permette di raccogliere dati su una variabile o su un fenomeno mediante lassegnazione di valori numerici Laura Rasero 2011

74 La ricerca infermieristica strumenti di misura e strategie di codifica Specificare gli strumenti che saranno usati per misurare le variabili dello studio e definire una strategia di codifica appropriata per lanalisi Laura Rasero 2011

75 Gli strumenti della ricerca Non strutturati interviste storie di vita diari Strutturati questionari a domande aperte e chiuse (strutturati /non strutturati) scale check-list schede Laura Rasero 2011

76 Gli strumenti della ricerca scala di likert LivelloSegni/sintomi 0Assenza di sintomi 1Bocca dolente, assenza di ulcere 2Bocca dolente, con ulcere, possibilità di mangiare 3Solo dieta liquida 4Impossibilità di mangiare o bere Accertamento mucosite OMS

77 Gli strumenti della ricerca scala di likert Fortemente daccordo daccordo incerto in disaccordo fortemente in disaccordo sempre frequentemente talvolta raramente mai Eccellente ottimo buono soddisfacente scarso Laura Rasero 2011

78 Gli strumenti della ricerca Scale analogico visive Assenza di interesse il massimo interesse

79 La valutazione del dolore Laura Rasero 2011 VAS NRS Scala Espressioni facciali

80 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca Rating Scale Completamente daccordo Per niente daccordo

81 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari a domande chiuse Domande chiuse dicotomiche si/no scelta multipla molto /poco/abbastanza ordine di rango (numerazione in ordine di importanza

82 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari a domande chiuse Caffeterie questions. Es gli infermieri hanno diverse opinioni riguardo allimportanza della ricerca. Quale delle seguenti affermazioni rappresenta meglio il suo punto di vista? Scelta forzata: quale delle seguenti affermazioni per lei è giusta?

83 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Lo sviluppo Fare domande specifiche anzichè generali Utilizzare un linguaggio semplice- appropriato Ogni domanda dovrebbe rappresentare un concetto, non fare due domande contemporaneamente Delimitare ogni riferimento al tempo ( es spesso) Comporre le domande in modo neutrale

84 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Lo sviluppo- come ordinare le domande Iniziare con largomento considerato il più importante Raggruppare le domande che vertono sullo stesso contenuto (stessa area) Posizionare le domande riguardanti i snetimenti e la sensibilità verso la metà del quastionario Le domande su asteppi demografici devono essere poste alla fine

85 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Come trattare le risposte Altro 1.Uso frequente (>20%) trattare la domanda come aperta 2. Uso poco frequente registrare le risposte su un foglio e citare le più frequenti

86 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Come trattare le risposte si/no 1.Se mancano delle risposte Considerarla negativa/ positiva qualora ci siano alcune risposte positive o negative considerarla non risposta se non sono distinguibili (positive/negative)

87 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Come gestire gli errori Spesso sono dovuti a : Scarsa comprensione delle modalità con cui rispondere alle domande Incoerenza di risposta a domande collegate tra loro

88 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Come gestire gli errori Se si chiede di crociare 1 sola casella (la principale ecc ) e invece ne vengono crociate di più: es: per quale motivo secondo te un giovene dovrebbe scegliere la professione di infermiere? considerare la risposta non valida scegliere casualmente la risposta tra quelle indicate

89 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Come gestire gli errori Se si chiede di crociare 1 sola casella (la principale ecc ) e invece ne vengono crociate di più: es: Quale secondo Lei, devono essere le abilità dellinfermiere nello svolgimento di queste attività? considerare la risposta non valida scegliere casualmente la risposta tra quelle indicate

90 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Come gestire gli errori Le incoerenze vengono individuate nei seguenti modi: collegando alcune risposte fornite a due o più domande distinte nel questionario Verificando la coperenza delle risposte a domande concatenate

91 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Come gestire gli errori: Le incoerenze es: Da quanti anni presta servizio? da quanto tempo lavora nel servizio? Non considerare valide le risposte

92 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca I questionari: Come gestire gli errori: Le incoerenze es: Si considera soddisfatto del lavoro che svolge? se no/si segni tra le seguenti situazioni quella che contribusce maggiormente? considerare errata la prima risposta

93 Laura Rasero 2011 Gli strumenti della ricerca Check list Bidimensionali: costo efficacia Molto importante Abbastanza importante Non importante X X

94 Laura Rasero 2011 Identificazione del problema e dello scopo Revisione della letteratura Identificazione delle variabili Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca FASE I identificazione e definizione del problema FASE II scelta del metodo di ricerca FASE V Utilizzazione dei risultati DIFFUSIONE RISULTATI Selezione del disegno Identificazione del campione Identificazione degli strumenti FASE III Raccolta dati Raccolta registrazione dati Raccolta registrazione dati FASE IV Analisi dei dati Analisi interpretazione

95 Processo di ricerca fase III Messa in atto delle programmazioni pianificate nella fase II e II Raccolta dati Organizzazione dei dati Laura Rasero 2011

96 a) analisi tipo procedura di randomizzazione b) controllo efficacia randomizzazione c) blinding d) valutazione compliance trattamento e) tipo e modalità follow-up f) stima dimensione del campione g) informazioni pazienti persi follow-up h) analisi risultati pazienti persi follow-up i) correzione analisi in base alla distribuzione dei fattori prognostici VALIDITA SCIENTIFICA

97 I risultati della ricerca estrarre ed applicare i risultati dello studio rischiede due tipi di inferenza, relative rispettivamente alla: Validità interna: Il grado in cui le conclusioni descivono correttamente ciò che accade nello studio Validità esterna: Il grado in cui le conclusioni dello studio sono applicabili al mondo esterno ( generalizzabilità) Laura Rasero 2011

98 I risultati della ricerca A studio concluso, ci si può trovare di fronte ad un campione arruolato e a misure estratte sostanzialmente differenti da quanto era stato programmato in partenza. Questo compromette la validità dei risultati Laura Rasero 2011

99 Lerrore nella ricerca Le sorgenti: Il campione gli strumenti losservatore lindividuo Laura Rasero 2011

100 Lerrore nella ricerca Tipologie: errore random:casuale, dovuto a fonti diverse di variazione ( biologica, imprecisione nella misura, ecc)-altera la misura ( o il campione ) in entrambe le direzioni, rispetto al valore vero errore sistematico (bias) altera le misure ( o il campione ) unicamente in una unica direzione, introducendo una distorsione Laura Rasero 2011

101 Lerrore nella ricerca- cosa fare per ridurlo? – Random: aumentare la precisione della stima ( grandezza del campione e/o precisione della misura) – Sistematico: aumentare laccuratezza, programmando meglio lo studio, utilizzzare più misure o campioni diversi. Laura Rasero 2011

102 VALIDITA Capacità di evidenziare leffetto di un trattamento quando questo effettivamente esiste GENERALIZZABILITA Applicabilità delle conclusioni di uno studio alle popolazioni reali al di fuori delle condizioni artificiali create dalle sperimentazioni

103 Laura Rasero 2011 a) analisi tipo procedura di randomizzazione b) controllo efficacia randomizzazione c) blinding d) valutazione compliance trattamento e) tipo e modalità follow-up f) stima dimensione del campione g) informazioni pazienti persi follow-up h) analisi risultati pazienti persi follow-up i) correzione analisi in base alla distribuzione dei fattori prognostici VALIDITA SCIENTIFICA

104 Laura Rasero 2011 GENERALIZZABILITA a) descrizione criteri selezione del pz. b) informazioni sui pz. potenzialmente eleggibili ma non inclusi nello studio c) descrizione del trattamento d) modalità di presentazione dei principali end points e) informazioni sul tempo di realizzazione degli interventi f) discussione sugli effetti collaterali del trattamento

105 La ricerca infermieristica fasi finali Analizzare i dati interpretare i risultati descrivere limportanza clinica sottoporre a revisione Aggiungere risultanze della revisione diffondere i risultati della ricerca Laura Rasero 2011

106 Processo di ricerca fase VI Analisi e interpretazione dei dati Utilizzo di procedure statistiche per i dati quantitativi Valutazione della conferma o meno delle ipotesi prestabilite Lanalisi dei risultati può portare il ricercatore a porsi novi quesiti Laura Rasero 2011

107 Processo di ricerca fase V Comunicazione dei risultati » Articoli » Presentazione a congressi orali o poster Interpretazione dei risultati Laura Rasero 2011

108 INTERPRETAZIONE CRITICA DI UN ARTICOLO Laura Rasero 2011 Quali sono gli scopi? Perche' sono partiti? Come hanno fatto? Cosa hanno trovato? Quanto significa per la mia attività di infermiere? E per i miei pazienti ?

109 Laura Rasero 2011 INTERPRETAZIONE CRITICA DI UN ARTICOLO INTRODUZIONE - LA PARTENZA Gli scopi del lavoro sono chiari o ambigui? C'e' una buona ricerca della letteratura?

110 Laura Rasero 2011 INTERPRETAZIONE CRITICA DI UN ARTICOLO METODI - LA SCIENTIFICITA' In quale ambiente e' stato effettuato lo studio? E' sufficientemente ampio? Esiste un gruppo di controllo? I gruppi sono randomizzati, e come? Il periodo di osservazione e' sufficientemente lungo? Quali sono i criteri per considerare i risultati? Sono clinicamente rilevanti? In caso di presenza di un questionario, questo e' chiaro?

111 Laura Rasero 2011 INTERPRETAZIONE CRITICA DI UN ARTICOLO RISULTATI - LA CHIAREZZA L'informazione generale e' chiara (grafici, tavole)? C'e' una buona percentuale di risposta? Come sono stati seguiti i non responders? Sono stati presi in considerazione fattori esterni che possono alterare i risultati?

112 Laura Rasero 2011 DISCUSSIONE - LA OBIETTIVITA' Sono stati raggiunti gli obiettivi iniziali? I dati sono stati interpretati obiettivamente? Le deduzioni sono valide rispetto ai dati ottenuti? I risultati sono clinicamente significativi? I fatti giustificano le conclusioni? Perche' eventualmente alcuni risultati non sono discussi? Lo studio pone quesiti che richiedono ulteriori spiegazioni? INTERPRETAZIONE CRITICA DI UN ARTICOLO

113 Verifica delle evidenze Laura Rasero 2011 Verificare se lo studio è valido Accertarsi che lo studio - valido - riporta risultati clinicamente significativi. Verificare se i risultati dello studio - validi e clinicamente significativi - sono applicabili al paziente individuale.

114 Laura Rasero 2011 La Forza delle Evidenze

115 Conclusione Per poter parlare del nursing come scienza, bisogna dimostrare che esso si presta ad essere oggetto di ricerca scientifica[…]Se oggi, in tutte le professioni come lindustria, lindagine scientifica serve a risolvere dei problemi e fornisce la base alle attività di programmazione, perché dovrebbe fare eccezione proprio la professione infermieristica? Virginia Henderson Laura Rasero 2011


Scaricare ppt "Laura Rasero 2011. OBIETTIVI DIDATTCI: Secondo anno Pianificare una ricerca in ambito organizzativo- clinico-formativo Pianificare una sperimentazione."

Presentazioni simili


Annunci Google