La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il francese Jean Bodin nacque nel 1530. Studiò diritto a Tolosa per poi trasferirsi a Parigi nel 1561 come avvocato al parlamento. Ebbe una rapida carriera.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il francese Jean Bodin nacque nel 1530. Studiò diritto a Tolosa per poi trasferirsi a Parigi nel 1561 come avvocato al parlamento. Ebbe una rapida carriera."— Transcript della presentazione:

1

2 Il francese Jean Bodin nacque nel Studiò diritto a Tolosa per poi trasferirsi a Parigi nel 1561 come avvocato al parlamento. Ebbe una rapida carriera come giurista, fino a divenire procuratore generale del re. Visse dallinterno la crisi politica francese e il conflitto religioso tra cattolici e ugonotti. Nel 1576 pubblicò la sua opera più celebre, I sei libri dello Stato. Morì nel 1596.

3 Nel 1576 la Francia era insanguinata da conflitti di natura politico- religiosa, che facevano seguito alla prima grande espansione della Riforma protestante. La situazione in Francia era resa particolarmente grave dal fatto che il conflitto stava degenerando in aperta guerra civile. La riflessione di Bodin si colloca dunque sullo sfondo di una grave crisi in atto, tanto grave che si sarebbe risolta soltanto nel 1594 con la salita al trono di un re abile e assai energico, Enrico IV. Enrico IV

4 Nellopera di Bodin il concetto di sovranità ha una posizione centrale. Il suo problema è infatti quello di comprendere quale fondamento legittimo possa avere il potere sovrano allinterno di uno Stato ben regolato. Era proprio la perdita del ruolo centralizzatore del re una delle condizioni che aveva permesso lesplosione della guerra civile in Francia. Bodin mette a fuoco alcune tesi che saranno al centro della riflessione della filosofia politica per tutta lEtà moderna.

5 La sovranità non è il semplice esercizio del potere, perché è indispensabile che esso abbia un fondamento stabile e indipendente: chiunque eserciti un potere di cui non è titolare non è sovrano.

6 Il sovrano, chiunque egli sia, un uomo o una collettività di uomini, può concedere ad altri esercizio del potere, in misura più o meno ampia, ma rimane egualmente sovrano: chiunque eserciti tale potere, dipende da lui. E il sovrano a definire le leggi sulla cui base il potere viene esercitato, ed egli è al di sopra della legge.

7

8

9 La legittimità del potere sovrano Il sovrano è al di sopra della legge Il governo giusto

10 La natura non è capricciosa, non è il regno del caos, dellincertezza. La realtà non è casuale, gli eventi non sono irrazionali. Ma dietro la natura non cè la casualità dellaccadere: cè >. Il potere sovrano è dato alluomo da Dio perché luomo è libero e in virtù di questa libertà egli è responsabile delle sue azioni. La fondazione dello Stato giusto

11

12 Quanto però alle leggi naturali e divine, tutti i principi della terra vi sono soggetti, né è in loro potere trasgredirle, se non vogliono rendersi colpevoli di lesa maestà divina, mettendosi in guerra contro quel Dio alla cui maestà tutti i principi della terra devono sottostare chinando la testa con assoluto timore e piena riverenza. Insomma, il potere assoluto dei principi e delle signorie sovrane non si estende in alcun modo alle leggi di Dio e della natura.

13 Il governo giusto è quindi il governo che applica attivamente le leggi di Dio alla vita dello Stato. Per questo motivo è decisiva la razionalità nelloperare politico. Infatti la libertà delluomo è connessa con il fatto che luomo è creatura razionale: sa identificare i fini buoni, sa definire i valori, sa riconoscere la giustizia.

14 Il potere sovrano è sì perpetuo e assoluto, ma è un potere razionale fondato sulla libertà. Il sovrano sceglie con libertà, ma la sua scelta è guidata dalla ragione. Come è facile osservare, Bodin è profondamente ottimista su un punto centrale: sulla capacità della ragione umana di comprendere la verità del mondo, la giustizia e il bene. La ragione è lantidoto ai mali del presente. Essa sa attingere alle fonti della giustizia e della verità. La ragione è il necessario corollario della libertà umana.

15

16 Lorgano politico che detiene il potere sovrano non ha ricevuto questo potere da altri. Se così fosse, il sovrano sarebbe tale solo per delega ed eserciterebbe il potere in nome di un altro: questi, dunque, sarebbe il vero sovrano. Bodin in particolare esclude che il potere del sovrano derivi dal popolo. Se così fosse, il potere fondamentale di emanare le leggi sarebbe nelle mani di unautorità costantemente sottoposta al potere dei cittadini, divisi in fazioni in conflitto tra loro sulla base di interessi e di idee contrastanti. Il potere sovrano risiede nel sovrano stesso perché questa è la logica delle cose. Se il potere viene contestato, lo Stato cade nellanarchia.

17 Il carattere di assolutezza deriva alla sovranità dalla sua unicità. Non si può, infatti, immaginare un potere superiore a quello sovrano, né si può ipotizzare una suddivisione dei poteri. Se la sovranità fosse divisa tra diversi organi politici, essi finirebbero col combattere tra loro e non si avrebbe più unità.

18 La sovranità è al di sopra di ogni altro potere, quindi non è soggetta neppure alla legge. Poiché la sovranità consiste essenzialmente nel potere di fare le leggi, le è implicito anche il potere di annullare leggi già emanate. Ancora più nettamente è da escludere che il potere sovrano debba rispettare le consuetudini, riconoscendo come limite della propria volontà la tradizionale espressione dei modi di vivere di una comunità.

19 Se lo Stato è >, allora cè Stato laddove vi sia proprietà comune fra i cittadini.

20 Le quattro tesi sulla sovranità e sul sovrano sono: 1.La sovranità è perpetua 2. La sovranità è assoluta 3. Il sovrano non è soggetto alle leggi e alle consuetudini 4. Il diritto di proprietà

21 Bodin distingue con la massima cura le forme dello Stato dalle forme di governo. Il principio di questa distinzione è la differenza tra lo Stato come sede della sovranità e il governo come attività del concreto esercizio della sovranità.

22 A seconda di chi sia il detentore della sovranità, lo Stato si differenzia nelle tre forme della monarchia, dellaristocrazia e della democrazia. Bodin riprende una distinzione ormai classica, che risale ad Aristotele.

23 La monarchia è caratterizzata dal fatto che la sede della sovranità è in un solo uomo, mentre il popolo, è del tutto escluso da essa.

24 Si ha invece aristocrazia quando la sovranità è detenuta collettivamente da un gruppo ristretto di cittadini, che agiscono tutti insieme come ununità, esprimendo la propria volontà collettiva nella formazione della legge.

25 In ultimo, nella democrazia, il potere sovrano è detenuto dal popolo o da una sua ampia parte, considerato come un tuttuno, dotato di una sola volontà. E invece da escludere, per Bodin, che possano esistere forme miste di Stato, cioè forme in cui la sovranità sia divisa tra diverse persone od organi.

26 Non cè invece alcun impedimento a immaginare che lesercizio concreto della sovranità possa essere diviso tra organi diversi. In questo caso è in gioco il governo dello Stato, non la sovranità, ma il suo esercizio. Quindi una Stato monarchico potrà essere governato in modo democratico se il sovrano distribuisce le funzioni pubbliche senza tenere conto della differenza di stato sociale tra cittadini. Le forme di governo variano col variare delle situazioni storiche e la teoria politica ne registra diverse.

27 Se poi ci si chiede quale forma di Stato sia la migliore in assoluto, le preferenze di Bodin vanno certamente alla monarchia, e in particolare alla più stabile delle forme monarchiche, cioè alla monarchia ereditaria. Bodin sa bene che la monarchia ereditaria espone lo Stato al capriccio della natura, ritiene tuttavia che, non essendovi forme di Stato prive di difetti, la monarchia ereditaria ne abbia comunque meno dellaristocrazia e della democrazia: in esse infatti il potere non è altrettanto stabile. Non si possono tuttavia dare delle regole generali valide per tutti i popoli, Bodin, ne I sei libri dello Stato, avvia uno studio di tipo storico e geografico per determinare il carattere dei singoli popoli in rapporto alla tradizione e soprattutto al clima di ciascuna zona. Già gli antichi avevano notato che la variabilità dei climi genera forme culturali e stili di vita e di pensiero diversi. Bodin studia queste differenze per determinare le forme di governo più adatte ai singoli popoli. La filosofia politica dei secoli successivi darà poi grande importanza a questa teoria dei climi.

28

29 I filosofi politici del Seicento hanno concepito le prerogative del potere in modi diversi, in alcuni casi ritenendo necessario un suo esercizio assoluto, con lintento di salvaguardarne lefficacia; in altri, invece evidenziando i diritti dei governati. Identica è però la preoccupazione che muore tali riflessioni: la ricerca di una stabilità sociale che assicuri la pace e la possibilità dei sudditi di svolgere in tranquillità le loro attività individuali. Si tratta di un esigenza che deriva dalle condizioni dellEuropa del tempo, percorsa da guerre civili e internazionali di drammatica intensità. Nei brani che seguono, di tematiche e posizioni differenti, lurgenza di questa preoccupazione emerge in modo evidente. Prendendo in considerazione il testo di Bodin La nozione di sovranità, egli intende definire la sovranità e precisarne le caratteristiche, necessarie per garantire lordine sociale e la pacifica convivenza. La sovranità deve essere assoluta e non è tenuta a rispettare le leggi che essa stessa impone. Lunico limite del potere sovrano è costituito dalle leggi divine e naturali, che il sovrano non ha la possibilità di modificare.

30


Scaricare ppt "Il francese Jean Bodin nacque nel 1530. Studiò diritto a Tolosa per poi trasferirsi a Parigi nel 1561 come avvocato al parlamento. Ebbe una rapida carriera."

Presentazioni simili


Annunci Google