La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LUnione Europea propone una joint-venture fra un pool daziende europee (scuole-aziende tutor) per costruire una navetta bus ecologico multiuso (trasporto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LUnione Europea propone una joint-venture fra un pool daziende europee (scuole-aziende tutor) per costruire una navetta bus ecologico multiuso (trasporto."— Transcript della presentazione:

1 LUnione Europea propone una joint-venture fra un pool daziende europee (scuole-aziende tutor) per costruire una navetta bus ecologico multiuso (trasporto atleti e/o giornalisti, ecc.), in unarea dove, oltre leconomia, bisogna far risorgere la pace. Il bus sarà poi utilizzato per le Olimpiadi Invernali Torino La joint-venture è prevista tra aziende di una regione industrializzata, come il Piemonte, incaricate della progettazione e dellorganizzazione della produzione, ed enti e aziende di unarea europea, che cerca di rinascere, come Sarajevo in Bosnia (dove si sono svolte le olimpiadi invernali del 1984), incaricati di realizzare, sul loro territorio, lo stabilimento industriale destinato a produrre il bus. LU.E. offre 30 milioni di euro per lo studio di fattibilità della navetta, dello stabilimento, dellorganizzazione aziendale e della preparazione delle maestranze. In collaborazione con

2 oving oung urin ydrogen lympic afe Sei scuole della provincia di Torino : LITI E. Majorana di Grugliasco, LITI Pininfarina di Moncalieri, ITC R. Luxemburg di Torino, Il Liceo Martinetti Di Caluso (To), LIPSIA Olivetti di Ivrea(To), LI.S.I Faccio di Castellamonte (To) hanno elaborato un progetto di Integrazione scuola/ lavoro che li vedrà impegnati fino alla fine della.s 2005 nella realizzazione virtuale di un pulmino alimentato ad idrogeno. Patrocinano il Progetto: Miur (Direzione Regionale del Piemonte) - Unione Industriale di Torino- Provincia di Torino- Comune di Torino- Camera di Commercio di Torino -Fondazione Banca S. Paolo-IMI Aziende tutor. Si sono rese disponibili come tutor le seguenti aziende: Industrie Pininfarina SpA I.DE.A. Institute SpA Carrozzeria Bertone SpA ISVOR-FIAT – CR VegaProgetti srl Nucleo Global Design IVECO Spa CENTRO RICERCHE FIAT Enti bosniaci Le sei scuole saranno collegate in rete attraverso un portale WEB che sarà ( realizzato dagli allievi dellITI E. Majorana) mezzo su cui transiteranno tutte le informazioni di promozione, comunicazioni tra scuole ed allievi, informazioni tecniche del progetto.

3

4

5 Nel periodo estivo dal 30 agosto al 17 settembre, abbiamo svolto lo stage presso la sede del CEA (centro elettronica autoveicolo).

6 Presso il C.R.F. abbiamo preso in considerazione degli studi gia fatti in precedenza dagli ingegneri sulla Seicento H2 Fuel Cell. L'idrogeno entrerà inevitabilmente in lizza come combustibile alternativo agli idrocarburi. Il suo utilizzo non produce emissioni nocive. Richiede nuove tecnologie ed enormi investimenti per la produzione, stoccaggio, distribuzione ed utilizzo. Il suo impiego in autotrazione è estremamente critico, sia su veicoli con motori termici specifici, sia su veicoli con propulsori a Fuel Cell. La soluzione dei problemi tecnici ed economici richiederà anni per arrivare alleventuale produzione di massa dei veicoli ad Idrogeno

7 Barriere tecniche alla diffusione delle Fuel Cell su veicolo Indisponibilità delle infrastrutture per la generazione e la distribuzione dellidrogeno in quantità significative Indisponibilità di sistemi di stoccaggio dell'idrogeno a bordo veicolo per garantire autonomie comparabili ai veicoli convenzionali. Arretratezza della tecnologia per Fuel Processor (da metanolo e da Bz) imbarcabili: - eliminazione del CO (<50 ppm) - gestione dei transitori (controllabilità del complesso processo di reforming nei tempi richiesti dalla dinamica del veicolo: 0 a piena potenza in 1s) - emissioni durante la fase di avvio a freddo Gestione dellacqua -protezioni, funzionalità e tempi di start-up (in particolare a bassa temperatura) -bilanciamento consumi di acqua tra lo stack e il fuel processor Vita (avvelenamento dei catalizzatori da CO, S ed idrocarburi) Peso Volume Costi (oggi >3000 $/kW: obiettivo 75 $/kW per il sistema di propulsione completo di reformer)

8 Schema a Blocchi del Propulsore Fuel Cell STOCCAGGIO COMBUSTIBILE ORGANI AUSILIARI SISTEMA DI GENERAZIONE IDROGENO H 2 e-e- e-e- H+H+ ARIA (O 2 ) ACQUA (H 2 O) BATTERIE MOTORE ELETTRICO INVERTER STACK Catalizz. Membrana

9

10 50 kW FUEL CELL SYSTEM HUMIDIFICATION SYSTEM Tank To Wheel: 0 g/km C0 2 but Technology is still under development and High Cost H 2 STORAGE TANK Fuel Cell System proiezione prezzo (year 2010) per la produzione di massa: 35 $/kW (DOE 2002) Prezzo attuale: $/kW Aspettativa di vita: 5000 hrs Vita presente: hrs (in real operating conditions) Paragone di energia sviluppata: Gasolio:9 kWh/l H2 350 bar:1 kWh/l

11 UMIDIFICAZIONE STACK POMPA DI RAFFREDAMENTO FUEL CELL SYSTEM Potenza: 50 kW el Pressione di lavoro: up to 0.3 bar Temperatura di lavoro: 60-70°C La sua efficienza è circa doppia di quella di un motore a Benzina The fuel cell system

12

13

14

15 Come punto di partenza abbiamo deciso di utilizzare dei dati gia usati da altre compagnie, che si avvicinavano alle nostre richieste. Dopo ricerche abbiamo deciso di utilizzare come nostro modello un IVECO DAILY MINIBUS by ORLANDI.

16 Profilo laterale del Daily

17 Daily Minibus by Orlandi: CARATTERISTICHE TECNICHE MINIBUS Touring by ORLANDI MotoriIVECO S o IVECO CNG IVECO S PotenzaDiesel cv GNC 106 cv146 cv CambioZF S6 300 Carrozzeria1 porta

18

19

20

21 Batterie al piombo da 60Ah – 26Ah Modello Ermetica piombo 12V65Ah – 12V26Ah Cod Sigla AP12V65AH Dimensione batterie: Altezza 175mm Larghezza 350 mm Profondita 166mm Nbatterie=21 Potenza Fuel Cell (solo Fcs) Potenza massima motore elettrico(P2)*1,1=120 KW I=300A (da datasheet) Ncelle=120/183,5*1000=654 1stack=130 celle 5 stack Potenza Fuel Cell (IBRIDO) Potenza massima motore elettrico(P2)*1,1=47.3 KW I=250A (da datasheet) Ncelle=47.3/183,5*1000=290 1stack=130 celle 3 stack Dimensioni stack: Altezza 250mm Larghezza 320 mm Profondita 600mm Motore a magneti permanenti: MPM 50 a 300V dc Diametro 311mm Profondita 201mm Inverter-Controller del motore a magneti permanenti: Altezza 119mm Larghezza 380 mm Profondita 365 mm Dimensioni bombole: 50 litri: altezza 1250 mm diametro 230 mm 100 litri: altezza 1050 mm diametro 349 mm 150 litri: altezza 1250 mm diametro 392 mm

22 OGGETTO / CONFIGURAZIONE Da veicolo H 2 IBRIDOFcs DA SOMMAREIN Kg Stack68172 batterie 60Ah315 (21 batterie)/ batterie 26Ah240 (21 batterie)/ motore + inverter = 56 bombole da 50 litri(42*6)+30 = 282 bombole da 100 litri(67*3)+30 = 231 bombole da 150 litri(84*2)+30 = 198 OGGETTOPESO (IN Kg) DA SOTTRARRE motore (a secco)240 cambio50 serbatoio (a pieno)102 serbatoio (a secco)20 frizione5 TOT: 397 PESI TOTALI POSTI DA ELIMINARE Ibrido con batterie da 60 Ah (tecnologie avanzate) 667 Kg4 Ibrido con batterie da 26 Ah (tecnologie avanzate) 562 Kg2 Fuel cell system (tecnologie avanzate)456 Kg1 Ibrido con batterie da 60 Ah (tecnologie attuali) Kg5 Ibrido con batterie da 26 Ah (tecnologie attuali) Kg3 Fuel cell system (tecnologie attuali)524 Kg2

23

24

25 Arrivati al termine dello stage ci possiamo ritenere molto soddisfatti del lavoro svolto. I giorni passati allinterno del CRF sono serviti per apprendere nozioni tali da poter dimensionare tutti i componenti richiesti dal progetto iniziale. Siamo molto soddisfatti delloperato visto il clima vissuto e anche grazie alla ottima preparazione del nostro tutor e dei suoi colleghi. Concludiamo ringraziando chi ha permesso questa collaborazione. Cordi Paolo e Missimi Daniele


Scaricare ppt "LUnione Europea propone una joint-venture fra un pool daziende europee (scuole-aziende tutor) per costruire una navetta bus ecologico multiuso (trasporto."

Presentazioni simili


Annunci Google