La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO DISTRUZIONE SUPERIORE « E. Fermi » Catanzaro Lido Anno Scolastico 2006-2007 Presenta…

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO DISTRUZIONE SUPERIORE « E. Fermi » Catanzaro Lido Anno Scolastico 2006-2007 Presenta…"— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO DISTRUZIONE SUPERIORE « E. Fermi » Catanzaro Lido Anno Scolastico Presenta…

2

3 IN PRINCIPIO… ERA IL MITO IN PRINCIPIO… ERA IL MITO « Che fare? Dove andare, ora che la sua sposa gli era stata strappata una seconda volta? Con che pianto poteva commuovere i Mani e quali dèi con la sua voce? Lei, ormai fredda, navigava sulla barca dello Stige. Per sette interi mesi, uno dopo laltro - raccontano -, Orfeo pianse, solo, sotto una rupe aerea accanto alle onde dello strimone deserto, e narrava la sua storia dentro gelide grotte, e ammaliava le tigri e trascinava le querce al suono dei suoi versi. Euridice, chiamava la sua voce, e le rive lungo il fiume riecheggiavano: Euridice. » Virgilio, dalle Georgiche « Che fare? Dove andare, ora che la sua sposa gli era stata strappata una seconda volta? Con che pianto poteva commuovere i Mani e quali dèi con la sua voce? Lei, ormai fredda, navigava sulla barca dello Stige. Per sette interi mesi, uno dopo laltro - raccontano -, Orfeo pianse, solo, sotto una rupe aerea accanto alle onde dello strimone deserto, e narrava la sua storia dentro gelide grotte, e ammaliava le tigri e trascinava le querce al suono dei suoi versi. Euridice, chiamava la sua voce, e le rive lungo il fiume riecheggiavano: Euridice. » Virgilio, dalle Georgiche

4 Il C CC CANTORE ORFEO subito dopo le nozze, perde lamata sposa Euridice, uccisa dal morso di un serpente. Non resistendo al dolore causatogli dalla sua scomparsa, discese nel regno delle ombre e accompagnando la dolcezza del suo canto con quello della lira, ne implorò la restituzione dal re e dalla regina degli Inferi. Lincanto della sua voce turbò tutte le ombre, che si posero in ascolto e piansero. Neppure i signori delle tenebre rimasero insensibili alla sua preghiera e acconsentirono a far ritornare con lui sulla terra Euridice, a patto che non si voltasse indietro per guardarla prima di essere uscito dal regno delloltretomba.

5 Euridice avanzava verso lalto, verso laria, seguendolo alle spalle, quando una follia improvvisa prese dincanto Orfeo. si voltò Si fermò e, dimentico del patto, vinto dalla passione, già sul limite… si voltò. Ed Euridice: Quale, quale immensa pazzia, Orfeo, ha rovinato me, infelice, e te? Addio, ora sono trascinata via da una notte immensa e tendo le mie mani senza forza. Oh non più tua verso di te.

6 Alla base del mito di Orfeo c è un sentimento tipicamente umano, che è quello della mancata rassegnazione ad un evento che ci sovrasta e ci distrugge, la M MM MORTE. Orfeo non si piega al pensiero di aver perduto l amata Euridice e da questo nasce la sua sfida impossibile. Tuttavia, la natura umana di Orfeo ha il sopravvento, e l impresa che sembrava sul punto di realizzarsi, improvvisamente svanisce. IL SUO CANTO È RESO IMMORTALE DALLA POESIA ETERNATRICE

7 Quante volte sarà capitato anche a te di dire: Sei un mito! ad una persona che ammiri o di pensarlo del tuo cantante, attore o calciatore preferito! Ma ti sei mai chiesto che cosa veramente sia il mito? E quali siano le sue origini?

8 una narrazione di carattere sacrale, poiché ha come protagonista divinità, eroi, semidei, mostri, demoni. la funzione di soddisfare un fondamentale bisogno di conoscenza, comune a tutti i popoli. una spiegazione, non razionale, ma fantastica sulle forme ed i fenomeni della natura. ai molti interrogativi umani sullorigine e i diversi aspetti della vita. È Fornisce Risponde

9 LUOMO HA SEGUITO DUE STRADE NEL GUARDARE LA REALTÀ, PER CAPIRLA ED INTERPRETARLA È tipica delluomo primitivo che per spiegare ciò che ha sotto gli occhi ricorre alla fantasia, perché la realtà per lui si presenta misteriosa ed incomprensibile. È tipica delluomo moderno, il quale sulla base di osservazioni e di dati opportunamente consequenziali e sperimentalmente verificati, spiega fatti e fenomeni secondo un rapporto di interdipendenza. quella mitico-realistica quella logico-scientifica

10 LE DIVINITÀ MAGGIORI

11 GLI EROI Compiono imprese difficili e perciò testimoniano il passaggio dalladolescenza alletà adulta. Stanno allorigine di un popolo, ne fondono la città-capitale e ne assicurano la fama. Sono esseri semidivini perché figli di dèi Ricordiamo la nascita divina di Romolo e Remo da Rea Silvia e dal dio Marte… … ed ancora Eracle e Teseo.

12 Tutti i popoli primitivi parlano di animali divini o di mostri. Mostro dal latino monstrum segno divino È spesso un demone, un animale divino che incarna le forze della natura e i moti primordiali dell animo umano, ancora sospeso tra istinto di sopraffazione violenta e bisogno di un etica civile e di una giustizia superiore. La g gg gorgone Medusa è uno dei tanti mostri divini. Il suo orrido volto, circondato da una capigliatura di serpenti aveva il potere di pietrificare chiunque la guardasse.

13 In tutte le culture, ma soprattutto in quella greca, fondamentale è il mito della creazione. Gea Tartaro Eros Dal caos, voragine immensa e tenebrosa ebbe origine - Gea (Terra), - Tartaro (Inferno), - Eros (Amore). Kronos Il più giovane dei titani, Kronos, spodestò il padre Urano e ne prese lo scettro. Kronos, per paura di essere detronizzato, divorò i propri figli. A sua volta, fu detronizzato da Zeus. Urano Ponto Ciclopi Titani Da Gea poi nacquero Urano (il Cielo) Ponto (il Mare), i Ciclopi e i Titani.

14 Perciò era detto trono di Zeus La cima del monte Olimpo, una montagna della Grecia settentrionale al confine tra la Tessaglia e la Macedonia, veniva considerato la DIMORA DI ZEUS E DELLE DIVINITÀ.

15 ZEUS, il re degli dèi, nella tradizione statuaria e nelle raffigurazioni delle antiche pitture vascolari, è rappresentato con le sembianze di un uomo maturo con la barba e le saette fra le mani; ai suoi piedi cè laquila: lunico uccello capace di fissare il sole senza riportare danni alla vista. I simboli di Zeus sono: le stelle - il tridente a significare che egli regnava su cielo, mare e terra. Infatti, quando agitava la sua famosa égida (scudo) scoppiavano le tempeste.

16 DA COSA HANNO ORIGINE GLI DÈI? Nascono dalla necessità di rendere accettabili regole di comportamento create ed imposte dalluomo primitivo. Si configurano come la volontà superiore che detta rigide norme di un corretto comportamento. Sono dotati di qualità superiori a quelle degli uomini, rispetto ai quali tutto sanno e tutto vedono.

17 ARACNE, giovane e abile tessitrice, osa sfidare la dea Atena in una gara di bravura: la fanciulla viene sconfitta e, per punizione viene trasformata in un ragno. Lepisodio di Aracne indica una regola di comportamento morale: non bisogna peccare di superbia. Questo mito offre anche la spiegazione dellorigine del ragno e della sua mirabile arte di tessitore di ragnatele!

18 DEUCALIONE E PIRRA, dopo il diluvio universale, rimasti soli sulla terra, chiedono a Zeus di ripopolarla o di farli morire, perché essi per sopravvivere hanno bisogno di altri esseri umani. Le pietre scagliate dai due si tramutarono in uomini e donne. Le pietre scagliate dai due si tramutarono in uomini e donne.

19 Il tema del DILUVIO UNIVERSALE inviato da Zeus agli uomini per punirli a causa della loro malvagità e corruzione, è presente nelle tradizioni di popoli diversi e lontani fra loro. Il diluvio, però, ha una chiara valenza simbolica. Lacqua distrugge, ma contemporaneamente rigenera. Per questo il diluvio dà vita ad una nuova umanità, una nuova generazione di uomini giusti. Questo mito dà forma alla paura ancestrale che tutti gli uomini in tutti i tempi provano di fronte alla furia devastatrice delle acque.

20 Luomo primitivo, attraverso i racconti fantastici, cercava di spiegare f ff fatti di natura culturale, come le tecniche delle varie attività produttive e f ff fatti di natura scientifica. Il titano P PP PROMETEO, benefattore dellumanità, rubò il fuoco a Zeus, lo r rr regalò agli uomini ed insegnò loro a c cc conservarlo sotto la cenere. La vendetta di Zeus non si fece attendere. Prometeo fu incatenato ad una roccia ed unaquila gli rodeva il fegato. Tanto ne mangiava di giorno tanto di notte ne ricresceva. Prometeo venne liberato millenni dopo da E EE Eracle.

21 E come si spiegava il ciclo delle stagioni? E come si spiegava il ciclo delle stagioni? PERSEFONE, figlia di Demetra, dea delle messi, fu r rr rapita da Ades e portata negli Inferi. Zeus, per alleviare il dolore di Demetra, stabilì che Persefone rimanesse sei mesi nellAde con il marito (Autunno, Inverno) e sei mesi sulla terra con la madre (Primavera, Estate).

22 Molti miti decrivono, attraverso percorsi (labirinti) irti di difficoltà e ostacoli, il passaggio dalletà adolescenziale alletà adulta. Alluomo comune, limitato nelle sue possibilità, raramente è concesso di compiere azioni eccezionali. Gli e ee eroi, dotati di capacità superiori, esseri semidivini, invece si sottopongono a p pp prove difficili per realizzare il fine desiderato. ERACLE (Ercole), figlio di Zeus e Alcmena fu il più grande eroe greco. In più occasioni rivelò i suoi poteri soprannaturali, finché fu costretto ad affrontare le dodici fatiche. In ogni tempo esse simboleggiano le s ss sofferenze che ogni uomo deve sapere affrontare per diventare adulto e per conquistarsi unesistenza libera.

23 Nel mito greco, il L LL LABIRINTO è il palazzo cretese del re Minosse, dove era nascosto il Minotauro e da dove Teseo, luccisore del Minotauro, poté uscire solo grazie allaiuto del filo di Arianna Teseo supera gli ostacoli utilizzando in modo adeguato le risorse della propria intelligenza a seconda della situazione: - la forza, il coraggio e la spada per uccidere il Minotauro; - lastuzia e il gomitolo di filo p per ritrovare luscita dal Labirinto.

24

25 IL MITO alle origini del racconto Realizzato dalla classe I B Docente coordinatrice Prof.ssa LUCIANA COLACIONE


Scaricare ppt "ISTITUTO DISTRUZIONE SUPERIORE « E. Fermi » Catanzaro Lido Anno Scolastico 2006-2007 Presenta…"

Presentazioni simili


Annunci Google