La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL RISVEGLIO DI DANIELE Classe 1^ B Scuola Primaria Gianni Rodari I.C.S. Luigi Pirandello PESARO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL RISVEGLIO DI DANIELE Classe 1^ B Scuola Primaria Gianni Rodari I.C.S. Luigi Pirandello PESARO."— Transcript della presentazione:

1 IL RISVEGLIO DI DANIELE Classe 1^ B Scuola Primaria Gianni Rodari I.C.S. Luigi Pirandello PESARO

2 Una mattina, come tutte le mattine, il piccolo Daniele si alza per andare a scuola. Una mattina, come tutte le mattine, il piccolo Daniele va a fare la pipì, ma, accipicchia, quando spinge il bottone del water, lacqua non viene giù! Riprova e riprova, ma niente da fare! Mamma, mamma, corri!, urla Daniele e la mamma, prova e riprova, comincia a preoccuparsi. Apre il rubinetto dell acqua ma non ne esce neppure una goccia.

3

4 A quel punto chiama subito lidraulico, ma non risponde, perché tutti gli abitanti della città lo stavano chiamando, chi insaponato, chi con la bocca sporca di latte! I pompieri! Vanno dai vigili del fuoco che rispondono disperati, perché non cè più lacqua per spegnere gli incendi!

5

6 A quel punto Daniele ha unidea Andiamo a riempire i camion con lacqua del mare. Sale nel camion rosso dei pompieri e quando arrivano in spiaggia, che cosa vedono? Solo sabbia e conchiglie, perché lacqua del mare non cera più! Daniele e i pompieri vedono dei pescatori fermi nelle loro barche : Dove è finita lacqua? e i pescatori: Questa mattina, come tutte le mattine ci siamo alzati per andare a pescare, ma niente da fare, il mare è scomparso!.

7

8 Che cosa possiamo fare? dicono i pompieri e i pescatori, e il piccolo Daniele ha unidea: Perché non facciamo una buca grande grande? Quando io scavo nella sabbia con i miei amici, a volte trovo lacqua! E così tutti iniziano a scavare. E scava, scava, scava e ancora scava, scava, scava, e di nuovo scava, scava, scava…fanno una buca grandissima e super profonda ed escono dallaltra parte del mondo.

9

10 Arrivano nel paese bellissimo di Frescolandia, tutto colorato dazzurro! Gli abitanti erano vestiti con abiti dalle mille sfumature del mare. Le case e i giardini erano luccicanti e i giardini pieni di fiori profumati che circondavano le fontane zampillanti e limpide.

11

12 Camminando meravigliato e sereno, Daniele incontra un bambino e gli dice: Ciao, io sono Daniele, tu come ti chiami?, Ciao sono Giovanni, continuano a parlare e il piccolo Daniele gli spiega che cosa era successo dalla sua parte di mondo e gli chiede: Perché in questo paese cè ancora lacqua mentre da noi è finita?. Così Giovanni inizia a spiegargli che per la gente della sua città lacqua è una cosa molto preziosa, e che loro la conservano come fosse oro. Daniele non capisce, perché di acqua ne ha sempre vista tanta, e lui credeva che solo quando di una cosa ce ne era poca,andasse tenuta da conto.

13

14 Giovanni allora gli spiega che anche lacqua può finire e gli spiega alcune regole che il suo bisnonno, il suo nonno e il suo babbo, gli hanno insegnato da quando era piccolissimo: Quando fai la doccia, prima ti bagni, chiudi il rubinetto, poi ti insaponi. Quando ti sei insaponato bene bene, riapri il rubinetto e ti sciacqui. Quando ti lavi i denti, prima bagni lo spazzolino, poi chiudi lacqua, e metti il dentifricio sopra lo spazzolino. A quel punto ti lavi bene bene i denti e dopo riapri lacqua per sciacquarti la bocca. Quando aiuti la mamma ad innaffiare le piante, ricordati di farlo al mattino presto e alla sera, così le piante non sudano e bevono meglio lacqua. Se lavi linsalata ricordati di usare lacqua del risciacquo per innaffiare i gerani del terrazzo.

15

16 E così continua a spiegargli tutte le regole che la mamma gli raccontava tutte le sere come a Daniele, quando la sua mamma gli raccontava le fiabe. Daniele ascolta con molta attenzione e dopo aver capito ben bene le regole, chiama i pompieri e i pescatori e gli ripete tutto. Daniele, i pompieri e i pescatori, a quel punto, vanno nella piazza della città e davanti al sindaco fanno un giuramento in cui dicono di aver capito bene il valore dellacqua e di impegnarsi a dirlo a tutti gli abitanti dellaltra parte del mondo.

17

18 Il sindaco di Frescolandia, per regalo, gli dà un tubo lunghissimo con cui portare lacqua nella loro città : Ma attenzione, con cura!. Il piccolo Daniele, i pompieri e i pescatori, ripartono felici e quando arrivano nella loro città, spiegano quello che era successo. Una mattina, come tutte le mattine, il piccolo Daniele si alza per andare a scuola. Una mattina, come tutte le mattine, il piccolo Daniele va a fare la pipì e per fortuna, quando spinge il bottone del water, lacqua viene giù!

19

20 FINE


Scaricare ppt "IL RISVEGLIO DI DANIELE Classe 1^ B Scuola Primaria Gianni Rodari I.C.S. Luigi Pirandello PESARO."

Presentazioni simili


Annunci Google