La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 1 Il legno lamellare Leggero, perché il suo peso specifico è inferiore ai 500 kg/mc 3, contro, ad esempio,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 1 Il legno lamellare Leggero, perché il suo peso specifico è inferiore ai 500 kg/mc 3, contro, ad esempio,"— Transcript della presentazione:

1 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 1 Il legno lamellare Leggero, perché il suo peso specifico è inferiore ai 500 kg/mc 3, contro, ad esempio, i del cemento armato e i dellacciaio. Resistente, perché lefficienza prestazionale del legno lamellare ai fini strutturali ha qualità simili a quelle dellacciaio. Lefficienza prestazionale può essere definita come il rapporto tra il modulo di elasticità E e un parametro di resistenza f (es. resistenza a compressione). Efficienza prestazionale E/f Calcestruzzo (Rck300, fck 25 Mpa) 1250 Acciaio Fe430 (ft = 430 Mpa) 480 Legno lamellare (BS 11 ÷ BS 18) 470 Alluminio (lega 7020, ft 355 Mpa) 200

2 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 2 Economico, perché il suo ciclo di produzione ottimizza luso di una risorsa naturale di per sé povera. Affidabile, perché lintero processo produttivo segue una prassi normata e continuamente monitorata. Il risultato finale è un prodotto dalle prestazioni definite e certificate. Curvabile, infatti, durante lincollaggio le lamelle possono essere curvate con un raggio di curvatura minimo della trave che deve essere pari ad almeno 200 volte lo spessore della lamella stessa.

3 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 3 La tecnica Il legno lamellare è ottenuto incollando tavole omogenee di legno opportunamente preparate (le cosiddette lamelle). (In Europa si utilizza quasi esclusivamente labete rosso, per lavorazioni speciali talvolta il pino silvestre, il larice e il rovere). Le lamelle vengono incollate sia in senso orizzontale che verticale. Il multilam o meglio conosciuto come legno lamellare con incollaggio orizzontale: i piani che vengono incollati sono perpendicolari alla maggiore delle dimensioni della sezione trasversale. Il bilam( trilam, quadrilam) presenta incollaggio verticale: i piani sono perpendicolari alla minore delle dimensioni della stessa sezione. 362_TraviTravature.pdf 362_TraviTravature.pdf

4 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 4 Le essenze legnose vengono suddivise, per il legno lamellare, in due categorie o classi, che ne individuano la qualità e le caratteristiche fisico-meccaniche e che condizionano i valori delle corrispondenti tensioni massime ammissibili. Tali classi o categorie sono (secondo le DIN 1052): I Categoria: legno scelto senza traccia di putredine o danni di insetti, inclinazione massima della direzione delle fibre rispetto alla direzione della tavola non superiore al 10%, nodi sani, non raggruppati, con diametro massimo pari a 30 mm, peso specifico non superiore a 500 Kg/mc (al 20% di umidità) e spessore medio annuo di crescita del tronco non superiore a 3 mm. II Categoria: legno scelto con criteri meno rigidi, tuttavia senza traccia di putredine o danni di insetti, ma con tolleranze maggiori di diametro dei nodi (fino a 40 mm), inclinazione di fibre (fino al 12%), pesi specifici non inferiori a 400 Kg/mc (al 20% di umidità) e spessore medio annuo di crescita non superiore a 4 mm.

5 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 5 - Dimensioni del materiale - La normativa DIN, mentre non fissa la lunghezza minima delle assi, ne limita invece lo spessore e la sezione trasversale e precisamente: a) larea della sezione trasversale massima non deve superare 60 cm 2 (per legni di conifera), 50 cm 2 (per legni di latifoglia); b) la massima larghezza consentita è pari a 25 cm per la singola lamella con uno spessore non superiore a 30 mm, anche se può essere aumentato fino a 40 mm in elementi costruttivi diritti, i quali non siano esposti a variazioni climatiche rilevanti. Nella pratica costruttiva le lamelle hanno uno spessore finito intorno ai 33 mm e una larghezza pari a quella della sezione trasversale dellelemento strutturale, normalmente variabile fra 10 e 22 cm, con variazioni modulari di 2 cm e lunghezza delle lamelle di cm. Nelle travi curve, per limitare le tensioni di curvatura che possono nascere in direzione sia parallela sia normale alle fibre, il raggio di curvatura degli elementi strutturali in lamellare deve essere pari almeno a 200 volte lo spessore delle singole lamelle.

6 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 6 -Essiccazione – Lessicazione è loperazione tesa a ottenere quel grado di umidità del legno compatibile col tipo di colla e, soprattutto, confacente alla destinazione delle strutture. Generalmente il grado di umidità deve essere compresa fra il 7 e il 16%. Fra due lamelle successive però la differenza di umidità non deve superare il 4%. Gli impianti per la produzione del lamellare dispongono di essiccatoi. Il legname è messo nelle celle di essiccazione e portato al grado di umidità necessario alla lavorazione ed alla resistenza richiesta. Dopo lessicazione, poiché il tasso di umidità non è regolare allinterno di una stessa lamella, essendo più basso in periferia che al centro, le lamelle vengono lasciate riposare per due, tre giorni allinterno dello stabilimento prima di essere portate alla linea di lavorazione.

7 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 7 - Giuntatura di testa - Per realizzare elementi strutturali di lunghezza maggiore della singola tavola o asse sono necessari giunzioni di testa. Di solito le giunzioni trasversali correnti fra le varie lamelle vengono effettuate con giunti detti a pettine o a dita, e vengono opportunamente sfalsate al fine di non indebolire una stessa sezione trasversale o una zona dellelemento strutturale. Questo tipo di giunto è oramai nella prassi considerato come il più vantaggioso, in quanto consente di ottenere unampia superficie di incollaggio, una volta realizzata lunione è autoserrante, e ha bassi sfridi rispetto ad altri tipi di giunzioni quale ad esempio il bisello, detto anche a becco di flauto. Successivamente alla fresatura si ha lincollaggio di testa delle tavole, effettuato da apposite macchine che applicano forze di compressione variabili in relazione alla lunghezza dei denti dei giunti.

8 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 8 - Piallatura e calibratura delle tavole - Le tavole così composte vengono piallate, in modo da offrire superfici piane in vista dellincollaggio delle facce delle tavole per la successiva formazione della trave. Questo tipo di operazione, unitamente alla calibratura attraverso la quale si ottengono tavole di spessore costante, evita linstaurarsi di tensioni che possono dare luogo alla formazione di cretti durante la pressatura. Inoltre la piallatura consente di ottenere superfici lisce, requisito molto importante in fase di incollaggio. - Incollaggio delle lamelle - Le colle e le operazioni di incollaggio costituiscono una fra le operazioni più importanti e delicate dal punto di vista operativo e tecnologico. Gli incollanti devono instaurare legami intermolecolari fra la colla stessa e le sostanze che costituiscono il legno, cioè le fibre di cellulosa e lignina, in modo da garantire, nel piano di incollaggio, lo stesso legame della corrispondente essenza legnosa. Le resistenze fisico-meccaniche del collante devono essere almeno uguali a quelle del legno, in modo che i piani di incollaggio non siano piani preferenziali di rottura.

9 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 9 - Pressatura - Per realizzare lincollaggio fra le lamelle bisogna sottoporre lelemento strutturale a una pressione il più possibile uniforme; tale operazione viene effettuata in apposite presse. Loperazione di posizionamento delle lamelle e di chiusura della pressa deve essere fatta il più rapidamente possibile, onde evitare che la colla cominci a indurire. Per la chiusura delle presse si procede dal centro verso le estremità. Le travi così realizzate rimangono in pressa per un periodo di 12 ore o più, secondo il tipo di colla, la temperatura e la forma della trave. La temperatura ambiente non deve comunque essere mai inferiore a 18° C. In caso di travi curve, si utilizza unaltra pressa dotata di guide mobili che vengono posizionate secondo una sagoma precedentemente disegnata sul suolo. Il legname non deve variare il proprio contenuto idrometrico durante la produzione delle travi poiché il processo chimico che sta alla base della polimerizzazione delle colle è fortemente influenzato dalle condizioni termoigrometriche dellambiente in cui esso avviene.

10 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 10 - Piallatura delle travi - Rimosse dalla pressa le travi sono lasciate 1-2 giorni a riposo allinterno dello stabilimento. Quindi fatte passare dentro una pialla fissa di forte capacità in modo da dare allelemento lo spessore finito e rendere uniformi e lisce le superfici laterali. - Finitura e impregnazione - Nel reparto finitura la trave viene intestata realizzando le sagomature di progetto, i fori ed i tagli necessari per lassemblaggio di elementi metallici. Lultima operazione in ordine di tempo consiste nellapplicazione di prodotti impregnanti tramite semplice spennellatura, sostanze cioè con funzione di preservare il legno da insetti, funghi, umidità e con un pigmento che conferisca alle travi il colore voluto. Tale operazione dovrebbe rientrare in seguito tra le operazioni di manutenzione ordinaria.

11 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 11 Il montaggio Lassemblaggio a secco delle strutture in legno lamellare porta con sé una serie di benefici: - alto grado di flessibilità; - riduzione dei tempi di realizzo e di montaggio; - abbattimento dei costi di cantiere.

12 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 12 Per il montaggio dellorditura primaria si devono utilizzare idonee fasce di canapa o sintetiche. Nella posa dellorditura primaria va prestata particolare cura nella predisposizione degli appoggi elastomerici che sono di primaria importanza per il corretto funzionamento del sistema statico. In particolare negli appoggi elastomerici con piastra in acciaio inox e teflon. E consigliabile nel caso di strutture di grosse dimensioni il posizionamento e la saldatura delle forcelle metalliche, prima del tracciamento, in modo da avere un punto fisso e sicuro per la stabilizzazione di ogni singola trave. Gli elementi dovranno essere messi in sicurezza mediante lutilizzo di stralli in acciaio e tiranti mediante tirafondi in numero sufficiente in base alla lunghezza dellelemento in legno. Si procederà poi al montaggio dellorditura di irrigidimento e della controventatura prevista, al termine di questa operazione la struttura primaria può essere considerata messa in sicurezza. Il montaggio della strutture in legno lamellare segue delle operazioni che di volta in volta vengono pianificate e studiate in quanto ogni struttura ha le sue peculiarità e caratteristiche.

13 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 13 Sistemi Statici

14 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 14 Predimensionamento Carico per ml (q) = interasse x carico/mq

15 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 15 Particolare di un colmo

16 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 16 Particolare di un pilastro

17 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 17 Appoggio di una trave reticolare

18 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 18 Appoggio su un pilastro

19 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 19 Cerniera di colmo

20 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 20 Cerniera con attacco di controventatura

21 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 21 Il Palasport di Livorno La copertura a pianta circolare copre unarea di mq è stata realizzata mediante una struttura a cupola tridimensionale in legno lamellare di mq; la luce libera del corpo principale è di 109 mt per unaltezza massima di 33,3 mt.

22 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 22 La necessità di lasciare delle ampie aperture ai lati della struttura, ha comportato uno schema statico suddiviso in due parti, composta ognuna di 3 porzioni di cupola, con comportamenti statici molto diversi tra loro. -3 porzioni a spinta sullanello centrale: le travi principali e lanello sono connesse in modo da formare un incastro, mentre il collegamento a terra sul plinto è a cerniera. - 3 porzioni con comportamento flessione sullanello centrale: le connessioni tra anello e travi principali formano delle cerniere, esiste un appoggio intermedio e il collegamento a terra è stato realizzato con un tirante costituito da un pilastro in legno lamellare con profilo ad H.

23 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 23

24 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 24

25 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 25

26 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 26

27 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 27

28 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 28

29 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 29

30 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 30

31 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 31

32 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 32

33 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 33

34 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 34

35 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 35

36 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 36

37 Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 37


Scaricare ppt "Corso di Consolidamento e Recupero - Il Legno 1 Il legno lamellare Leggero, perché il suo peso specifico è inferiore ai 500 kg/mc 3, contro, ad esempio,"

Presentazioni simili


Annunci Google