La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA CALABRIA Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria MODULO DI ESERC. DI DIDATTICA DELLE SC. NATURALI DOCENTE: Dott.ssa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA CALABRIA Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria MODULO DI ESERC. DI DIDATTICA DELLE SC. NATURALI DOCENTE: Dott.ssa."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA CALABRIA Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria MODULO DI ESERC. DI DIDATTICA DELLE SC. NATURALI DOCENTE: Dott.ssa. M. Fiarè A.A

2 Saper distinguere i viventi dai non viventi Il Frutto: organo di dispersione delle Angiosperme I frutti monospermi e plurispermi : classificazione

3 LABORATORIO SCIENTIFICO O AULA 2 ORE CLASSE IV^ V^

4 Obiettivi didattici ABILITA COMPETENZE Saper comprendere che il frutto è lunita di dispersione delle Angiosperme Saper riconoscere i frutti monospermi dai frutti plurispermi a)Saper osservare attentamente le caratteristiche degli oggetti a)Saper classificare gli oggetti b)Saper identificare il problema e trovare la soluzione c)saper condurre una discussione d)Saper interagire nel gruppo LABORATORIO SCIENTIFICO Il Frutto

5 Sapere che il frutto è lunità di dispersione delle Angiosperme Conoscere i frutti monospermi e plurispermi LABORATORIO SCIENTIFICO Il frutto conoscenze Obiettivi didattici Il SAPERE

6 ESPERIMENTO CONFERMA IPOTESI? LEGGE SI OSSERVAZIONE NO IPOTESI PROBLEMA Metodo scientifico

7 Frutti di diverso tipo coltello Album da disegno Colori Scheda operative

8

9 ATTIVITA n. 1 : Il Frutto pacco sorpresa Si invitano gli alunni a portare frutta di stagione e ad integrazione linsegnante procura frutti di categorie mancanti Fig. 1. Fig. 1 Categoria frutti

10 Agli alunni è stata proposta la seguente domanda: Che cosè il frutto?. PROPOSTA DEL PROBLEMA:

11 Si da agli allievi la possibilità di esprimere le loro idee e rappresentare con un disegno la struttura interna di un frutto alla lavagna (fig. 1 b). Si procede confrontando i disegni. Chi ha disegnato la forma corretta?. A quali di questi disegni corrisponde la struttura reale di un frutto?. Lobiettivo è quello di far comprendere agli alunni il metodo dindagine per la verifica di tale ipotesi. IPOTESI DELLA CLASSE:

12 Fig. 1 b Ipotesi : Frutti disegnati dai bambini prima dellattività laboratoriale Fig. 1 b

13 Gli alunni propongono di sezionare i frutti (fig. 2). Tale operazione è preceduta da una discussione sul tema Come tagliare il frutto. Si individuano due tipi di taglio, quello verticale o longitudinale e quello orizzontale o trasversale. Infine si allarga il confronto delle sezioni ai diversi tipi di frutti e gli alunni, hanno così modo di osservare le differenze strutturali esistenti. OSSERVAZIONI: Viene individuato nel seme, in diversi tipi di frutti, lelemento comune. Si osserva per ciascun frutto il numero dei semi e si distinguono i FRUTTI MONOSPERMI (presenza di un solo seme) dai FRUTTI PLURISPERMI (presenza di più di un seme)

14 Fig. 2) Fase dissezione dei frutti

15 a a) Frutto carnoso categoria BACCA Ecballium elaterium (cocomero asinino) bc c) Frutto carnoso categoria BACCA FRUTTO BALAUSTIO Punicum granatum (melograno) b) Frutto carnoso categoria DRUPA Juglans regia (noce) d e f d) Frutto secco categoria Follicolo FRUTTO AGGREGATO Magnolia grandiflora (magnolia) e) Frutto carnoso categoria BACCA sottocategoria PEPONIDE Cucuminis sativus (cetriolo) f) Frutto carnoso categoria BACCA sottocategoria PEPONIDE Solanum melongena (melanzana)

16 Categoria Frutti MONOSPERMIPLURISPERMI CLASSIFICAZIONE FRUTTI MONOSPERMI E PLURISPERMI

17 Si invitano gli alunni a disegnare i frutti dissezionati (fig. 3) e a confrontarli con i disegni precedenti (ipotesi). Fig. 3 Frutti disegnati dagli alunni dopo lattività laboratoriale a b d c c) Frutto carnoso categoria bacca Cytrus sinensis (arancia) d) Frutto carnoso Frutto falso Malus sylvestris (mela) a) b) Frutto carnoso categoria bacca Lycopersicon esculentum (pomodoro) seme

18 Gli alunni dopo aver osservato le sezioni dei frutti concludono: Il frutto può essere considerato un contenitore di semi. Il frutto ha la funzione di protegge i semi. Quelli che comunemente consideriamo ortaggi, esempio la melanzana, sono frutti Abbiamo scoperto che anche la capsula del papavero o delliris, la melanzana, il cetriolo, la zucchina, il follicolo della magnolia sono dei frutti Alcuni frutti come la pesca, la susina, la ciliegia hanno un solo seme, Mentre altri come luva, il pomodoro hanno più di un seme


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA CALABRIA Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria MODULO DI ESERC. DI DIDATTICA DELLE SC. NATURALI DOCENTE: Dott.ssa."

Presentazioni simili


Annunci Google