La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PENNA E IL COLTELLO Dinamiche grafologiche dellatto criminale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PENNA E IL COLTELLO Dinamiche grafologiche dellatto criminale."— Transcript della presentazione:

1 LA PENNA E IL COLTELLO Dinamiche grafologiche dellatto criminale

2 LA PENNA E IL COLTELLO Grafologia e Crimine Applicazione dellanalisi grafologica per la rilevazione di eventuali segnali che possano confermare la capacità di mettere in pratica un atto criminale.

3 LA PENNA E IL COLTELLO I buoni sognano quello che i cattivi fanno. Nella personalità di ognuno di noi cè un lato nascosto, oscuro, normalmente controllato che, se liberato, ci trasformerebbe in criminali, in assassini e pericolosi delinquenti. Di questo lato oscuro ne aveva parlato anche Freud: ogni uomo ha istinti aggressivi e passioni primitive che lo portano allo stupro, allincesto e allomicidio e che sono tenute a freno, in maniera imperfetta, dalle istituzioni sociali e dai sensi di colpa. La maggior parte delle persone non commette crimini perchè i freni inibitori interni funzionano correttamente e il comportamento criminale viene stigmatizzato dalle regole imposte dalla società. Non a caso alcuni comportamenti ritenuti devianti in alcune società, non lo sono in altre.

4 LA PENNA E IL COLTELLO I buoni sognano quello che i cattivi fanno. Le persone non sono quindi o buone o cattive, le persone sono sia buone che cattive ed il prevalere delluna o dellaltra componente dipende da numerosi fattori psicologici ed occasionali che rendono il comportamento umano altamente imprevedibile. Sono quindi le occasioni quotidiane e gli stati psicologici improvvisi, come gli impulsi passionali e le forti emozioni, a determinare quale delle due componenti della persona, quella buona o quella cattiva, debba prevalere. Alcuni luoghi comuni vogliono tuttavia che i criminali siano dei malati mentali, per cui chi violenta, uccide o sfrutta una persona debba essere necessariamente un pazzo. Gli eventi di cronaca di questi ultimi anni invece ci stanno dimostrando che dietro anche i più crudeli atti criminali non ci sono dei pazzi, ma delle persone normali, che hanno semplicemente perso il controllo delle loro emozioni e dei loro freni inibitori.

5 LA PENNA E IL COLTELLO Come viene fuori il lato oscuro? Obiettivo di questo documento è quello di indagare con la grafologia la presenza di segnali che possano far prevedere un comportamento criminale.

6 LA PENNA E IL COLTELLO La grafologia nella criminalistica Ciascun individuo esprime la propria personalità attraverso la scrittura, scrittura in cui si condensa la attività cerebrale del soggetto e che è la risultante delle reazioni (attrazione, repulsione, controllo) alla provocazione di una serie di stimoli spaziali con valenza simbolica. Luomo che scrive disegna inconsapevolmente la sua natura interiore. La scrittura cosciente è un disegno inconscio, disegno di sé, autoritratto. Simbologia della scrittura ( Max Pulver).

7 LA PENNA E IL COLTELLO La grafologia nella criminalistica Se il foglio bianco simboleggia lo spazio in cui lindividuo si muove, lalto - il basso - la sinistra - la destra rappresentano forze in grado di condizionare ed orientare il modo e lintensità di agire nello spazio grafico che si identifica con lo spazio vitale dellindividuo. Le dinamiche della personalità vanno di pari passo con levoluzione grafica del soggetto scrivente che, partendo dal comune modello insegnato, opera delle personalizzazioni allontanandosi dagli schemi ed esprimendo in modo unico ed inimitabile il proprio essere.

8 LA PENNA E IL COLTELLO La grafologia nella criminalistica La grafologia, decodificando ogni segno lasciato sulla carta, fornisce informazioni sulle caratteristiche psicologiche del soggetto scrivente. La disciplina si presta quindi ad essere utile anche nelle indagini su atti criminosi in quanto aggiunge elementi e rafforza diagnosi fatte da psicologi e medici. Lanalisi grafologica va al là di qualsiasi colloquio clinico. Lambito è quello della comunicazione non verbale. MA non ci sono segni che senza ombra di dubbio caratterizzano le scritture dei criminali!

9 LA PENNA E IL COLTELLO segni di disagio Tenendo ben presente laffermazione precedente, possiamo tuttavia dare una classificazione dei segnali di allarme sul comportamento antisociale: Scrittura armonica – soggetto ben integrato socialmente mentale Scrittura con segni di disagio < di integrazione Scrittura disarmonica – soggetto grafopatologico

10 LA PENNA E IL COLTELLO scrittura disarmonica La scrittura disarmonica è caratterizzata da: alto Formniveau ritocchi sistematici (spesso inutili e assurdi) improvvise perturbazioni che rompono il ritmo tic grafici che disturbano e tolgono armonia iperemotività, tenacia e forza di volontà, squilibrio tra maturità intellettiva ed affettiva, brillanti capacità messe al servizio di cattivi istinti pulsionali.

11 Disturbo Antisociale di Personalità (secondo il DSM – IV) fin dalladolescenza sono ribelli, aggressivi, impulsivi e bugiardi fin dalladolescenza sono ribelli, aggressivi, impulsivi e bugiardi compiono atti criminali senza provare rimorso o sensi di colpa compiono atti criminali senza provare rimorso o sensi di colpa causano sofferenza alle persone che gli stanno vicino (non hanno il senso di responsabilità verso i propri familiari) causano sofferenza alle persone che gli stanno vicino (non hanno il senso di responsabilità verso i propri familiari) presentano instabilità e discontinuità nel comportamento (non hanno il senso di responsabilità verso il lavoro presentano instabilità e discontinuità nel comportamento (non hanno il senso di responsabilità verso il lavoro frequentemente abusano con sostanze stupefacenti frequentemente abusano con sostanze stupefacenti chiedono continuamente novità e situazioni stimolanti chiedono continuamente novità e situazioni stimolanti presentano frequente inosservanza e violazione dei diritti altrui, con: presentano frequente inosservanza e violazione dei diritti altrui, con: - condotte suscettibili di arresto - atti disonesti (menzogne, truffe) - facile aggressività e scontri fisici - guida spericolata - irresponsabilità e mancanza di rimorso

12 Erika e Omar Sono le otto di sera del Erika, sedicenne di Novi Ligure, scappa a piedi nudi lasciando impronte di sangue sul viale della villetta dove abita con il padre Francesco De Nardo, amministratore della Pernigotti, la mamma Susy Cassini, casalinga, e il fratellino Gianluca undicenne. Grida, Erika, è terrorizzata e si rifugia dai vicini di casa. Il massacro di Novi Ligure Il giorno successivo, il magistrato fa nascondere telecamere e registratori in una stanza della caserma e lascia soli Erika ed Omar. Pensando di essere soli, i due ragazzi confessano l'orribile delitto, mimando i gesti che hanno compiuto accoltellando a morte la mamma e il fratellino di Erika. Il caso è chiuso: quella sera stessa il Tribunale dei Minori ferma i due ragazzi per omicidio volontario in concorso.

13 ASSASSINI La relazione tra Omar ed Erika è stata studiata con molta attenzione dagli inquirenti perché dal tipo di rapporto stabilito tra loro (complicità, dipendenza) ne derivava lentità della pena da attribuire per il massacro commesso. Erika e Omar Le personalità coinvolte

14 VITTIME Le dinamiche familiari approfondite allo stesso modo, hanno evidenziato un rapporto conflittuale di Erika con sua madre ed un conseguente bisogno di rivalsa sul fratellino, troppo perfetto rispetto a lei. Erika e Omar Le personalità coinvolte

15 Altra personalità chiave della vicenda è il padre di Erika, che le rimarrà sempre vicino, dopo un breve allontanamento nel periodo in cui si rende conto della colpevolezza di sua figlia. In famiglia il rapporto padre-figlia era molto stretto. Erika e Omar Le personalità coinvolte

16 Erika e Omar a 14 anni (scheda di adesione al fan club di Leonardo di Caprio a 14 anni (scheda di adesione al fan club di Leonardo di Caprio e successiva lettera a lui indirizzata)

17 Erika e Omar Questo primo esempio di grafia di Erika mostra già la presenza alletà di 14 anni di segnali dallarme che attirano lattenzione su elementi di disturbo della personalità della ragazza. Prima di tutto si nota il disordine mentale (rispecchiato nelloccupazione caotica e disordinata dello spazio dove la scrittura non segue un ben determinato schema di collocazione). Seppure il disordine è abbastanza frequente nelle scritture degli adolescenti – in quanto stanno cercando la loro identità – nel caso di Erika, diventa preoccupante perché accompagnato da una significativa variabilità in numerosi generi di scrittura: forma, inclinazione, ritmo spaziale, tenuta del rigo. Elementi questi che già da soli orientano verso una scrittura disarmonica e quindi verso una personalità non equilibrata. Non possiamo non notare labbondanza di punteggiatura inutile (punti esclamativi ed interrogativi) ed anche lannerimento maniacale dei puntini sulle i. Segni grafici che ci inducono a pensare che Erika poteva soffrire di un disturbo di Narcisismo esasperato, dove il continuo confronto tra il suo senso di inadeguatezza e le aspettative che lei stessa e gli altri avevano su di lei, creava inevitabilmente uno squilibrio emotivo. Richiedeva attenzioni ed affetto reale che rafforzassero la fragilità interna, nonostante fosse adeguata invece ad un sentimentalismo di facciata, testimoniato dai numerosi cuoricini.

18 Erika e Omar a 16 anni (estratto dal diario di Erika a 16 anni (estratto dal diario di Erika)

19 Erika e Omar Nella scrittura successiva, Erika ha cambiato forma. Da un corsivo tentennante è passata al modello semi-script adottato dalla stragrande maggioranza degli adolescenti come riparo presso lappartenenza al gruppo. Tuttavia i segnali di allarme sussistono anzi sono esasperati dalla crescente ansia che deriva dalla preoccupazione di non essere accettata. Il sentimentalismo di facciata permane (ancora cuoricini). Il narcisismo che le fa richiedere sempre più attenzione si è consolidato in una chiusura quasi completa nel suo mondo, non si fida di nessuno e non si apre a nessuno. Non accetta consigli né è disposta a cedere minimamente allascolto dellaltro. Laltro è un nemico a cui la ragazza deve reagire anche duramente per non sentirsi sopraffatta.

20 Erika e Omar Particolari della grafia di Erika

21 Erika e Omar Oggi Erika De Nardo, cinque anni dopo, partecipa ad una partita di pallavolo insieme ad altre detenute. Esce quindi per qualche ora dall'istituto di pena bresciano di Verziano dove sta scontando la pena. Lormai ex fidanzato di Erika, Omar, 23 anni, invece, non è ancora mai uscito dal carcere. Per lui l'avvocato ha chiesto più volte il permesso di trascorrere qualche ora a casa, ma il tribunale di sorveglianza si è opposto. Al momento della redazione di questo documento Omar è uscito di prigione. La sua pena è stata scontata, è tornato alla vita con la speranza di ricominciare. Di Erika ha sempre confermato di non volerne più sapere e di essersi sentito usato.

22 Erika e Omar Oggi Purtroppo non abbiamo scritture attuali di Erika e non possiamo pertanto constatare se cè stato un cambiamento anche nel suo modo di esprimersi graficamente.


Scaricare ppt "LA PENNA E IL COLTELLO Dinamiche grafologiche dellatto criminale."

Presentazioni simili


Annunci Google