La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il ciclo del carbonio nel suolo nei processi di riforestazione naturale nelle Prealpi e nella riforestazione di pianura. Giorgio Alberti Udine, 27 marzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il ciclo del carbonio nel suolo nei processi di riforestazione naturale nelle Prealpi e nella riforestazione di pianura. Giorgio Alberti Udine, 27 marzo."— Transcript della presentazione:

1 Il ciclo del carbonio nel suolo nei processi di riforestazione naturale nelle Prealpi e nella riforestazione di pianura. Giorgio Alberti Udine, 27 marzo 2008

2 Introduzione: cambiamenti duso del suolo (LUC) nel mondo Fonte: FAO

3 Introduzione: LUC in Europa Fonte: FAO

4 Introduzione: LUC e carbonio Cambiamento duso del suolo e/o di distribuzione della canopy Attività antropiche (i.e. piantagioni) Eventi naturali (i.e. successioni secondarie) Cambiamenti negli stock di carbonio

5 LUC e carbonio nel suolo Fonte: Guo & Gifford, GCB, 2002

6 LUC and soil carbon Fonte: Jackson et al., Nature, 2002 Fonte: Vesterdal et al., FEM, 2002

7 PIANTAGIONI DI PIANURA E PIOPPETI

8 - Contenimento delleffetto serra - Recupero di elemento tradizionali del paesaggio - Creazione di nuove nicchie ecologiche - Riduzione rischi di dissesto idrogeologico Reg. CE 2080/92 Reg. CE 1257/99 Piano di Sviluppo Rurale FVG ( ) PIANTAGIONI DI PIANURA Scopi con valenza produttivaScopi con valenza ambientale - Potenziamento e miglioramento delle produzioni legnose - Diversificazione redditi e attività aziendali Impianti di arboricoltura da legno Impianti di boschi misti

9 Superficie ammesse a contributo alla valutazione intermedia Siardi & Alberti, 2005

10 Materiali e metodi: unità di indagine Lunità di indagine del presente lavoro coincide con singole particelle catastali o insiemi di particelle contigue uniformi dal punto di vista delle caratteristiche del soprassuolo.

11 Materiali e metodi: distribuzione del campione Superficie campione : 47 imboschimenti; 215,6 ha totali 9 pioppeti (3 classi età x 3 repliche)

12 Materiali e metodi: biomassa arborea Reperimento ed analisi dei progetti presso lIspettorato di Udine. Aree di saggio e rilievi dendrometrici Costruzione di tavole di cubatura Stima dellattitudine alla produzione di legname di qualità

13 Materiali e metodi: carbonio nel suolo 6 imboschimenti (2 età x 3 repliche) + 6 coltivi adiacenti Tutti i pioppeti (9 plot) 5 punti di campionamento in ogni plot 2 profondità di rilievo (0-15 cm; cm) Misura della densità apparente (g cm-3) Misura del contenuto di C (%C)

14 Risultati

15 Risultati: volume legnoso imboschimenti V = 140 [1-exp (-0.25 età)] 9.09 (n = 7, R 2 = 0.97, P<0.001) Alberti et al., 2006

16 Risultati: carbonio soprassuolo imboschimenti Alberti et al., 2006

17 Dati tesi Dati Del Galdo et al (2003) Risultati: carbonio nel suolo

18 Risultati: carbonio soprassuolo pioppeti

19 Risultati: carbonio nel suolo pioppeti

20 Conclusioni Imboschimenti: Soprassuolo: tC ha -1 anno -1 Suolo:+ 0.3 tC ha -1 anno -1 Totale:+ 2.0 tC ha -1 anno -1 Pioppeti: Soprassuolo+ 8.9 tC ha -1 anno -1 Suolo+ 7.6 tC ha -1 anno -1 Totale tC ha -1 anno -1

21 Elevato tasso di accumulo di C nel suolo nei pioppeti Insufficiente campionamento nei coltivi ? Differenze stazionali ? Pioppo su pioppo ? Elevato contenuto di argilla, protezione sostanza organica ?

22 SUCCESSIONI SECONDARIE

23 Fonte: Brun et al., 2005

24 Cosa è una successione secondaria ? … foresta che si insedia su un terreno mediante processi naturali dopo la cessazione delle attività umane (FAO, 2001)

25 Foresta (1998): 2800 ha (55% della superficie totale)Foresta (1998): 2800 ha (55% della superficie totale) Temperatura media annua: 10° CTemperatura media annua: 10° C Precipitazioni: 2500 – 3000 mm anno -1Precipitazioni: 2500 – 3000 mm anno -1 Altitudine: 600 m a.s.l.Altitudine: 600 m a.s.l. Substrato: Flysh, calcariSubstrato: Flysh, calcari

26 Fonte: Salbitano (1987), modificato ed aggiornato (Alberti, in stampa) Lo spopolamento dellarea e lavanzamento del bosco

27 Materiali e metodi Approccio mediante cronosequenza (space-for- time substitution) Foto aeree e dendrocronologia per la stima delletà Approccio inventariale per la stima della biomassa e dei cambiamenti di C in ogni pool (soprassuolo, lettiera, legno marcio, suolo) Cambiamento dello stock di C mediante interpolazione lineare (Hooker and Compton, 2003)

28 Materiali e metodi: stima delletà Alberti et al., in stampa

29 Risultati

30 Risultati: carbonio nel soprassuolo Alberti et al., 2008

31 R 2 = 0.57, P>0.05; Mg C ha -1 yr -1 R 2 = 0.92, P<0.001; N (t ha -1 ) = exp year Alberti et al., 2008

32 1.18 Mg C ha -1 yr -1

33 Risultati: Stock di C organico nel suolo (Chapin, 2002 modificato)

34 Conclusioni La maggior parte dellaccumulo di C avviene nel soprassuolo Si ha una diminuzione del carbonio nel suolo nei primi 75 anni a causa di un aumento della respirazione e del cambiamento nel carbon input Tempi di recupero ?

35 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Il ciclo del carbonio nel suolo nei processi di riforestazione naturale nelle Prealpi e nella riforestazione di pianura. Giorgio Alberti Udine, 27 marzo."

Presentazioni simili


Annunci Google