La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Il bambino reale e il rapporto educativo Il bambino ideale, virtuale, reale Roma 23 gennaio 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Il bambino reale e il rapporto educativo Il bambino ideale, virtuale, reale Roma 23 gennaio 2009."— Transcript della presentazione:

1 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Il bambino reale e il rapporto educativo Il bambino ideale, virtuale, reale Roma 23 gennaio 2009

2 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL LA SCUOLA NEL NUOVO SCENARIO Oggi lapprendimento scolastico è solo una delle tante esperienze di formazione La scuola ha il compito di dar senso alla varietà delle esperienze ridurre la frammentazione e il carattere episodico che rischiano di caratterizzare la vita dei bambini e degli adolescenti

3 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL insegnamento-apprendimento Intenzionale Sistematico Propedeutico Formativo Attento allalunno che apprende crescendo e cresce apprendendo Volto al perseguimento dellautonomia critica e delle divergenze Volto a produrre cittadinanza

4 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL LA SCUOLA La scuola deve fornire allo studente gli strumenti adatti per comprendere le altrui culture e metterle in relazione con la propria

5 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL QUADRO DI RIFERIMENTO Società della conoscenza Autonomia cognitiva Imparare ad imparare Lavoratore della conoscenza

6 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL AZIONI FORMATIVE Processi di informazione (organizzazione scientifica dei saperi) Processi di conoscenza (costruzione, rielaborazione, contestualizzazione competenze) Processi di apprendimento (competenze disciplinari e competenze trasversali)

7 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL AZIONI FORMATIVE saper pensare saper ragionare saper agire ed interagire, e quindi saper essere.

8 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Rapporto educativo Come ? Con quali strumenti ? Quali metodologie ? Quale percorso ? Non certezze, non sicurezze ma problematicità

9 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Traguardo formativo la mediazione Teorico/operativo Interazione relazionale – comunicativa dialettica e sinergica

10 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Tra soggetti soggetti oggettioggetti soggettooggetti in apprendimento di apprendimento

11 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Indicatori Qualità - delle relazioni - della comunicazione - senso di appartenenza

12 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Rapporto Educativo Centrale diventa la persona OBIETTIVO: incrementare al massimo le sue specifiche forme di intelligenze (Gardner, Morin, Olson, Bruner, Baldacci, Cambi)

13 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL come Attraverso una pluralità di materiali didattici e di strumenti Attraverso una pluralità di occasioni e di opportunità offerti agli allievi Avere elementi e informazioni utili e coerenti

14 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Strumenti DIALOGICITÀ RIFLESSIVITÀ CONFRONTO CRITICITÀ

15 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Parole chiave CULTURA, SCUOLA, PERSONA

16 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL CULTURA, SCUOLA, PERSONA Riforma culturale formare persone capaci di affrontare le sfide Autonomia e Creatività Imparare ad imparare

17 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL CULTURA, SCUOLA, PERSONA Mappe cognitive ampie e flessibili in grado di evolversi Ruolo decisivo nella costruzione delle mappe Capacità di connettere i saperi (cultura scientifica e umanistica)

18 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL CULTURA, SCUOLA, PERSONA Nella completezza di tutte le sue componenti Insieme di relazioni sociali, culturali, politiche, globali (glocale)

19 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL CULTURA, SCUOLA, PERSONA Finalità specifiche Offrire occasioni di apprendimento dei saperi e dei linguaggi culturali di base Far sì che gli allievi abbiano gli strumenti di pensiero necessari per acquisire e selezionare le informazioni Sviluppare la capacità di elaborare metodi e categorie che siano in grado di fare da bussola negli itinerari personali Favorire lautonomia di pensiero orientando la propria didattica alla costruzione di saperi a partire da concreti bisogni formativi

20 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Finalità Sviluppo della persona (combattere evasione e dispersione) Riflessione sulla propria esperienza (elaborazione del senso dellesperienza) Cittadinanza attiva (pratica consapevole) Alfabeti di base della cultura

21 Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Bambino 1955: fanciullo tutto intuizione, fantasia, sentimento 1985: bambino della ragione, anche corporeità, linguaggi, logica, cultura antropologica Oggi: Il/la bambino/a della relazione (fenomenale mediatore didattico)

22 PROGRAMMAZIONE Questione centrale Individuare : Modelli Strategie Strumenti e pratiche didattiche Verifica valutazione

23 MODELLI PRODOTTO PROCESSO OGGETTO MEDIATORE (Damiano)

24 INDICAZIONI Non vengono proposti modelli Costruire il curricolo Competenze per la persona Questione di metodo Dai saperi alle procedure Ai modi di apprendere Valorizzazione talenti

25 INDICAZIONI Avventure cognitive coinvolgenti Esperienze interessanti Allargare gli orizzonti mentali Consapevolezza che vi sono tanti modelli di programmazione Sviluppare unattitudine riflessiva

26 INDICAZIONI Monitorare costantemente lefficacia e lefficienza Autenticità della relazione educativa Unità della persona, della cultura, e dei saperi

27 INDICAZIONI 1955: fanciullo tutto intuizione, fantasia, sentimento 1985: bambino della ragione, anche corporeità, linguaggi, logica, cultura antropologica Oggi: Il/la bambino/a della relazione (fenomenale mediatore didattico)

28 NODI EPISTEMOLOGICI DELLA DIDATTICA PROF. Carmelo Piu

29 NODI ESPISTEMOLOGICI AUTONOMIA O SUDDITANZA DELLA DIDATTICA? QUALE RAPPORTO TRA LA DIMENSIONE DEL SENSO DELLINTERVENTO E LA DIMENSIONE DELLA TECNICA

30 NODI ESPISTEMOLOGICI Rapporto tra senso e pratiche tra teoria e prassi

31 Non solo dimensione tecnologica Significati intrinseci ai concreti dispositivi didattici Costrutto teorico-pratico

32 PROBLEMATICITÀ RAPPORTO TRA SIGNIFICATI/FINI FORMATIVI E TECNICHE DIDATTICHE

33 PROBLEMATICITÀ Valori e significati immanenti alle tecniche didattiche Le tecniche rappresentano al loro realizzazione

34 Intimamente connessi significati e tecniche dinsegnamento


Scaricare ppt "Dipartimento di Scienze dell'Educazione - UNICAL Il bambino reale e il rapporto educativo Il bambino ideale, virtuale, reale Roma 23 gennaio 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google