La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il linguaggio pubblicitario Prof. Luciano De Giorgio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il linguaggio pubblicitario Prof. Luciano De Giorgio."— Transcript della presentazione:

1 Il linguaggio pubblicitario Prof. Luciano De Giorgio

2 Linguaggio e Pubblicità La pubblicità è unattività fondamentalmente persuasoria e di conseguenza il suo linguaggio è funzionale ed ed ha lo scopo di attirare lattenzione La pubblicità comporta dei costi, per cui di fondamentale importanza risulta la sintesi Ha la tendenza ad andare sopra le righe attraverso sovradimensionamenti grafici e sonori e limpiego di neologismi (lavasbianca) Attua spesso una forzatura delle regole della grammatica e della sintassi (metti un tigre nel motore). Ricorre sovente alluso della rima (facile memorizzazione)

3 I diversi linguaggi pubblicitari Linguaggio delle affissioni Linguaggio degli annunci stampa Linguaggio cinematografico Linguaggio iconico Linguaggio sonoro Linguaggio mimico gestuale La prossemica

4 La coppia diacronia/sincronia nella linguistica Lanalisi diacronica studia i fatti linguistici o culturali dal punto di vista della loro variazione nel tempo. Lanalisi sincronica è complementare allanalisi diacronica e si occupa dei fatti linguistici osservati in un dato momento indipendentemente dalla loro evoluzione storica

5 … In una pubblicità (di un orologio), dove si vede un prodotto utilizzato da varie generazioni che si sono succedute, si trova levidenziazione della diacronia (Mio nonno ostentava un Wyler Vetta. Mio padre sfoggiava un Wyler Vetta. Io, modestamente, ce lho). Lindicazione delluso di un prodotto in rapporto alle varie circostanze, mette in luce laspetto sincronico. Si pensi alla pubblicità di un elettrodomestico che può avere più impieghi (frulla, trita, mescola, ecc.). il proporre varie situazioni dove emerge la sua versatilità, in rapporto alle esigenze rappresentate, è un approccio sincronico.

6 La retorica La retorica è larte delleloquenza e, quindi, la più antica delle discipline concernenti il linguaggio; la sua finalità è il convincere. Nacque nel V° secolo a.C., ma nel 900 si è assistito ad unevidente ripresa dei temi retorici relativamente alla pubblicità. Le due figure retoriche più importanti sono la metafora la metonimia

7 La metafora La metafora è una figura retorica che fa emergere un processo di denotazione, attraverso delle unità di significazione che sono presenti nel termine di partenza e nel termine di arrivo fragilità denotazione Attraverso linventiva, la metafora individua un punto comune tra due termini: per esempio, nellespressione quelluomo è un fuscello, il termine intermedio tra quello di partenza (uomo) e quello darrivo (fuscello) e la fragilità. Il termine intermedio fa emergere un processo di denotazione

8

9

10 La metonimia La funzione della metonimia è di realizzare un allargamento della portata di un termine conferendogli delle capacità inglobanti. Noi possiamo dire, vedendo passare unautomobile, è una Fiate vedendo un signore passare lavora alla Fiat. Questa possibilità di gonfiareil significato di un termine rendendolo capace di fornire un significato ulteriore, prende il nome di metonimia

11


Scaricare ppt "Il linguaggio pubblicitario Prof. Luciano De Giorgio."

Presentazioni simili


Annunci Google