La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

10 - 11 Giugno 2013 LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Sala del Consiglio Nazionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "10 - 11 Giugno 2013 LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Sala del Consiglio Nazionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano,"— Transcript della presentazione:

1 Giugno 2013 LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Sala del Consiglio Nazionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano, 27 - ROMA IL PRIMO SOCCORSO Colombo CONTI Ermanno LAGANA Mara MARINCIONI Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori

2 Il datore di lavoro prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza. Le caratteristiche minime delle attrezzature di primo soccorso, variano in relazione alla natura dell'attività, al numero dei lavoratori ed ai fattori di rischio.

3 Deve essere tenuta in ogni luogo di lavoro; custodita in un luogo facilmente accessibile ed individuabile con segnaletica; mantenuta sempre completa; controllato il corretto stato d'uso dei materiali contenuti.

4 Linformazione generale riguarda nominativo e recapito: del responsabile del Servizio di prevenzione e protezione e degli addetti; dei lavoratori incaricati di attuare le procedure di primo soccorso; del medico competente; del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

5 Gli addetti devono: poter riconoscere un'emergenza sanitaria; saper interpretare la scena dell'infortunio; raccogliere e capire le informazioni utili; prevedere i pericoli evidenti e quelli probabili.

6 Nelle informazioni si deve precisare: luogo, reparto, zona operativa dove è avvenuto linfortunio; tipo ed entità dellevento (trauma, malore); numero di persone coinvolte nellincidente e ferite; necessità di aiuti esterni: ambulanza, centro mobile di rianimazione, Vigili del Fuoco.

7 Non sottoporre il paziente a movimenti e scosse inutili; non muovere i traumatizzati al cranio o alla colonna vertebrale e i sospetti di frattura; non premere, schiacciare, massaggiare, quando vi è il sospetto di lesioni profonde; in caso di infortunio da corrente elettrica, se linfortunato non respira praticare la respirazione artificiale.

8 È limpossibilità del sangue circolante a livello polmonare. I sintomi sono: perdita della coscienza; colorito bluastro della pelle (guance, labbra, orecchie e mani); arresto della respirazione.

9 Intervenire con la massima tempestività; sottoporre linfortunato alla respirazione artificiale; in caso di arresto cardiaco si dovrà alternare alla respirazione artificiale il massaggio cardiaco.

10 I sintomi sono: colorito pallido del viso, più spesso bluastro; aritmia del polso o frequenza anormale; affanno nella respirazione; sudorazione fredda, vomito, nausea; tosse secca, schiuma dalla bocca, stato confusionale; dolore violento al torace, irradiato talvolta alle braccia.

11 Si intende un dolore acuto, a volte con insorgenza graduale, con sensazione di costrizione del torace. Localizzato per lo più in sede retrosternale e che si può irradiare soprattutto verso il braccio sinistro, il collo, la schiena.

12 Liberare il sofferente da indumenti costringenti; non far compiere al malato nessun movimento attivo; in caso di gravi disturbi della respirazione e della funzionalità cardiaca, procedere alla respirazione artificiale con eventuale massaggio cardiaco; trasferire rapidamente il paziente allospedale.

13 Per emorragia si intende la fuoriuscita del sangue dai vasi. Nellemorragia esterna arteriosa il sangue, di color rosso vivo fuoriesce dalla ferita in modo intermittente a zampillo.

14 Far sdraiare il ferito; arrestare la fuoriuscita del sangue applicando un tampone ed esercitando pressione sulla ferita; può essere necessario applicare anche un laccio emostatico a monte della zona ferita.

15 Nellemorragia esterna venosa il sangue è di colore rosso scuro e fuoriesce lentamente dalla ferita in modo continuo.

16 Far sdraiare il ferito; arrestare la fuoriuscita del sangue applicando un tampone ed esercitando pressione sulla ferita; disinfettare la zona lesa; procedere alla fasciatura della ferita stessa.

17 Il sangue (di colore simile al sangue arterioso) fuoriesce da tanti piccoli punti che coincidono con le maglie recise della rete capillare.

18 Si intende linterruzione della naturale continuità di un osso provocata da forza meccanica che ne ha superato i limiti di resistenza e elasticità. Si distinguono due tipi di fratture: diretta: rottura dellosso nella zona dellurto; indiretta: il trauma provoca lesioni ossee a distanza.

19 Sintomi: dolore vivissimo (tale sintomo può anche mancare); incapacità a compiere i normali movimenti dellarto o zona interessata; quando la frattura interessa un arto, la posizione dello stesso è innaturale; rigonfiamento dei tessuti circostanti la frattura.

20 Evitare qualsiasi manovra sulla zona interessata; immobilizzare la zona interessata alla frattura; qualora si tratti di frattura esposta, frenare lemorragia e disinfettare prima di provvedere allimmobilizzazione.

21 FINE Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori Contenuti e testi aggiornati a Giugno 2013 e tratti da: Conti, C., Laganà, E., Marincioni,M., L'ora di sicurezza: introduzione e finalità del D.lgs 81/08, Kit multimediale per le scuole secondarie superiori, ISFOL, 2010.


Scaricare ppt "10 - 11 Giugno 2013 LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Sala del Consiglio Nazionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano,"

Presentazioni simili


Annunci Google