La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL REFERTO DI GARA. Lezione Tecnica 15 Novembre 2010 IL REFERTO DI GARA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL REFERTO DI GARA. Lezione Tecnica 15 Novembre 2010 IL REFERTO DI GARA."— Transcript della presentazione:

1 IL REFERTO DI GARA

2 Lezione Tecnica 15 Novembre 2010 IL REFERTO DI GARA

3 ……..RIPRENDIAMO ALCUNI PUNTI ESSENZIALI DI CARATTERE GENERALE …….DELLA PRIMA PARTE 1. Il rapporto di gara: cosè e a cosa serve Il rapporto di gara è il documento ufficiale, sul quale si devono notificare tutti gli avvenimenti, verificatisi nel recinto di gara ed eventualmente nel campo di gioco, utili alle successive valutazioni del Giudice Sportivo. 2. Dove recuperare il rapporto di gara Il rapporto di gara sarà inviato al direttore di gara/assistenti con la designazione ufficiale, oppure è possibile recuperare detto documento sul sito (sito provvisorio).www.riglioni.it 3. Chiarezza nel rapporto di gara deve essere redatto in Il rapporto di gara, è destinato a essere esaminato da altre persone (giudici) e pertanto deve essere redatto in modo leggibile modo leggibile. Lesposizione degli avvenimenti e delle circostanze verificatesi nel corso della gara dovrà decritta con assoluta precisione essere decritta con assoluta precisione, ponendosi come obiettivo primario la chiarezza, al fine soprattutto di evitare possibili inesattezze da parte di chi esaminerà il rapporto. 4. Identità dei tesserati Indicare sempre per esteso i cognomi, i nomi dei calciatori ed eventuale n° di maglia riportato in distinta, nomi dei dirigenti e numero della tessera per tutti che per qualsiasi ragione debbano essere riportati sul rapporto di gara, in modo che non si possano avere dubbi di alcun genere sulla loro identità. Gli allegati, cioè le liste giocatori partecipanti alla gara, forniti dalle società e completati se necessario a fine indicazioneeventuali ammoniti (Aespulsi (E), gara dallarbitro, con indicazione di eventuali ammoniti (A) ed espulsi (E), fanno parte integrante del rapporto di gara. Lezione Tecnica 15 novembre 2010 IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA

4 ……..RIPRENDIAMO ALCUNI PUNTI ESSENZIALI DI CARATTERE GENERALE …….DELLA PRIMA PARTE 5. Firma sul rapporto di gara Apporre sempre la propria firma sia sul rapporto di gara che sugli eventuali supplementi se allegati, 6. Spedizione e termini per la consegna Rileggere il rapporto di gara attentamente prima di richiuderlo nellapposita busta, trattenendone sempre una copia per ogni eventualità. Esso dovrà pervenire tassativamente al Giudice Sportivo ed al Coordinatore degli Arbitri entro il la mattinata del massimo ore 12,00 lunedì (massimo ore 12,00) successivo alla disputa della gara, potrà essere consegnato a mano oppure potrà essere spedito tramite fax n o posta elettronica (telef ) conseguentemente dovrà essere recapitato il rapporto di gara originale alla prima occasione favorevole, fatte salve eventuali richieste di immediata consegna da parte del Giudice Sportivo. Per qualsiasi problema si dovrà fare riferimento al Coordinatore Responsabile degli Arbitri Sig. Alberto Saronni cell oppure 7. Fac-simile rapporto di gara Ora compiliamo assieme un rapporto di gara, affrontando di fatto le regole e la casistica presente nel Regolamento U.I.S.P. del Calcio a 11, specificatamente alla parte GIOCATORI AMMONITI. Lezione Tecnica 15 novembre 2010 IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA

5 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI 1.Considerazioni generali Il Regolamento del Giuoco prevede che al direttore di gara, spetta la vigilanza sul rispetto delle regole, di sanzionare le infrazioni commesse da calciatori, tecnici e dirigenti con provvedimenti di ordine tecnico e/o disciplinare. Si deve fare attenzione sul come trascrivere correttamente fatti e circostanze ritenute dal direttore di gara meritevoli di un proprio intervento a carattere disciplinare per atti compiuti dai calciatori, compresi i giocatori di riserva. linibizione, I provvedimenti che andranno notificati sul rapporto di gara sono: linibizione, lammonizione e lespulsione dal terreno di gioco lammonizione e lespulsione dal terreno di gioco, mentre eventuali richiami o ammonizioni verbali, da ritenersi a scopo preventivo, non troveranno invece alcuna menzione allinterno del rapporto di gara.

6 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA INIBIZIONE A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI - INIBIZIONE 1.Generalità I giocatori che si siano resi responsabili di un comportamento punibile col provvedimento dellespulsione prima del calcio dinizio, limitatamente a casi relativi a una condotta violenta o ingiuriosa, dovranno ritenersi inibiti a prendere parte alla gara e le circostanze analogamente un giocatore che si sia dellinibizione, insieme alle generalità del giocatore, analogamente un giocatore che si sia reso colpevole di un tale comportamento al termine della gara reso colpevole di un tale comportamento al termine della gara, dovranno essere Eventuali incidenti. riportate allinterno della voce Eventuali incidenti. Nel caso in cui il provvedimento dellinibizione sia stata notificato a uno dei giocatori destinati a prendere parte alla gara in qualità di titolare, sarà possibile per la Società di appartenenza procedere alla sua sostituzione con uno dei giocatori di riserva, invece nel caso in cui linibizione abbia avuto quale destinatario uno di questi ultimi, la Società non potrà reintegrare il colpevole con un ulteriore calciatore di riserva.

7 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA AMMONIZIONI A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI - AMMONIZIONI 1. Indicazioni generali I calciatori che si siano resi responsabili di atti, falli o gesti contrari allo spirito del gioco o di taluni comportamenti non regolamentari nei confronti degli ufficiali di gara, dovranno essere sanzionati con lammonizione per comportamento antisportivo. Dopo aver indicato Cognome e Nome, Società di appartenenza e n°. di maglia del calciatore occorrerà motivare il provvedimento disciplinare, tenendo presente che andrà trascritto soltanto ciò che è avvenuto sotto il diretto controllo del direttore di gara. Precisare se, in caso di manifestazioni protesta individuali o collettive, siano seguite intemperanze da parte del pubblico nei confronti degli ufficiali di gara, specificandone modi e intensità. Descrivere inoltre il comportamento dei capitani. Nei paragrafi che seguiranno, riporteremo, a titolo di esempi e suddivisi in tre categorie (generici di condotta scorretta, a scopo ostruzionistico e di manifestazioni di dissenso) i comportamenti antisportivi sanzionabili con lammonizione.

8 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA AMMONIZIONI A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI - AMMONIZIONI 2. Comportamenti in gioco scorretto (trascrivere sul taccuino di gara SC e riportare sul referto per gioco scorretto Abbandonare il terreno di giuoco, entrarvi o rientrarvi senza il preventivo assenso dell'arbitro. Intervenire fallosamente in ritardo o da tergo su un avversario avendo la possibilità di giocare il pallone o commettere intenzionalmente un fallo non violento (Es. toccare il pallone con un braccio) al fine di interrompere lo sviluppo di una importante azione di gioco. Compiere qualsiasi atto simulatorio allo scopo di ingannare l'arbitro. Trasgredire ripetutamente le Regole del Giuoco. Appoggiarsi su un compagno per saltare più in alto allo scopo di raggiungere il pallone.

9 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA AMMONIZIONI A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI - AMMONIZIONI Esempi di motivazioni di gioco scorretto Esempi di motivazioni di gioco scorretto: per aver colpito intenzionalmente il pallone con la mano allo scopo di impedire una rete senza riuscirvi; per aver cercato di eludere la norma sul retropassaggio al proprio portiere, alzandosi il pallone sul ginocchio o sulla testa o sul petto e passandolo al portiere stesso; per aver sgambettato in chiaro ritardo un avversario in possesso del pallone; per aver interrotto con un fallo di mano lo sviluppo di una importante azione di giuoco; per essere intervenuto fallosamente da tergo su un avversario avendo la possibilità di giocare il pallone;

10 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA AMMONIZIONI A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI - AMMONIZIONI Esempi di motivazioni di gioco scorretto: per essere intervenuto fallosamente in ritardo sulla gamba o caviglia o piede di un avversario; per aver trattenuto un avversario per la maglia interrompendo lo sviluppo di una importante azione di giuoco; per aver simulato il gesto di colpire con un calcio e/o pugno e/o schiaffo un giocatore avversario; per aver simulato o di aver subito un fallo; per aver abbandonato e/o essere entrato o rientrato sul terreno di gioco senza lassenso dellarbitro;

11 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA AMMONIZIONI A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI - AMMONIZIONI Esempi di motivazioni di gioco scorretto: per aver tentato di ingannare un avversario chiamando il pallone; per aver disturbato il gioco, con grida e/o gesti, leffettuazione di una ripresa del gioco stesso; per essersi appoggiato con le braccia sulle spalle di un compagno al fine di saltare più in alto per deviare il pallone; per essersi aggrappato alla sbarra trasversale della propria porta o porta avversaria; per aver tentato di segnare o segnato una rete colpendo il pallone con un braccio.

12 Lezione Tecnica 15 Novembre 2010 TRASFORMIAMO QUANTO ACCADUTO IN FORMA LEGGIBILE…… IL REFERTO DI GARA

13 IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA Al 13 del 2° T. N° 10 – Rossi Mario – Tes. N – Soc. Atletico Sporting – per gioco scorretto Al 33 del 2° T. N° 11 – Bianchi Giuseppe – Tes. N – Soc. Sportivi Tutti – per gioco scorretto Al 42 del 2° T. N° 47 – Neri Andrea – Tes. N – Soc. Sportivi Tutti – per gioco scorretto – abbandonava il terreno di gioco raggiungendo gli spogliatoi senza il mio permesso CONDOTTA O GIOCO SCORRETTO Lezione Tecnica 15 novembre 2010 Giocatori Ammoniti CONDOTTA O GIOCO SCORRETTO (minuto –– n° maglia – cognome e nome – nr. tessera – società - motivazione)

14 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA AMMONIZIONI A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI - AMMONIZIONI 3. Comportamenti antisportivi a scopo ostruzionistico (scrivere sul taccuino gara AO e riportare sul referto di gara per gioco antisportivo o ostruzionistico) Ritardare la ripresa del gioco. Non rispettare la distanza prescritta nei calci dangolo, nei calci di punizione e nelle rimesse dalla linea laterale. Porsi sopra al pallone per impedire che gli avversari possano giocarlo. Compiere deliberatamente manovre ostruzionistiche, con il pallone non in giuoco, finalizzate alla perdita di tempo.

15 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA AMMONIZIONI A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI - AMMONIZIONI Esempi di motivazioni di gioco ostruzionistico: per essersi posto immediatamente davanti al pallone, dopo uninterruzione di giuoco allo scopo di impedire la rapida ripresa del gioco stesso da parte dei giocatori avversari; per non essersi posto alla distanza prescritta in occasione di un calcio di punizione; per essere avanzato anzitempo verso il pallone dalla barriera della quale faceva parte, impedendo la regolare esecuzione di un calcio di punizione; per aver allontanato il pallone dopo una interruzione di gioco, allo scopo di ritardare la ripresa dello stesso da parte dei giocatori avversari; per aver trattenuto tra le mani il pallone dopo aver commesso un fallo, allo scopo di impedire agli avversari di riprendere rapidamente il gioco.

16 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 SITUAZIONE DISCIPLINARE della GARA IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA AMMONIZIONI A- REGOLE dl GIUOCO e PROVVEDIMENTI - AMMONIZIONI 4. Proteste e manifestazioni di dissenso (indicare sul taccuino di gara P e riportare sul referto di gara per proteste) Manifestare la propria disapprovazione alle decisioni dellarbitro con parole o gesti. Esempi di motivazioni: per aver esternato con parole e/o a gesti, la sua disapprovazione nei riguardi della mia decisione di concedere o non concedere un calcio di punizione o di rigore o di rimessa dalla linea laterale ecc…. a favore degli avversari o a loro favore. per aver allontanato intenzionalmente il pallone dal punto in cui doveva essere battuto ripetutamente con insistenza un calcio di punizione, in segno di protesta contro la mia decisione; poiché i calciatori in questione (in caso di protesta collettiva), dopo essersi avvicinati, proferivano ripetutamente con insistenza parole del tipo : ma che cosa fischi? Ecc…. in segno di dissenso nei confronti della mia decisione di concedere o non concedere un calcio di punizione o di rigore o una rimessa dalla linea laterale ecc a favore degli avversari o a loro favore.

17 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 Giocatori Ammoniti D D - Se un calciatore fa uno sgambetto o colpisce un avversario in fuori gioco nellarea di rigore, ma che non tenta di giocare il pallone o di influenzare un avversario in alcuna maniera, come si dovrà comportare larbitro? R - Sanzionerà laccaduto con il provvedimento disciplinare dellammonizione per gioco scorretto il calciatore reo ed accorderà il provvedimento tecnico del calcio di rigore alla squadra che ha subito linfrazione. D D - Un difensore, trovandosi nella propria area di rigore, tocca intenzionalmente il pallone con la mano, mandandolo nella propria porta, come si dovrà comportare larbitro? R - Convaliderà la rete e NON sanzionerà con il provvedimento disciplinare dellammonizione il calciatore reo. D D - Un calciatore lascia il terreno di gioco durante la gara non a seguito di incidente, senza il permesso dellarbitro, e non presentandosi più sul terreno di gioco. Come dovrà regolarsi larbitro? R - Larbitro deve considerare il comportamento del calciatore come gioco scorretto e segnalare nel referto lammonizione, che non ha potuto notificare personalmente allinteressato, informandone peraltro il capitano della sua squadra. IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA

18 Lezione Tecnica 15 novembre 2010 Giocatori Ammoniti D D - Il pallone è diretto verso la linea laterale o di porta; un difensore lo segue, avendolo a distanza di gioco, in attesa che esca dal terreno. Un attaccante, nel tentativo di impossessarsene, carica da tergo lavversario. Vi è fallo? R - No, in quanto il difensore frappone ostacolo. In tale caso è consentita la carica da tergo che però non deve essere né violenta, né pericolosa, né può essere effettuata nella zona della colonna vertebrale D D - Un calciatore, anche se ritardatario, si trova nel campo per destinazione e, mentre il gioco è in svolgimento, protende una parte del corpo toccando il pallone nel terreno di gioco. Come dovrà regolarsi larbitro? R - Il calciatore dovrà essere considerato entrato o rientrato nel terreno di gioco senza il prescritto assenso dellarbitro. pertanto, salva la concessione del vantaggio, larbitro interromperà il gioco, per riprenderlo con un calcio di punizione indiretto nel punto in cui si trovava il pallone al momento dellinterruzione oppure con un calcio di punizione diretto o di rigore se tocca il pallone con la mano o con un braccio. Il calciatore colpevole dovrà essere ammonito. Il calciatore colpevole dovrà essere ammonito. IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA

19 Lezione Tecnica 15 Novembre 2010 TRASFORMIAMO QUANTO ACCADUTO IN FORMA LEGGIBILE…… IL REFERTO DI GARA

20 IL REFERTO DI GARA – PARTE SECONDA Al 2 del 1° T. N° 7 – Verdi Carlo – Tes. N – Soc. Atletico Sporting – per gioco scorretto – ritardatario e a gara già iniziata ed in prossimità dellarea piccola di porta della propria squadra colpiva volontariamente il pallone con una mano. Al 23 del 1° T. N° 10 – Rossi Mario – Tes. N – Soc. Atletico Sporting – per gioco ostruzionistico Al 33 del 2° T. N° 11 – Bianchi Giuseppe – Tes. N – Soc. Sportivi Tutti – per gioco antisportivo Al 42 del 2° T. N° 47 – Neri Andrea – Tes. N – Soc. Sportivi Tutti – per gioco scorretto – abbandonava il terreno di gioco raggiungendo gli spogliatoi senza il mio permesso CONDOTTA O O GIOCO ANTISPORTIVO O OSTRUZIONISTICO Lezione Tecnica 15 novembre 2010 Giocatori Ammoniti CONDOTTA O O GIOCO ANTISPORTIVO O OSTRUZIONISTICO (minuto –– n° maglia – cognome e nome – nr. tessera – società - motivazione)

21 Lezione Tecnica 13 Dicembre 2010 RIPASSIAMO ………. REFERTO DI GARA PARTE TERZA

22 IL REFERTO DI GARA FINE – Seconda Parte IL REFERTO DI GARA FINE – Seconda Parte


Scaricare ppt "IL REFERTO DI GARA. Lezione Tecnica 15 Novembre 2010 IL REFERTO DI GARA."

Presentazioni simili


Annunci Google