La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il giornalismo on line. LE NUOVE TECNOLOGIE Il quadro è stato recentemente modificato da: digitalizzazione dei processi e dei linguaggi convergenza multimediale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il giornalismo on line. LE NUOVE TECNOLOGIE Il quadro è stato recentemente modificato da: digitalizzazione dei processi e dei linguaggi convergenza multimediale."— Transcript della presentazione:

1 Il giornalismo on line

2 LE NUOVE TECNOLOGIE Il quadro è stato recentemente modificato da: digitalizzazione dei processi e dei linguaggi convergenza multimediale diffusione di Internet lancio della tv digitale via satellite diffusione capillare della telefonia cellulare Ne sono nate modifiche delle routines tradizionali, ma anche nuove forme di informazione professionale: edizioni elettroniche delle pubblicazioni cartacee giornali on line e web tv servizi informativi offerti dai portali canali tv all news

3 Laggiunta di un nuovo canale nel panorama sociale modifica la natura e il contenuto di quelli già esistenti Lavvento della fotografia non ha annullato la pittura, ma ne ha cambiato gli usi e i destini; laffermazione del cinema non ha distrutto il teatro, ma gli ha sottratto funzioni narrative e divulgative; la diffusione della televisione ha spinto il cinema a forme estreme, ad effetti speciali non consentiti al piccolo schermo

4 cultura convergente Benvenuti nella cultura convergente, dove vecchi e nuovi media collidono, dove i grandi media e i media grassroots si incrociano, dove il potere dei produttori dei media e quello dei consumatori interagiscono in modi imprevedibili. La cultura convergente è il futuro, ma sta prendendo forma oggi. I consumatori ne usciranno più potenti, ma soltanto se sapranno riconoscere e usare quel potere in veste di consumatori e cittadini, come partecipanti attivi della nostra cultura

5 Convergenza dei media La convergenza è un processo di progressiva integrazione di media differenti, resa possibile dalla digitalizzazione dei media. Sempre più, i media parlano tutti una sorta di esperanto universale. Tutti, cioè, condividono un codice comune: il codice binario Per tale ragione, molti autori considerano il computer come un meta-medium o anche un medium-ambiente Esso integra e mette in contatto, relazione e comunicazione media, tecnologie ed elettrodomestici tradizionalmente differenti (telefono, televisione, radio, ecc.) Un ruolo essenziale lo ha giocato il processo di miniaturizzazione tecnologica (rivoluzione dei microchip)

6 La rivoluzione digitale Perché si parla di rivoluzione digitale? Informazioni di tipo diverso possono essere tutte ridotte allo stesso codice di base, alle lunghe catene di 0 e 1 dell'informazione digitalizzata Questa convergenza di codifica diventa una vera e propria convergenza tecnologica nel momento in cui il computer si propone come strumento in grado di gestire efficacemente grosse quantità di informazioni in formato digitale Ecco allora che al posto di strumenti basati su tecnologie diverse (macchina tipografica, televisore, radio, telefono, macchina da presa, proiettore cinematografico, macchina fotografica) compaiono strumenti spesso diversi per funzioni e interfaccia, ma il cui 'cuore' è costituito da un microchip e la cui funzione è quella di acquisire, manipolare e distribuire informazione in formato digitale: convergenza di mercato

7 Con la diffusione dei formati digitali, la componente tecnologica pone i presupposti per rivoluzionare lassetto dei sistemi mediali, la progettazione dei contenuti, le pratiche sociali di consumo, le modalità di relazione tra gli individui La digitalizzazione dei formati e la standardizzazione dei protocolli consente infatti il superamento della principale strettoia propria dei formati analogici: –la scarsa compatibilità tra i diversi media, dal punto di vista delle tecnologie di trasmissione, di conservazione e di trattamento delle informazioni –e la conseguente provvisoria interscambiabilità dei contenuti I vantaggi della rivoluzione digitale

8 Multimedialità Una forma integrativa caratteristica dei nuovi media è la multimedialità (M) (M) è la possibilità di comunicare mediante lutilizzo di una pluralità di linguaggi o forme di comunicazione (media in senso semiotico) Dal punto di vista semiotico possiamo considerare i testi multimediali come testi sincretici. Essi, infatti, rinviano a sistemi semiotici eterogenei Affinché si possa parlare di (M) in senso stretto sono necessarie, però, alcune condizioni: a) una strategia comunicativa coerente ed unitaria; b) una plusvalenza di significato; c) fruizione multisensoriale; d) combinazione nuova di media differenti Dunque, un libro illustrato o un fumetto non sono multimediali in senso stretto perché non soddisfano le condizioni c) e d). Un film è un testo sincretico, multisensoriale, ma non soddisfa la condizione d)

9 Interattività L'interattività è la simulazione di uninterazione da parte di un sistema elettronico o meccanico, che prevede, in modo prioritario o no, anche la funzione di comunicazione con un utente Possiamo definire (I) un dialogo uomo-macchina che rende possibile la produzione di oggetti testuali nuovi. Tre le condizioni affinché ci sia (I) 1.flusso pluridirezionale delle informazioni 2.ruolo attivo dell'utente nella selezione dell'informazione richiesta 3.comunicazione che si realizza in tempo reale Interfaccia (spazio dinterazione condiviso) e usabilità (ergonomia cognitiva) sono elementi centrali dell(I).

10 I tratti peculiari su cui si fonda linterattività sono: lidea di uno spettatore sempre meno passivo unattività dello spettatore che va oltre il cambio di canali e lo sfoglio delle pagine del televideo la diffusione dellutilizzo del canale di ritorno che è un canale di comunicazione che va dagli utenti verso lemittente; gli utenti hanno la possibilità di retroagire con lemittente stessa per lutente cè la possibilità di fruire del contenuto in tempi asincroni, liberandolo così ancora di più dalla gabbia del palinsesto per lemittente (e quindi per gli investitori pubblicitari) esiste quindi la possibilità di avere risposta (feedback), necessaria per conoscere meglio i gusti e i comportamenti dello spettatore

11 Lo sviluppo delle reti Euna semplificazione giornalistica far coincidere Internet con WWW Il world wide web è solo la più diffusa applicazione su Internet Internet è il punto di arrivo di diverse evoluzioni con radici estese nel tempo, definibili secondo almeno tre linee di sviluppo: elaborazione dei dati gestione delle informazioni sistemi di comunicazione Internet è un ambiente: sul canale Internet viaggiano media diversi con il supporto Internet si può diffondere comunicazione di massa o scambiare comunicazione interpersonale nel luogo Internet ci si informa, si chiacchiera, si compra e si vende lo strumento Internet è accessibile da computer, telefono, televisore

12 Digital divide globale Metà del mondo non ha mai fatto una telefonata I paesi ricchi rappresentano solo il 15% della popolazione mondiale, ma possiedono oltre la metà di tutte le linee telefoniche e il 70% delle utenze di telefoni mobili. I paesi poveri comprendono il 75% della popolazione mondiale, ma hanno solo il 5% degli utenti Internet del pianeta

13 Utenti internet in Italia

14

15

16 Mediamorfosi A partire dalla metà degli anni 90 i grandi editori - Gruppo Espresso, Il Sole 24 Ore, Rcs - non producono più soltanto giornali, ma si mettono in grado di modulare i contenuti in funzione di supporti tecnologici e di canali di distribuzione diversi Dopo decenni di mercato bloccato, entrano inoltre nel campo editoriale nuovi soggetti imprenditoriali, come Telecom-Seat, Tin-it, e.Biscom Con la digitalizzazione il settore dellinformazione diventa centrale nelleconomia

17 Una classificazione Siti di quotidiani (in sinergia con ledizione cartacea) Siti di agenzie di stampa Siti di tv e radio all news Siti di riviste Portali (allinterno le news) Webzine (siti di informazione nati esclusivamente per la rete) Blog (siti personali che forniscono notizie, giornalismo amatoriale)

18 Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

19 Le potenzialità dellinformazione on line Sono legate alle caratteristiche dei new media: –Digitalizzazione: i bit costano molto meno della carta; a disposizione si ha uno spazio potenzialmente infinito per aggiornamenti ed approfondimenti; si può creare un archivio sempre disponibile –Multimedialità: si possono integrare nella stessa pagina testi scritti, grafica, foto, filmati, documenti audio, … –Ipertestualità = estensione della copertura informativa: è possibile segnalare link per approfondimenti e per consultare direttamente le fonti –Interattività: gli utenti possono partecipare attivamente proponendo commenti, intervenendo in dibattiti, facendo seganalazioni, ecc. Il patto fiduciario dellutente con la testata o il giornalista diventa particolarmente stretto –Dimensioni di memoria: sia per la persistenza on line del materiale pubblicato, sia per la memoria e la storia del giornale

20 Le origini Prime forme, a metà degli anni 80: videotex, audiotext, teletex 1982, edizione digitale di un piccolo giornale texano, The Fort Worth Star Telegram USA, pionieri su service provider (AOL, Pdigy, Compuserve ( ): tra i primi il Mercury Center Giornali a web aperto, 1994: News & Observer, The New York Times, Washington Post, Time, USA Today 1995: Salon (webzine)

21 Storia del giornalismo on-line San Jose Mercury News (1993) New York Times (1996) Primo boom siti web: Sexgate (1998) LUnione sarda e LUnità (1995) Il Corriere della Sera (1995) La Repubblica (1996)

22 I primi giornali on line in Italia Il più veloce: LUnione Sarda (N.Grauso, 1994) Prime esperienze poco riuscite: LUnità (1995), il Corriere Della Sera (repurposing), la Stampa (prova laccesso a pagamento), Sole 24ore (ma intuisce le potenzialità dellarchivio) Esperimenti riusciti: il manifesto, ma soprattutto la Repubblica (contenuto aggiuntivo, struttura grafica innovativa in Italia, tutta la redazione coinvolta)

23 Dalla seconda metà degli anni 90 le maggiori testate italiane e straniere hanno una versione on-line Anche le testate minori o a tiratura locale realizzano il proprio sito Web

24 Crisi e riorganizzazione Il numero dei quotidiani on line si va assestando Aumentano i contenuti a pagamento (il Corriere della Sera, la Gazzetta della Sport, la Repubblica, l'Unità, Il Sole 24 Ore, Italia Oggi; Il Giornale di Sicilia, La Provincia di Cremona) Numero di quotidiani on line, Fonte ipse (www. ipse.com)

25 Aprile 2006 Quotidiani, 137 Riviste, 1889 Webzine, 1929 Blog, 290 Portali, 1109 Web agency, 744

26 I siti leader I.www.repubblica.itwww.repubblica.it II.www.corriere.itwww.corriere.it III.www.gazzetta.itwww.gazzetta.it IV.www.ilsole24ore.comwww.ilsole24ore.com V.www.quotidiano.netwww.quotidiano.net VI.www.lastampa.it

27 Grandi numeri Un esempio: la Repubblica.it, nata il 14/1/1997 Le pagine viste in un giorno (11/4/2006): 54 milioni (+52,13% rispetto al 2005) Le pagine viste in un mese (aprile 2006): 418 milioni Le pagine viste in un anno (2006): milioni Gli utenti unici in un giorno (11/4/2006): I visitatori unici mensili (novembre 2005): (il 13% dallestero)

28 Caratteri dei giornali on oline MULTIMEDIALITA contributi video, audio, grafici o fotografici

29 INTERATTIVITA Blog, forum, , sondaggi

30 IPERTESTUALITA collegamenti fra notizie, link ad approfondimenti

31 TEMPESTIVITA aggiornamenti in tempo reale

32 Oggi i contenuti televisivi dispongono di tre principali piattaforme di distribuzione: il satellite il digitale terrestre internet ciascuno con caratteristiche peculiari, ma con ampie zone di sovrapposizione

33

34 Le fonti di finanziamento Si tratta di una questione non scontata:gli errori sono stati pagati con fallimenti economici o con la disaffezione degli utenti In rete si è consolidata la consuetudine all free for all, ma le esigenze della gestione della redazione spingono verso il pay per use: ottimale può essere una combinazione tra le due soluzioni Alcune forme di finanziamento sperimentate: pubblicità, nelle forme di banner e sponsorizzazioni registrazione gratuita, in modo da differenziare i pubblici e attirare investimenti mirati (New York Times) tutto a pagamento (Usa Today, Wall Street Journal) a pagamento solo i servizi a valore aggiunto (Washington Post, Los Angeles Times) syndication, la vendita ad altri dei contenuti prodotti

35

36

37 Web 2.0 è un termine utilizzato per indicare genericamente uno stato di evoluzione di Internet (e in particolare del World Wide Web), rispetto alla condizione precedente. Si tende ad indicare come Web 2.0 l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione sito-utente (blog, forum, chat, sistemi quali Wikipedia, Youtube, Facebook, Myspace, Twitter, Gmail, Wordpress, Tripadvisor ecc.). La locuzione pone l'accento sulle differenze rispetto al cosiddetto Web 1.0, diffuso fino agli anni 90, e composto prevalentemente da siti web statici, senza alcuna possibilità di interazione con l'utente eccetto la normale navigazione tra le pagine, l'uso delle e l'uso dei motori di ricerca Che cosè il Web 2.0?

38 Grandi numeri La vita corre veloce, sul web: un universo parallelo e vorticoso In un solo minuto vengono elaborati risultati per le ricerche fatte su Google, sono inviate 168 milioni di e- mail, la gente si parla su Skype per 370 mila minuti, immagini sono caricate su flickr, 600 video su Youtube Anche i social network fanno registrare numeri da vertigine. Gli oltre 500 milioni di utenti su Facebook, per esempio, in soli 60 secondi pubblicano 510 mila commenti, mentre Twitter cinguetta almeno 98 mila volte

39 Riorganizzazione della struttura Le caratteristiche tecniche del nuovo medium comportano la necessità di inventare e sperimentare modalità originali di organizzazione produttiva In particolare i cambiamenti investono spazio, necessità di ripensare il formato (flessibilità) tempo, necessità di ripensare la periodicità (aggiornamento continuo)

40 Il pubblico Estensione. Potenzialmente vastissimo, in realtà si pone il problema delle possibilità di accesso alla rete, toccando la questione del digital divide e quindi delle caratteristiche socio- demografiche degli utenti di internet Localizzazione. Per quanto riguarda gli interessi dimostrati dagli utenti, si osserva un paradosso: nonostante il mezzo permetta informazioni che riguardano unestensione geografica globale, linteresse è molto accentuato per la dimensione locale Argomenti. La moltiplicazione dellofferta informativa comporta una fruizione altamente differenziata, passando da un modello daily us (un quotidiano che definisce un insieme di conoscenze condivise) ad un modello daily me (un insieme di informazioni altamente personalizzate, rispondenti agli interessi dei singoli)

41 Le emittenti Saremo tutti giornalisti? Per la prima volta nella storia dellumanità ogni persona, con pochissima spesa e con minime conoscenze tecniche di base, è in grado di immettere notizie in un circuito che provvederà alla loro distribuzione in tutto il pianeta Luso della Rete, dei videotelefonini, degli i-Pad consente a chiunque di diffondere parole, suoni, voci, numeri, grafici, foto, immagini in movimento, di improvvisarsi cronista: tanto che ormai il problema non è la mancanza, ma loverdose di informazione Linformazione è sempre più inflazionata: semmai è lattenzione dei cittadini - costantemente (ossessivamente?) interconnessi - a farsi scarsa

42 Il newsmaking Si pone lesigenza di ridefinire i criteri di notiziabilità oFornire al pubblico quello che serve (cittadino) o quello che piace (consumatore)? oLe caratteristiche tecniche del mezzo consentono di verificare in vari modi le preferenze degli utenti: articoli cliccati, a giornalisti e siti, partecipazione a forum di discussione, risposte a sondaggi, ecc. oIl rischio è seguire il pubblico piuttosto che i criteri di professionalità

43 I gradi del giornalismo partecipativo Esistono varie forme e vari gradi di giornalismo partecipativo: La più semplice è data dalla possibilità per lutente di inserire commenti a un articolo o di segnalare una notizia La più complessa è il giornale costruito interamente dagli utenti dove ognuno può segnalare, commentare e scrivere I lettori si trasformano da consumatori passivi a protagonisti del processo informativo

44 Le luci Elementi da valorizzare –Economicità e assenza di confini –Multimedialità, mix di linguaggi e di sincronia e asincronia –Funzioni più raffinate di selezione delle informazioni e di organizzazione dei contenuti –Capacità rinnovate di approfondimento e di contestualizzazione –Rapidità di aggiornamento –Ampliamento esponenziale di ogni tipo di memoria e di archivio

45 Le ombre Elementi di criticità –Disintermediazione nel processo di comunicazione: cè ancora bisogno del giornalista? –Le fonti sono a disposizione di tutti (mancanza di controlli), se ne possono fare usi perversi –Il giornalista lavora di copia-incolla, non ha più contatto diretto con i fatti –Overload informativo: eccesso di informazioni inutili, sovraccarico e confusione negli utenti –Tendenza alla concentrazione nei pochi siti più visti –Rischi di compenetrazione tra informazione on line, pubblicità, commercio elettronico

46 Scrivere per il web Le modalità percettive del lettore sono differenti rispetto alla pagina di carta (lettura diagonale) Si legge più lentamente e frammentariamente Le regole: – Brevità e precisione – Scansione in blocchi informativi – Poche parole, precise – Forma attiva – Limportanza dei link

47 Blog Un blog è un diario in rete Il termine blog è la contrazione di web log, ovvero traccia su rete Il fenomeno nasce dal 1997 in America; nel 2001 si consolida anche in Italia, con i primi servizi gratuiti dedicati alla gestione di blog Non è un fenomeno passeggero e di moda, ma si tratta di un qualcosa di solido, consolidato e in crescita, se si considera che ogni giorno, secondo alcuni ricercatori, vengono aperti mila nuovi blog e che il loro numero nei soli Stati Uniti è ormai dellordine dei 50 milioni

48 Blogosfera Calco dell'inglese blogosphere o che indica l'insieme dei blog. I blog sono fortemente interconnessi: i bloggers leggono blog altrui, li linkano e li citano nei propri post (messaggi). I blog hanno sviluppato una propria cultura. (notare una certa assonanza con il termine biosfera) Il termine inglese blogosphere è stato coniato il 10 settembre 1999 da Brad L. Graham, in quello che era uno scherzo. È stato poi "riscoperto" nel 2001 da William Quick William Quick

49 I blogger nel mondo Fonte: Technorati Report 2010

50 I blogger italiani Tecnologie digitali, web 20% Attualità 18,1% Cultura 13,3% Politica 4,8% Sport, turismo e viaggi 7,6 Aspetti personali 7,6% Di tutto 28,6% Professionista 12% Informatico 40.8% Giornalista 24% Impiegato 16% Insegnante 4% Studente un. 2,4% Temi preferiti Occupazione Dati indagine BlogFest 2009

51 Blog dinformazione Un blog è uno spazio gratuito e personale su Internet, ospitato dal server di una società. È una forma di personal publishing particolarmente semplice da utilizzare (creare, aggiornare, gestire) In rete si trova una grande quantità di blog dinformazione, difficilmente organizzabili in categorie, tra cui quelli di giornalisti professionisti di testate tradizionali giornalisti professionisti non inseriti in testate non professionisti

52 52 Il blog nel mondo dell'informazione Il blog si trasforma da diario a mezzo d'informazione. In alcuni casi la blogosfera diventa giornalismo I blog diventano col tempo fonte d'informazione Sulle testate web arrivano i blog dei giornalisti Complementarietà tra blogosfera e giornalismo

53 53 Forte interconnessione Condivisione Possibilità di commento da parte dell'utente Alta velocità di aggiornamento Alta capacità di mobilitazione

54 Struttura e funzionamento La struttura è costituita solitamente da un programma di pubblicazione guidata che consente di creare automaticamente una pagina web anche senza conoscere il linguaggio HTML; questa struttura può essere personalizzata con vesti grafiche dette templates (ne esistono diverse centinaia). Il blog permette a chiunque sia in possesso di una connessione internet di creare un sito in cui pubblicare storie, informazioni e opinioni in completa autonomia. Ogni articolo è generalmente legato ad un thread, in cui i lettori possono scrivere i loro commenti e lasciare messaggi all'autore. In questo luogo cibernetico si possono pubblicare notizie, informazioni e storie di ogni genere, aggiungendo, se si vuole, anche dei link a siti di proprio interesse: la sezione che contiene links ad altri blog è definita blogroll. Un blogger è colui che scrive e gestisce un blog, mentre l'insieme di tutti i blog viene detto blogsfera o blogosfera (in inglese, blogsphere). All'interno del blog ogni articolo viene numerato e può essere indicato univocamente attraverso un permalink, ovvero un link che punta direttamente a quell'articolo. blogrollblogsferapermalink

55 Differenze tra Blog e Forum Il blog è essenzialmente un diario personale, in cui la comunicazione è uno->molti Il forum è una piazza virtuale in cui le persone discutono di qualcosa con un rapporto del tipo molti->molti Blog >L'autore decide di cosa parlare, l'argomento è il soggetto, la partecipazione attiva dei lettori è facoltativa. Eventuali commenti sono subordinati al soggetto deciso dall'autore, e comunque sono secondari al "post" principale Forum >Tutti inseriscono nuovi argomenti di cui parlare, tutti possono partecipare inserendo nuovi argomenti e commenti di discussione allo stesso livello del primo inserito Blog >In genere i commenti sono "free", cioè chiunque, senza registrazione, può aggiungere il suo. Da poco stanno prendendo piede sistemi di autenticazione dei commentatori Forum >In genere tutti i partecipanti sono utenti registrati e identificabili Blog >Il blog rimane comunque un sito di carattere personale, in cui "gli altri" sono ospiti. Affezionati, simpatici, graditi, ma pur sempre ospiti Forum >Il forum è molto più simile a un luogo pubblico in cui non si è autori e lettori, ma tutti sullo stesso piano. Eventualmente vi sono sottocomunità per temi o sottocomunità di moderatori.

56 Tipologie di blog blog personale - è la categoria più diffusa. L'autore vi scrive le sue esperienze di ogni giorno, poesie, racconti, desideri, disagi, proteste. Il contributo dei lettori nei commenti è in genere apprezzato e dà vita a discussioni molto personali, ma anche a flame (messaggio deliberatamente ostile e provocatorio inviato da un utente alla comunità o a un altro individuo specifico; flaming è l'atto di inviare tali messaggi, flamer chi li invia, e flame war ("guerra di fiamme") è lo scambio di insulti che spesso ne consegue, paragonabile a una "rissa virtuale". Il flaming è contrario alla netiquette, ed è uno degli strumenti utilizzati per attirare l'attenzione su di sé e disturbare l'interazione del gruppo). Questo tipo di blog è usato spesso da studenti di scuola superiore o universitari, con un gran numero di collegamenti incrociati tra un blog e l'altro blog di attualità - Molti giornalisti utilizzano i blog per dare voce alle proprie opinioni su argomenti d'attualità o fatti di cronaca, o più semplicemente per esprimere la propria opinione su questioni che non trovano quotidianamente spazio fra le pagine dei giornali per i quali scrivono. Altre persone utilizzano il blog per commentare notizie lette su giornali o siti internet blog tematico - Ogni essere umano ha un hobby o una passione. Spesso questo tipo di blog diventa un punto d'incontro per persone con interessi in comune

57 Il mediattivismo Il mediattivismo è un insieme di pratiche di azione diretta che si avvalgono delle tecnologie della comunicazione per promuovere finalità sociali e per modificare e/o contestare il rapporto tra produttori e fruitori della comunicazione dei media tradizionali Si sviluppa nella promozione di campagne relative alla comunicazione e ai media, la realizzazione di inchieste audio e video, la raccolta e diffusione di notizie attraverso il web Il mediattivismo si configura come una pratica di azione politica, ma nel contempo è messo in atto come forma culturale e strumento di sperimentazione di nuovi linguaggi e forme comunicative Le radici del mediattivismo affondano nelle pratiche di controinformazione sviluppatesi all'interno del movimento controculturale negli anni 60 e 70, ma a differenza di queste ultime, volte in particolar modo alla ricerca e diffusione di informazioni che non avevano spazio nei circuiti mediatici istituzionali, il mediattivismo contemporaneo può giovarsi della vasta diffusione di tecnologie a basso costo e di facile utilizzo, in particolar modo la rete internet e gli strumenti di registrazione audiovisiva

58 GLOBALI Indymedia.org è una rete costituita da centinaia di giornalisti indipendenti che operano in diversi paesi utilizzando testi e immagini NAZIONALI

59 YouTube e gli aggregatori di video online Nato nel 2005, YouTube è il più famoso portale al mondo di videosharing Il suo core business è consentire lo scambio di contenuti audiovisivi (created e user distributed) tra gli user (amatoriali e professionali) Problema dei diritti: per gli user è vietato lupload di contenuti di cui non detengono la licenza, ma la verifica avviene ex-post I video sono navigabili tramite un motore di ricerca e in parte organizzati tramite i canali degli utenti La popolarità del sito ha spinto parte dei broadcaster ad aprire dei propri canali, che però vengono utilizzati più per fini promozionali indiretti che per generare introiti diretti

60 Il nuovo ecosistema


Scaricare ppt "Il giornalismo on line. LE NUOVE TECNOLOGIE Il quadro è stato recentemente modificato da: digitalizzazione dei processi e dei linguaggi convergenza multimediale."

Presentazioni simili


Annunci Google