La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTROPIGNANO PROGETTO. Laboratorio sperimentale di Tecnologie Scienze e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTROPIGNANO PROGETTO. Laboratorio sperimentale di Tecnologie Scienze e."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTROPIGNANO PROGETTO

2 Laboratorio sperimentale di Tecnologie Scienze e

3

4 MODELLO DI PIANIFICAZIONE DI GANTT – PROGETTO SeT Azioni A.S.2002/2003A.S.2003/2004 sondgfmama amgmg gsondgfmama amgmg g Esame delle circolari 270/99 da parte del gruppo di progetto- progetto SeT – e 55/02 progetto tic Elaborazione del progetto SeT da parte del gruppo di progetto Approvazione del progetto Set da parte del Collegio dei Docenti Iscrizione dei docenti ai corsi di tipologia A e B del progetto TIC Comunicazione da parte del USR dellassegnazione del corso di tipologia A allistituto TIC Comunicazione da parte del USR dellassegnazione dei fondi del progetto SeT allistituto Realizzazione del corso di tipologia A (TIC) Esame degli strumenti necessari per la realizzazione del progetto ed acquisto degli stessi Formazione docenti sulla didattica interdisciplinare e modulare Incontri gruppo di progetto per la definizione operativa delle unità di apprendimento con lesperto Attività laboratoriale con le classi Uscite guidate sul territorio con la presenza degli esperti e realizzazione dei laboratori esterni Verifiche delle attività effettuate con le classi, con i genitori e allinterno del gruppo docenti Valutazione sulla efficacia didattica del progetto con esame dei punti di debolezza e di forza da parte del CD Riprogettazione dellattività da parte del gruppo di progetto per lA. S. 2004/05

5 Portare gli alunni alla scoperta delle regole e delle leggi che governano il mondo delle scienze, partendo dalla curiosità e da esperienze facilmente realizzabili che permetteranno ai ragazzi di passare in modo graduale dallosservazione alla astrazione e quindi alla teorizzazione. Utilizzare le tecnologie informatiche della comunicazione per documentare e comunicare le esperienze.

6 Acquisire un metodo di indagine scientifica inteso come: Operatività,autonomia e precisione; Senso critico; Sviluppo dei processi logici Individuare i comportamenti che abituino il ragazzo a: Saper porsi problemi; Saper analizzare i problemi; Saper formulare ipotesi; Saper verificare ipotesi; Saper elaborare i dati; Saper decodificare i risultati; Saper comunicare le conclusioni. Utilizzare le tecnologie informatiche della comunicazione per: Utilizzare le tecnologie informatiche; Inviare e ricevere messaggi e comunicare via o con web camera; Condividere lo stesso progetto tra plessi lavorando con mezzi telematici;

7 come Per che cosa Elementi che concorrono a caratterizzare la situazione formativa acquisire capacità del fare scientifico ( obiettivo) Tradurre lobiettivo in risultati attesi; Declinare i risultati in stati di avanzamento Mettere in atto e/o aiutare a mettere in atto i comportamenti del metodo scientifico con: 1 - Operazioni che fa linsegnante 2 - Operazioni che fa lalunno

8 Porsi problemi Analizzare problemi e fare ipotesi Ideare e realizzare un esperimento Verificare una ipotesi Descrivere e criticare i risultati Comunicare e documentare Elementi Che caratterizzano la situazione formativa

9 Educare al conoscere Individuare ed analizzare un problema Prendere decisioni in relazione alle varie ipotesi possibili Porsi problemi Analizzare problemi e fare ipotesi Ideare e realizzare un esperimento Verificare una ipotesi Descrivere e criticare i risultati Comunicare e documentare

10 Porsi problemi Analizzare problemi e fare ipotesi Ideare e realizzare un esperimento Verificare una ipotesi Descrivere e criticare i risultati Comunicare e documentare Educare alla riflessione Definire gli obiettivi del problema Operare in relazione alle varie ipotesi possibili secondo criteri di funzionalità e realizzabilità

11 Educare ad operare Pensare una soluzione del problema Prevedere cosa succederà dopo aver fatto una azione Organizzare gli strumenti necessari per lattività laboratoriale Agire e controllare il processo registrando, elaborando dati Porsi problemi Analizzare problemi e fare ipotesi Ideare e realizzare un esperimento Verificare una ipotesi Descrivere e criticare i risultati Comunicare e documentare

12 Educare ad analizzare Confrontare i risultati con gli obiettivi valutando i risultati ottenuti Controllare se quanto ipotizzato risponde a realtà Porsi problemi Analizzare problemi e fare ipotesi Ideare e realizzare un esperimento Verificare una ipotesi Descrivere e criticare i risultati Comunicare e documentare

13 Educare allo storicizzare Riferire lesperienza documentando le tappe del processo, i dubbi emersi, i problemi aperti Porsi problemi Analizzare problemi e fare ipotesi Ideare e realizzare un esperimento Verificare una ipotesi Descrivere e criticare i risultati Comunicare e documentare

14 Educare ad interagire con gli altri Utilizzare i mezzi informatici per lavorare e confrontare le esperienze con altre classi Documentare le esperienze attraverso la realizzazione di un ipertesto Pubblicare il lavoro sul sito web della scuola Porsi problemi Analizzare problemi e fare ipotesi Ideare e realizzare un esperimento Verificare una ipotesi Descrivere e criticare i risultati Comunicare e documentare

15 Utilizzo delle metodologie scientifiche Lavoro in rete per condividere Deduttive Induttive azioni Scopi Intenti Lavoro per gruppi orizzontali e verticali Tra alunni di classi parallele di plessi diversi Tra alunni di classi ponte

16 Strumenti didattici scientifici e tecnologici necessari per attuare specifici percorsi didattici e il progetto stesso Materiale facilmente reperibile Uscite sul campo Formazione docenti Didattico metodologica Tecnologica

17 Allo sviluppo di attività di ricerca, individuale e di gruppo che portino gli alunni a responsabilizzarsi e ad organizzare il pensiero Alla pratica del gioco e dello sperimentare come invito a ricercare contesti didattici che portino gli allievi ad apprendere in modo piacevole e gratificante Allimpiego di strumenti multimediali che, oltre ad essere motivanti, consentono di valorizzare la creatività degli alunni Alluso della posta elettronica e delle web camere per collaborare e confrontarsi con gli alunni delle classi parallele degli altri plessi Alluso di internet ( alunni 2° ciclo elementare e 1°^ media) per approfondire le conoscenze e conoscere esperienze simili Per tutte le unità didattiche si farà riferimento

18 Dotazione degli strumenti didattici e mezzi di comunicazione a disposizione per le attività Ogni plesso è dotato di un laboratorio informatico attrezzato con PC multimediali Tutti i plessi hanno la connessione a Internet ed usano la posta elettronica NellIstituto sono disponibili periferiche di base (scanner, masterizzatori, stampanti a colori, web camere, videoproiettori, PC portatile, videocamere, fotocamere digitali e antenne paraboliche )

19 Attività di formazione per i docenti Didattica interdisciplinare e modulare Uso delle tecnologie informatiche della comunicazione nella didattica (TIC) Percorso APercorso B

20 Castropignano Fossalto Casalciprano Torella del Sannio Altre istituzioni scolasticheAltri sistemi

21 LE UNITA DI LAVORO Lacqua intorno a noi Lacqua si trasforma Passaggi di stato in natura – fenomeni meteorologici La depurazione dellacqua Le caratteristiche dellacqua e i vari tipi di acque Linquinamento delle acque – rispettiamo lacqua

22 Period o Classiorganizzazione Infanzia 1^ elementare Gruppi misti di alunni in continuità verticale di plesso. Visite guidate a gruppi orizzontali e verticali distituto 2^ elementare Gruppi classe in comunicazione on line allinterno dellistituto ( posta elettronica e web camere) Visite guidate a gruppi orizzontali distituto 3^ elementare Gruppi classe in comunicazione on line allinterno dellistituto ( posta elettronica e web camere) Visite guidate a gruppi orizzontali distituto 4^ elementare Gruppi classe con comunicazione on line allinterno dellistituto Visite guidate e attività laboratoriali a classi aperte orizzontali (CASTROPIGNANO CASALCIPRANO; FOSSALTO TORELLA DEL SANNI) 5^ elementari 1^ media Gruppi misti di alunni in continuità verticale di plesso ed istituto Visite guidate a gruppi orizzontali e verticali distituto PeriodoClassiorganizzazione Infanzia 1^ elementare Gruppi misti di alunni in continuità verticale di plesso. Visite guidate a gruppi orizzontali e verticali distituto 2^ elementare Gruppi classe in comunicazione on line allinterno dellistituto ( posta elettronica e web camere) Visite guidate a gruppi orizzontali distituto 3^ elementare Gruppi classe in comunicazione on line allinterno dellistituto ( posta elettronica e web camere) Visite guidate a gruppi orizzontali distituto 4^ elementare Gruppi classe con comunicazione on line allinterno dellistituto Visite guidate e attività laboratoriali a classi aperte orizzontali (CASTROPIGNANO CASALCIPRANO; FOSSALTO TORELLA DEL SANNIO) 5^ elementari 1^ media Gruppi misti di alunni in continuità verticale di plesso ed istituto Visite guidate a gruppi orizzontali e verticali distituto GENNAIO MAGGIO 2004

23 P R O D O T T I CARTELLONI PORTFOLIO ALUNNI CD ROM MOSTRE FILMINI RELAZIONI TABELLE DI MONITORAGGIO

24 Finanziamento Legge 440: * Fondi autonomia; * Progetto SeT Fondo dellistituzione scolastica

25 spesenoteimportoFonti di finanziamento Docenti interniPrestazioni aggiuntive11,000,00Fondo di istituto Personale ATAAssistente e collaboratori scolastici 1000,00Fondo di istituto Esperti esterni Per formazione docenti e coordinamento attività laboratoriali e visite guidate 2000,00Fondi legge 440 Progetto SeT Prestazioni aggiuntive per formazione TIC 5000,00Fondi legge 440 Progetto TIC Oneri a carico amministrazione IRAP – INPDAP – INPS 2000,00Fondi legge 440 Facile consumo Carta – colori - ecc - 500,00Fondi legge 440 Progetto SeT Noleggio pullmanVisite guidate 500,00Fondi legge 440 Progetto SeT AttrezzatureAttrezzature scientifiche 4000,00Fondi legge 440 Progetto SeT Totale costo del progetto 26000,00 Previsione dettagliata della spesa occorrente per lintero progetto e fonti di finanziamento Tipologie di incarichi e/o contratti da stipulare: Personale interno nomina del dirigente Personale esterno contratto di lavoro occasionale

26 IL PORTFOLIO Progetto SeT Il mio lavoro Alunno:______________ Classe __Scuola _________ Plesso _______________ Unità di lavoro n° ______ Attività ______________ Anno scolastico 2003/04 Cosa ho fatto Perché lho fatto Come lho fattoCosa ho imparato Cosa non ha funzionato

27 Valutazione del progetto Valutazione del coinvolgimento, dellinteresse e della partecipazione degli alunni allattività; a) clima positivo ed assenza di problemi disciplinari; b) interesse e coinvolgimento dimostrati, c) desiderio di completare le attività intraprese; d) esplicito giudizio positivo su ciò che si fa; e) competenze verificate attraverso test oggettivi. Valutazione come confronto tra i risultati ottenuti e quelli previsti; Valutazione dellesperienza da parte degli alunni e dei genitori; Livello di capacità di interazione con il territorio; Livello di socializzazione dellesperienza. Indicatori di qualità per valutare dallinterno e quindi dallesterno lefficacia didattica ed educativa del progetto

28 UNITA DI LAVORO n° 1 Titolo dellunitàLacqua intorno a noi Tematiche (C.M /11/20)La scienza del vivere quotidiano Discipline coinvolteItaliano scienze e geografia Classi coinvolteClassi ponte InfanziaElementare Sintesi unitàIndividuazione della presenza dellacqua nel vissuto del bambino attraverso le varie osservazioni dellambiente naturale. Far comprendere attraverso esperienze che lacqua è presente negli organismi viventi: frutta in poltiglia, traspirazione delle piante. Argomenti principaliLacqua intorno a noi; Lacqua per tanti usi Obiettivi generaliIndividuare la presenza dellacqua nellambiente e negli organismi; Riconoscere limportanza dellacqua nella vita quotidiana; Favorire la deduzione logica; Favorire la comprensione dei fenomeni attraverso la sperimentazione PrerequisitiConoscenza delluso giornaliero e domestico dellacqua Metodologia di lavoroProblem solving- metodo scientifico - lavori di gruppo - attività laboratoriali - visite guidate. Strumenti e risorse utilizzateMateriali naturali - materiali di facile consumo - video camera - fotocamera Tempo complessivo10 ore Produzione di materialiTabelle - cartelloni - foto - filmini - disegni

29 UNITA DI LAVORO n° 2 Titolo dellunitàLacqua si trasforma Tematiche (C.M /11/20)La scienza del vivere quotidiano Discipline coinvolteItaliano,scienze e geografia Classi coinvolteClassi seconde elementari Sintesi unitàAttraverso losservazione dei fenomeni naturali e con laiuto di esperienze di laboratorio, far comprendere agli alunni come si presenta la materia nei suoi tre stati di aggregazione e come avvengono i passaggi di stato Argomenti principaliLa fusione,la condensazione, levaporazione, lebollizione, la solidificazione, la sublimazione. Obiettivi generaliConoscere gli stati di aggregazione dellacqua; Conoscere i passaggi di stato dellacqua; Conoscere gli stati di aggregazione della materia; PrerequisitiSaper usare semplici procedure laboratoriali; Conoscere limportanza dellacqua nella vita quotidiana Metodologia di lavoroPloblem solving, metodo scientifico, lavori di gruppo, attività laboratoriale, visite guidate Strumenti e risorse utilizzateKit per sperimentare i passaggi di stato dellacqua videocassette, cd rom Materiale di facile reperibilità e di facile consumo Tempo complessivo10 ore Produzione di materialiTabelle - cartelloni - foto - filmini - disegni – relazioni

30 UNITA DI LAVORO n° 3 Titolo dellunitàPassaggi di stato in natura - fenomeni meteorologici Tematiche (C.M /11/20) La scienza del vivere quotidiano Discipline coinvolteItaliano, scienze, matematica, geografia Classi coinvolteClassi terze elementari Sintesi unitàFar comprendere agli allievi, attraverso il ciclo dellacqua come in natura avvengono i passaggi di stato. Far effettuare esperimenti sui fenomeni meteorologici e sulle previsioni del tempo. Argomenti principaliLa neve, la pioggia, la nebbia, Il ciclo dellacqua in natura, i fenomeni meteorologici, il pluviometro ligrometro,il barometro. Le nuvole, le previsioni del tempo, la distillazione naturale. La stazione meteorologica. Obiettivi generaliRiconoscere i passaggi dellacqua in natura; conoscere il ciclo dellacqua; conoscere limportanza dellacqua per la vita sulla terra; conoscere i fenomeni meteorologici, PrerequisitiConoscere gli stati di aggregazione della materia ; conoscere i passaggi di stato. Metodologia di lavoroPloblem solving, metodo scientifico, lavori di gruppo, attività laboratoriale, visite guidate Strumenti e risorse utilizzate Collezione i fenomeni metrologici lasta meteorologica, Tempo complessivo15 ore Produzione di materialiTabelle - cartelloni - foto - filmini - disegni relazioni

31 UNITA DI LAVORO n° 4 Titolo dellunitàLa depurazione dellacqua Tematiche (C.M /11/20) La scienza del vivere quotidiano Discipline coinvolteItaliano, scienze e geografia, storia Classi coinvolte4^ elementare Sintesi unitàDalla sorgente alle nostre case; Breve storia dellapprovvigionamento idrico locale; Gli acquedotti romani e attuali; i processi di depurazione Argomenti principaliIl percorso dellacqua dalla sorgente alle case: lacquedotto. Processi di potabilizzazione dellacqua. Sedimentazione, filtrazione e sterilizzazione Obiettivi generaliConoscere i vari tipi di acquedotto. Riconoscere il principio dei vasi comunicanti e sue applicazioni Conoscere i livelli e gli stadi della depurazione delle acque. Conoscere gli effetti dei filtri. Conoscere le caratteristiche dellacqua potabile. Determinare cosa contamina lacqua e come manipolarla. PrerequisitiSaper usare semplici procedure laboratoriali; Conoscere limportanza dellacqua nella vita quotidiana Metodologia di lavoroPloblem solving, metodo scientifico, lavori di gruppo, attività laboratoriale, visite guidate Strumenti e risorse utilizzate Kit depurazione dellacqua, microscopio elettronico, prescopio elettronico, vetrini materiale multimediale, Tempo complessivo20 ore Produzione di materialiTabelle - cartelloni - foto - filmini - disegni – relazioni

32 UNITA DI LAVORO n° 5 Titolo dellunitàLe caratteristiche dellacqua e i vari tipi di acque Tematiche (C.M /11/20)La scienza del vivere quotidiano Discipline coinvolteItaliano, scienze, geografia Classi coinvolteClassi ponte scuole elementari medie Sintesi unitàLo studio delle caratteristiche fisiche e chimiche dellacqua si giustifica non solo nel quadro delleducazione scientifica, ma nella più vasta prospettiva delleducazione ambientale volta allassunzione di comportamenti responsabili nei confronti dellambiente. E sempre in questa ottica che si pone il percorso di individuazione e conoscenza dei vari tipi di acqua. Argomenti principaliLe caratteristiche fisiche dellacqua, la molecola dellacqua; acque potabili, dure e minerali, lacqua dolce e salata Obiettivi generaliConoscere le caratteristiche fisiche e chimiche dellacqua. Comprendere che esistono vari tipi di acqua in natura. PrerequisitiConoscere gli stati dellacqua,. Possedere il concetto di molecola. Metodologia di lavoroPloblem solving, metodo scientifico, lavori di gruppo, attività laboratoriale, visite guidate Strumenti e risorse utilizzateKit chimici per la determinazione delle caratteristiche delle acque. Materiale di facile consumo. Tempo complessivo10 ore Produzione di materialiTabelle di monitoraggio - cartelloni - foto - filmini - disegni – relazioni

33 UNITA DI LAVORO n° 6 Titolo dellunitàLinquinamento delle acque: rispettiamo lacqua Tematiche (C.M /11/20) La scienza del vivere quotidiano Discipline coinvolteItaliano, scienze, matematica, storia, ed allimmagine, geografia. Classi coinvolteClassi ponte scuole elementari medie Sintesi unitàIndaghiamo e riconosciamo le cause dellinquinamento dellacqua e della carenza dellacqua in alcune zone della terra. Ipotesi e prospettive per il futuro. Argomenti principaliForme di inquinamento dellacqua. Lacqua dalla sorgente alla foce. Riserve e carenze. Il mio progetto per il futuro. Obiettivi generaliRiconoscere forme e cause di inquinamento dellacqua. Abituare al rispetto dellambiente. Educare alluso razionale dellacqua inteso come bene di tutti PrerequisitiConoscenza dellimportanza dellacqua per la vita sulla terra. Conoscere le principali cause dellinquinamento dellacqua. Metodologia di lavoroPloblem solving, metodo scientifico, lavori di gruppo, attività laboratoriale, visite guidate. Ricerche e indagine storico geografico scientifiche. Strumenti e risorse utilizzate Kit depurazione dellacqua, microscopio elettronico, prescopio elettronico, vetrini materiale multimediale, Tempo complessivo10 ore Produzione di materialiTabelle di monitoraggio - cartelloni - foto - filmini - disegni – relazioni

34 FINE PRESENTAZIONE


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTROPIGNANO PROGETTO. Laboratorio sperimentale di Tecnologie Scienze e."

Presentazioni simili


Annunci Google