La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione www.avios.it Disturbo da Deficit di Attenzione con o senza Iperattività ADHD (Attention Deficit/ Hyperactivity Disorder) Di: Ivano Gagliardini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione www.avios.it Disturbo da Deficit di Attenzione con o senza Iperattività ADHD (Attention Deficit/ Hyperactivity Disorder) Di: Ivano Gagliardini."— Transcript della presentazione:

1 Presentazione Disturbo da Deficit di Attenzione con o senza Iperattività ADHD (Attention Deficit/ Hyperactivity Disorder) Di: Ivano Gagliardini

2 Mappa trattamento ADHD Gli interventi nell ADHD Interventi di tipo comportamentale Interventi di tipo cognitivo Parent-training Strutturazione e organizzazione della classe Social Skills Training Organizzazione dei compiti Supporto e training per insegnanti Farmacoterapia Automonitoraggio e autorinforzo Organizzazione dello stile di vita

3 Attori del processo di assessment e intervento Valutazione & intervento Genitori e altri in famiglia Neuropsichiatri Infantili psicologi - psicoterapeuti Soggetto Insegnanti Operatori ambito sportivo Attori del processo di valutazione e intervento Coetanei comunità frequentate es. Scout, etc… Personale non-Doc. Dirigente Altri Genitori

4 Mappa intervento a scuola Insegnante aspettative filosofia pedagogica metodi motivazione info visione del problema storia did-educativa rapporti genitori rapporti colleghi Organizzazione delle classe Organizzazione dei materiali Organizzazione dei tempi Generazione e mantenimento delle regole Organizzazione delle routine Adattare il curricolo Stimolare lattenzione Saper osservare saper monitorare Sostenere lattenzione Pianificare le attività individualizzandole Saper rinforzare uso corretto dei feed-back uso appropriato critiche e punizioni saper coinvolgere gli altri saper trovare obiettivi avere un buon P.S. Gestire le emozioni

5 Autostima Il grosso problema dellautostima Azione performance Critica rimprovero punizione (effetto negativo) Chiusura Rifiuto Esplicito/Implicito Esibizionismo Disturbo del comportamento Critica rimprovero punizione Grossa sensibilità per lautostima (Salvaguardia dellautostima) Link

6 autostima, self-efficacy Lallievo ADHD, lautostima, lautoefficacia e limmagine di sè

7 Disturbo neurobiologico LADHD è un disturbo neurobiologico, dovuto alla disfunzione di alcune aree e di alcuni circuiti del cervello ed allo squilibrio di alcuni neurotrasmettitori (come noradrenalina e dopamina), responsabili del controllo di attività cerebrali come lattenzione e il movimento.

8 Conoscere lADHD – i MIti Conoscere LADHD e ADD I falsi miti E un pigro E un viziato e capriccioso E stupido, sciocco Non ha regole per colpa dei genitori E un pazzo, svitato Non cè nulla da fare E geloso del fratello Vuole solo attenzioni Lo fa apposta I farmaci sono lunica cura

9 accettazione Linsegnante come comunicatore Linsegnante non trasmette ai suoi allievi solo contenuti, ma anche se stesso Per ognuno di noi ci sono comportamenti degli altri che sono accettabili altri sono inaccettabili Comportamenti accettabili Comportamenti inaccettabili Lallievo ascolta la mia lezione Lallievo aiuta il suo compagno Lallievo esegue i compiti Lallievo è ordinato nei suoi lavori Lallievo rispetta le regole che do Giovanni si rifiuta di seguire le mie indicazioni Marco chiacchiera in Continuazione Lucia sta con la testa tra le nuvole Carlo non esegue i compiti Sara dimentica di portare il materiale per le attività

10 comunicazione insegnante Linsegnante come comunicatore Linsegnante non trasmette ai suoi allievi solo contenuti, ma anche se stesso Ogni persona ha gradi diversi di Accettabilità ed inaccettabilità A B C Il comportamento di un insegnante che adotta il modello B tende ad essere rigido, critico, poco trasparente, poco propenso a valorizzare gli aspetti positivi

11 reazioni Linsegnante come comunicatore Effetti sugli allievi della non accettazione Ansia Fuga e evitamento e altre strategie furbesche Ribellione Provocazione Link

12 stile comunicativo 1-2 Cosa fa un insegnante durante la sua attività ? De Landsheere e Bayer Le nove categorie delle funzioni dinsegnamento 1.Funzioni di organizzazione 1.1 Regola la partecipazione degli alunni 1.2 Organizza i movimenti degli alunni in classe 1.3 Ordina compiti ed attività 1.4 Tronca situazioni di conflitto e competitività 2. Funzioni di imposizione 2.1 Impone informazioni 2.2 Impone i problemi 2.3 Impone i metodi di soluzione, il modo di procedere 2.4 Suggerisce le risposte 2.5 Impone unopinione, un giudizio di valore 2.6 Impone un aiuto non richiesto

13 funzioni 3-4 Cosa fa un insegnante durante la sua attività ? De Landsheere e Bayer Le nove categorie delle funzioni dinsegnamento 3. Funzioni di sviluppo 3.1 Stimola 3.2 Chiede una ricerca personale 3.3 Struttura il pensiero dellalunno 3.4 Fornisce un aiuto richiesto dallalunno 4. Funzioni di personalizzazione 4.1 Accetta una manifestazione spontanea 4.2 Invita lalunno a servirsi della sua esperienza extrascolastica 4.3 Interpreta una situazione personale 4.4 Individualizza linsegnamento

14 funzioni 5-6 Cosa fa un insegnante durante la sua attività ? De Landsheere e Bayer Le nove categorie delle funzioni dinsegnamento 5. Funzioni di feed-back positivo 5.1 Approva in modo stereotipato 5.2 Approva ripetendo la risposta dellalunno 5.3 Approva in modo specifico 5.4 Approva in altro modo 6. Funzioni di feed-back negativo 6.1 Disapprova in modo stereotipato 6.2 Disapprova ripetendo la risposta in modo ironico o accusatore 6.3 Disapprova in modo specifico 6.4 Disapprova in altro modo 6.5 Differisce il feed-back

15 funzioni 7-8 Cosa fa un insegnante durante la sua attività ? De Landsheere e Bayer Le nove categorie delle funzioni dinsegnamento 7. Funzioni di concretizzazione 7.1 Utilizza un materiale 7.2 Invita lalunno a servirsi di un materiale 7.3 Usa tecniche audio-visive 7.4 Scrive alla lavagna 8. Funzioni di affettività positiva 8.1 Loda, riconosce il merito, porta ad esempio 8.2 Mostra sollecitudine 8.3 Incoraggia 8.4 Promette una ricompensa 8.5 Ricompensa 8.6 Dimostra senso umoristico 8.7 Rivolge allalunno parole affettuose

16 funzioni 9 Cosa fa un insegnante durante la sua attività ? De Landsheere e Bayer Le nove categorie delle funzioni dinsegnamento 9. Funzioni di affettività negativa 9.1 Critica, accusa, ironizza 9.2 Minaccia 9.3 Ammonisce 9.4 Rimprovera 9.5 Punisce 9.6 Rinvia in modo vago 9.7 Rifiuta una manifestazione spontanea 9.8 Prende un atteggiamento cinico

17 stile dinsegnamento Cosa fa un insegnante durante la sua attività ? De Landsheere e Bayer Risultati 1. Organizzazione (27%) 2. Imposizione (34,5%) 3. Sviluppo (2,1%) 4. Personalizzazione (3,7%) 5. Feed-back positivo (11,4%) 6. feed-back negativo (2,7%) 7. Concretizzazione (13,3%) 8. Affettività positiva (1,4%) 9. Affettività negativa (3,8%) Tale distribuzione non si modifica sostanzialmente nonostante il cambiamento del tema della lezione, della classe, delletà degli insegnanti, la loro formazione e lesperienza.

18 autostima, self-efficacy Lallievo ADHD, lautostima, lautoefficacia e limmagine di sè

19 Disposizione aula Disposizione dellaula A B

20 Disposizione aula Disposizione dellaula D E

21 aula con spazio attrezzato Area attrezzata gioco, interessi defaticamento, organizzazione etc… Cestino Armadio

22 Alcune considerazioni sullaula Alcune considerazioni … 1 Lallievo si trova nellabituale cono visivo dellinsegnante? sino 2 E facilmente raggiungibile? sino 3 Ha compagni vicino? sino 4 I compagni sono tranquilli? sino 5 E vicino al cestino? sino 6 E vicino alla porta di uscita? sino 7 E lontano dalle fonti di rumore? sino 8 Vede bene la lavagna? sino 9 Ha una buona illuminazione? sino 10 E vicino allarmadio dei materiali? sino

23 organizzare il materiale Organizzazione del materiale Fotocopie strutturate

24 Organizzare il tempo Organizzare il tempo

25 Organizzare i compiti Brevità e successione devono essere brevi, chiari nelle indicazioni e prevedere chiari segnali di fine o passaggio ad altra attività o di prosecuzione Richiamo dellattenzione chiamandolo per nome, guardandolo, effettuando giuste pause, usando mimica e segnali convenzionali e condivisi Attivazione dellattenzione agendo sulla sua autostima, incuriosendo, ponendo la sfida, prospettando vantaggi, etc… Varietà compiti monotoni e ripetitivi rappresentano un grosso problema per gli allievi ADHD. E bene arricchire con immagini, indovinelli, completamenti, etc… Forte strutturazione Enfatizzare e rendere chiaro e ripetere lobiettivo usare mappe, supporti visivi per strutturare meglio feed-back o gratificazione Possibili strategie nei compiti

26 suggerimenti logistica Alcuni accorgimenti in classe (logistica) obiettivi : diminuire la noia e il disturbo, favorire la comunicazione tra alunni e alunni-insegnante, maggiore coinvolgimento nei compiti a) è bene posizionare lallievo ADHD il più possibile di fronte allinsegnante, b) scegliere come compagni di banco modelli adeguati per attenzione, reattività e comportamento, c) ruotare, secondo le esigenze, i compagni di banco, d) utilizzare il peer tutoring, c) disporre di alcune aree attrezzate d) posizionare lallievo lontano da fonti di distrazioni (finestre, porte, etc…) e) Stabilire delle regole e renderle esplicite con cartelloni, disegni, etc…, f) Creare delle routine di attività da avviare con istruzioni chiare, g) Rendere i compiti più interessanti (episcopio, lavagna luminosa, computer),

27 suggerimenti strategie didattiche Alcuni accorgimenti in classe (strategie didattiche) obiettivi : diminuire la noia e il disturbo, favorire la comunicazione tra alunni e alunni-insegnante, maggiore coinvolgimento nei compiti a) Accorciare i tempi di lavoro, con proposte di pause, b) Suddividere i compiti complessi in parti, c)Cercare di dare un feed-back o una gratificazione al termine di ogni parte, d) Incoraggiare e gratificare il più possibile, c) Evitare la rabbia o frequenti scambi comunicativi troppo accesi d) Rendere le lezioni più stimolanti con figure ad esempio) e) Prima di iniziare una spiegazione chiamare sempre lallievo per nome, f) Variare il tono della voce come la mimica (Vs monotonia), g)Dare la possibilità di rispondere frequentemente a domande, h)Utilizzare i giochi di ruolo per spiegare i concetti storici e sociali.

28 suggerimenti strategie organizzative Alcuni accorgimenti in classe (strategie didattiche) obiettivi : diminuire la noia e il disturbo, favorire la comunicazione tra alunni e alunni-insegnante, maggiore coinvolgimento nei compiti a) Marcare e differenziare in maniera netta il materiale, quaderni, libri, etc…, b) Costituire una riserva di materiali, quaderni, penne, colori etc…, da sistemare a fine giornata e rimpinguare secondo necessità, c)Dare dei tempi e spazi per il riordino (5 minuti alle 10,30), d)Utilizzare ed enfatizzare il diario come strumento di organizzazione (planning e comunicazione con famiglia), c) Dare chiari e semplici obiettivi da raggiungere, d) Non creare situazioni di confronto o competizione, e) Incanalare il suo attivismo verso mete socialmente utili, f) Nei compiti non focalizzarsi sul risultato, ma sul processo

29 la costruzione delle regole La costruzione e gestione delle regole

30

31

32

33

34

35

36


Scaricare ppt "Presentazione www.avios.it Disturbo da Deficit di Attenzione con o senza Iperattività ADHD (Attention Deficit/ Hyperactivity Disorder) Di: Ivano Gagliardini."

Presentazioni simili


Annunci Google