La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I NIZIATIVA NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE DALL U.S.R. DEL F RIULI V ENEZIA G IULIA IN TEMA DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Prove Invalsi tra.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I NIZIATIVA NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE DALL U.S.R. DEL F RIULI V ENEZIA G IULIA IN TEMA DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Prove Invalsi tra."— Transcript della presentazione:

1

2 I NIZIATIVA NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE DALL U.S.R. DEL F RIULI V ENEZIA G IULIA IN TEMA DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Prove Invalsi tra obbligo e opportunità migliorare il processo di insegnamento/apprendimento attraverso i risultati delle prove nazionali Roberto Ricci INVALSI Faedis (UD), 31 ottobre 2011

3 … tra conoscenze e competenze … (…) Lo stesso format delle prove PISA e INVALSI (dal 2009) evidenzia una struttura basata sulla proposta di contesti e situazioni come punto di partenza per la messa in moto di azioni fisiche e mentali per la soluzioni di problemi (cognitivi), che i saperi e le aree di apprendimento scolastico contribuiscono a sviluppare. Un format spesso adottato nelle buona pratiche e nei manuali dinsegnamento, che non siano nozionistici e esecutivi. (Piani di studio provinciali primo ciclo di istruzione, Provincia Autonoma di Trento) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

4 Quale matematica? LA Matematica? 2. la matematica per il cittadino? 3. LItaliano? Quale Italiano? Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

5 I venti del cambiamento Debito sovrano di competenze? 2. Le competenze e i «mercati» … 3. «Laudatores» temporis acti (Orazio, Ars poetica, 173) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

6 Finalità della rilevazione e implicazioni fornire alle singole scuole uno strumento di diagnosi per migliorare il proprio lavoro e individuare le aree di eccellenza e quelle problematiche nelle discipline oggetto della rilevazione i dati appartengono esclusivamente alla singola scuola alla quale sono restituiti nel modo più disaggregato possibile, cioè secondo la distribuzione delle risposte domanda per domanda la restituzione dei risultati della misurazione degli apprendimenti avviene sia in forma grezza, sia dopo averli opportunamente depurati dai dati di contesto e da tutti quegli elementi estranei allattività della scuola, che possono influenzare il profitto degli alunni la pubblicazione di ulteriori analisi viene effettuata dallINVALSI solo ed esclusivamente su dati aggregati per garantire lanonimato degli allievi e delle singole scuole Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

7 La costruzione delle prove

8 Le prove oggettive Nelle rilevazioni su larga scala, come quelle del SNV, per PROVE OGGETTIVE STANDARDIZZATE si intendono prove costruite in modo che la loro correzione possa avvenire secondo modalità riproducibili e non dipendenti dal soggetto che effettua la correzione stessa La costruzione di prove oggettive standardizzate è il frutto di un lungo e delicato processo interdisciplinare che richiede un tempo di circa mesi La formulazione di una prova standardizzata rivolta potenzialmente a centinaia di migliaia di studenti è lesito di un lavoro profondamente e realmente interdisciplinare che coinvolge esperti con formazione ed esperienze specifiche e molto differenti tra di loro Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

9 I quadri di riferimento per la valutazione (1) LINVALSI è partito dalla definizione dei quadri di riferimento per la valutazione (QdR). Essi rivestono un ruolo fondamentale, spesso sottovalutato, quando non addirittura ignorato, per la costruzione delle prove standardizzate da somministrare agli allievi. Mediante il QdR vengono definiti gli ambiti, i processi cognitivi e i compiti oggetto di rilevazione, delimitando quindi il campo rispetto al quale sono costruite le prove. Il QdR permette inoltre di definire e circoscrivere il valore informativo delle prove che in base ad esso vengono costruite, chiarendone la portata ed i limiti Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

10 I quadri di riferimento per la valutazione (2) Il QdR è il frutto di uno studio articolato su più anni in cui sono stati valutati, anche in chiave comparativa, sia la normativa attualmente vigente in Italia circa i contenuti dellinsegnamento primario e secondario sia i quadri di riferimento prodotti negli ultimi anni dalla IEA e dallOCSE e, non da ultimo, la prassi didattica. Il QdR costituisce il documento fondamentale per gli autori delle prove, per gli esperti che ne curano la revisione sia sotto il profilo dei contenuti che sotto quello misuratorio, per i docenti che sono chiamati a interpretare i risultati dei loro allievi e per i cosiddetti stakeholder che utilizzano i risultati delle rilevazioni standardizzate nazionali per valutare i livelli di apprendimento garantiti dal sistema educativo nel suo complesso. Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

11 Dove trovare i quadri di riferimento Quadri di riferimento INVALSI (aggiornamento il ): QdR ITALIANO: QdR MATEMATICA: QdR QUESTIONARI STUDENTE: Quadri di riferimento IEA-TIMSS: Quadri di riferimento PISA: int/Pisa2006/sito/docs/Quadro_riferimento_PISA2006.pdf int/Pisa2006/sito/docs/Quadro_riferimento_PISA2006.pdf Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

12 Gli autori delle prove La costruzione delle prove oggettive standardizzate richiede un grosso sforzo per individuare le domande più adeguate sia in termini di rispondenza al QdR sia rispetto alla formulazione e alla capacità misuratoria dal punto di vista tecnico-statistico. Per realizzare il difficile compito di reperire un grosso numero di domande di elevata qualità, lINVALSI si avvale della fondamentale collaborazione di oltre 200 docenti ed esperti provenienti dal mondo della scuola e delluniversità. La decisione dellINVALSI di rivolgersi ad una così ampia platea di docenti ed esperti si è rivelata strategica poiché si è dimostrato che solo chi opera direttamente nel mondo delle scuola e delluniversità è in grado di formulare domande adeguate e significative. Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

13 La costruzione delle prove Dopo che gli autori hanno inviato allINVALSI le loro proposte di quesiti, comincia il processo di costruzione vera e propria delle prove. Essa si articola in diverse fasi, ognuna delle quali caratterizzata da aspetti differenti. Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

14 Fase I: lanalisi qualitativa ex ante Un gruppo di esperti effettua una prima valutazione qualitativa in funzione della rispondenza delle domande al QdR, al livello scolastico per il quale devono essere proposte le prove e alla composizione del fascicolo ( booklet ) che dovrà essere inviato al pre-test. Lanalisi qualitativa ex ante è molto importante perché permette di escludere le domande non coerenti con le finalità del SNV e di effettuare un primo adattamento di quelle ritenute idonee per essere inviate al pre-test, cercando di eliminare tutte le fonti di possibili ambiguità. Un altro controllo molto importante che viene effettuato in questa fase è una prima verifica dellindipendenza delle domande. Questa analisi permette di verificare se vi siano quesiti le cui risposte suggeriscano la risposta di altri. Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

15 Fase II: il pre-test Ladeguatezza delle prove costruite nella fase I viene valutata mediante il pre-test somministrato ad allievi con caratteristiche analoghe a quelle di coloro che dovranno svolgere le prove SNV. Poiché non è possibile che gli allievi coinvolti nel pre-test ( field trail ) siano gli stessi che parteciperanno alla rilevazione cosiddetta principale, è necessario che il field trail venga realizzato durante lanno scolastico precedente a quello dello studio principale. La realizzazione del pre-test si basa sullestrazione di un campione casuale di classi con rappresentatività nazionale. Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

16 Fase III: lanalisi quanti-qualitativa ex post - la calibrazione delle domande I dati raccolti mediante il pre-test vengono analizzati mediante lapplicazione di appropriati modelli statistico- psicometrici sostanzialmente ascrivibili alla cosiddetta teoria classica dei test e alla teoria della risposta ( Item Response Theory ). La capacità misuratoria di ogni domanda viene analizzata mediante modelli statistici in grado di stabilire la coerenza di ciascuna opzione di risposta rispetto al costrutto oggetto di valutazione, rispetto al livello di abilità/competenza del rispondente e rispetto alla difficoltà specifica della domanda stessa. Sulla base delle informazioni tratte dalle analisi quantitative dei dati del pre-test viene condotta unulteriore analisi qualitativa delle domande testate. Durante questa fase vengono selezionate in via definitiva le domande che saranno inserite nelle prove somministrate a tutti gli studenti. Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

17 Fase IV: la composizione dei fascicoli definitivi (1) Dopo che ciascuna domanda è stata analizzata sotto il profilo quali-quantitativo, vengono composti i fascicoli che saranno somministrati durante la rilevazione principale. I fascicoli devono essere strutturati in funzione dei tempi di compilazione, stimati sulla base dei risultati del pre-test, e del livello complessivo di difficoltà, dati i vincoli di composizione definiti dai quadri di riferimento per la valutazione. Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

18 Fase IV: la composizione dei fascicoli definitivi (2) La composizione di una prova standardizzata rivolta allaccertamento su scala nazionale dei livelli di apprendimento non risponde agli stessi criteri che guidano la costruzione delle verifiche di classe. Una prova standardizzata nazionale deve essere in grado di misurare i risultati degli studenti allinterno di una scala di abilità/competenza molto lunga, dai livelli più bassi a quelli di eccellenza. E quindi normale che allinterno di una prova di questo genere vi siano anche dei quesiti molto difficili ai quali solo una piccola percentuale di allievi è in grado di rispondere. Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

19 Gli ambiti della prova di matematica AMBITI Numeri Spazio e figure Relazioni e funzioni (dalla 5 primaria) Dati e previsioni Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

20 I processi (1) 1.Conoscere e padroneggiare i contenuti specifici della matematica (oggetti matematici, proprietà, strutture...) 2.Conoscere e padroneggiare algoritmi e procedure (in ambito aritmetico, geometrico...) 3.Conoscere e padroneggiare diverse forme di rappresentazione e sapere passare da una all'altra (verbale, scritta, simbolica, grafica,...) 4.Sapere risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica (individuare e collegare le informazioni utili, confrontare strategie di soluzione, individuare schemi risolutivi di problemi come ad esempio sequenza di operazioni, esporre il procedimento risolutivo,…) 5.Sapere riconoscere in contesti diversi il carattere misurabile di oggetti e fenomeni e saper utilizzare strumenti di misura (saper individuare l'unità o lo strumento di misura più adatto in un dato contesto, saper stimare una misura,…) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

21 I processi (2) 6.Acquisire progressivamente forme tipiche del pensiero matematico (congetturare, verificare, giustificare, definire, generalizzare,...) 7. Utilizzare la matematica appresa per il trattamento quantitativo dell'informazione in ambito scientifico, tecnologico, economico e sociale (descrivere un fenomeno in termini quantitativi, interpretare una descrizione di un fenomeno in termini quantitativi con strumenti statistici o funzioni, utilizzare modelli matematici per descrivere e interpretare situazioni e fenomeni,...). 8. Saper riconoscere le forme nello spazio (riconoscere forme in diverse rappresentazioni, individuare relazioni tra forme, immagini o rappresentazioni visive, visualizzare oggetti tridimensionali a partire da una rappresentazione bidimensionale e, viceversa, rappresentare sul piano una figura solida, saper cogliere le proprietà degli oggetti e le loro relative posizioni, …) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

22 I dati di scuola (1) Istituto scolastico: XXIC803XXX Denominazione: GIUSEPPE MAZZINI Download dei grafici relativi a XXIC803XXX Download guida alla lettura dei grafici ownload dei grafici relativi a XXIC803XXX ownload guida alla lettura dei grafici Restituzione dati livello II primaria: Restituzione dati livello V primaria: Restituzione dati livello I secondaria: Livello V primaria - scegli codice classe: Livello V primaria - scegli codice classe: Livello V primaria - scegli codice classe: Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

23 I dati di scuola (2) Globale per Nazionalità per Regolarità (del percorso) per Sesso per Dettaglio Risposte Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

24 I dati di scuola (3) Tabella dei dati - Visualizzazione GLOBALE Ambiti e argomenti Dom. Media% Classe Media% Scuola Media% Nazionale L1L2L3L4L5L6 ITALIANO Testo narrativo A172,779,683,1- L Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

25 1° decile 10° pc 1° quartile 25° pc L 1 L 2 L 3L 4 L 5 L 6 Mediana 50° pc 10% 15% 25% 15% 10% 3° quartile 75° pc 9° decile 90° pc I dati di scuola (4) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

26 Tabella dei dati - Visualizzazione per DETTAGLIO RISPOSTE - tabella 1 Ambiti e argomentiDom.ABCD MANCATA RISPOSTA ITALIANO Testo narrativoA19,0972,713,64,540 I dati di scuola (5) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

27 I dati di scuola (6) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

28 I dati di scuola (7) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

29 I dati di scuola (8) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

30 I dati di scuola (9) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

31 La varianza tra classi e tra alunni (1) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

32 La varianza tra classi e tra alunni (2) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

33 Il valore aggiunto Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

34 Il valore aggiunto 1)con la differenza tra il punteggio medio grezzo di tale scuola e quello medio generale di un certo territorio, 2)mediante la misurazione dei progressi medi che gli allievi realizzano in un determinato arco di tempo (guadagni cognitivi), 3)per mezzo della differenza media tra i punteggi osservati ed i punteggi attesi in relazione alle caratteristiche degli allievi (condizione socio-economico-culturale, attitudini, ecc.), 4)mediante il guadagno cognitivo medio netto rispetto a tutti i fattori di contesto che non sono controllati dalla scuola.

35 Un esperimento di valore aggiunto (1) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011

36 Un esperimento di valore aggiunto (2) Roberto Ricci – 31 ottobre 2011


Scaricare ppt "I NIZIATIVA NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ REALIZZATE DALL U.S.R. DEL F RIULI V ENEZIA G IULIA IN TEMA DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Prove Invalsi tra."

Presentazioni simili


Annunci Google