La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IV DOMENICA DI QUARESIMA ANNO B Matteo 3,1-12 Gv 3,14-21.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IV DOMENICA DI QUARESIMA ANNO B Matteo 3,1-12 Gv 3,14-21."— Transcript della presentazione:

1 IV DOMENICA DI QUARESIMA ANNO B Matteo 3,1-12 Gv 3,14-21

2 In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo:

3 «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto,

4 così bisogna che sia innalzato il Figlio delluomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.

5 Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito

6 perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.

7 Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.

8 Chi crede in lui non è condannato;

9 ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dellunigenito Figlio di Dio.

10 E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie.

11 Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate.

12 Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio».

13 IV DOMENICA DI QUARESIMA ANNO B Matteo 3,1-12 Gv 3,14-21

14 DIO HA MANDATO IL FIGLIO PERCHÉ IL MONDO SI SALVI PER MEZZO DI LUI

15 UN ITINERARIO DI PROGRESSIVA SCOPERTA DEL VOLTO DI GESÙ E DI UNA FEDE MATURA NELLA SUA PAROLA

16 In questo itinerario si possono sottolineare tre momenti di rivelazione del volto di Cristo a cui corrisponde sempre una richiesta, una scelta da parte dell'uomo, un salto di fede.

17 1ª tappa: «quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me»

18 Anzitutto è richiesto un movimento dello sguardo verso l'alto e la qualità di questo sguardo è la contemplazione. Per Giovanni, l'Innalzato e il Trafitto che dona sangue e acqua, che guarisce con le sue ferite, esprime il mistero di Gesù nella sua massima trasparenza.

19 Sembra quasi necessario (bisogna) guardare senza paura questo spettacolo, lo spettacolo della Croce. Perché? Perché in esso è racchiuso il segreto nella vita, della nostra vita, il segreto della salvezza.

20 2ª tappa: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio Unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna».

21 Il segreto dello spettacolo della Croce, del trafitto innalzato, sta in questa parola di Gesù, in questa seconda rivelazione. In fondo a tutto, c'è questa verità che illumina e che apre un orizzonte senza fine:

22 la misericordia illimitata di Dio per il mondo, per l'uomo, per ogni creatura che aspetta la redenzione e la liberazione dal peccato.

23 3ª tappa: «la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce perché le loro opere erano malvagio»

24 Gesù è la luce che illumina e che evidenzia le tenebre; provoca una radicale chiarezza sulla situazione dell'uomo, spesso falsa e mascherata dietro ad ambiguità e schemi (tenebre).

25 Ma Gesù è la luce nel mondo perché rivela in modo esclusivo e definitivo la realtà dell'uomo e di Dio; non c'è altro modo di vedere il volto di Dio e, alla sua luce, il volto dell'uomo. Cosa è chiesto all'uomo? Credere, venire alla luce, fare la verità.

26 DIO HA MANDATO IL FIGLIO PERCHÉ IL MONDO SI SALVI PER MEZZO DI LUI


Scaricare ppt "IV DOMENICA DI QUARESIMA ANNO B Matteo 3,1-12 Gv 3,14-21."

Presentazioni simili


Annunci Google