La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

10° Convegno Regionale di Polizia Locale 4-5-6 Giugno 2012 Domus De Maria (CA) Chia Laguna Resort Dott.ssa Alessandra Piras.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "10° Convegno Regionale di Polizia Locale 4-5-6 Giugno 2012 Domus De Maria (CA) Chia Laguna Resort Dott.ssa Alessandra Piras."— Transcript della presentazione:

1 10° Convegno Regionale di Polizia Locale Giugno 2012 Domus De Maria (CA) Chia Laguna Resort Dott.ssa Alessandra Piras

2 LINEE GUIDA IN MATERIA DI TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO (T.S.O.) E DI ACCERTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO (A.S.O.) Deliberazione N. 16/13 del Regione Autonoma della Sardegna Dott.ssa Alessandra Piras

3 Art. 32 della Costituzione Diritto alla Salute e allautodeterminazione La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell' individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.Repubblicadiritto interesseleggelimiti Dott.ssa Alessandra Piras

4 Art. 13 della Costituzione La libertà individuale è inviolabile La libertà individuale è inviolabile. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dallautorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge. Dott.ssa Alessandra Piras

5 Art.33 legge 833/78 1° commagli accertamenti e i trattamenti sanitari sono di norma volontari… Ogni trattamento sanitario tendente a perseguire il benessere fisico e psichico di un cittadino deve dunque esserelibero e voluto… Dott.ssa Alessandra Piras

6 Trattamenti senza consenso In Psichiatria ci si scontra però spesso con la difficoltà ad offrire assistenza ad unutenza che spesso non ha consapevolezza del bisogno e non è in grado di esprimere una richiesta Dott.ssa Alessandra Piras

7 Nellambito di una corretta pratica clinica vi sono 2 elementi da considerare: - il consenso da parte del soggetto - la salvaguardia della vita e della salute del paziente Dott.ssa Alessandra Piras

8 Trattamenti senza consenso Il trattamento senza consenso è da ritenersi arbitrario e tale da costituire violenza privata, a meno che non ricorrano le condizioni dello stato di necessità Dott.ssa Alessandra Piras

9 Violenza privata (Art. 610 c.p.) Chiunque con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa è punito… Stato di necessità (Art.54 c.p.) Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un grave danno alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionale al pericolo… Dott.ssa Alessandra Piras

10 Accertamenti e Trattamenti Sanitari Obbligatori In deroga ai principi sopra esposti, la legge disciplina i casi in cui Accertamenti e Trattamenti sanitari devono essere effettuati, a prescindere dal consenso o da un esplicito dissenso del paziente. In tali casi, la tutela della salute individuale si integra con un impegno di difesa sociale, nellinteresse della collettività. Dott.ssa Alessandra Piras

11 Trattamenti Sanitari Obbligatori Legge 833/78 art.34 in linea con i principi contenuti nella legge n. 180/1978, essa conferma la collocazione della psichiatria nel S.S.N., e alla pari di altre branche mediche, riconosce al ricovero delle persone affette da gravi disturbi mentali uno scopo eminentemente terapeutico e non di ripristino di ordine pubblico (accento sul concetto di malattia e non di pericolosità sociale). Dott.ssa Alessandra Piras

12 Trattamenti Sanitari Obbligatori Legge 833/78 art.34 Essa detta le norme e le procedure per leffettuazione dei T.S.O. nel pieno rispetto della dignità e della libertà della persona, sancendo la titolarità dei diritti anche nei casi di gravi disturbi mentali. Dott.ssa Alessandra Piras

13 Trattamenti Sanitari Obbligatori Legge 833/78 art.34 Essa assicura garanzie alla persona sottoposta agli interventi sanitari obbligatori e fa corrispondere, alle crescenti limitazioni della libertà personale, livelli crescenti di garanzia. Dott.ssa Alessandra Piras

14 Trattamenti Sanitari Obbligatori Legge 833/78 art.34 Le garanzie giurisdizionali e amministrative sono destinate a porre dei limiti allautonomia decisionale del medico, cui viene riconosciuto il grandissimo potere di avviare il procedimento di limitazione della libertà personale di un individuo. Dott.ssa Alessandra Piras

15 Trattamenti Sanitari Obbligatori Legge 833/78 art.34 T.S.O. Ospedaliero, solo quando: - esistano alterazioni psichiche tali da richiedere urgenti interventi terapeutici, - se gli stessi non vengano accettati dall'infermo - se non vi siano le condizioni e le circostanze che consentano di adottare tempestive ed idonee misure sanitarie extraospedaliere. Dott.ssa Alessandra Piras

16 Trattamenti Sanitari Obbligatori Legge 833/78 art T.S.O. Ospedaliero -Deve essere costantemente accompagnato da iniziative rivolte ad assicurare il consenso e la partecipazione da parte di chi vi è obbligato -Deve essere rigorosamente circoscritto allurgenza e limitato allo stretto necessario -Deve essere garantito il rispetto per la persona evitando forme di violenza, fisica o psichica, gratuita o sproporzionata Dott.ssa Alessandra Piras

17 T.S.O. Ospedaliero Il procedimento amministrativo è disciplinato dagli art della Legge 833/78 -Proposta motivata del medico -Convalida da parte di un medico ASL -Ordinanza del Sindaco (con attivazione della procedura entro 48 ore) -Notifica del provvedimento al Giudice Tutelare da parte del Sindaco (entro 48 ore dallavvenuto ricovero) -Convalida o annullamento del provvedimento ( con relativa comunicazione al Sindaco) da parte del Giudice Tutelare, dopo opportuni accertamenti. Dott.ssa Alessandra Piras

18 T.S.O. Ospedaliero Solo successivamente allordinanza il T.S.O. può essere eseguito. Il provvedimento va espletato anche quando il paziente sia residente nel territorio di unaltra A.S.L., sia senza fissa dimora, sia ospite della casa circondariale, sia cittadino straniero con o senza permesso di soggiorno. Dott.ssa Alessandra Piras

19 T.S.O. Ospedaliero Rispetto alla durata del T.S.O., vi è la tendenza ad applicare il limite temporale di 7 giorni. Tale limite, posto a garanzia del paziente, richiama lobbligo di una rivalutazione periodica del suo stato di salute mentale. Dott.ssa Alessandra Piras

20 T.S.O. Ospedaliero chi è sottoposto a T.S.O. e chiunque ne abbia interesse, può proporre al tribunale, competente per territorio, ricorso contro il provvedimento convalidato da giudice tutelare. La persona sottoposta a T.S.O. ha diritto di comunicare con chi ritenga opportuno. Dott.ssa Alessandra Piras

21 Trattamenti Sanitari Obbligatori Legge 833/78 art.33 T.S.O. Extra-ospedaliero Può ricorrersi ad esso quando sussistano le prime due condizioni previste dalla legge (gravi alterazioni psichiche e non consenso alla cura) ed è possibile adottare misure sanitarie necessarie al di fuori del ricovero in S.P.D.C. (es. T.S.O. puntiforme per terapia depot) Dott.ssa Alessandra Piras

22 Trattamenti Sanitari Obbligatori Legge 833/78 art.33 T.S.O. Extra-ospedaliero Chiunque può rivolgere al sindaco richiesta di revoca del provvedimento con il quale è stato disposto il T.S.O. Dott.ssa Alessandra Piras

23 Trattamenti Sanitari Obbligatori Riflessioni: -Quali alterazioni psichiche ? -Che significa urgenza ? -Quando la richiesta di T.S.O. coincide con esigenze di controllo e di neutralizzazione, piuttosto che di assistenza e di cura ? -Come interpretare il concetto di tutela della salute collettiva ? Dott.ssa Alessandra Piras

24 Trattamenti Sanitari Obbligatori Riflessioni: -Differenziare il T.S.U. (procedura sanitaria), (regolato dagli artt. 51 e 54 c.p.), dal T.S.O. (procedura burocratico-amministrativa) -Art. 51 c.p. Lesercizio di un diritto o l adempimento di un dovere imposto da una norma giuridica o da un ordine legittimo della pubblica Autorità, esclude la punibilità… -Art. 54 c.p. Stato di necessità Dott.ssa Alessandra Piras

25 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Lintervento in stato di necessità Stato di necessità (Art.54 c.p.) Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un grave danno alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionale al pericolo… Dott.ssa Alessandra Piras

26 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Lintervento in stato di necessità Questa norma giustifica la possibilità di intervento della Forza Pubblica nella prevenzione dei reati, di fronte a comportamenti che evidenzino un rischio attuale, ovvero immediato per lincolumità del soggetto o di terzi, con interventi di tipo ispettivo o coercitivo. Dott.ssa Alessandra Piras

27 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Lintervento in stato di necessità Tra questi, nel sospetto di gravi alterazioni psichiche, è possibile limmediato accompagnamento coattivo in Pronto Soccorso per la valutazione dello stato mentale del soggetto. Dott.ssa Alessandra Piras

28 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Lintervento in stato di necessità Situazioni di interesse psichiatrico, caratterizzate da urgenza e drammaticità, non richiedono lattivazione della procedura di T.S.O., ma interventi immediati. E incompatibile con la norma, avviare un T.S.O. facendo un uso improprio dello stato di necessità. Infatti, nellipotesi che esista uno stato di necessità, il T.S.O. crea un rallentamento di intervento. Dott.ssa Alessandra Piras

29 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Lintervento in stato di necessità Nelle condizioni sanitarie in cui la presenza di gravi alterazioni psichiche non è espressione di una primitiva malattia mentale, quali patologie neurologiche, internistiche, tossiche, traumatiche, non è mai consentito il ricorso al T.S.O. ma è solo possibile, sussistendo le condizioni, attuare interventi in stato di necessità. In tali situazioni, il sanitario potrà avvalersi dellintervento delle forze dellordine. Dott.ssa Alessandra Piras

30 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Stato di coscienza gravemente alterato da presunta causa tossica, infettiva, traumatica, neurologica, internistica, etc. Il paziente è incapace di esprimersi (né consenso, né dissenso) nei confronti di qualsiasi proposta di intervento sanitario. Al di fuori di uno stato di necessità, lincapacità del soggetto di offrire un valido consenso (es. insuff. mentale, demenza) non giustifica interventi coattivi, ma richiede il coinvolgimento del Giudice Tutelare. Dott.ssa Alessandra Piras

31 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) -Se il paziente, capace di intendere e volere, rifiuta le cure, il suo rifiuto è valido e va accettato -se il paziente manifesta limitate capacità di intendere e volere a causa di patologie non psichiatriche (neurologiche, internistiche, traumatiche, etc.) o ad assunzione di sostanze, si può ricorrere, dove sussistano le condizioni, allo stato di necessità. - se il paziente manifesta limitate capacità di intendere e volere e il rifiuto delle cure non è accompagnato da presupposti riconducibili allo stato di necessità, i sanitari dovranno coinvolgere il Giudice Tutelare o il Magistrato di turno presso il Tribunale. Dott.ssa Alessandra Piras

32 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Pericolo immediato per comportamenti violenti auto-etero diretti in malattia mentale, tali da comportare immediato pericolo. Richiama lo stato di necessità. Il sanitario ha lobbligo di intervento ma non di risultato; tuttavia, trattandosi di espressioni sintomatologiche di una malattia mentale, ha il dovere di prevenirli dando corso alle cure necessarie. Dott.ssa Alessandra Piras

33 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Pericolo immediato per comportamenti violenti auto-etero diretti in malattia mentale, tali da comportare immediato pericolo. Ci si rivolgerà alla Forza pubblica per il sostegno allopera di soccorso, oltre che per leventuale prevenzione/repressione del reato. In alcuni casi lintervento sanitario potrà essere attuato solo dopo lintervento della Polizia locale e/o delle Forze dellOrdine, a cui spetta la repressione dei comportamenti violenti, al fine di garantire lincolumità del personale sanitario. Dott.ssa Alessandra Piras

34 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Pericolo immediato per comportamenti violenti auto-etero diretti in malattia mentale, tali da comportare immediato pericolo. Potranno essere utilizzati metodi coercitivi al fine di trattenere la persona e consentire una valutazione medica, che potrà essere compiuta nei seguenti modi: Dott.ssa Alessandra Piras

35 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) -Accompagnamento della persona in forma coattiva, direttamente dalle Forze dellOrdine, presso il P.S. o tramite ambulanza del 118, sulla base dello stato di necessità; Dott.ssa Alessandra Piras

36 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) -mediante invio dal MMG o di Continuità Assistenziale o dal 118, al fine di escludere patologie non psichiatriche, seguito da eventuale trasporto al P.S.. La Centrale Operativa del 118 contatterà il C.S.M. o il S.E.R.D. territorialmente competenti (in orari di chiusura dei servizi territoriali il S.P.D.C.) per verificare se lutente è da loro conosciuto e per avviare eventuali interventi specialistici. Dott.ssa Alessandra Piras

37 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Qualora il paziente manifesti comportamenti violenti che mettano a rischio lincolumità di terzi o del personale sanitario, le Forze dell Ordine prestano lassistenza occorrente a reprimere il comportamento e a consentire lerogazione delle cure, in condizioni di sicurezza. Lintervento delle Forze dellOrdine costituisce unsostegno allopera di soccorso anche per la sola realizzazione degli interventi diagnostico-clinici. Talvolta, lintervento delle Forze dellOrdine può anche consistere nellaccompagnamento coattivo al P.S. e lassistenza prestata deve essere garantita sino allavvenuta effettuazione degli interventi atti a gestire la situazione, in P.S. e/o in S.P.D.C. Dott.ssa Alessandra Piras

38 Trattamento senza consenso per i minori MINOREGENITORI A AssensoConsenso Si procede direttamente B AssensoRifiuto da parte di uno o di entrambi Tribunale dei Minori C RifiutoRifiuto da parte di uno o di entrambi Tribunale dei Minori A.S.O./T.S.O. D RifiutoConsenso, situazione ambientale adeguata e collaborante A.S.O./T.S.O. E RifiutoConsenso, situazione ambientale di pregiudizio per la salute del minore Tribunale dei Minori Dott.ssa Alessandra Piras

39 Interventi Sanitari che non necessitano di T. S.O. (pur limitando, per motivi di salute, la libertà personale) Trattamento Sanitario Obbligatorio con Interdetti Linformazione e il consenso sono compiti del tutore, che assumerà le decisioni per la persona sotto tutela. Il rifiuto attivo del soggetto rispetto alle cure, potrà rendere necessario il coinvolgimento diretto del Giudice Tutelare. Dott.ssa Alessandra Piras

40 Trattamento Sanitario Obbligatorio nei Disturbi del Comportamento Alimentare Controversie sotto il profilo etico, legale e clinico. Alcuni sostengono che nellanoressia nervosa il motivo urgente dellospedalizzazione derivi non da motivi psichiatrici, ma dalla compromissione fisica che richiede un trattamento di carattere medico con rialimentazione forzata. In essa però il rifiuto del trattamento di malattia fisica può essere sintomo di malattia psichiatrica. Dott.ssa Alessandra Piras

41 Modalità di redazione delle Certificazioni Proposta di T.S.O. da parte del medico Solo dopo verifica diretta e personale da parte di un medico abilitato alla professione Generalità del medico proponente che ne rendano possibile la rapida rintracciabilità Generalità del paziente Proposta motivata, riportante notizie cliniche relative al paziente, elementi diagnostici e e condizioni e circostanze attuali che rendono necessario il provvedimento e che soddisfino i 3 requisiti di legge. Data e ora Timbro e Firma leggibili Dott.ssa Alessandra Piras

42 Modalità di redazione delle Certificazioni Convalida di T.S.O. da parte del medico Solo dopo verifica diretta e personale da parte di un medico del SSN (meglio ma non necessariamente lo psichiatra territoriale) Generalità del medico e servizio di appartenenza Richiamo e conferma integrale di quanto contenuto nella proposta Servizio psichiatrico di Diagnosi e Cura in cui effettuare il T.S.O. Data e ora Timbro e Firma leggibili Permesso luso di moduli prestampati che lascino sufficiente spazio alla descrizione delle condizioni cliniche Dott.ssa Alessandra Piras

43 Modalità di redazione delle Certificazioni I certificati vanno redatti in triplice copia, firmati in calce, consegnati alla Polizia locale direttamente da operatori sanitari. Il personale della Polizia Locale ritira, presso le strutture sanitarie,la proposta e la convalida e le recapita al sindaco del Comune dove si trova il paziente, per lemissione dellordinanza.. Dott.ssa Alessandra Piras

44 Modalità di redazione delle Certificazioni Lordinanza del Sindaco è il primo atto in cui si estrinseca il procedimento di intervento obbligatorio e in nessun caso possono essere demandati ad altri organi gli adempimenti amministrativi propri dellAutorità sanitaria locale. In tal senso è necessaria lattivazione, da parte di ogni Comune, di una reperibilità del Sindaco o degli Assessori alluopo delegati alla firma, al fine di rendere esecutiva, in tempi brevi e nei modi corretti, lordinanza. Dott.ssa Alessandra Piras

45 Durata della validità delle certificazioni e delle ordinanze - Il Sindaco ha 48 ore di tempo, dal momento della convalida, per emanare ( o motivare la non emanazione della stessa) lordinanza di T.S.O. -entro 48 ore dal ricovero, lordinanza deve essere notificata, tramite messo comunale al Giudice Tutelare -Il certificato di ricovero deve essere depositato, entro lo stesso termine, presso la cancelleria del Giudice Tutelare. Dott.ssa Alessandra Piras

46 Modalità di esecuzione del procedimento di T.S.O. - in seguito allemissione lordinanza deve essere eseguita immediatamente e comunque non oltre le 48 ore. Nel caso il paziente sia irreperibile, trascorso tale termine, si dovrà eventualmente attivare una nuova procedura -dal momento del ricovero, iniziano a decorrere i 7 giorni di durata del trattamento e le 48 ore per dare comunicazione al Giudice Tutelare, ai fini della convalida -Il Giudice Tutelare ha 48 ore per convalidare o meno il T.S.O.. Nel caso di mancata convalida da parte del G.T., il Sindaco dispone limmediata cessazione del trattamento stesso Dott.ssa Alessandra Piras

47 Modalità di esecuzione del procedimento di T.S.O. -in caso di allontanamento del paziente dal reparto, ne viene data immediata comunicazione alla Forza Pubblica, affinché il paziente possa essere da questa reperito e ricondotto in S.P.D.C. -Qualora il paziente sia irreperibile, il responsabile del S.P.D.C. ne dà comunicazione al Sindaco, specificando che il T.S.O. deve considerarsi revocato per impossibilità a proseguirlo. -Leffettuazione di un nuovo ricovero in S.P.D.C. richiede che venga nuovamente avviata la procedura di T.S.O. Dott.ssa Alessandra Piras

48 Accertamenti Sanitari Obbligatori LA.S.O. è il semplice accertamento (attività a carattere diagnostico finalizzato alla valutazione dello stato mentale del soggetto e delleventuale idonea terapia), effettuato in regime di obbligatorietà solo quando il paziente - a causa e in conseguenza dei disturbi psichici in lui in atto - rifiuta, impedisce laccesso alla sua persona. Dott.ssa Alessandra Piras

49 Accertamenti Sanitari Obbligatori Va eseguito dietro Ordinanza del Sindaco su motivata certificazione medica di proposta e può essere effettuato al domicilio del paziente, in un servizio territoriale, al P.S. di un ospedale o anche nellambulatorio del medico di Medicina generale. Non può avvenire in strutture riservate alla degenza ospedaliera. La Polizia Municipale o le altre Forze dellOrdine renderanno accessibile il paziente per laccertamento. Dott.ssa Alessandra Piras

50 Accertamenti Sanitari Obbligatori Nell Ordinanza del Sindaco deve essere specificato dove si intende effettuare lA.S.O. e la sua esecuzione deve essere immediata o comunque, non oltre le 48 ore, termine oltre il quale dovrà essere eventualmente riformulato il certificato di proposta Dott.ssa Alessandra Piras

51 Accertamenti Sanitari Obbligatori Come per il T.S.O., le procedure relative allacquisizione della documentazione da parte del Comune, la notifica e lesecuzione dellordinanza, sono di esclusiva competenza della Polizia Locale, salvo lulteriore coinvolgimento, da parte di questa, della forza pubblica. La P.L. può richiedere lambulanza del 118 per laccompagnamento. E importante un adeguato coinvolgimento dei familiari Dott.ssa Alessandra Piras

52 Accertamenti Sanitari Obbligatori Procedura : -proposta dei familiari o altri segnalanti, con richiesta scritta, previa assunzione di responsabilità da parte degli stessi. -1° valutazione da parte del medico di medicina generale, che ricerca contatto col paziente, anche attraverso visita domiciliare -Coinvolgimento del C.S.M. o del S.E.R.D., con cui congiuntamente il M.M.G. effettuerà un tentativo di accesso. Dott.ssa Alessandra Piras

53 Accertamenti Sanitari Obbligatori Procedura : In caso di comprovata non rintracciabilità della persona è possibile dar corso alla proposta che, di norma, dovrà avvenire su iniziativa di uno psichiatra dei servizi territoriali. In orario di chiusura dei C.S.M. o dei S.E.R.D. saranno attivi i Medici di Continuità Assistenziale, che potranno consultarsi con il medico di guardia o di pronta disponibilità del S.P.D.C. Dott.ssa Alessandra Piras

54 Conclusioni Aristotele ( a.C.) (Etica a Nicomaco, Libro II) Nel campo delle azioni e di ciò che è utile non cè nulla di stabile, come nel campo della salute. Non cè infatti una legge generale per i casi particolari, perché essi non rientrano in nessuna conoscenza tecnica e in nessuna regola fissa, ma spetta sempre a chi agisce tener conto di ciò che è opportuno, come avviene nellarte della medicina. Dott.ssa Alessandra Piras

55 GRAZIE per lattenzione Dott.ssa Alessandra Piras


Scaricare ppt "10° Convegno Regionale di Polizia Locale 4-5-6 Giugno 2012 Domus De Maria (CA) Chia Laguna Resort Dott.ssa Alessandra Piras."

Presentazioni simili


Annunci Google