La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 1 Una proposta di piattaforma DRM sperimentale per digital media F. Chiariglione (CEDEO.net),

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 1 Una proposta di piattaforma DRM sperimentale per digital media F. Chiariglione (CEDEO.net),"— Transcript della presentazione:

1 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 1 Una proposta di piattaforma DRM sperimentale per digital media F. Chiariglione (CEDEO.net), M. Cosenza (Sinapsi) Proposta a Digital Media in Italia – Milano, 2007/06/04

2 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 2 Che cosè questa proposta Un documento in risposta a Richiesta di piattaforme di Digital Rights Management (DRM) e pagamento elettronicoRichiesta di piattaforme di Digital Rights Management (DRM) e pagamento elettronico Il documento propone luso della piattaforma Open Source Chillout del Digital Media Project (DMP) –Cè –È ricca di funzionalità usabili per sperimentazione –Ha una discreta comunità internazionale (CN, DE, IT, JP, KR, PT) Il DMP è unassociazione senza scopo di lucro fondata a Ginevra a dicembre 2003 con lobiettivo –...to promote continuing successful development, deployment and use of Digital Media that respect the rights of creators and rights holders to exploit their works, the wish of end users to fully enjoy the benefits of Digital Media and the interests of various value-chain players to provide products and services…

3 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 3 Le specifiche DMP La Interoperable DRM Platform (IDP) è un insieme di Tool che realizzano 3 classi differenti di funzionalità Rappresentazione dellinformazione –Ha il compito di generare, analizzare e modificare le strutture dati necessarie per la gestione dei Contenuti –La più importante è il Digital Item chiamato dal DMP Digital Content Information (DCI) Protocolli –Hanno la funzione di gestire lo scambio di dati (ad esempio DCI) e l'interazione fra i Dispositivi Package –Gestiscono le operazioni di impacchettamento di Risorse, DCI ed eventuali altri medatati, in unità adatte al trasferimento come file o come stream

4 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 4 Grandezze rappresentate Represent Content Represent Metadata Represent DCI Signature Represent DCI Hash Represent Identifier Represent Resource Represent DRM Information Represent DRM Tool Represent DRM Tool Body Represent Rights Data (RRD) Represent License Represent Key Represent Device Information Represent Domain Represent Use Data

5 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 5 Represent Metadata Represent Identifier Represent DRM Information Represent License Represent Key Body Represent DRM Tool Represent Key Represent Key Body Represent DRM Tool Body Represent Device Information Represent Resource Represent Identifier Represent Metadata Represent Domain Context for Content Esempio di struttura dati (DCI) Un Contenuto è composto da –Una o più Risorse –Un insieme di metadati ad esse relativi –Unampia tipologia di dati per le necessità del sistema (licenze, chiavi ecc.) –L'Identificativo del Contenuto

6 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 6 I protocolli di comunicazione Protocols to Identify Entities –Utilizzati per assegnare Identificativi ad unEntità, ad esempio un DCI o un Dispositivo Protocols to Authenticate Entities –Utilizzati per verificare che unEntità è quella che il suo Identificativo dice di essere Protocols to Manage Domain –Utilizzati per gestire Domini, cioè gruppi di Dispositivi allinterno dei quali i Contenuti possono essere liberamente scambiati Resource Processor – DRM Processor Protocol –Utilizzato per far parlare due componenti di un Dispositivo dutente Protocols to Manage DRM Tools –Utilizzati per gestire blocchi di codice che realizzano opportune funzionalità DRM

7 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 7 I protocolli di trasporto Servono per spostare un DCI tra Dispositivi, e.g. un DCI da un server di Contenuti ad un Dispositivo dutente –Per spostare un DCI tra Dispositivi in modalità up/download si usa lMPEG-21 File Format ed il risultato si chiama DMP Content Format (DCF) –Per spostare un DCI tra Dispositivi in modalità streaming, si usa lMPEG-21 Digital Item Streaming ed il risultato si chiama DMP Content Streaming (DCS)

8 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 8 Dispositivi in una Catena del Valore Content Creation Device End-User Device (SAV) End-User Device (SAV) PAV eXternal Device Content Identific. Device Content Provider Device License Provider Device Domain Mgmt Device DRM Tool Provider Device Identific. Device License Identific. Device DRM Tool Identific. Device Domain Identific. Device End-User Device (PAV) Non-DMP device 17

9 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 9 End-User Device End-User Device Portable End-User Device End-User Device Domain Management Device Network USerUSer USerUSer USerUSer PXD License Provider Device User Le funzionalità di un Dominio

10 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 10 Chillout® il software di riferimento del DMP Un insieme di librerie Java Esposte come web services Organizzate come –Core library: realizza le specifiche IDP –Auxiliary library: incapsula alcune funzionalità –Applications: un insieme di applicazioni (Dispositivi, …) Java platform Applications Core library Auxiliary library

11 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 11 Larchitettura del software Tutti i Dispositivi sono dotati della Core library I Dispositivi possono essere dotati di Auxiliary Library per facilitare lo sviluppo di applicazioni Ogni Applicazione è costituita da codice che è tipicamente specifico del Dispositivo Chillout è attualmente in Java (su Win, Mac, Linux) –Luso di un ambiente non ha impatti sullinteroperabilità –La comunicazione tra dispositivi è attuata mediante protocolli realizzati in WSDL ed è del tutto agnostica allambiente

12 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 12 I Dispositivi disponibili CCD (Content Creation Device) –Per creare i DCI e DCF/DCS. CID (Content Identification Device) –Per ottenere un Identificativo per un DCI creato CPD (Content Provider Device) –Per caricare da CCD e offrire Contenuti alle SAV come stream (RTP o MPEG-2 TS) o come file mediante download LPD (License Provider Device) –Per caricare da CCD e offrire Licenze alle SAV per luso dei Contenuti SAV (Stationary Audio Video device) –Per riprodurre audio-video da DCF o DCS DMD (Domain Management Device) –Per gestire i Domini, in particolare per luso di un Contenuto a tutti i membri di un dominio dando una Domain Membership License che contiene anche la Domain Key

13 2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 13 Un esempio di catena del valore Content Provider Device Domain Management Device License Provider Device IPMP Tool Provider Device Content Creation Device End User Device


Scaricare ppt "2007/05/04Una piattaforma DRM sperimentale per digital media 1 Una proposta di piattaforma DRM sperimentale per digital media F. Chiariglione (CEDEO.net),"

Presentazioni simili


Annunci Google