La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Appello al pubblico risparmio. Nozioni preliminari La disciplina dellappello al pubblico risparmio è contenuta nella Parte IV, Disciplina degli emittenti,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Appello al pubblico risparmio. Nozioni preliminari La disciplina dellappello al pubblico risparmio è contenuta nella Parte IV, Disciplina degli emittenti,"— Transcript della presentazione:

1 Appello al pubblico risparmio

2 Nozioni preliminari La disciplina dellappello al pubblico risparmio è contenuta nella Parte IV, Disciplina degli emittenti, Titolo II, del Tuf. Prima di esaminarne ol contenuto, è opportuno precisare il significato di alcune nozioni preliminari che si riferiscono ad espressioni utilizzate nellambito di detta disciplina. Come al solito, tali noziono sono ricavabili dallart. 1 del Tuf.

3 Nozioni preliminari t) "offerta al pubblico di prodotti finanziari": ogni comunicazione rivolta a persone, in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo, che presenti sufficienti informazioni sulle condizioni dellofferta e dei prodotti finanziari offerti così da mettere un investitore in grado di decidere di acquistare o di sottoscrivere tali prodotti finanziari, incluso il collocamento tramite soggetti abilitati;

4 Nozioni preliminari v) "offerta pubblica di acquisto o di scambio": ogni offerta, invito a offrire o messaggio promozionale, in qualsiasi forma effettuati, finalizzati all'acquisto o allo scambio di prodotti finanziari e rivolti a un numero di soggetti e di ammontare complessivo superiori a quelli indicati nel regolamento previsto dall'articolo 100, comma 1, lettere b) e c); non costituisce offerta pubblica di acquisto o di scambio quella avente a oggetto titoli emessi dalle banche centrali degli Stati comunitari;

5 Nozioni preliminari u) "prodotti finanziari": gli strumenti finanziari e ogni altra forma di investimento di natura finanziaria; non costituiscono prodotti finanziari i depositi bancari o postali non rappresentati da strumenti finanziari

6 Nozioni preliminari w-bis) "prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione": le polizze e le operazioni di cui ai rami vita III e V di cui allarticolo 2, comma 1, del d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209 (codice delle assicurazioni), con esclusione delle forme pensionistiche individuali di cui allarticolo 13, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 25. In pratica sono da considerarsi prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione le polizze unit e index linked e V i contratti di capitalizzazione

7 Nozioni preliminari Art. 1, w-quater) "emittenti quotati aventi l'Italia come Stato membro d'origine": 1) le emittenti azioni ammesse alle negoziazioni in mercati regolamentati italiani o di altro Stato membro della Comunità europea, aventi sede in Italia; 2) gli emittenti titoli di debito di valore nominale unitario inferiore ad euro mille, o valore corrispondente in valuta diversa, ammessi alle negoziazioni in mercati regolamentati italiani o di altro Stato membro della Comunità europea, aventi sede in Italia;

8 Nozioni preliminari Segue: Art. 1, w-quater) "emittenti quotati aventi l'Italia come Stato membro d'origine": 3) gli emittenti valori mobiliari di cui ai numeri 1) e 2), aventi sede in uno Stato non appartenente alla Comunità europea, per i quali la prima domanda di ammissione alle negoziazioni in un mercato regolamentato della Comunità europea è stata presentata in Italia o che hanno successivamente scelto l'Italia come Stato membro d'origine quando tale prima domanda di ammissione non è stata effettuata in base a una propria scelta; 4) gli emittenti valori mobiliari diversi da quelli di cui ai numeri 1) e 2), aventi sede in Italia o i cui valori mobiliari sono ammessi alle negoziazioni in un mercato regolamentato italiano, che hanno scelto l'Italia come Stato membro d'origine. L'emittente può scegliere un solo Stato membro come Stato membro d'origine. La scelta resta valida per almeno tre anni, salvo il caso in cui i valori mobiliari dell'emittente non sono più ammessi alla negoziazione in alcun mercato regolamentato della Comunità euro

9 Principi generali Fra le disposizioni generali della disciplina degli emittenti (Parte IV del Tuf), va anzitutto sottolineato l art. 91 (Poteri della Consob): La Consob esercita i poteri previsti dalla presente parte avendo riguardo alla tutela degli investitori nonché all'efficienza e alla trasparenza del mercato del controllo societario e del mercato dei capitali.

10 Principi generali Parità di trattamento Altro importante principio, che si applica anche nellambito della disciplina dellappello al pubblico risparmio (OPSV e OPA e/o S), è quello enunciato allart. 92 (Parità di trattamento): - Gli emittenti quotati e gli emittenti quotati aventi l'Italia come Stato membro d'origine: –a) assicurano il medesimo trattamento a tutti i portatori degli strumenti finanziari quotati che si trovino in identiche condizioni. –b) garantiscono a tutti i portatori degli strumenti finanziari quotati gli strumenti e le informazioni necessari per l'esercizio dei loro diritti. La Consob detta con regolamento, in conformità alla normativa comunitaria, disposizioni di attuazione del comma 2, prevedendo anche la possibilità dell'utilizzo di mezzi elettronici per la trasmissione delle informazioni.

11 Principi generali Definizione di controllo Altra nozione preliminare indispensabile. Nellambito della disciplina degli emittenti, è quella di cui allart. Art. 93 (Definizione di controllo): 1. Nella presente parte sono considerate imprese controllate, oltre a quelle indicate nell'articolo 2359, primo comma, numeri 1 e 2, del codice civile, anche: a) le imprese, italiane o estere, su cui un soggetto ha il diritto, in virtù di un contratto o di una clausola statutaria, di esercitare un'influenza dominante, quando la legge applicabile consenta tali contratti o clausole; b) le imprese, italiane o estere, su cui un socio, in base ad accordi con altri soci, dispone da solo di voti sufficienti a esercitare un'influenza dominante nell'assemblea ordinaria. 2. Ai fini del comma 1 si considerano anche i diritti spettanti a società controllate o esercitati per il tramite di fiduciari o di interposte persone; non si considerano quelli spettanti per conto di terzi.

12 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV): Strumenti finanziari comunitari Prima di esaminare gli aspetti rilevanti della disciplina delle OPSV, occorre tenere presente alcune definizioni. a) Anzitutto, quella di Strumenti finanziari comunitari. Sono tali (Art. 93-bis, Tuf): i valori mobiliari e le quote di fondi chiusi; Altre definizioni utili sono le seguenti: b) "titoli di capitale": le azioni e altri strumenti negoziabili equivalenti ad azioni di società nonché qualsiasi altro tipo di strumento finanziario comunitario negoziabile che attribuisca il diritto di acquisire i summenzionati strumenti mediante conversione o esercizio di diritti che essi conferiscono, purché gli strumenti di questultimo tipo siano emessi dall'emittente delle azioni sottostanti o da un'entità appartenente al gruppo di detto emittente;

13 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) c) "strumenti diversi dai titoli di capitale": tutti gli strumenti finanziari comunitari che non sono titoli di capitale; d) quote o azioni di OICR aperti: le quote di un fondo comune di investimento di tipo aperto e le azioni di una società di investimento a capitale variabile; e) "responsabile del collocamento": il soggetto che organizza e costituisce il consorzio di collocamento, il coordinatore del collocamento o il collocatore unico;

14 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Per tutti gli emittenti comunitari di strumenti finanziari comunitari, salvo deroghe che non diciamo, lo Stato membro dorigine è lo Stato membro della UE in cui l'emittente ha la sua sede sociale.

15 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Prospetto d'offerta (art. 94 Tuf) Coloro che intendono effettuare un'offerta al pubblico pubblicano preventivamente un prospetto. A tal fine, per le offerte aventi ad oggetto strumenti finanziari comunitari nelle quali l'Italia è Stato membro d'origine e per le offerte aventi ad oggetto prodotti finanziari diversi dagli strumenti finanziari comunitari, ne danno preventiva comunicazione alla Consob allegando il prospetto destinato alla pubblicazione. Il prospetto non può essere pubblicato finché non è approvato dalla Consob.

16 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue: Prospetto d'offerta (art. 94 Tuf) Il prospetto contiene, in una forma facilmente analizzabile e comprensibile, tutte le informazioni che, a seconda delle caratteristiche dell'emittente e dei prodotti finanziari offerti, sono necessarie affinché gli investitori possano pervenire ad un fondato giudizio sulla situazione patrimoniale e finanziaria, sui risultati economici e sulle prospettive dell'emittente e degli eventuali garanti, nonché sui prodotti finanziari e sui relativi diritti. Il prospetto contiene altresì una nota di sintesi recante i rischi e le caratteristiche essenziali dellofferta.

17 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue: Prospetto d'offerta (art. 94 Tuf) Se è necessario per la tutela degli investitori, la Consob può esigere che lemittente o lofferente includa nel prospetto informazioni supplementari. Se l'offerta ha ad oggetto prodotti finanziari diversi dagli strumenti finanziari comunitari il cui prospetto ha un contenuto diverso da quello disciplinato dalla Consob ao semso della normativa comunitaria, la Consob stabilisce, su richiesta dell'emittente o dell'offerente, il contenuto del prospetto. Qualunque fatto nuovo significativo, errore materiale o imprecisione relativi alle informazioni contenute nel prospetto che sia atto ad influire sulla valutazione dei prodotti finanziari e che sopravvenga o sia rilevato tra il momento in cui è approvato il prospetto e quello in cui è definitivamente chiusa l'offerta al pubblico deve essere menzionato in un supplemento del prospetto.

18 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Responsabilità (a rt. 94 Tuf) L'emittente, l'offerente e l'eventuale garante, a seconda dei casi, nonché le persone responsabili delle informazioni contenute nel prospetto rispondono, ciascuno in relazione alle parti di propria competenza, dei danni subiti dallinvestitore che abbia fatto ragionevole affidamento sulla veridicità e completezza delle informazioni contenute nel prospetto, a meno che non provi di aver adottato ogni diligenza allo scopo di assicurare che le informazioni in questione fossero conformi ai fatti e non presentassero omissioni tali da alterarne il senso. La responsabilità per informazioni false o per omissioni idonee ad influenzare le decisioni di un investitore ragionevole grava sull'intermediario responsabile del collocamento, a meno che non provi di aver adottato la diligenza prevista dal comma precedente.

19 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue. Responsabilità (a rt. 94 Tuf) Nessuno può essere chiamato a rispondere esclusivamente in base alla nota di sintesi, comprese le eventuali traduzioni, a meno che la nota di sintesi possa risultare fuorviante, imprecisa o incoerente se letta insieme ad altre parti del prospetto. Le azioni risarcitorie sono esercitate entro cinque anni dalla pubblicazione del prospetto, salvo che linvestitore provi di avere scoperto le falsità delle informazioni o le omissioni nei due anni precedenti lesercizio dellazione.

20 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Approvazione del prospetto (art. 94-bis Tuf) Ai fini dell'approvazione, la Consob verifica la completezza del prospetto ivi incluse la coerenza e la comprensibilità delle informazioni fornite. La Consob approva il prospetto nei termini da essa stabiliti con regolamento conformemente alle disposizioni comunitarie. La mancata decisione da parte della Consob nei termini previsti non costituisce approvazione del prospetto

21 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Il prospetto è approvato entro dieci giorni lavorativi dalla data della comunicazione se lofferta ha ad oggetto valori mobiliari emessi da un emittente che ha già valori mobiliari ammessi alle negoziazioni in un mercato regolamentato ovvero che ha già offerto valori mobiliari al pubblico. Il termine è esteso a venti giorni lavorativi se lofferta ha ad oggetto prodotti finanziari (esclusi le quote di OICR e i prodotti assicurativi finanziari) diversi da quelli indicati sopra.

22 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Alla Consob spetta il compito di dettare con regolamento (v. regolamento emittenti n /1999) disposizioni di attuazione in materia di prospetto differenziate in relazione alle caratteristiche dei prodotti finanziari, degli emittenti e dei mercati.

23 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Bilanci dellemittente (art. 96 Tuf) L'ultimo bilancio e il bilancio consolidato eventualmente redatto dall'emittente sono corredati delle relazioni di revisione nelle quali un revisore legale o una società di revisione legale iscritti nel registro tenuto dal Ministero dell'economia e delle finanze esprimono il proprio giudizio. L'offerta avente ad oggetto prodotti finanziari diversi dagli strumenti finanziari comunitari non può essere effettuata se il revisore legale o la società di revisione legale hanno espresso un giudizio negativo ovvero si sono dichiarati impossibilitati ad esprimere un giudizio.

24 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Validità comunitaria del prospetto (art. 98 Tuf) Il prospetto nonché gli eventuali supplementi approvati dalla Consob sono validi ai fini dell'offerta degli strumenti finanziari comunitari negli altri Stati membri della UE. A tal fine la Consob effettua la notifica secondo la procedura prevista dalle disposizioni comunitarie. Ove l'offerta di strumenti finanziari comunitari sia prevista in Italia, quale Stato membro ospitante, il prospetto e gli eventuali supplementi approvati dall'autorità dello Stato membro d'origine possono essere pubblicati in Italia, purché siano rispettate le procedure di notifica previste dalle disposizioni comunitarie.

25 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Poteri della Consob (art. 99 Tuf) La Consob può: a) sospendere in via cautelare, per un periodo non superiore a dieci giorni lavorativi consecutivi per ciascuna volta, l'offerta avente ad oggetto strumenti finanziari comunitari, in caso di fondato sospetto di violazione delle disposizioni del presente Capo o delle relative norme di attuazione; b) sospendere in via cautelare, per un periodo non superiore a novanta giorni, l'offerta avente ad oggetto prodotti diversi da quelli di cui alla lettera a), in caso di fondato sospetto di violazione delle disposizioni del presente Capo o delle relative norme di attuazione;

26 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue: Poteri della Consob f) fermo restando il potere previsto nell'articolo 64, comma 1- bis, lettera c) (potere di vietare lammissione alla negoziazione e di sospendere dalle negoziazioni in un mercato regolamentato), può chiedere alla società di gestione del mercato la sospensione in via cautelare, per un periodo non superiore a dieci giorni lavorativi consecutivi per ciascuna volta, delle negoziazioni in un mercato regolamentato in caso di fondato sospetto di violazione delle disposizioni del Tuf sullOPV e delle relative norme di attuazione; g) fermo restando il potere previsto nell'articolo 64, comma 1- bis, lettera c), può chiedere alla società di gestione di vietare le negoziazioni in un mercato regolamentato in caso di accertata violazione delle disposizioni del Tuf sullOPV e delle relative norme di attuazione.

27 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Casi di inapplicabilità (art. 100 Tuf) Le disposizioni in materia di OPV non si applicano alle offerte: a) rivolte ai soli investitori qualificati, comprese le persone fisiche e le piccole e medie imprese, come definiti dalla Consob con regolamento in base ai criteri fissati dalle disposizioni comunitarie; b) rivolte a un numero di soggetti non superiore a quello indicato dalla Consob con regolamento (rivolte ad un numero di soggetti inferiore a cento, diversi dagli investitori qualificati); c) di ammontare complessivo non superiore a quello indicato dalla Consob con regolamento: si tratta, tra laltro, delle offerte aventi ad oggetto:

28 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue: Casi di inapplicabilità (art. 100 Tuf) i) prodotti finanziari inclusi in unofferta il cui corrispettivo totale sia inferiore a di euro. A tal fine si considerano unitariamente più offerte aventi ad oggetto il medesimo prodotto effettuate dal medesimo emittente od offerente nellarco di dodici mesi; Ii) aventi ad oggetto prodotti finanziari diversi da quelli indicati nelle lettere f) e g) per un corrispettivo totale di almeno euro per investitore e per ogni offerta separata; Iii) aventi ad oggetto prodotti finanziari diversi dagli OICR e dai prodotti finanziari assicurativi di valore nominale unitario minimo di almeno euro; iv) aventi ad oggetto OICR aperti il cui ammontare minimo di sottoscrizione sia pari ad almeno euro; V) aventi ad oggetto prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione con premio minimo iniziale di almeno euro; Ecc. …

29 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue: Casi di inapplicabilità d) aventi a oggetto strumenti finanziari diversi dai titoli di capitale emessi da o che beneficiano della garanzia incondizionata e irrevocabile di uno Stato membro dell'Unione europea o emesso da organismi internazionali a carattere pubblico di cui facciano parte uno o più Stati membri dell'Unione europea; e) aventi a oggetto strumenti finanziari emessi dalla Banca Centrale Europea o dalle banche centrali nazionali degli Stati membri dell'Unione Europea;

30 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue: Casi di inapplicabilità f) aventi ad oggetto strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche a condizione che tali strumenti: –i) non siano subordinati, convertibili o scambiabili; –ii) non conferiscano il diritto di sottoscrivere o acquisire altri tipi di strumenti finanziari e non siano collegati ad uno strumento derivato; –iii) diano veste materiale al ricevimento di depositi rimborsabili; –iv) siano coperti da un sistema di garanzia dei depositi a norma degli articoli da 96 a 96- quater del decreto legislativo 1° settembre 1993, n 385; g) aventi ad oggetto strumenti del mercato monetario emessi da banche con una scadenza inferiore a 12 mesi.

31 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue: Casi di inapplicabilità La Consob può individuare con regolamento le offerte al pubblico di prodotti finanziari alle quali le disposizioni del presente Capo non si applicano in tutto o in parte. Lemittente o lofferente ha diritto di redigere un prospetto ai sensi e per gli effetti delle disposizioni comunitarie in occasione dellofferta degli strumenti di cui alle lettere c), d) ed e).

32 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Circolazione dei prodotti finanziari (art. 100-bis Tuf) La successiva rivendita di prodotti finanziari che hanno costituito oggetto di unofferta al pubblico esente dall'obbligo di pubblicare un prospetto costituisce ad ogni effetto una distinta e autonoma offerta al pubblico nel caso in cui ricorrano le condizioni indicate nella definizione prevista all'articolo 1, comma 1, lettera t), e non ricorra alcuno dei casi di inapplicabilità previsti dall'articolo 100. Si realizza una offerta al pubblico anche qualora i prodotti finanziari che abbiano costituito oggetto in Italia o all'estero di un collocamento riservato a investitori qualificati siano, nei dodici mesi successivi, sistematicamente rivenduti a soggetti diversi d investitori qualificati e tale rivendita non ricada in alcuno dei casi di inapplicabilità previsti dall'articolo

33 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Segue: Circolazione dei prodotti finanziari (art. 100-bis Tuf) In tale ipotesi, qualora non sia stato pubblicato un prospetto, l'acquirente, che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale, può far valere la nullità del contratto e i soggetti abilitati presso i quali è avvenuta la rivendita dei prodotti finanziari rispondono del danno arrecato. La disposizione di cui sopra non si applica alla rivendita di titoli di debito emessi da Stati membri dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) con classamento creditizio di qualità bancaria (rating investment grade) assegnato da almeno due primarie agenzie internazionali di classamento creditizio (rating), fermo restando l'esercizio delle altre azioni civili, penali e amministrative previste a tutela del risparmiatore.

34 Offerte pubbliche di sottoscrizione e di vendita (OPSV) Attività pubblicitaria (Art. 10, Tuf La documentazione relativa a qualsiasi tipo di pubblicità concernente un'offerta è trasmessa alla Consob contestualmente alla sua diffusione. Prima della pubblicazione del prospetto è vietata la diffusione di qualsiasi annuncio pubblicitario riguardante offerte al pubblico di prodotti finanziari diversi dagli strumenti finanziari comunitari. La pubblicità è effettuata secondo i criteri stabiliti dalla Consob con regolamento in conformità alle disposizioni comunitarie e, in ogni caso, avendo riguardo alla correttezza dell'informazione e alla sua coerenza con quella contenuta nel prospetto, se è già stato pubblicato, o con quella che deve figurare nel prospetto da pubblicare.

35 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) La disciplina delle OPAoS è contenuta nel Capo II del Titolo II (Appello al pubblico risparmio) della Parte IV (Disciplina degli emittenti) del Tuf (artt. 101-bis – 136). Nella Sezione I di tale Capo sono contenute disposizioni generali, applicabili ad ogni ipotesi di offerta pubblica di acquisto, sia essa volontaria o obbligatori; la Sezione II, invece, è dedicata solamente ai casi di OPA obbligatoria, casi, cioè, in cui la legge obbliga i soggetti che si trovano in determinate situazioni a lanciare lofferta.

36 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Disposizioni generali Obblighi degli offerenti e poteri interdittivi) (art. 102 Tuf) La decisione ovvero il sorgere dell'obbligo di promuovere un'offerta pubblica di acquisto o di scambio sono senza indugio comunicati alla Consob e contestualmente resi pubblici. La Consob stabilisce con regolamento i contenuti e le modalità di pubblicazione della comunicazione. Non appena l'offerta sia stata resa pubblica, il consiglio di amministrazione o di gestione della società emittente (c.d. società target ) e dell'offerente ne informano i rispettivi rappresentanti dei lavoratori o, in mancanza di rappresentanti, i lavoratori stessi.

37 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: Obblighi degli offerenti e poteri interdittivi (Art. 102 Tuf) Salvo quanto previsto dall'articolo 106, comma 2, del Tuf, per il caso di offerta pubblica totalitaria obbligatoria, l'offerente deve promuovere l'offerta tempestivamente, e comunque non oltre venti giorni dalla comunicazione alla Consob, presentando alla Consob stessa il documento d'offerta destinato alla pubblicazione. In caso di mancato rispetto del termine il documento d'offerta è dichiarato irricevibile e l'offerente non può promuovere un'ulteriore offerta avente a oggetto prodotti finanziari del medesimo emittente nei successivi dodici mesi.

38 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: Obblighi degli offerenti e poteri interdittivi (Art. 102 Tuf) Entro quindici giorni dalla presentazione del documento d'offerta, la Consob lo approva se esso è idoneo a consentire ai destinatari di pervenire ad un fondato giudizio sull'offerta. Con l'approvazione la Consob può indicare all'offerente informazioni integrative da fornire, specifiche modalità di pubblicazione del documento d'offerta nonché particolari garanzie da prestare. Il termine è di trenta giorni per le offerte aventi ad oggetto o corrispettivo prodotti finanziari non quotati o diffusi tra il pubblico. Qualora si renda necessario richiedere all'offerente informazioni supplementari, tali termini sono sospesi, per una sola volta, fino alla ricezione delle stesse. Tali informazioni sono fornite entro il termine fissato dalla Consob, comunque non superiore a quindici giorni. Nell'ipotesi in cui, per lo svolgimento dell'offerta, la normativa di settore richieda autorizzazioni di altre autorità, la Consob approva il documento d'offerta entro cinque giorni dalla comunicazione delle autorizzazioni stesse. Decorsi i termini di cui al presente comma, il documento d'offerta si considera approvato.

39 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: Obblighi degli offerenti e poteri interdittivi (Art. 102 Tuf) Non appena il documento sia stato reso pubblico, il consiglio di amministrazione o di gestione della società emittente e dell'offerente lo devono trasmettere ai rispettivi rappresentanti dei lavoratori o, in mancanza di rappresentanti, ai lavoratori stessi. In pendenza dell'offerta la Consob può: a) sospenderla in via cautelare, in caso di fondato sospetto di violazione delle disposizioni che regolano lOPA o delle relative norme regolamentari; b) sospenderla, per un termine non superiore a trenta giorni, nel caso intervengano fatti nuovi o non resi noti in precedenza tali da non consentire ai destinatari di pervenire a un fondato giudizio sull'offerta; c) dichiararla decaduta, in caso di accertata violazione delle disposizioni o delle norme indicate nella lettera a).

40 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Svolgimento dell'offerta (Art. 103 Tuf) L'offerta è irrevocabile. Ogni clausola contraria è nulla. L'offerta è rivolta a parità di condizioni a tutti i titolari dei prodotti finanziari che ne formano oggetto. Agli emittenti, agli offerenti, alle persone che agiscono di concerto con essi, nonché agli intermediari incaricati di raccogliere le adesioni si applicano gli articoli 114, commi 5 e 6, e 115 (obblighi di informazione societaria) dalla data della comunicazione prevista dall'articolo 102, comma 1, e fino ad un anno dalla chiusura dell'offerta. Il consiglio di amministrazione dell'emittente diffonde un comunicato contenente ogni dato utile per l'apprezzamento dell'offerta e la propria valutazione sulla medesima. Per le società organizzate secondo il modello dualistico il comunicato, eventualmente congiunto, è approvato dal consiglio di gestione e dal consiglio di sorveglianza.

41 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: Svolgimento dell'offerta (Art. 103 Tuf) Il comunicato contiene altresì una valutazione degli effetti che l'eventuale successo dell'offerta avrà sugli interessi dell'impresa, nonché sull'occupazione e la localizzazione dei siti produttivi. Contestualmente alla sua diffusione, il comunicato è trasmesso ai rappresentanti dei lavoratori della società o, in loro mancanza, ai lavoratori direttamente. Se ricevuto in tempo utile, al comunicato è allegato il parere dei rappresentanti dei lavoratori quanto alle ripercussioni sull'occupazione

42 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) la passivity rule Difese (art. 104 Tuf) Salvo autorizzazione dell'assemblea ordinaria o di quella straordinaria per le delibere di competenza, le società italiane quotate (le società con sede legale nel territorio italiano e con titoli ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato di uno Stato comunitario) i cui titoli sono oggetto dell'offerta si astengono dal compiere atti od operazioni che possono contrastare il conseguimento degli obiettivi dell'offerta. L'obbligo di astensione si applica dalla comunicazione di cui all'articolo 102, comma 1, e fino alla chiusura dell'offerta ovvero fino a quando l'offerta stessa non decada. La mera ricerca di altre offerte non costituisce atto od operazione in contrasto con gli obiettivi dell'offerta. Resta ferma la responsabilità degli amministratori, dei componenti del consiglio di gestione e di sorveglianza e dei direttori generali per gli atti e le operazioni compiuti.

43 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: la passivity rule L'autorizzazione assembleare è richiesta anche per l'attuazione di ogni decisione presa prima dell'inizio del periodo di offerta, che non sia ancora stata attuata in tutto o in parte, che non rientri nel corso normale delle attività della società e la cui attuazione possa contrastare il conseguimento degli obiettivi dell'offerta.

44 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: la passivity rule Gli statuti possono derogare, in tutto o in parte, alle disposizioni sulla passivity rule. Le società comunicano le deroghe approvate alla Consob e alle autorità di vigilanza in materia di offerte pubbliche di acquisto degli Stati membri in cui i loro titoli sono ammessi alla negoziazione su un mercato regolamentato o in cui è stata chiesta tale ammissione. Tali deroghe devono essere altresì tempestivamente comunicate al pubblico.

45 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: la passivity rule L'avviso di convocazione relativo alle assemblee di cui al presente articolo è pubblicato con le modalità di cui all'articolo 125-bis (avviso su internet o altre modalità indicate dal regolamento emittenti della Consob) entro il quindicesimo giorno precedente la data fissata per l'assemblea

46 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) la regola di neutralizzazione (art bis Tuf) Fermo quanto previsto dall'articolo 123, comma 3, sul dirito di recesso di soci che aderiscono a un patto parasociale, gli statuti delle società italiane quotate, diverse dalle società cooperative, possono prevedere che, quando sia promossa un'offerta pubblica di acquisto o di scambio avente ad oggetto i titoli da loro emessi si applichino le seguenti regole: –i) Nel periodo di adesione all'offerta non hanno effetto nei confronti dell'offerente le limitazioni al trasferimento di titoli previste nello statuto né hanno effetto, nelle assemblee chiamate a decidere sugli atti e le operazioni previsti dall'articolo 104, le limitazioni al diritto di voto previste nello statuto o da patti parasociali;

47 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: la regola di neutralizzazione (art. 104-bis Tuf) ii) Quando, a seguito di un'opa, l'offerente venga a detenere almeno il 75% del capitale con diritto di voto nelle deliberazioni riguardanti la nomina o la revoca degli amministratori o dei componenti del consiglio di gestione o di sorveglianza, nella prima assemblea che segue la chiusura dell'offerta, convocata per modificare lo statuto o per revocare o nominare gli amministratori o i componenti del consiglio di gestione o di sorveglianza non hanno effetto: a) le limitazioni al diritto di voto previste nello statuto o da patti parasociali; b) qualsiasi diritto speciale in materia di nomina o revoca degli amministratori o dei componenti del consiglio di gestione o di sorveglianza previsto nello statuto.

48 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Segue: la regola di neutralizzazione (art. 104-bis Tuf) Le disposizioni sopra dette non si applicano alle limitazioni statutarie al diritto di voto attribuito da titoli dotati di privilegi di natura patrimoniale. Qualora l'offerta abbia avuto esito positivo, l'offerente è tenuto a corrispondere un equo indennizzo per l'eventuale pregiudizio patrimoniale subito dai titolari dei diritti che l'applicazione delle disposizioni abbia reso non esercitabili, purché le disposizioni statutarie o contrattuali che costituiscono tali diritti fossero efficaci anteriormente alla comunicazione di cui all'articolo 102, comma 1. La richiesta di indennizzo deve essere presentata all'offerente, a pena di decadenza, entro novanta giorni dalla chiusura dell'offerta ovvero entro novanta giorni dalla data dell'assemblea. In mancanza di accordo, l'ammontare dell'indennizzo eventualmente dovuto è fissato dal giudice in via equitativa, avendo riguardo, tra l'altro, al raffronto tra la media dei prezzi di mercato del titolo nei dodici mesi antecedenti la prima diffusione della notizia dell'offerta e l'andamento dei prezzi successivamente all'esito positivo dell'offerta.

49 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio (OPAoS) Clausola di reciprocità (art. 104-ter Tuf) Le disposizioni di cui all'articolo 104, commi 1 e 1- bis (passivity rule), e, qualora previste negli statuti, le disposizioni di cui all'articolo 104-bis, commi 2 e 3 (neutralizzazione) non si applicano in caso di offerta pubblica promossa da chi non sia soggetto a tali disposizioni ovvero a disposizioni equivalenti, ovvero da una società o ente da questi controllata. In caso di offerta promossa di concerto, è sufficiente che a tali disposizioni non sia soggetto anche uno solo fra gli offerenti.

50 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Le disposizioni sulle opa obbligatorie si applicano alle società italiane con titoli ammessi alla negoziazione in mercati regolamentati italiani. Ai fini dellapplicazione di dette disposizioni, per partecipazione si intende una quota, detenuta anche indirettamente per il tramite di fiduciari o per interposta persona, dei titoli emessi da una società che attribuiscono diritti di voto nelle deliberazioni assembleari riguardanti nomina o revoca degli amministratori o del consiglio di sorveglianza

51 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Offerta pubblica di acquisto totalitaria (art. 106 Tuf) Chiunque, a seguito di acquisti, venga a detenere una partecipazione superiore alla soglia del 30% deve promuovere un'offerta pubblica di acquisto rivolta a tutti i possessori di titoli sulla totalità dei titoli ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato in loro possesso. Per ciascuna categoria di titoli, l'offerta è promossa entro venti giorni a un prezzo non inferiore a quello più elevato pagato dall'offerente e da persone che agiscono di concerto con il medesimo, nei dodici mesi anteriori alla comunicazione di cui all'articolo 102, comma 1, per acquisti di titoli della medesima categoria. Qualora non siano stati effettuati acquisti a titolo oneroso di titoli della medesima categoria nel periodo indicato, l'offerta è promossa per tale categoria di titoli ad un prezzo non inferiore a quello medio ponderato di mercato degli ultimi dodici mesi o del minor periodo disponibile.

52 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Segue: Offerta pubblica di acquisto totalitaria (art. 106 Tuf) Il corrispettivo dell'offerta può essere costituito in tutto o in parte da titoli. Nel caso in cui i titoli offerti quale corrispettivo dell'offerta non siano ammessi alla negoziazione su di un mercato regolamentato in uno Stato comunitario ovvero l'offerente o le persone che agiscono di concerto con questi, abbia acquistato verso un corrispettivo in denaro, nei dodici mesi anteriori alla comunicazione dellofferta e fino alla chiusura dell'offerta, titoli che conferiscono almeno il cinque per cento dei diritti di voto esercitabili nell'assemblea della società i cui titoli sono oggetto di offerta, l'offerente deve proporre ai destinatari dell'offerta, almeno in alternativa al corrispettivo in titoli, un corrispettivo in contanti.

53 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Segue: Offerta pubblica di acquisto totalitaria (art. 106 Tuf) La Consob disciplina con regolamento le ipotesi in cui: –a) la partecipazione superiore al 30% è acquisita mediante l'acquisto di partecipazioni in società il cui patrimonio è prevalentemente costituito da titoli emessi da altra società italiana quotata in mercati regolamentati italiani (c.d. opa a cascata); –b) l'obbligo di offerta consegue ad acquisti superiori al 5% da parte di coloro che già detengono la partecipazione superiore al 30% senza detenere la maggioranza dei diritti di voto nell'assemblea ordinaria; –c) l'offerta, previo provvedimento motivato della Consob, è promossa ad un prezzo inferiore a quello più elevato pagato, fissando i criteri per determinare tale prezzo e purché ricorra una delle seguenti circostanze: 1) i prezzi di mercato siano stati influenzati da eventi eccezionali o vi sia il fondato sospetto che siano stati oggetto di manipolazione; 2) il prezzo più elevato pagato dall'offerente o dalle persone che agiscono di concerto con il medesimo nel periodo di cui al comma 2 sia il prezzo di operazioni di compravendita sui titoli oggetto dell'offerta effettuate a condizioni di mercato e nell'ambito della gestione ordinaria della propria attività caratteristica ovvero sia il prezzo di operazioni di compravendita che avrebbero beneficiato di una delle esenzioni di cui al comma 5;

54 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Segue: Offerta pubblica di acquisto totalitaria (art. 106 Tuf) d) l'offerta, previo provvedimento motivato della Consob, è promossa ad un prezzo superiore a quello più elevato pagato purché ciò sia necessario per la tutela degli investitori e ricorra almeno una delle seguenti circostanze: –1) l'offerente o le persone che agiscono di concerto con il medesimo abbiano pattuito l'acquisto di titoli ad un prezzo più elevato di quello pagato per l'acquisto di titoli della medesima categoria; –2) vi sia stata collusione tra l'offerente o le persone che agiscono di concerto con il medesimo e uno o più venditori; –3) …omissis…; –4) vi sia il fondato sospetto che i prezzi di mercato siano stati oggetto di manipolazione.

55 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Segue: Offerta pubblica di acquisto totalitaria (art. 106 Tuf La Consob stabilisce con regolamento i casi in cui il superamento della partecipazione del 30% non comporta l'obbligo di offerta ove sia realizzato in presenza di uno o più soci che detengono il controllo o sia determinato da: a) operazioni dirette al salvataggio di società in crisi; b) trasferimento dei titoli tra soggetti legati da rilevanti rapporti di partecipazione; c) cause indipendenti dalla volontà dell'acquirente; d) operazioni di carattere temporaneo; e) operazioni di fusione o di scissione; f) acquisti a titolo gratuito.

56 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Offerta pubblica di acquisto preventiva (art. 107 Tuf) Oltre che nei casi sopra indicati, l'obbligo di offerta pubblica non sussiste se la partecipazione viene a essere detenuta a seguito di un'offerta pubblica di acquisto o di scambio avente a oggetto almeno il 60% dei titoli di ciascuna categoria, ove ricorrano congiuntamente le seguenti condizioni: –a) l'offerente e le persone che agiscono di concerto con lui, non abbiano acquistato partecipazioni in misura superiore all'uno per cento, anche mediante contratti a termine con scadenza successiva, nei dodici mesi precedenti la comunicazione alla Consob prevista dall'articolo 102, comma 1, né durante l'offerta; –b) l'efficacia dell'offerta sia stata condizionata all'approvazione di tanti possessori di titoli che possiedano la maggioranza dei titoli stessi, escluse dal computo i titoli detenuti dall'offerente, dal socio di maggioranza, anche relativa, se la sua partecipazione sia superiore al dieci per cento, e dalle persone che agiscono di concerto con lui; –c) la Consob accordi l'esenzione, previa verifica della sussistenza delle condizioni indicate nelle lettere a) e b).

57 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Obbligo di acquisto (opa residuale) (art. 108 Tuf) L'offerente che venga a detenere, a seguito di un'offerta pubblica totalitaria, una partecipazione almeno pari al 95% del capitale rappresentato da titoli in una società italiana quotata ha l'obbligo di acquistare i restanti titoli da chi ne faccia richiesta. Qualora siano emesse più categorie di titoli, l'obbligo sussiste solo per le categorie di titoli per le quali sia stata raggiunta la soglia del 95%.

58 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Segue: Obbligo di acquisto (art. 108 Tuf) Salvo quanto detto, chiunque venga a detenere una partecipazione superiore al 90% del capitale rappresentato da titoli ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato, ha l'obbligo di acquistare i restanti titoli ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato da chi ne faccia richiesta se non ripristina entro novanta giorni un flottante sufficiente ad assicurare il regolare andamento delle negoziazioni. Qualora siano emesse più categorie di titoli, l'obbligo sussiste soltanto in relazione alle categorie di titoli per le quali sia stata raggiunta la soglia del novanta per cento.

59 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Segue: Obbligo di acquisto (art. 108 Tuf) Nei casi in cui le soglie sopra indicate siano raggiunte esclusivamente a seguito di offerta pubblica totalitaria, il corrispettivo è pari a quello dell'offerta pubblica totalitaria precedente, sempre che, in caso di offerta volontaria, l'offerente abbia acquistato a seguito dell'offerta stessa, titoli che rappresentano non meno del novanta per cento del capitale con diritto di voto compreso nell'offerta.

60 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Segue: Obbligo di acquisto (art. 108 Tuf) Al di fuori dei casi sopra ricordati, il corrispettivo è determinato dalla Consob, tenendo conto anche del corrispettivo dell'eventuale offerta precedente o del prezzo di mercato del semestre anteriore all'annuncio dell'offerta effettuato ai sensi dell'articolo 102, comma 1, o dell'articolo 114, ovvero antecedente l'acquisto che ha determinato il sorgere dell'obbligo

61 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Acquisto di concerto (art. 109 Tuf) Sono solidalmente tenuti agli obblighi previsti dagli articoli 106 (opa totalitaria) e 108 (opa residuale) le persone che agiscono di concerto quando vengano a detenere, a seguito di acquisti effettuati anche da uno solo di essi, una partecipazione complessiva superiore alle percentuali indicate nei predetti articoli (30%, 90%, 95%).

62 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Segue: Acquisto di concerto (art. 109 Tuf) In base allart. 101-bis Tuf, commi 4 e 4 bis, per persone che agiscono di concerto si intendono i soggetti che cooperano tra di loro sulla base di un accordo, espresso o tacito, verbale o scritto, ancorché invalido o inefficace, volto ad acquisire, mantenere o rafforzare il controllo della società emittente o a contrastare il conseguimento degli obiettivi di un'offerta pubblica di acquisto o di scambio. Sono, in ogni caso, persone che agiscono di concerto: –a) gli aderenti a un patto, anche nullo, previsto dall'articolo 122, comma 1 e comma 5 lettere a), b), c) e d), del Tuf (patti parasociali); –b) un soggetto, il suo controllante, e le società da esso controllate; –c) le società sottoposte a comune controllo; –d) una società e i suoi amministratori, componenti del consiglio di gestione, o disorveglianza o direttori generali.

63 Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie Diritto di acquisto (art. 111 TUf) L'offerente che venga a detenere a seguito di offerta pubblica totalitaria una partecipazione almeno pari al 95% del capitale rappresentato da titoli in una società italiana quotata ha diritto di acquistare i titoli residui entro tre mesi dalla scadenza del termine per l'accettazione dell'offerta, se ha dichiarato nel documento d'offerta l'intenzione di avvalersi di tale diritto. Qualora siano emesse più categorie di titoli, il diritto di acquisto può essere esercitato soltanto per le categorie di titoli per le quali sia stata raggiunta la soglia del novantacinque per cento. Il corrispettivo e la forma che esso deve assumere sono determinati ai sensi dell'articolo 108, commi 3, 4 e 5 del Tuf per i casi di offerta residuale. Il trasferimento ha efficacia dal momento della comunicazione dell'avvenuto deposito del prezzo di acquisto presso una banca alla società emittente, che provvede alle conseguenti annotazioni nel libro dei soci.


Scaricare ppt "Appello al pubblico risparmio. Nozioni preliminari La disciplina dellappello al pubblico risparmio è contenuta nella Parte IV, Disciplina degli emittenti,"

Presentazioni simili


Annunci Google