La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L evoluzione della fotografia stellare dalla pellicola al CCD Relatore: Enrico Ronchi, responsabile tecnico di Arcturus - La fotografia su pellicola, storia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L evoluzione della fotografia stellare dalla pellicola al CCD Relatore: Enrico Ronchi, responsabile tecnico di Arcturus - La fotografia su pellicola, storia."— Transcript della presentazione:

1 L evoluzione della fotografia stellare dalla pellicola al CCD Relatore: Enrico Ronchi, responsabile tecnico di Arcturus - La fotografia su pellicola, storia - IL CCD, accenni storici - IL CCD, notizie tecniche di base - La fotografia con i CCD, parametri principali - Le webcam, in astronomia, cenni generali - Domande e risposte

2 La fotografia su pellicola - Il pittore Louis Daguerre nel 1824 otteneva una lastra di rame fotosensibile - Ottenne la prima immagine della luna

3 -Lastronomo francese Arago comunicò per la prima volta l invenzione di Daguerre nella Sessione Straordinaria dell' Accademia delle Scienze e delle Belle Arti del 1839.

4 - Arago, indicò chiaramente la maggior parte delle future applicazioni astro- nomiche della fotografia: 1) registrazione fedele e semplice degli aspetti fisici degli astri 2) misura del loro splendore 3) studio spettrale della loro luce

5 - Nel 1840 J.W. Draper aveva ottenuto con il supporto di un telescopio di 13 cm di apertura ed un tempo di posa di 20 minuti, immagini della Luna di 25 mm di diametro.

6 - In quel periodo si ottennero le prime soddisfacenti registrazioni del Sole ( 1842 ), della Luna ( 1840 e 1850 ) e di una eclisse solare totale ( 18 luglio 1851 ).

7 - Nel 1850 con un cannocchiale equa- toriale di 38 cm dell Osservatorio di Harvard, C. Bond, ottenne una serie di dagherrotipi, con posa di 40 secondi circa, in cui l immagine della Luna aveva 12 cm di diametro.

8 - Queste immagini vennero presentate nel 1851 nella Esposizione Universale di Londra suscitando la ammirazione di tutti e rinnovando l'interesse degli astronomi.

9 Dagherrotipo del Sole ottenuto da Fizeau e Foucault il 2 aprile 1845 all Osservatorio di Parigi. Sono visibili le macchie solari e l'assorbimento dei bordi del disco.

10 - Durante l eclisse parziale di Sole del 15 marzo 1858, l Astronomo francese Faye, riuscì ad ottenere un immagine di 14 cm di diametro che mostrava le facole delle macchie marginali.

11 - Nel biennio grazie a J. C. Janssen, Common, Draper, W. Huggins e Gill, si fotografano le grandi comete

12 - Il primo risultato sensazionale di questa nuova epoca fu la scoperta delle nebulose.

13 - Le lastre ottenute all' Osservatorio di Lick tra il 1895 e il 1913 mostrarono circa nebulose, mentre il cata- logo contemporaneo NGC, effettuato visualmente, ne conteneva meno di

14 Le PELLICOLE

15 L'immagine rappresenta M 100, con una lastra fotografica del Monte Palomar. Questo dimostra il salto di qualità della tecnologia ai giorni nostri.

16 Agosto 2003: Fotografia nebulosa Nord America NGC7000 (particolare) obiettivo 300 mm, Dia 400 ASA, esposizione 17 per gentile concessione di Roberto Brugo, socio di Arcturus.

17 IL CCD - Il CCD ( Charge-coupled device, dispositivo ad accoppiamento di carica) è nato presso i laboratori Bell di Murray Hill, New Jersey, nel 1969.

18 Fotografia di un CCD CCD

19 La camera CCD -La zona sensibile del sensore è parago- nabile a quella di un'emulsione fotografica: alla matrice dei pixel corrisponde la grana dell'emulsione.

20 - La dimensione del sensore delle camere CCD è di pochi millimetri qua- drati ( generalmente da un minimo di 4 a 100 ) rispetto agli 864 del campo di una 24 x36.

21 - L immagine, focalizzata sulla matrice del CCD, produrrà in ogni pixel delle cariche proporzionali: 1) allintensità luminosa, 2) al tempo di esposizione 3) alla efficienza quantica

22 - Il processo di integrazione è lineare ed esente dal difetto di reciprocità presente nelle emulsioni fotografiche. - Il rendimento di conversione fotone-elettrone è anche del 60% rispetto al 2-3% dell'emulsione fotografica

23 - Al termine dell'esposizione limmagine astronomica memorizzata nel substrato del sensore sarà disponibile come segnale elettrico, pronto per la digitalizzazione e elaborazione.

24 - I pixel hanno superfici molto piccole, adiacenti, a formare una superficie a scacchiera interamente sensibile alla luce. - Alcuni CCD dotati di anti-blooming laterale presentano una griglia di zone morte, ossia insensibili alla luce, pari al 30% dell' intera superficie del sensore.

25 - I modernissimi CCD ( Interline Transfer Sony ), dotati di un efficientissimo schema di anti-blooming presentano anch essi una piccola zona morta, non superiore pero al 10% dell' intera superficie del sensore. La zona morta è virtualmente eliminata con delle micro lenti.

26 Lorganizzazione interna dei CCD dipende dal tipo di trasferimento delle cariche ed in particolare abbiamo: Interline Transfer Frame Transfer Full Frame Transfer

27 - Vi sono altri importantissimi parametri che contraddistinguono il CCD per luso finale. In particolare bisogna tenere in conside- razione i seguenti fattori: Efficienza Quantica Sensibilità Spettrale Rumore Velocità di trasferimento dei dati

28

29

30 - Per l uso astronomico è richiesta una grande dinamica ed è importante la misura della capacità elettronica per pixel ( Full Well Capacity ) ossia del numero massimo di fotoelettroni che possono stare su di un pixel.

31 - Altro problema, risolvibile tramite una mappa di dark è legata al rumore di fondo. Tale rumore può essere diminuito raffreddando il CCD e diminuisce tipicamente di un fattore due per una diminuzione di 6 gradi di temperatura.

32 Esempio di disturbo causato dal "rumore" del CCD a differenti tempi di esposizione ( sec.), in cui viene mostrata la correzione. Il frame, rappresenta in questo caso la ripresa della galassia spirale M100.

33 Le WEBCAM - Le Webcam sono delle piccole camere CCD nate principalmente per il mondo dell informatica e della sorveglianza. - Sono costruite però con CCD di buona qualità e in genere è possibile apportare delle modifiche per luso astronomico.

34 Le principali modifiche consistono: - Eliminazione dellottica, in genere scadente, e creazione di un opportuno adattatore per linterfaccia diretta con il telescopio. - Eventuale raffreddamento del CCD tramite celle Peltier

35 -Modifiche relative allelettronica per sgan- ciare lotturatore elettronico e gestirlo in modo diretto dal computer. Si ottengono tempi di acquisizione virtualmente limitati solo dal rumore. - Modifiche del software di gestione per recuperare immagini in formato RAW.

36 - Nelle Webcam a colori, sopra al CCD, di per se stesso in BN, è depositato un film contenete filtri RGB. La disposizione di questi microscopici filtri è fatta secondo uno schema preciso, schema di bayer.

37

38 - Nel modo di trasferimento progressivo e realtime mode abbiamo ( per il ICX098AK ):

39 - Nel caso delle Webcam, i dati di luminanza generati dal CCD, vengono elaborati generando tre canali (R,G,B) a 8 bit ciascuno ( Schema di Bayer ). Sapendo che il primo pixel è ad esempio un rosso, sarà gestito dal canale del rosso… La risoluzione dichiarata è quella di TUTTI I PIXEL quindi quella reale è circa 1/3.

40 - I buchi tra un pixel di colore e laltro sono riempiti tramite tecniche di interpolazione pesa- ta e compressione per stare in 8 x 8 x 8 bit (16 milioni di colori, fasulli !) - I pacchetti di bit sono legati anche alla banda passante del sistema (usb –1) - Come migliorare il sistema ?. Non elaborando i dati allinterno della WEBCAM.

41 - Abbiamo allora in uscita un segnale pseudo BN che ha una ampiezza non di 8 bit ma di 10 bit. ( Philips Toucam ). - Otteniamo cosi un immagine BN ad alta dinamica, adatta per le immagini astronomiche. La pseudo immagine così generata (cioè BN con filtro di Bayer) è chiamata formato RAW.

42 12 Gennaio 2004 : M 42 Skymaster 150/1000 CCD ICX098AK 15 [640 x 480] - foto Autore

43 dr. Enrico Ronchi tel: 0185 / -


Scaricare ppt "L evoluzione della fotografia stellare dalla pellicola al CCD Relatore: Enrico Ronchi, responsabile tecnico di Arcturus - La fotografia su pellicola, storia."

Presentazioni simili


Annunci Google