La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Macro-Sistema dellEducazione ORIENTAMENTO e FORMAZIONE ALLIMPRENDITORIALITA dott. Sergio Severino – C.E.U. sociologo delleducazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Macro-Sistema dellEducazione ORIENTAMENTO e FORMAZIONE ALLIMPRENDITORIALITA dott. Sergio Severino – C.E.U. sociologo delleducazione."— Transcript della presentazione:

1 Il Macro-Sistema dellEducazione ORIENTAMENTO e FORMAZIONE ALLIMPRENDITORIALITA dott. Sergio Severino – C.E.U. sociologo delleducazione

2 Istruzione e formazione Strategia metodologicaStrategia metodologica che consente – in riferimento al singolo allievo - di realizzare un percorso formativo coerente e compiuto nel quale si integrano reciprocamente attività formative di aula, di laboratorio ed esperienze svolte nella concreta realtà dellorganizzazione di lavoro e di impresa.

3 autenticaLa formazione è autentica quando le diverse modalità che si alternano vengono a comporre un percorso unico e continuo avente al centro la persona in formazione in riferimento al Profilo educativo, culturale e professionale (PECUP) ed in stretta relazione con il contesto in cui opera la figura professionale di riferimento.

4 Competenza Caratteristica della persona, mediante la quale essa è in grado di affrontare efficacemente unarea di problemi connessi ad un particolare ruolo o funzione. Per tale motivo, sarebbe preferibile parlare di persona competente piuttosto che di competenza. Essa viene dimostrata dalla persona tramite performance rese in un preciso contesto organizzativo di fronte a giudici rappresentati da esponenti del mondo professionale di riferimento. La persona competente è in grado di mobilitare le risorse possedute (capacità, conoscenze, abilità) al fine di condurre ad una sua soluzione un compito-problema.

5 Visione olistica della cultura del lavoro Nelle scienze naturali e sociali si sta affermando sempre di più lattenzione alla totalità contro la povertà dei modello riduzionistici e atomistici. Olismo significa che il tutto è compreso nelle parti e le parti rimandano necessariamente al tutto senza discontinuità tra conoscenze, abilità, capacità e competenze.

6 campo educativo,Ciò comporta, in campo educativo, il superamento del dualismo teoria e pratica e la riduzione dellapprendimento alla sequenza delle unità di conoscenze e abilità disciplinari. campo sociologicoInoltre, in campo sociologico, il paradigma olistico comporta il superamento della concezione atomistica del lavoro che lo riteneva come semplice attività pratica (taylorismo), cui contrappone lidea del lavoro come entità dal carattere pienamente culturale, come pensiero in atto e esperienza sintetica delle diverse parti di cui è composta.

7 Criteri metodologici Centralità dellallievo e del suo successo formativo (non sovrapporre gli obiettivi dei formatori agli obiettivi degli allievi) Atteggiamento dei formatori teso alla progettazione personalizzata (piano formativo, unità di apprendimento, portfolio) Didattica per UdA: gli allievi nel processo di apprendimento procedono per attività che affrontano compiti-problemi e realizzano prodotti, mobilitando le proprie capacità, le conoscenze e le abilità.

8 Unità di apprendimento Struttura di base dellazione formativa. Essa si riferisce a precise persone, in relazione ad uno specifico contesto. Viene elaborata coerentemente con la normativa ed i documenti preparatori – che costituiscono vincoli, criteri e proposte di riferimento, ma non certo dei programmi - a partire dalla lettura del contesto in cui lazione si svolge ovvero i destinatari, le organizzazioni di lavoro coerenti con lambito culturale proprio dellazione formativa, il territorio con le sue risorse ed i suoi vincoli.

9 Situazione di apprendimento Esperienza formativa che il team dei formatori è chiamato a creare e che consente allallievo, nel confronto con problemi di cui coglie il senso, di porsi in modo attivo alla ricerca di una soluzione adeguata, superando gli ostacoli che via via incontra, mobilitando in tal modo un processo di apprendimento autonomo, personale, autentico. La conoscenza passa necessariamente per lazione per poi giungere ad una piena formalizzazione attraverso il linguaggio.

10 Tale metodologia mira a perseguire una visione unitaria della cultura a partire dallesperienza evitando la meccanica trascrizione degli obiettivi generali del processo formativo e degli obiettivi specifici di apprendimento in chiave di didattica disciplinare. Risulta quindi prevalente lattività di laboratorio rispetto a quella di aula.

11 Percorso formativo Capacità della persona Competenze Unità di Appren- dimento Osa Unità di Appren- dimento Unità di Appren- dimento UdA = Unità di apprendimento centrate su compiti reali, utili e dotati di senso OSA = Obiettivi specifici di apprendimento (conoscenze e abilità disciplinari) Osa Il percorso di apprendimento centrato sulla crescita della persona che si confronta con compiti reali, interdisciplinari e disciplinari, per risolvere i quali mobilita le sue risorse (capacità, conoscenze, abilità) al fine di acquisire competenze.

12 Situazioni di apprendimento nellorganizzazione di lavoro Identificazione dellEnte e della sua identità Vision e mission Mappa input-output Modello organizzativo Strategia della comunicazione Strategia della qualità Progettazione Realizzazione Marketing e vendite Servizi

13 Modalità di apprendimento nellorganizzazione di lavoro Osservazione Intervista Lettura e studio dei materiali Affiancamento Applicazione Compito reale Project work

14 Unità di apprendimento Obiettivi formativi Utenti Compiti e prodotti Obiettivi specifici di apprendimento mobilitati (conoscenze e abilità) Personale coinvolto e relativi impegni Strumenti, tempi e metodi Criteri e modalità di valutazione Competenze acquisite (da inserire nel Portfolio)

15 Le Unità di Apprendimento si costruiscono passo passo, secondo le caratteristiche degli allievi, del gruppo classe e del contesto. Sono documentate a posteriori. La raccolta ordinata delle UdA, specificando gli adattamenti imposti dalla individualizzazione, costituisce il Piano formativo personalizzato (PFP).

16 Progettazione Elaborazione del piano formativo di massima (come si intendono perseguire le mete del PECUP) Individuazione dei compiti-problema significativi e pertinenti Costruzione delle UdA specificando gli obiettivi formativi, le conoscenze e abilità mobilitate, le competenze mirate Definizione del presidio del processo di apprendimento (Organismo formativo / Impresa)

17 Valutazione autentica Mira a verificare non solo ciò che un allievo sa, ma ciò che sa fare con ciò che sa fondato su una prestazione reale e adeguata dellapprendimento che risulta così significativo, poiché riflette le esperienze reali ed è legato ad una motivazione personale. Tale valutazione, coinvolgendo gli allievi, le famiglie ed i partner formativi, mira alla dimostrazione delle conoscenze tramite prestazioni concrete, stimolando lallievo ad operare in contesti reali con prodotti capaci di soddisfare precisi obiettivi.

18 Valutazione Autovalutazione Lallievo valuta le proprie capacità, conoscenze abilità e competenze attraverso i prodotti realizzati a seguito delle UdA Valutazione delle competenze Léquipe dei docenti – con il contributo dei tutor dellalternanza - valuta le competenze dimostrate dallallievo nelle UdA affrontate (compresa lautovalutazione), esprimendole in forma narrativa, in riferimento alle mete del Pecup Valutazione delle conoscenze e abilità Ogni docente valuta il raggiungimento degli obiettivi specifici di apprendimento in riferimento alle indicazioni relative alla propria area formativa, indicando le attività che hanno consentito la valutazione

19 Portfolio delle competenze individuali Raccolta significativa dei lavori dellallievo che racconta la storia del suo impegno, del suo progresso o del suo rendimento. Consente di capire la storia della crescita e dello sviluppo di una persona corredandola con materiali che permettono di comprendere che cosa è avvenuto lungo il percorso formativo. La parte essenziale corrisponde al libretto formativo da consegnare alla persona ed agli eventuali interlocutori (sistema educativo, sistema lavorativo e professionale).

20 La struttura del portfolio è concordata nellambito dellOrganismo formativo; esso comprende comunque i seguenti ambiti: AnagraficoComprende i dati personali dellallievo e la sua vicenda formativa e lavorativa (con valore formativo) OrientativoComprende le attività di orientamento svolte, il progetto personale e le eventuali variazioni Formativo e valutativo Comprende le attività formative svolte mettendo in luce in modo particolare i prodotti realizzati CertificativoComprende i documenti di certificazione delle acquisizioni che accompagnano il percorso della persona, con indicazione del valore in termini di credito.

21 Crediti / lavoro Laccreditamento riferito al mondo del lavoro è dato dalla affidabilità dellorganismo formativo dimostrata tramite esperienze di lavoro cooperativo con il mondo delle imprese, da cui è scaturito un giudizio positivo di queste ultime sui singoli docenti e sullIstituto nel suo insieme.

22 Crediti / istruzione e formazione Il credito rappresenta lattestazione del valore di un apprendimento e della sua esigibilità in rapporto ad un percorso formativo finalizzato ad un determinato titolo. Un apprendimento accreditato è esigibile sia come garanzia di non ripetizione dellesperienza formativa sia come risparmio/capitalizzazione del tempo necessario alla sua acquisizione.

23 Modello di gestione dei crediti Domanda di riconoscimento da parte della persona presso un organismo accreditato Bilancio delle competenze e delle risorse (conoscenze, abilità, capacità e progetto personale) Comparazione delle acquisizioni in rapporto al Piano formativo di riferimento (corso, percorso) Individuazione dellarea di acquisizioni da integrare ed effettuazione del LARSA e sua valutazione Riconoscimento formale dei crediti (ed eventualmente dei debiti) ed inserimento del titolare nel corso/percorso.

24 Leducazione e lorientamento (istruzione e formazione)

25 Direttiva n. 487/97 L'orientamento - quale attività istituzionale delle scuole di ogni ordine e grado - costituisce parte integrante dei curricoli di studio e, più in generale, del processo educativo e formativo sin dalla scuola dell'infanzia.

26 Il ruolo dellinformazione

27 Informazione e orientamento Informazione carente ed eccessiva Una definizione dinformazione per ridurre il rumore: –cura del messaggio e caratteristiche del destinatario Il difficile incontro tra domanda e offerta dinformazione

28 Orientamento diacronico formativo Elementi costitutivi del modello: Una condizione di insegnamento e apprendimento che garantisca a ciascuno e a tutti gli allievi un accostamento reale a tutti gli ambiti disciplinari Una rilevazione periodica, lungo tutto larco della formazione …, dellandamento tendenziale dei rapporti reciproci tra sviluppo delle conoscenze (sfera cognitiva) e … sfera emozionale e motivazionale Una conoscenza complessiva del contesto storico-ambientale, culturale, sociale, economico, politico, ecc., del mondo in cui oggi viviamo Da G. Domenici, Manuale dellorientamento e della didattica modulare

29 segue: La promozione di condizioni favorevoli di sviluppo in ciascun allievo di un proprio e autonomo progetto di vita Lofferta di pacchetti informativi su … opportunità formative e di lavoro… oltre che sviluppo di competenze per laccesso alle fonti informative Conoscenza diretta ed esperienze con il mondo del lavoro Una riflessione sui processi di strutturazione delle decisioni..(in contesti simulati e non)

30 Orientamento formativo e scuola Il modello formativo di orientamento implica un profondo ripensamento nella organizzazione didattica della scuola Metodologie di insegnamento e apprendimento, valutazione, rapporti con lesterno….

31 Scuola e mondo del lavoro Attività astratte, decontestualizzate, individuali nella scuola In contrasto con quanto richiesto dal mondo del lavoro Si apre ?

32 ? A chi serve la scuola? A cosa serve la scuola? Una prospettiva di separazione fare – sapere Una prospettiva di integrazione Competenze (c. trasversali)

33 Competenze …..le competenze non coincidono con le abilità, le conoscenze, i saperi che pure devono essere padroneggiati, ma rappresentano essenzialmente le modalità di impiego di quelle abilità, di quelle conoscenze di quei saperi in contesti nuovi - rispetto a quelli che probabilmente caratterizzeranno il processo di formazione -, contesti che possono altrettanto univocamente venir definiti e simulati nelle prove di verifica. da G. DOMENICI, da Progettare e governare l'autonomia scolastica, Tecnodid, 1999, pag. 133

34 ..le competenze si esprimono nella capacità di adottare strutture, piani, schemi di azione capaci di integrare a livello interdisciplinare le conoscenze, formali e informali, teoriche, esperienziali e procedurali possedute per risolvere un problema in un contesto specifico; di adottare, inoltre, un sistema di monitoraggio della validità del programma nel contesto (meta-cognizione) quindi di riadattarlo (meta- valutazione-decisione), costruttivamente, per porre in atto comportamenti adatti al raggiungimento degli scopi… (G.Domenici, 2000)

35 Competenze trasversali Si distinguono dalle competenze di base e quelle tecnico professionali e riguardano: Saper porre e risolvere problemi, lavorare in gruppo, apprendere ad apprendere in generale sono caratterizzate da elementi di riflessività e trasferibilità in ambiti diversi Dimensione metacognitiva…..


Scaricare ppt "Il Macro-Sistema dellEducazione ORIENTAMENTO e FORMAZIONE ALLIMPRENDITORIALITA dott. Sergio Severino – C.E.U. sociologo delleducazione."

Presentazioni simili


Annunci Google