La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La propaganda e la fede. Ogni guerra è giustificata dal linguaggio della comunicazione. Si parla di guerra santa che ha bisogno di una giusta causa cioè

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La propaganda e la fede. Ogni guerra è giustificata dal linguaggio della comunicazione. Si parla di guerra santa che ha bisogno di una giusta causa cioè"— Transcript della presentazione:

1 La propaganda e la fede

2 Ogni guerra è giustificata dal linguaggio della comunicazione. Si parla di guerra santa che ha bisogno di una giusta causa cioè di un fatto reale condannabile dal punto di vista morale È la guerra di un buono contro un cattivocon la demonizzazione del Nemico Si usa la parola guerra meno possibile. Essa diventa missione umanitaria oppure operazione antiterrorismo Si rivela una sola verità al giorno con scarso approfondimento Si omettono gli effetti collaterali ossia il coinvolgimento di civili o i danni ambientali Semplificazione dei fatti e schieramento amico- nemico Si ignora o criminalizza il dissenso Non si deve stancare o impaurire lopinione pubblica facendo scivolare le informazioni di guerra allinterno del giornale nel caso di un conflitto troppo lungo

3 Per indurre un popolo a sostenere il peso economico e sociale di una guerra serve lapprovazione dellopinione pubblica La guerra diventa unamante affascinante con cui trastullarsi

4 La politica estera italiana è fatta oggetto di ironia Si dimentica sempre di dire che lAustria offrì allItalia le terre irredente sotto il suo controllo in cambio della neutralità e che il re rifiutò malgrado lopinione favorevole del Parlamento

5 Manifesto del futurismo "Le Figarò" 20 Febbraio Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità. 2. Il coraggio, l'audacia, la ribellione, saranno elementi essenziali della nostra poesia. 3. La letteratura esaltò fino ad oggi l'immobilità penosa, l'estasi ed il sonno. Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l'insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo ed il pugno. 4. Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova: la bellezza della velocità 5. Noi vogliamo inneggiare all'uomo che tiene il volante, la cui asta attraversa la Terra, lanciata a corsa, essa pure, sul circuito della sua orbita. 6. Bisogna che il poeta si prodighi con ardore, sfarzo e magnificenza, per aumentare l'entusiastico fervore degli elementi primordiali. 7. Non vi è più bellezza se non nella lotta. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro. 8. Noi siamo sul patrimonio estremo dei secoli! Poiché abbiamo già creata l'eterna velocità onnipresente. 9. Noi vogliamo glorificare la guerra - sola igiene del mondo - il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore 10. Noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie d'ogni specie e combattere contro il moralismo, il femminismo e contro ogni viltà opportunistica o utilitaria 11. Noi canteremo le locomotive dall'ampio petto, il volo scivolante degli areoplani. E' dall'Italia che lanciamo questo manifesto di violenza travolgente e incendiaria col quale fondiamo oggi il Futurismo Queste le parole con cui Filippo Tommaso Marinetti fonda il 20 Febbraio 1909 a Parigi il manifesto futurista.

6 Tutto si muove, tutto corre, tutto volge rapido. Una figura non è mai stabile davanti a noi, ma appare e scompare incessantemente. Per la persistenza delle immagini nella retina, le cose in movimento si moltiplicano, si deformano, susseguendosi, come vibrazioni, nello spazio che percorrono. Così un cavallo da corsa non ha quattro gambe: ne ha venti e i loro movimenti sono triangolari.

7 " Vigliacchi! Vigliacchi!...Perché queste vostre strida di gatti scorticati vivi?...Temete forse che appicchiamo il fuoco alle vostre catapecchie?...Non ancora!...Dovremo pur scaldarci nell'inverno prossimo!...Per ora, ci accontentiamo di far saltare in aria tutte le tradizioni, come ponti fradici!...La guerra?...Ebbene, sì: essa è la nostra unica speranza, la nostra ragione di vivere, la nostra sola volontà!...Sì, la guerra! Contro di voi, che morite troppo lentamente, e contro tutti i morti che ingombrano le nostre strade!... Manifesto interventista, 1914

8 Noi vogliamo glorificare la guerra - sola igiene del mondo - il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore Irredentismo, 1914

9 "Guardate laggiù, quelle spiche di grano, allineate in battaglia, a milioni...Quelle spiche, agili soldati dalle baionette aguzze, glorificano la forza del pane, che si trasforma in sangue, per sprizzar dritto, fino allo Zenit. Il sangue sappiatelo, non ha valore né splendore, se non liberato, col ferro o col fuoco, dalla prigione delle arterie! E noi insegneremo a tutti i soldati armati della terra come il sangue debba essere versato... Ma, prima, converrà ripulire la grande Caserma dove voi pullulate, insetti che siete! Ci vorrà poco... Frattanto, cimici, potete ancora tornare, per questa sera, agl'immondi giacigli tradizionali, su cui noi non vogliamo più dormire!" Cannoni in azione, 1915

10 Non vi è più bellezza se non nella lotta. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro. Forme grido Viva lItalia, 1914

11 Il ruolo della Chiesa La questione romanae il non expedit del papa Pio IX in seguito alla breccia di Porta Pia avevano portato alla frattura tra Stato e Chiesa (1871) Da parte della Chiesa = mancanza di sostegno alle imprese del Regno Da parte dello Stato = espulsione dallesercito di tutti i sacerdoti Nel 1911 per la campagna di Libia, lalleanza stato - chiesa si riattiva: - Coincidenza di obbedienza e fede - Guerra africana come moderna crociata - la Santa Messa è celebrata sul campo di battaglia contestualizzato (in questo caso, il deserto)

12 Il laico Gaetano Salvemini dichiara: La Vergine, a cui abbiamo creduto nelle ore innocenti e serene della nostra fanciullezza, era buona, compassionevole e mite. Essa aveva perdonato ai crocefissori del suo Figlio. E dopo tanti secoli, non è generoso, non è dignitoso ricordare il suo dolore per carpirle una benedizione apportatrice di vittorie.

13 Il papa Benedetto XV si pronuncia a favore della pace. Tuttavia, la Chiesa ufficiale si schiera su due diverse posizioni

14 Chi sostiene la propaganda militarista

15

16

17 Chi sostiene la fratellanza e la pace

18 … e maledice il tradimento del messaggio di Gesù

19 Un ruolo a parte hanno gli appelli alle madri


Scaricare ppt "La propaganda e la fede. Ogni guerra è giustificata dal linguaggio della comunicazione. Si parla di guerra santa che ha bisogno di una giusta causa cioè"

Presentazioni simili


Annunci Google