La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA RESPONSABILITA DEL COORDINATORE NELLE PROFESSIONI SANITARIE: (avv. Giannantonio Barbieri) FERRARA, 14 OTTOBRE 2011 11 COLLEGIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA RESPONSABILITA DEL COORDINATORE NELLE PROFESSIONI SANITARIE: (avv. Giannantonio Barbieri) FERRARA, 14 OTTOBRE 2011 11 COLLEGIO."— Transcript della presentazione:

1 LA RESPONSABILITA DEL COORDINATORE NELLE PROFESSIONI SANITARIE: (avv. Giannantonio Barbieri) FERRARA, 14 OTTOBRE COLLEGIO IPASVI DI FERRARA

2 Il mercato dei servizi sanitari, come risulta tracciato dal d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, se da un lato è teso a garantire i livelli essenziali di assistenza sanitaria (obbligo dello Stato consacrato dall'art. 117 Cost.) dallaltro deve deve trovare un equilibrio con le necessità derivanti dai limiti oggettivi delle risorse organizzative e finanziarie. Il mercato dei servizi sanitari, come risulta tracciato dal d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, se da un lato è teso a garantire i livelli essenziali di assistenza sanitaria (obbligo dello Stato consacrato dall'art. 117 Cost.) dallaltro deve deve trovare un equilibrio con le necessità derivanti dai limiti oggettivi delle risorse organizzative e finanziarie. T.A.R. Lazio Roma Sez. III quater, 16/03/2011, n T.A.R. Lazio Roma Sez. III quater, 16/03/2011, n avv. Giannantonio Barbieri

3 c) assicurare che tutte le strutture accreditate garantiscano dotazioni strumentali e tecnologiche appropriate per quantità, qualità e funzionalità in relazione alla tipologia delle prestazioni erogabili e alle necessità assistenziali degli utilizzatori dei servizi; c) assicurare che tutte le strutture accreditate garantiscano dotazioni strumentali e tecnologiche appropriate per quantità, qualità e funzionalità in relazione alla tipologia delle prestazioni erogabili e alle necessità assistenziali degli utilizzatori dei servizi; 3avv. Giannantonio Barbieri

4 d ) garantire che tutte le strutture accreditate assicurino adeguate condizioni di organizzazione interna, con specifico riferimento alla dotazione quantitativa e alla qualificazione professionale del personale effettivamente impiegato d ) garantire che tutte le strutture accreditate assicurino adeguate condizioni di organizzazione interna, con specifico riferimento alla dotazione quantitativa e alla qualificazione professionale del personale effettivamente impiegato D.lgs. 502/92. art. 8 quater D.lgs. 502/92. art. 8 quater 4avv. Giannantonio Barbieri

5 Il settore della sanità è investito da due fenomeni che caratterizzano le moderne società complesse: levoluzione della tecnica e ricerca scientifica e la tendenza a sfruttarne i risultati in termini di profitto. Si realizza così la Il settore della sanità è investito da due fenomeni che caratterizzano le moderne società complesse: levoluzione della tecnica e ricerca scientifica e la tendenza a sfruttarne i risultati in termini di profitto. Si realizza così la gestione capitalistica dellinnovazione tecnologica fonte: antonio lepre 5avv. Giannantonio Barbieri

6 Conseguenze: Conseguenze: 1) inarrestabile sviluppo di 1) inarrestabile sviluppo di tecnologie sofisticate; 2) espansione della ricerca e della sperimentazione in campi inesplorati sino a poco tempo fa, non solo per la inadeguatezza di mezzi e di conoscenze ma anche perché la coscienza sociale, religiosa e giuridica riteneva che certi confini non si potessero superare. 6avv. Giannantonio Barbieri

7 7 Si parla di: Si parla di:commercializzazione/imprenditorializzazione dellattività sanitaria anche per le notevoli risorse economiche necessarie per il suo funzionamento e per lerogazione dei servizi richiesti

8 IL CONTRATTO DI SPEDALITA (MUTUATO DALLESPERIENZA FRANCESE) IL CONTRATTO DI SPEDALITA (MUTUATO DALLESPERIENZA FRANCESE) Comprende, oltre alle prestazioni sanitarie in senso stretto, una serie di altre prestazioni: Comprende, oltre alle prestazioni sanitarie in senso stretto, una serie di altre prestazioni: - alloggio e ristorazione ; - disponibilità di attrezzature adeguate; - sicurezza degli impianti; - organizzazione dei turni di assistenza; - custodia dei pazienti; - servizi infermieristici; - altro 8avv. Giannantonio Barbieri

9 Costituiscono la Costituiscono la buona organizzazione Quale conseguenza? 9avv. Giannantonio Barbieri

10 Lente è responsabile ex art codice civile non solo dei danni riferibili alla condotta dei propri sanitari, ma anche dei danni riconducibili a carenze organizzative formando lefficienza dellorganizzazione oggetto di un vero e proprio obbligo strumentale ex art cod. civ. Lente è responsabile ex art codice civile non solo dei danni riferibili alla condotta dei propri sanitari, ma anche dei danni riconducibili a carenze organizzative formando lefficienza dellorganizzazione oggetto di un vero e proprio obbligo strumentale ex art cod. civ. 10avv. Giannantonio Barbieri

11 1218. Responsabilità del debitore Responsabilità del debitore. Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile 11avv. Giannantonio Barbieri

12 1175. Comportamento secondo correttezza Comportamento secondo correttezza. Il debitore e il creditore devono comportarsi secondo le regole della correttezza Il debitore e il creditore devono comportarsi secondo le regole della correttezza 12avv. Giannantonio Barbieri

13 13 La responsabilità deve essere scrutinata valutando la condotta in un preciso contesto ambientale, per stabilire esattamente la parte del danno che dovrà gravare sui sanitari. CORTE dei CONTI, Sez. Giur. Regione Sicilia – Sent. n del 16 maggio 2007

14 14. L'esercizio in concreto di tale potere è inteso a proporzionare il danno risarcibile alla mole di rischio incombente a causa delle "anomale" condizioni di lavoro in cui i sanitari si trovarono ad esercitare la professione - nel caso di specifico presso una sezione di cardiologia. CORTE dei CONTI, Sez. Giur. Regione Sicilia – Sent. n del 16 maggio 2007

15 15 Altresì, in sede di giudizio di responsabilità, potere riduttivo dell'addebito è attribuito anche ai turni gravosi di lavoro. CORTE dei CONTI, Sez. Giur. Regione Sicilia – Sent. n del 16 maggio 2007

16 16 FATTO In sede civile e penale è stata affermata la negligenza degli odierni convenuti, medici responsabili della XX Cardiologia dell'XXa, i quali avevano omesso di disporre alcuni accertamenti strumentali che avrebbero consentito di diagnosticare tempestivamente la gravissima patologia, poi rivelatasi letale, di S. G.,

17 paziente ricoverato in data 29 dicembre 1995 e poi deceduto in data 2 gennaio 1996, presso quella struttura sanitaria, per "collasso cardiocircolatorio acuto in soggetto con emopericardio acuto da dissezione aortica". I suddetti sanitari, in solido con l'A.U.S.L. n. X di Agrigento, sono stati condannati al risarcimento del danno in favore dei familiari del predetto Sig. S 17avv. Giannantonio Barbieri

18 18 Con invito a dedurre del 28 aprile 2006, è stato contestato agli odierni convenuti il danno all'erario per ,00, pari alle somme complessivamente pagate dall'A.U.S.L. alla famiglia del Sig. S. a titolo di sorte capitale, interessi, rivalutazione, spese legali e fiscali, così come risultanti dai pagamenti effettuati dall'Azienda Sanitaria

19 19 Secondo la prospettazione accusatoria, la condotta degli odierni convenuti deve essere scrutinata tenendo in debita considerazione il contesto ambientale in cui gli stessi svolsero la loro attività. Al riguardo parte attrice ha evocato sia la situazione di eccezionalità in cui versava la suddetta sezione di Cardiologia, sia l'imprevedibile e contingente situazione generale aggravata nel periodo in esame dall'assenza (giustificata) del dott. B. G., addetto all'Ecocardiografo

20 20 Tale giustificata assenza, osserva il PM., non solo finì con l'aggravare il carico dei lavoro degli odierni convenuti, ma assunse un ben più pregnante rilievo nella considerazione che, nella circostanza, non fu effettuato un ecocardiogramma, cui era addetto il medico assentatosi, che avrebbe potuto consentire una tempestiva corretta diagnosi

21 21 Tenuto conto delle croniche carenze organizzative e di personale, delle prolungate condizioni di stress psico-fisico alle quali erano sottoposti i dott. N. e C., aggravatesi vieppiù nel periodo in esame, parte attrice, sussistendo tutti gli elementi per affermarne la responsabilità,

22 22 ha evocato in giudizio gli odierni convenuti, perché rispondano del danno complessivo da addebitare nella misura di ,00, da ripartire in parti eguali ( 30.00,00 ciascuno), pari al 10% circa delle somme complessivamente pagate dall'Azienda Sanitaria, assumendo che il restante 90% debba ritenersi imputabile "alla particolare situazione ambientale, alle generali condizioni organizzative, nonché alle imprevedibili circostanze sfavorevoli".

23 23 Con memoria depositata in data 26 febbraio 2007, il convenuto N. C. L. ha chiesto il rigetto della domanda attorea osservando che: nessuna colpa, può essergli ascritta in quanto, così come risulta dalla lettura delle sentenze penali e civili, l'unico medico in grado di eseguire ed interpretare l'ecocardiografo era il dott. B., assente in quel periodo;

24 24 le gravissime condizioni ambientali, le generali carenze organizzative e le imprevedibili circostanze sfavorevoli non possono certamente ascriversi al medesimo; l'ospedale di X aveva stipulato pochi anni prima una polizza assicurativa, ma il premio della polizza fu pagato in ritardo e ciò dimostra la cattiva situazione ambientale in cui gli stessi si trovarono ad operare

25 25 Ne consegue,secondo la tesi difensiva riassunta, che la responsabilità per la morte del paziente deve essere attribuita per intero all'Azienda Sanitaria, per non aver dotato la XX Cardiologia di X degli strumenti diagnostici necessari per intervenire efficacemente in casi come quello in esame

26 26 Quanto mai eloquente appare, infatti, il libello introduttivo del giudizio allorché mette in luce le gravissime condizioni di stress psico-fisico in cui versavano i due medici, condizioni acuite anche dall'assenza del dott. B., assente in quel periodo per un grave lutto che lo aveva colpito.

27 27 In tale fattispecie, non può certamente gravare in toto sugli odierni convenuti la responsabilità per la mancanza di formazione del personale e per l'organizzazione del servizio, finalizzata a garantire un uso dell'ecoardiografo senza soluzione di continuità

28 28 AREA DELLA RESPONABILITA La responsabilità può essere definita come lobbligo o il dovere di svolgere attività ti o di conseguire risultati.

29 29 Comprende un responsabilità personale, intesa come laffidabilità della persona nellassumersi gli obblighi legati al suo ruolo E una responsabilità organizzativa: è lobbligo di rispondere a una autorità del proprio lavoro e dei propri risultati,

30 30 Lattività di coordinamento si estrinseca in a attività si programmazione, gestione e valutazione. Il coordinatore programma, coordina e controlla …. il miglior utilizzo delle risorse umane e/o delle apparecchiature nellambito dellarticolazione organizzativa in relazione agli obiettivi assegnati e agli indirizzi impartiti, …..

31 31 CON ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA DEL PROPRIO OPERATO e lattribuzione, anche al fine di valorizzarne lautonomia e la responsabilità, di una specifica indennità di coordinamento

32 32 Occorre distinguere tra responsabilità professionali, per le quali è necessario risalire alla specificità delle competenze, e responsabilità gestionali, connesse allesercizio delle funzioni di programmazione/organizzazione dellattività del gruppo Occorre distinguere tra responsabilità professionali, per le quali è necessario risalire alla specificità delle competenze, e responsabilità gestionali, connesse allesercizio delle funzioni di programmazione/organizzazione dellattività del gruppo 32avv. Giannantonio Barbieri

33 33 Chi ha funzioni di direzione e organizzazione è titolare di un potere/dovere di fornire preventivamente tutte le indicazioni di carattere programmatico e le direttive di carattere tecnico organizzativo necessarie per un efficiente svolgimento dellattività allinterno del gruppo di lavoro (equipe) Chi ha funzioni di direzione e organizzazione è titolare di un potere/dovere di fornire preventivamente tutte le indicazioni di carattere programmatico e le direttive di carattere tecnico organizzativo necessarie per un efficiente svolgimento dellattività allinterno del gruppo di lavoro (equipe) 33avv. Giannantonio Barbieri

34 34 Responsabilità dirigenziale? È una forma di responsabilità del tutto separata da quella civile, penale, amministrativa, disciplinare.

35 35 La caratteristica della responsabilità di gestione a cui il soggetto è tenuto, è che non risponde per la correttezza formale del suo comportamento, ma del risultato sostanziale della sua attività. Lobiettivo è quello di perseguire la strada dellefficienza dellattività, in aggiunta al rispetto formale delle regole che alla stessa presiedono

36 36 La responsabilità manageriale non si fonda tanto sulla violazione doloso o colposa dei doveri dufficio, ma piuttosto sulla inidoneità e sulla incapacità del professionista a conseguire risultati adeguati, in senso formale e sostanziale, ai compiti loro affidati, con conseguenti negative implicazioni sul buon andamento dellattività dellorganizzazione E una responsabilità per risultati …..

37 37 PROBLEMA se è vero che il capitale impiegato dal professionista è il capitale intellettuale, può succedere (?) che qualche scelta, coerente con il proprio status professionale, coerente dal punto di vista etico e deontologico, molto professionale, si riveli non aziendalistica …… se è vero che il capitale impiegato dal professionista è il capitale intellettuale, può succedere (?) che qualche scelta, coerente con il proprio status professionale, coerente dal punto di vista etico e deontologico, molto professionale, si riveli non aziendalistica ……

38 38 1) la linea decisionale di gestione- amministrazione 2) la linea decisionale clinico-assistenziale Vanno sempre daccordo? Ma devono andare daccordo? Devono essere affiancate? O sovrapposte ?

39 39 … insorgono a carico dellente, accanto a quelli di tipo latu sensu alberghieri, obblighi di messa a disposizione del personale medico ausiliario, paramedico (sic!, n.d.r.) e dellapprestamento di tutte le attrezzature necessarie, anche in vista di eventuali complicazioni o emergenze Cass. 14 luglio 2004, n

40 40 Svolgimento del processo ( omissis) e (omissis) in proprio e quali esercenti la potestà genitoriale sul figlio (omissis) convenivano in giudizio dinanzi al Tribunale di Roma la (omissis) il Dott. (omissis) e la Dott.ssa (omissis)

41 Esponevano che (omissis) alla sua prima gravidanza, per accordo intervenuto con il proprio ginecologo, Dott. (omissis) si era ricoverata presso la clinica della (omissis) per fine gestazione. 41avv. Giannantonio Barbieri

42 42 Dopo essere stata visitata per due volte dal Dott. (omissis) era stata trasferita in sala parto e con l'assistenza di un altro sanitario, la Dott.ssa (omissis), aveva dato alla luce il neonato, previa applicazione della ventosa.

43 Le condizioni del neonato si erano presentate subito precarie, tanto che era stato ricoverato al Policlinico (omissis) dove era stata emessa una diagnosi di "asfissia perinatale, convulsioni". Poichè in conseguenza di questa situazione il bambino aveva subito gravi danni chiedevano la condanna dei convenuti in solido tra loro al risarcimento 43avv. Giannantonio Barbieri

44 44 Il Tribunale di Roma condannava i convenuti, in solido tra loro, al risarcimento dei danni liquidati in lire , oltre interessi.

45 45 Successivamente, è stato affermato che la responsabilità della casa di cura è generalmente "responsabilità per inadempimento dell'obbligazione che la stessa casa di cura assume, …

46 direttamente con i pazienti, di prestare la propria organizzazione aziendale per l'esercizio dell'intervento richiesto", individuando dunque nel contratto e nell'art c.c. il titolo della responsabilità (Cass. 8 gennaio 1999, n. 103). 46avv. Giannantonio Barbieri

47 47 Quest'ultima decisione, poi, richiamando il rischio d'impresa che ai assume la casa di cura, precisa che in questo rischio "è compreso anche quello della distribuzione delle competenze tra i vari operatori, delle quali il titolare dell'impresa risponde ai sensi dell'art. 1228".

48 48 La struttura sanitaria risponde del danno da disorganizzazione, quale danno conseguente alla violazione dellobbligo accessorio connesso alla prestazione principale, di non recare danno ingiusto al paziente per omissione di diligenza nel predisporre gli strumenti necessari allesatto adempimento della prestazione sanitaria Chindemi D., La responsabilità della strutta sanitaria, in Sanità pubblica e privata, Maggioli, 2006/ 2 pag.28 e segg.

49 49 Gli enti ospedalieri, sia pubblici che privati, sono stati trasformati in aziende, strutturate secondo le regole della moderna impresa, e soggetti anche al rischio dimpresa che consiste nella conseguente responsabilità per la cattiva, insufficiente e inidonea gestione dellazienda Gli enti ospedalieri, sia pubblici che privati, sono stati trasformati in aziende, strutturate secondo le regole della moderna impresa, e soggetti anche al rischio dimpresa che consiste nella conseguente responsabilità per la cattiva, insufficiente e inidonea gestione dellaziendaChindemi 49avv. Giannantonio Barbieri

50 In altri termini la struttura, quale debitore della prestazione complessa di «assistenza sanitaria », deve ritenersi tenuta a mettere a disposizione il proprio apparato strutturale organizzativo e tecnologico in funzione della cura del paziente. In altri termini la struttura, quale debitore della prestazione complessa di «assistenza sanitaria », deve ritenersi tenuta a mettere a disposizione il proprio apparato strutturale organizzativo e tecnologico in funzione della cura del paziente. 50avv. Giannantonio Barbieri

51 51 Le obbligazioni a carico della struttura sanitaria: Le obbligazioni a carico della struttura sanitaria: Prestazioni di diagnosi, cura e assistenza post-operatoria; Prestazioni di diagnosi, cura e assistenza post-operatoria; Prestazioni di tipo organizzativo relative alla sicurezza e manutenzione delle attrezzature e dei macchinari in dotazione; Prestazioni di tipo organizzativo relative alla sicurezza e manutenzione delle attrezzature e dei macchinari in dotazione; Vigilanza e custodia dei pazienti; Vigilanza e custodia dei pazienti; Prestazioni di natura alberghiera Prestazioni di natura alberghiera 51avv. Giannantonio Barbieri

52 52 In Francia è stata accertata la responsabilità di una struttura sanitaria per il cattivo funzionamento del servizio di posta interna per il ritardo con il quale è stato comunicato ad una paziente in stato interessante che il nascituro era affatto dalla sindrome di Down, non consentendo così allinteressata di poter ricorrere allinterruzione volontaria della gravidanza. In Francia è stata accertata la responsabilità di una struttura sanitaria per il cattivo funzionamento del servizio di posta interna per il ritardo con il quale è stato comunicato ad una paziente in stato interessante che il nascituro era affatto dalla sindrome di Down, non consentendo così allinteressata di poter ricorrere allinterruzione volontaria della gravidanza. Tribunale di Versailles,8 luglio avv. Giannantonio Barbieri

53 In relazione al personale sanitario la giurisprudenza ritiene che lobbligazione della struttura sia adempiuta correttamente quando vengono rispettati due criteri basilari: In relazione al personale sanitario la giurisprudenza ritiene che lobbligazione della struttura sia adempiuta correttamente quando vengono rispettati due criteri basilari: 53avv. Giannantonio Barbieri

54 A) un criterio qualitativo, in base al quale il personale, per titoli e per capacità in concreto, sia in grado di adempiere al proprio incarico; A) un criterio qualitativo, in base al quale il personale, per titoli e per capacità in concreto, sia in grado di adempiere al proprio incarico; 54avv. Giannantonio Barbieri

55 B) un criterio quantitativo, in base al quale la struttura, deve non solo organizzare la concertazione tra sanitari, ma anche avere un numero sufficiente di personale, che deve essere presente al momento opportuno B) un criterio quantitativo, in base al quale la struttura, deve non solo organizzare la concertazione tra sanitari, ma anche avere un numero sufficiente di personale, che deve essere presente al momento opportuno 55avv. Giannantonio Barbieri

56 56 Quali allora i requisiti minimi di buona organizzazione ? buona organizzazione ? avv. Giannantonio Barbieri

57 57 Personale medico, sanitario, e ausiliario qualificato, sufficiente e presente; Personale medico, sanitario, e ausiliario qualificato, sufficiente e presente; = deve essere sempre presente un medico di guardia e sufficiente personale infermieristico qualificato non sono formalmente, ma anche professionalmente nel senso che deve essere in grado di svolgere con perizia le funzioni attribuite. Deve essere anche facilemente reperibile un anestesista per le emergenze 57avv. Giannantonio Barbieri

58 Coordinamento tra i diversi servizi; Coordinamento tra i diversi servizi; = è necessario che anche la dislocazione logistica dei vari servizi sia effettuata tenendo conto del principio di efficienza dellintervento sanitario e in modo tale da fronteggiare efficientemente le urgenze. 58avv. Giannantonio Barbieri

59 Si devono quindi evitare la dislocazione lontana tra loro di servizi specialistici idonei a fronteggiare le urgenze rilevate dal medico di guardia, consentendo il rapido intervento dei sanitari o il rapido trasporto dei pazienti in tali reparti. Si devono quindi evitare la dislocazione lontana tra loro di servizi specialistici idonei a fronteggiare le urgenze rilevate dal medico di guardia, consentendo il rapido intervento dei sanitari o il rapido trasporto dei pazienti in tali reparti. 59avv. Giannantonio Barbieri

60 Locali idonei per ampiezza e sotto il profilo igienico; Locali idonei per ampiezza e sotto il profilo igienico; = lente ospedaliero è responsabile delle infezioni nosocomiali dovute a microbi presenti nei locali. = lente ospedaliero è responsabile delle infezioni nosocomiali dovute a microbi presenti nei locali. Esiste quindi un obbligo di sterilizzazione della sala operatoria, di adozione di adeguati sistemi di sicurezza e di vigilanza Esiste quindi un obbligo di sterilizzazione della sala operatoria, di adozione di adeguati sistemi di sicurezza e di vigilanza 60avv. Giannantonio Barbieri

61 Cass.6707/ avv. Giannantonio Barbieri il caso

62 Il 9 aprile 1979, Carrara Maria Teresa in Aste partoriva un bambino nell'Ospedale S. Spirito di Ventimiglia. Due giorni dopo, l'infante, Aste Andrea Emanuele, era sottratto da ignoti dal "nido" dell'ospedale e di lui non si rinveniva più traccia nonostante le ricerche svolte dalla polizia. Il 9 aprile 1979, Carrara Maria Teresa in Aste partoriva un bambino nell'Ospedale S. Spirito di Ventimiglia. Due giorni dopo, l'infante, Aste Andrea Emanuele, era sottratto da ignoti dal "nido" dell'ospedale e di lui non si rinveniva più traccia nonostante le ricerche svolte dalla polizia. 62avv. Giannantonio Barbieri

63 Con citazione notificata il 20 maggio 1980, i genitori del piccolo, Aste Karl Torbjorn e Carrara Maria Teresa, convenivano davanti al Tribunale di San Remo, l'ente Ospedaliero S. Spirito, di Ventimiglia, e, attribuendo il rapimento del figlio alla deficiente sorveglianza del "nido" del reparto Con citazione notificata il 20 maggio 1980, i genitori del piccolo, Aste Karl Torbjorn e Carrara Maria Teresa, convenivano davanti al Tribunale di San Remo, l'ente Ospedaliero S. Spirito, di Ventimiglia, e, attribuendo il rapimento del figlio alla deficiente sorveglianza del "nido" del reparto 63avv. Giannantonio Barbieri

64 "tra la persona ricoverata in un ospedale e l'ospedale stesso si instaura un rapporto obbligatorio, avente, ad oggetto la cura del ricoverato, e se costui, per età o invalidità o malattia, è incapace, anche la custodia dello stesso. "tra la persona ricoverata in un ospedale e l'ospedale stesso si instaura un rapporto obbligatorio, avente, ad oggetto la cura del ricoverato, e se costui, per età o invalidità o malattia, è incapace, anche la custodia dello stesso. 64avv. Giannantonio Barbieri

65 Ne deriva la conseguenza che tra l'Ente Ospedaliero S. Spirito e i genitori del piccolo Aste Andrea Emanuele, col fatto stesso della nascita di costui nell'ospedale, si costituì un particolare rapporto disciplinato dalla legge, in forza del quale l'ospedale era tenuto a prestare al bambino le opportune cure neonatali ed a custodirlo. Si è in presenza quindi di una responsabilità contrattuale, disciplinata dall'art C.C.". Ne deriva la conseguenza che tra l'Ente Ospedaliero S. Spirito e i genitori del piccolo Aste Andrea Emanuele, col fatto stesso della nascita di costui nell'ospedale, si costituì un particolare rapporto disciplinato dalla legge, in forza del quale l'ospedale era tenuto a prestare al bambino le opportune cure neonatali ed a custodirlo. Si è in presenza quindi di una responsabilità contrattuale, disciplinata dall'art C.C.". 65avv. Giannantonio Barbieri

66 2) "In termini generali, non può considerarsi ristretta al solo sanitario la vigilanza dei ricoverati, essendo invece obbligatoria e necessaria anche una sorveglianza atta a salvaguardare l'incolumità fisica dei ricoverati incapaci". In particolare per la sala neonatale, in ogni ospedale ben organizzato, le porte di accesso sono chiuse, in modo che non possa accedervi nessuno, tranne il personale addetto, e all'interno del "nido" vi sono sempre delle infermiere vigilatrici d'infanzia 2) "In termini generali, non può considerarsi ristretta al solo sanitario la vigilanza dei ricoverati, essendo invece obbligatoria e necessaria anche una sorveglianza atta a salvaguardare l'incolumità fisica dei ricoverati incapaci". In particolare per la sala neonatale, in ogni ospedale ben organizzato, le porte di accesso sono chiuse, in modo che non possa accedervi nessuno, tranne il personale addetto, e all'interno del "nido" vi sono sempre delle infermiere vigilatrici d'infanzia 66avv. Giannantonio Barbieri

67 . Ovviamente, queste cautele hanno una diretta finalità sanitaria"... "Ma allo stesso tempo, con tal sistema"..."si realizzano indirettamente ma efficacemente, anche quelle che l'appellata chiama strutture contro i rapimenti. E' vero anche che un piccolo ospedale, con un solo bambino nel "nido", non può essere in condizioni di tenervi sempre una infermiera vigilatrice d'infanzia.. Ovviamente, queste cautele hanno una diretta finalità sanitaria"... "Ma allo stesso tempo, con tal sistema"..."si realizzano indirettamente ma efficacemente, anche quelle che l'appellata chiama strutture contro i rapimenti. E' vero anche che un piccolo ospedale, con un solo bambino nel "nido", non può essere in condizioni di tenervi sempre una infermiera vigilatrice d'infanzia. Ma in questo caso deve ricorrere ad altre cautele, atte ad impedire a chiunque l'accesso alla sala neonatale Ma in questo caso deve ricorrere ad altre cautele, atte ad impedire a chiunque l'accesso alla sala neonatale 67avv. Giannantonio Barbieri

68 "Il fatto è risultato che il bambino, dopo la nascita, non fu posto nella stessa stanza della madre, bensì nel cosiddetto "nido", un ambiente cioé riservato ai neonati. La porta di accesso a questo ambiente era priva di serratura e di facile apertura. "La sala neonatale era sorvegliata a rotazione, dal personale, non dall'interno, bensì dall'esterno, attraverso la vetrata di osservazione. "Il fatto è risultato che il bambino, dopo la nascita, non fu posto nella stessa stanza della madre, bensì nel cosiddetto "nido", un ambiente cioé riservato ai neonati. La porta di accesso a questo ambiente era priva di serratura e di facile apertura. "La sala neonatale era sorvegliata a rotazione, dal personale, non dall'interno, bensì dall'esterno, attraverso la vetrata di osservazione. 68avv. Giannantonio Barbieri

69 La porta del "nido" non rimaneva chiusa - proprio perché priva di serratura - anche nelle ore di apertura dell'ospedale all'accesso del pubblico per la visita ai ricoverati da parte di parenti e amici. La scomparsa del bambino avvenne tra le ore 14,5 e le ore 15, ossia durante l'"orario di apertura di visitatori. Si è evidentemente in presenza di una situazione di quasi totale carenza di custodia del bambino". La porta del "nido" non rimaneva chiusa - proprio perché priva di serratura - anche nelle ore di apertura dell'ospedale all'accesso del pubblico per la visita ai ricoverati da parte di parenti e amici. La scomparsa del bambino avvenne tra le ore 14,5 e le ore 15, ossia durante l'"orario di apertura di visitatori. Si è evidentemente in presenza di una situazione di quasi totale carenza di custodia del bambino". 69avv. Giannantonio Barbieri

70 4) "Alla luce di queste considerazioni, l'inadempimento, dell'obbligo di custodia indubbiamente vi fu e le spiegazioni fornite dall'ospedale non valgono a far ritenere che fosse dovuto a causa ad esso non imputabile, tanto più che questa omissione di custodia trova la sua radice non già nella negligenza del personale dipendente, 4) "Alla luce di queste considerazioni, l'inadempimento, dell'obbligo di custodia indubbiamente vi fu e le spiegazioni fornite dall'ospedale non valgono a far ritenere che fosse dovuto a causa ad esso non imputabile, tanto più che questa omissione di custodia trova la sua radice non già nella negligenza del personale dipendente, 70avv. Giannantonio Barbieri

71 bensì proprio nell'organizzazione stessa del reparto pediatrico, ossia nella regolamentazione interna dell'ospedale, che direttamente ed immediatamente ad esso imputabile. bensì proprio nell'organizzazione stessa del reparto pediatrico, ossia nella regolamentazione interna dell'ospedale, che direttamente ed immediatamente ad esso imputabile. 71avv. Giannantonio Barbieri

72 Apparecchiature moderne, appropriate, idonee e funzionanti; Apparecchiature moderne, appropriate, idonee e funzionanti; = anche la mancanza di apparecchiature, ove queste siano necessarie per le funzioni che devono espletare, può costituire fonte di responsabilità sotto il profilo dellinsufficiente organizzazione. = anche la mancanza di apparecchiature, ove queste siano necessarie per le funzioni che devono espletare, può costituire fonte di responsabilità sotto il profilo dellinsufficiente organizzazione. 72avv. Giannantonio Barbieri

73 = così la mancanza degli usuali strumenti in dotazione nelle efficienti strutture sanitari, ad esempio un cardiografo o il servizio TAC, può essere imputato a titolo di responsabilità agli ospedali e può anche costituire fonte più grave di responsabilità nel caso in cui la presenza di tali apparecchiature avrebbe consentito una diagnosi veloce ed evitato ulteriori conseguenze dannose al paziente = così la mancanza degli usuali strumenti in dotazione nelle efficienti strutture sanitari, ad esempio un cardiografo o il servizio TAC, può essere imputato a titolo di responsabilità agli ospedali e può anche costituire fonte più grave di responsabilità nel caso in cui la presenza di tali apparecchiature avrebbe consentito una diagnosi veloce ed evitato ulteriori conseguenze dannose al paziente 73avv. Giannantonio Barbieri

74 = non è sufficiente la dotazione di apparecchiature idonee ma occorre anche che vengano mantenute in buona efficienza = non è sufficiente la dotazione di apparecchiature idonee ma occorre anche che vengano mantenute in buona efficienza 74avv. Giannantonio Barbieri

75 Farmaci sicuri, efficaci e in corso di validità Farmaci sicuri, efficaci e in corso di validità Sangue sicuro Sangue sicuro 75avv. Giannantonio Barbieri

76 76 Linfermiere, ai diversi livelli di responsabilità, di fronte a carenze o disservizi provvede a darne comunicazione ai responsabili professionali della struttura in cui opera o a cui afferisce il proprio assistito Linfermiere, ai diversi livelli di responsabilità, di fronte a carenze o disservizi provvede a darne comunicazione ai responsabili professionali della struttura in cui opera o a cui afferisce il proprio assistito Art. 48 C.D Art. 48 C.D avv. Giannantonio Barbieri


Scaricare ppt "LA RESPONSABILITA DEL COORDINATORE NELLE PROFESSIONI SANITARIE: (avv. Giannantonio Barbieri) FERRARA, 14 OTTOBRE 2011 11 COLLEGIO."

Presentazioni simili


Annunci Google