La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO Prof. Gino Dini – Università di Pisa Ultimo aggiornamento: 3/11/11.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO Prof. Gino Dini – Università di Pisa Ultimo aggiornamento: 3/11/11."— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO Prof. Gino Dini – Università di Pisa Ultimo aggiornamento: 3/11/11

2 Il part program contiene: Informazioni geometriche –percorso utensile –tipo di movimento Informazioni tecnologiche –selezione utensile –parametri di taglio –presenza fluido da taglio, ecc.

3 Percorso utensile x z p1p1 p2p2 p3p3

4 Programmazione manuale Programmazione automatica Tecniche CAD/CAM Metodi di programmazione

5 Programmazione manuale

6 Problematiche programmazione manuale

7 Programmazione manuale Programmazione automatica Tecniche CAD/CAM Metodi di programmazione

8 Programmazione automatica Programma sorgente Main processor CL file Post processor Part program

9 Esempio di programma in APT... P1=POINT/-40,0,0 P2=POINT/0,0,0 C1=CIRCLE/0,0,0,30 C2=CIRCLE/0,60,0,10 L1=LINE/LEFT,TANTO,C1,LE FT,TANTO,C FROM/P1 INDIRP/P2 TLLFT,GOLFT/C1,TANTO,L1 GOFWD/L1,TANTO,C x y C1 C2 L1L2 P1P

10 Programmazione manuale Programmazione automatica Tecniche CAD/CAM Metodi di programmazione

11 Programmazione con tecniche CAD/CAM Modello CAD 3D Generazione traiettoria CL file Post processor Part program

12 Generazione traiettoria utensile

13 Esempio di visualizzazione CAD/CAM

14 Programmazione manuale Linguaggio utilizzato Istruzioni ISO Istruzioni non-ISO (specifiche della UG)

15 Struttura di un programma ISO

16 Funzione N Funzioni di posizionamento Funzione G Funzione M Funzione S Funzione F Funzione T Funzioni ISO

17 N10T1.1 M6 N15G97 S1500 M3 G94 F80 N20G0 X100 Y150 Z80 N25Z-10 N30G1 X50 N35G0 X0 Z200 N40M5 Esempio di utilizzo della funzione N

18 N10T1.1 M6 N15G97 S1500 M3 G94 F80 N20G0 X100 Y150 Z80 N25Z-10 N30G1 X50 N35G0 X0 Z200 N40M5 Esempio di utilizzo delle funzioni di posizionamento

19 G0Controllo punto a punto in rapido G1Interpolazione lineare G2 Interpolazione circolare oraria G3Interpolazione circolare antioraria G94Avanzamento in mm/min G95Avanzamento in mm/giro G96 Lavorazione a velocità di taglio costante Elenco di alcune funzioni G

20 N10T1.1 M6 N15G97 S1500 M3 G94 F80 N20G0 X100 Y150 Z80 N25Z-10 N30G1 X50 N35G0 X0 Z200 N40M5 Esempio di utilizzo delle funzioni G

21 Programmazione di traiettorie

22 x y G1 X15 Y30 G2 X45 Y30 I30 J30 G3 X60 Y45 I45 J G0 X5 Y

23 Elenco di alcune funzioni M M0Stop programma M3Rotazione oraria del mandrino M4Rotazione antioraria del mandrino M5Arresto rotazione mandrino M6Cambio utensile M8Inserimento refrigerante utensile M9Esclusione refrigerante utensile M60Cambio pezzo

24 N10T1.1 M6 N15G97 S1500 M3 G94 F80 N20G0 X100 Y150 Z80 N25Z-10 N30G1 X50 N35G0 X0 Z200 N40M5 Esempio di utilizzo delle funzioni M

25 N10T1.1 M6 N15G97 S1500 M3 G94 F80 N20G0 X100 Y150 Z80 N25Z-10 N30G1 X50 N35G0 X0 Z200 N40M5 Esempio di utilizzo della funzione S

26 N10T1.1 M6 N15G97 S1500 M3 G94 F80 N20G0 X100 Y150 Z80 N25Z-10 N30G1 X50 N35G0 X0 Z200 N40M5 Esempio di utilizzo della funzione F

27 Significato di correttore: centro di lavorazione L D

28 asse Z 0

29 Significato di correttore: centro di lavorazione asse Z 0

30 Significato di correttore: centro di lavorazione asse Z

31 Significato di correttore: centro di lavorazione asse Z 0 (trasduttore) utensile n.1

32 Significato di correttore: centro di lavorazione asse Z 0 (trasduttore) utensile n.1

33 Significato di correttore: centro di lavorazione asse Z 0 (trasduttore) utensile n.1 correzione utensile n.1

34 Significato di correttore: centro di lavorazione asse Z 0 (trasduttore) utensile n.1 correzione utensile n.1 0 (trasduttore) 0 (pezzo)

35 Significato di correttore: centro di lavorazione asse Z 0 (trasduttore) utensile n.2 correzione utensile n.2

36 Significato di correttore: centro di lavorazione asse Z 0 (trasduttore) utensile n.2 correzione utensile n.2 0 (pezzo)

37 Significato di correttore: centro di lavorazione L D

38 Operazione di contornatura

39 Profilo programmato y x Significato di correttore: centro di lavorazione Fresa


Scaricare ppt "INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO Prof. Gino Dini – Università di Pisa Ultimo aggiornamento: 3/11/11."

Presentazioni simili


Annunci Google