La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 MIGLIORARE LATTENZIONE Dott.ssa Marta Sella Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo-comportamentale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 MIGLIORARE LATTENZIONE Dott.ssa Marta Sella Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo-comportamentale."— Transcript della presentazione:

1 1 MIGLIORARE LATTENZIONE Dott.ssa Marta Sella Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo-comportamentale

2 2 L ATTENZIONE …definizioni… è …presente fin dalla nascita, si perfeziona nei suoi modi di manifestarsi insieme al progredire dello sviluppo percettivo e cognitivo. (Canestrari, 1984) Processo cognitivo in grado di selezionare alcune informazioni a scapito di altre, al fine di regolare il comportamento. (Dizionario di psicoterapia cognitivo-comportamentale)

3 3 la capacità di concentrarsi in modo prolungato su una particolare attività o stimolo. Una alterazione della attenzione si può manifestare con facile distraibilità o difficoltà a portare a termine i propri compiti o nel concentrarsi sul lavoro (DSM IV) una funzione che regola lattività dei processi mentali filtrando e organizzando le informazioni provenienti dallambiente allo scopo di emettere una risposta adeguata. (Làdavas)

4 4 Lattenzione sembra essere influenzata da: Fattori innati (diversi a seconda della specie) Fattori acquisiti (relativi allambiente) Fattori di carattere situazionale (dipendenti dal tipo e dalla qualità dello stimolo)

5 5 Gli studi sullattenzione hanno distinto tra: ATTENZIONE FOCALIZZATA: cioè la capacità di concentrarsi su un compito ATTENZIONE SELETTIVA: selezionare stimoli importanti, ignorare informazioni irrilevanti ATTENZIONE DIVISA: seguire contemporaneamente diverse attività …

6 6 ATTENZIONE MANTENUTA: mantenersi vigili per un periodo prolungato di tempo LIVELLI DI AROUSAL (ATTIVAZIONE): aumento dello stato di attività del SNC, generalmente accompagnato da aumento di vigilanza, desincronizzazione dei ritmi EEG e reazioni psicofisiologiche, in seguito ad una stimolazione interna o esterna sufficientemente intensa.

7 7 E importante conoscere quali stimoli interni, ma soprattutto, quali stimoli esterni (controllabili) permettono il livello di attivazione di ogni singola persona.

8 8 ADHD MIGLIORARE LATTENZIONE

9 9 SOTTOTIPI DDAI con disattenzione prevalente: –Cognitivamente pigro –Disattento a ciò che avviene intorno a lui –Più apatico –Più ritirato socialmente –Più sottoattivato DDAI con iperattività prevalente: –Agisce prima di pensare –Cambia spesso attività –Più aggressivo –Più rifiutato dai pari –Più basso livello di autostima

10 10 con il BAMBINO con la SCUOLA con la FAMIGLIA Lintervento Sviluppare abilità di autoregolazione Creare un ambiente facilitante Insegnare tecniche comportamentali e cognitive utili per leducazione del bambino

11 11 Interventi mirati: perché? -OBBLIGO: la scuola deve salvaguardare lapprendimento di tutti gli alunni -VANTAGGIO: Per sopravvivenza dellinsegnante

12 12 Che cosa deve imparare un bambino con ADHD a scuola? Controllare limpulsività e imparare ad allungare i tempi di attenzione Utilizzare dei piani di azione Valutare i risultati e controllare la procedura utilizzata Gestire le situazioni di fallimento Migliorare le abilità sociali INTERVENTO CON LA SCUOLA

13 13 Strategie con i bambini più piccoli: la scuola dellinfanzia

14 14 Aree di intervento Organizzazione degli ambienti e della didattica Intervento individuale sul bambino Sensibilizzazione dei compagni Dialogo con i genitori e con i servizi territoriali

15 15 1. Stabilire le regole Le regole vengono stabilite con i bambini (ES. conversazione sul tema: a cosa servono le regole?) Le regole devono essere brevi e chiare (es.: –Giochiamo senza picchiarci –Parliamo a bassa voce –Riordiniamo i giochi –Ascoltiamo le maestre) Rappresentare le regole con disegni e appenderle in classe

16 16 2. Intervento sul bambino: rinforzo Premiare il bambino quando osserva le regole –Il premio deve essere qualcosa che piace al bambino –Cambiare i premi e non dare sempre il solito

17 17 3. Per ridurre limpulsività e liperattività Attività di routine –turni, –calendario, –camerieri, –scambio di giochi con timer… Giochi psicomotori con comandi (es. stop, via …): –giochi ritmati –percorsi –movimenti al rallentatore…

18 18 4. Migliorare lattenzione Collocare il bambino vicino allinsegnante Esplicitare le consegne in tutti i passaggi con poche parole, semplici e renderle accattivanti anche nel tono della voce. Eliminare elementi di disturbo per il bambino Proporre compiti e tempi di esecuzione adatti alle sue capacità Proporre giochi per favorire lattenzione (es. tieni lo sguardo, scoprire il rumore, loggetto mancante, il gioco dello specchio, …)

19 19 5. Intervento sul comportamento scorretto Bloccare lazione scorretta Spiegare il motivo per cui il comportamento non è adeguato Suggerire il comportamento alternativo ed evidenziarne il vantaggio Analizzare i comportamenti attraverso: –Drammatizzazione negativa/corretta –Lettura di storie

20 20 6. Organizzazione degli spazi Organizzare gli spazi differenziando le attività: –Cucina –Attività espressiva –Manipolazione –Musica –Travestimenti –…

21 21 7. Confronto con la famiglia Condividere con la famiglia le linee educative Quando è necessario consigliare la consulenza specialistica

22 22 Strategie per la scuola elementare

23 23 CREARE UN CONTESTO FACILITANTE E PREVEDIBILE Organizzazione della classe Organizzare lo spazio e gli elementi della classe (es.disposizione dei banchi) La collocazione del bambino con DDAI nella classe deve favorire la sua partecipazione ai lavori e limitare il numero delle distrazioni Ridurre gli elementi che possono distrarre il bambino

24 24 Interventi Per il comportamento 1.Contratto educativo 2.Note di merito Per incrementare lattenzione: 1.Training sul controllo della postura 2.Pulizia del setting (banco-classe) 3.interrogazioni programmate 4.Riformulare i concetti 5.Promuovere consapevolezza e conoscenza dei meccanismi dellattenzione 6.Abitudine di pensare e riflettere prima di dare una risposta 7.Intervento su antecedenti- conseguenze da Disturbi dellattenzione e iperattività, Numero 3/2 aprile 2008, R.A. Fabio, Rilevazione del DDAI e intervento nella scuola, pagg

25 25 Organizzare il lavoro Stabilire e prevedere i tempi di lavoro Stabilire attività programmate e routinarie Definire i tempi necessari per svolgere le attività Organizzazione del materiale Far ripetere le consegne dei compiti, dopo la loro spiegazione Pianificare delle attività per lintervallo che favoriscano la cooperazione con altri bambini Creare un momento per dettare i compiti per casa

26 26 La gestione delle lezioni Accorciare i tempi di lavoro Rendere le lezioni stimolanti Prestare attenzione al ritmo della voce Interagire verbalmente e fisicamente Fare in modo che gli allievi debbano partecipare alla lezione con interventi Costruire delle situazioni di gioco per favorire la comprensione delle spiegazioni, per insegnare concetti Abituare il ragazzo a controllare il proprio lavoro svolto Alternare momenti di lezione attivi e momenti passivi

27 27 La gestione del comportamento Definire semplici regole allinterno della classe Spiegare quali sono i comportamenti adeguati e quelli inappropriati Far capire le conseguenze dei comportamenti positivi e negativi Rinforzare i comportamenti positivi Non punire il bambino togliendo lintervallo Stabilire giornalmente o settimanalmente semplici obiettivi

28 28 Contenere leccessiva attività Contenere leccessiva attività Non ridurre lattività ma utilizzarla per finalità accettabili Usare lattività come premio … e limpulsività Incoraggiare il bambino a tirare fuori le sue capacità positive Suggerire o rinforzare ruoli positivi Indicare quando serve un maggior autocontrollo per una specifica attività Insegnare e rinforzare le convenzioni sociali

29 29 ATTIVITA DA MONITORARE e… sulle quali stabilire SEMPLICI REGOLE Arrivo in classe Preparare il banco per la lezione Svolgimento del lavoro (dettato, esercitazioni di matematica, disegno, …) Comportamento durante la ricreazione (condivisione di giochi, rispetto degli spazi, rispetto dei tempi, …) Brevi momenti di pausa dopo unattività impegnativa …

30 30 …monitoraggio… Le prime volte non avvertite che state monitorando ma potete rinforzare i minimi aspetti positivi rilevati (es. Bravo! … vedo che la matita è gia temperata)

31 31 Tabella per il monitoraggio Spiegazioni: es. abbiamo stabilito questi obiettivi: A = Attenzione con contatto oculare E = Educazione e atteggiamento R = Rispetto delle regole O = Ordine 0rario e attività 9.00 ARRIVO IN CLASSE Carla A E R O - + Giovanna A E R O Luigi A E R O Giacomo A E R O inizio della lezione: correzione compiti … …………

32 32 Le regole La regola serve per dare indicazione su come dobbiamo comportarci nelle diverse situazioni. Es. In corridoio si cammina La regola, quindi, dovrebbe descrivere ciò che dovremmo/potremmo fare in una situazione e non solo quello che non possiamo fare. Es. se dico in corridoio no si corre, quando sono in corridoio posso camminare ma anche saltare, strisciare, …!!!

33 33 Come stabilire le regole Per quanto possibile le regole devono essere corte, espresse positivamente e facili da ricordare Ogni regola deve specificare un comportamento e le sue conseguenze Le regole devono essere espresse in modo da poter essere ben capite e messe in atto SI: Lavarsi le mani prima di andare a mensa NO: Non puoi mangiare se non hai lavato le mani SI: Riordina il banco prima di fare merendaNO: Devi riordinare per poter fare merenda SI: Devi riordinare il banco prima di fare la merenda. Per riordino intendo le matite nellastuccio, i libri in cartella. NO: Non puoi mangiare se non hai riordinato decentemente!/ se non è completo!/Non dimenticare niente!

34 34 Ricordare le regole e metterle in pratica puntando sui comportamenti positivi Sono molto contenta, sei stato molto bravo a riordinare il banco, puoi fare merenda! Inserire le regole UNA PER VOLTA, UNA PER SETTIMANA O ANCHE PER DUE premiando il raggiungimento del successo

35 35 Strategie nella scuola secondaria di primo grado

36 36 ATTENZIONE! A questa età lutilizzo di gratificazioni di tipo concreto non funzionano perché il preadolescente le percepisce come qualche cosa di molto infantile. Lintervento più adeguato è la costruzione di un rapporto personale che si basa sulla fiducia.

37 37 COSTRUIRE IL RAPPORTO DI FIDUCIA: –Mostrare attenzione al ragazzo –Mostrare rispetto per le sue difficoltà –Fare un contratto educativo con pochi obiettivi che vengono verificati nel breve tempo Devono essere indicate le regole che lo studente deve seguire Le modalità che linsegnante può attuare per aiutare il ragazzo Gli obiettivi Il tempo per raggiungere gli obiettivi La data della verifica degli obiettivi –Condivisione dellintervento con il team docente e con il dirigente scolastico (figura di supervisione e autorità che verifica come sta andando il ragazzo).

38 38 N.B.: se si considera lo studente un delinquente e lo si tratta da delinquente non si fa altro che spingerlo a riconoscersi in questa etichetta e farla propria.

39 39 –Coinvolgere la famiglia: informarla di quello che si sta facendo e dei comportamenti positivi e negativi dei figli. –Comunicazioni regolari con la famiglia. N.B. Le famiglie collaborano volentieri se lintervento attuato dalla scuola non viene vissuto come una critica alle loro capacità educative.

40 40 Scuola superiore e università C. Meneghetti, Strategie di studio e di apprendimento in studenti universitari con DDAI: commento allo studio di Reaser e colleghi, in Disturbi dellattenzione e iperattività, 3/2 aprile 2008, Ed. Erickson

41 41 Caratteristiche Scarsa concentrazione nello studio –Faticano ad allontanare elementi di disturbo durante le lettura di un testo/seguire la lezione –Focalizzare lattenzione su un compito Difficoltà a selezionare le idee principali Scarse strategie di preparazione per le prove Difficoltà nella gestione del tempo di studio

42 42 Strategie per migliorare Stendere un piano settimanale Annotarsi ciò che si deve ricordare Pianificare e scrivere gli obiettivi di studio giornalieri e settimanali Sedersi nelle prime file in aula Prendere appunti per mantenere la concentrazione e utilizzare differenti strategie (domande aperte o a scelta multipla) per verificare il proprio apprendimento Lavori specifici per imparare a migliorare i tempi di concentrazione e per imparare a selezionare informazioni principali

43 43 Migliorare la motivazione Motivazione interna Obiettivi intrinseci : piacere della conoscenza, argomenti interessanti per il ragazzo, …

44 44 Migliorare lo studio… Utilizzare diverse strategie di studio, non solo sottolineare e ripetere ma: –Creare analogie –Mettere in relazione informazioni nuove con informazioni possedute –Individuare situazioni reali, presenti nella propria esperienza

45 45 …Migliorare lo studio Collaborazione con i compagni Lavoro con tutor Gruppi di studio per ripassare

46 46 Ridurre lansia Rilassamento Desensibilizzazione sistematica alle situazione che generano ansia

47 47 Dove trovare informazioni sullADHD

48 48 L ATTENZIONE la capacità di concentrarsi in modo prolungato su una particolare attività o stimolo. Una alterazione della attenzione si può manifestare con facile distraibilità o difficoltà a portare a termine i propri compiti o nel concentrarsi sul lavoro (DSM IV) una funzione che regola lattività dei processi mentali filtrando e organizzando le informazioni provenienti dallambiente allo scopo di emettere una risposta adeguata. (Làdavas)

49 49 Gli studi sullattenzione hanno distinto tra: ATTENZIONE FOCALIZZATA, cioè la capacità del soggetto di prestare attenzione ad uno stimolo tra tanti presentati ATTENZIONE DISTRIBUITA, cioè la capacità del soggetto di prestare attenzione a tutti gli stimoli presentati. Si possono distinguere diversi tipi di attenzione: 1. attenzione selettiva 2. attenzione divisa 3. attenzione sostenuta 4. livelli di arousal

50 50 MIGLIORARE LATTENZIONE Le differenze GIOCO: I due particolari

51 51 Imparare a conoscere i propri tempi di attenzione. Suddividere i compiti in base ai propri tempi di attenzione e concedersi degli intervalli. PS. LATTENZIONE NON è COSTANTE MA VARIA ALLINTERNO DI UN CICLO DI CIRCA 90 (norma); 45 più attenti 45 rendiamo meno

52 52

53 53 Nella figura vengono proposte, su 2 righe, due sequenze una alfabetica ed una numerica. Siete in grado di interpretarle?

54 54 Nel processo di percezione visiva la memoria ha una notevole importanza.Cosa vedete?

55 55 Con un breve esercizio, siamo in grado di percepire ciò che la nostra attenzione sceglie di vedere. Nella figura sottostante si possono vedere 3 immagini diverse: quali?

56 56 1.Figura piana: un esagono con iscritta una stella a sei punte. 2.Figura tridimensionale: tre cubi sovrapposti, due dei quali fanno da basamento 3.Figura tridimensionale: (visone dal basso) tre cubi sovrapposti, uno dei quali fa da base

57 57 Riflettere con i ragazzi sulla concentrazione Es. presentare alcune situazioni e chiedere ai ragazzi di esprimere il loro parere

58 58

59 59

60 60 Fai un elenco di sinonimi e contrari CONCENTRARSI E … 1. ___________________ 2. ___________________ 3. ___________________ … CONCENTRARSI NON E … 1. ___________________ 2. ___________________ 3. ___________________ …

61 61 Proviamo a dare insieme una definizione di concentrazione Concentrarsi vuol dire ……

62 62 Concentrazione La concentrazione è la disciplina che permette di focalizzarsi su un lavoro stabilito ignorando gli avvenimenti esterni irrilevanti

63 63 Riflettere: Qual è lambiente migliore?

64 64 Qual è la posizione migliore?

65 65 Qual è la condizione migliore?

66 66 Gli ostacoli della concentrazione ESERCIZIO: Pensate a qualche occasione in cui non siete riusciti a concentravi. Perché non ci siete riusciti? Prova a elencare i motivi: 1. ________________________________________ 2. ________________________________________ 3. ________________________________________ 4. ________________________________________ 5. ________________________________________ 6. ________________________________________ 7. ________________________________________ 8. ________________________________________ 9. ________________________________________ 10. _______________________________________

67 67 Gli ostacoli più comuni 1.Distrazioni e interruzioni 2.Mancanza di allenamento e/o pratica 3.Abitudine alla disattenzione e/o preoccupazione 4.Bassa soglia di tolleranza alla frustrazione 5.Mancanza di interesse o di motivazioni 6.Il rinvio 7.Obiettivi o piani non chiari 8.Disordine e/o sovraffollamento mentale 9.Fatica, stress, cattiva salute 10.Emozioni irrisolte 11.Atteggiamento negativo

68 68 COME MIGLIORARE LA CONCENTRAZIONE 1.Stabilire una priorità tra le cose che attirano la vostra attenzione 2.Disciplinare voi stessi ad ignorare tutto il resto

69 69 3. Attraverso il controllo delle contingenze ambientali (autocontrollo): -cambiare gli ambienti di studio -capire il motivo per cui perdiamo tempo -riconoscere la sequenza di comportamenti e di eventi che ci portano a interrompere lo studio

70 70 4. Motivare se stessi a concentrarsi sui lavori non interessanti - usare il piano 5 minuti per mettersi in azione:non ho voglia di iniziare questo lavoro ma lo inizierò comunque. Se alla fine dei cinque minuti non sono ancora interessato, mi fermo. Si basa sullosservazione di W. James che è più facile spingere noi stessi ad agire, piuttosto che indurci a desiderare dagire - datevi un tempo di inizio e di fine quando vi accingete a un lavoro. Si lavora meglio (e si da il meglio) quando la nostra mente ha delle scadenze.

71 71 5. Dividi e conquista -quando il compito viene percepito come troppo gravoso, lungo o difficile, la mente si rifiuta di procedere perché sembra impossibile da realizzare (paura di fallire) -suddividete il compito 6. Se un lavoro annoia…rendilo più difficile! 7. Tieni ben presenti i vantaggi e focalizzati su di essi invece che sulle difficoltà (che cosa sarà successo da qui a un anno?) 8. Minimizzate verbalmente i lavori spiacevoli (talvolta le cose su cui non siamo concentrati richiedono solo pochi attimi per essere compiuti)

72 72 9. Convincete voi stessi a non rimandare! SARA PIU FACILE SE LA FACCIO PIU TARDI? Nosi No si SI VOGLIO FARE QUESTA COSA? DEVO FARE QUESTO LAVORO? NO Allora non è un rinvio Se il motivo è valido, rimandate Allora non perdete altro tempo E iniziate subito a lavorare! Se il motivo non è valido,

73 73


Scaricare ppt "1 MIGLIORARE LATTENZIONE Dott.ssa Marta Sella Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo-comportamentale."

Presentazioni simili


Annunci Google