La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Materiale per il corso di Sociologia della famiglia: matrimoni divorzi, nascite, morti, flussi migratori Carla Facchini 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Materiale per il corso di Sociologia della famiglia: matrimoni divorzi, nascite, morti, flussi migratori Carla Facchini 2013."— Transcript della presentazione:

1 Materiale per il corso di Sociologia della famiglia: matrimoni divorzi, nascite, morti, flussi migratori Carla Facchini 2013

2 Mutamento sociale: - Incremento scolarità – ancora maggiore per le donne - Incremento presenza donne adulte nel mercato del lavoro

3 Titolo di studio * età Ness.,1,6,7,5,71,01,42,64,29,717,324,127,934,0 elem.,91,62,73,94,88,318,631,444,851,954,250,251,848,0 medie23,126,332,238,743,139,335,931,625,619,915,712,89,08,2 prof.5,16,97,17,88,98,86,35,34,62,82,21,71,51,1 MS.64,346,340,334,331,132,026,620,413,411,27,78,26,25,3 laurea6,618,317,014,811,410,511,28,87,34,53,0 3,63,4 100%

4 Tasso di occupazione femminile per età. 1977, 1987, 1997 e 2003 (% occupate sulla popolazione in età di lavoro, per età)

5 Matrimoni Minore propensione (ma, rispetto agli altri paesi europei minore presenza di convivenze); Posticipazione (nel 2011: 30,8 – 33,7) Mutamento struttura scolarità della coppia; Aumento rito civile (nel 2011: 39,8%) Aumento secondi matrimoni (nel 2011: 10,4%) Aumento matrimoni con stranieri (nel 2011: 13%) Aumento instabilità matrimoniale

6

7 max. elem.medie diplom alaurea Totale mariti ,002,2%1,6%,2%4,0% 2,001,3%27,8%16,7%2,0%47,8% 3,00,4%7,7%24,5%6,8%39,4% 4,001,2%2,8%4,8%8,8% Totale mogli3,9%38,3%44,2%13,6%100,0% ,002,1%3,0%,5%,1%5,6% 2,002,8%33,9%13,1%2,1%51,9% 3,00,6%8,6%17,6%5,2%31,9% 4,00,1%1,0%3,9%5,5%10,5% Totale mogli5,5%46,5%35,1%12,9%100,0% ,0018,8%7,4%1,2%,2%27,6% 2,008,1%25,0%5,8%,8%39,7% 3,001,6%7,6%11,2%2,8%23,2% 4,00,1%1,4%3,2%4,7%9,5% Totale mogli28,7%41,4%21,3%8,6%100,0% 65 e +1,0057,5%4,4%,8%,2%62,9% 2,0010,2%8,8%1,8%,4%21,2% 3,002,2%4,1%3,9%,7%10,9% 4,00,3%1,0%1,7%1,9%5,0% Totale mogli70,2%18,4%8,2%3,2%100,0% Scolarità partner U. 4 * Classe età aggr.

8

9 Mutamento nei modelli procreativi Forte denatalità dagli anni 60 Ancor più accentuata che negli altri paesi europei Forti differenze di timing tra le diverse regioni italiane

10 Landamento nel tasso di fecondità in Italia, (numero medio di figli per donna)

11 N. figli * età – Donne – Istat 2003

12 ANDAMENTO DELLA FECONDITÀ IN ALCUNI PAESI EUROPEI: 1985, 1995 e 2004 (numero medio di figli per donna, TFT)

13 In Italia sono molto forti le differenze territoriali: Nelle regioni del Nord: –La denatalità è iniziata prima, Ma ora si è assestata Nelle regioni del Sud: –La denatalità è iniziata dopo, Ma prosegue

14 Il tasso di fecondità in Italia per macro-aree, (numero medio di figli per donna)

15 Ipotesi: anticoncezionali Ruolo IVG – legge 194 del 1978 lavoro femminile mutamento modelli culturali NON mutamenti divisione del lavoro di cura tra i partner Il costo dei figli Ruolo delle politiche pubbliche

16 VARIAZIONE % / /1983 NORD ,7-46,7 CENTRO ,2-50,1 SUD ,9-50,9 ISOLE ,4-42,2 ITALIA ,2-48,2 Di cui straniere --32,233% IVG *

17 Lavoro femminile: Forte incremento in questi anni Ma meno che negli altri paesi europei Forti differenze territoriali

18 ANDAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE FEMMINILE NELLETÀ CENTRALE IN UN GRUPPO DI PAESI OECD , 1994, 2004 (%) (occupate e disoccupate sulla popolazione femminile di anni)

19 Le coppie a doppia partecipazione nell'UE, 1992 e 2000 (% delle coppie con almeno una persona occupata)

20 Forti differenze territoriali per quanto riguarda il lavoro delle donne : Nelle regioni del Nord: –Il tasso di occupazione femminile è consistente (circa il 50%) e in crescita Nelle regioni del Sud: –Il tasso di occupazione femminile è molto basso e stazionario

21 Attualmente : I paesi e le regioni in cui le donne sono PIU presenti nel mercato del lavoro sono quelle in cui la natalità è maggiore la relazione tra lavoro delle donne e natalità da negativa : è diventatapositiva, da tempo, a livello europeo tende a diventare positiva anche in Italia

22 Tasso di partecipazione femminile (25-54) e TFT (numero medio di figli per donna) nellUE15, 2004

23 DUNQUE la relazione tra lavoro delle donne e natalità da negativa : è diventatapositiva, da tempo, a livello europeo tende a diventare positiva anche in Italia

24 N. medio di figli * Età * Scolarità ( donne > 29 anni – 2003)

25 Il lavoro per il reddito e il lavoro di cura : tempi, generi, generazioni

26 Lei occupataLei non occupata MaschiFemmineMaschiFemmine Lavoro familiare 1:544:401:267:56 Lavoro6:164:306:080:05 Tempo fisiologico 10:3710:4010:5911:08 Tempo libero 3:332:353:463:30 Spostamenti1:341:281:331:07 Altro uso del tempo0:060:07 0:14 totale24 Tempo quotidiano coppie, con donne anni

27 Ore settimanali mediamente impiegate per le attività familiari per genere e classi di età EtàgenereOre per attività familiari 15-29U.2,6 D.11,7 Totale7, U.5,1 D.27,9 Totale16, U.5,6 D.32,1 Totale19, U.7,1 D.27,9 Totale18,4 TotaleU.5,0 D.25,0 Totale15,7

28 Totale e + EU Italia Danimarca Germania Grecia Spagna Francia Paesi Bassi Portogallo Svezia Regno Unito Diffusione della povertà per classi detà in alcuni paesi europei (2006)

29 Motivi per cui non si vogliono altri figli * N.figli 123 Va bene così25,344,258,8 Motivi economici20,620,412,2 Età14,512,214,7 Problemi lavoro9,55,81,5 Preoccupazioni per i figli7,15,42,8 Motivi di salute6,84,35,1 Altro9,93,93,3 Totale100 Fonte: dati Istat, Indagine sulla Fecondità, 2005

30 Riassumendo: Minore natalità Rispetto al passato Rispetto agli altri paesi europei Forte attenuazione delle differenze territoriali, precedentemente molto elevate La relazione tra lavoro delle donne e natalità tende a diventare positiva

31 Ma in questi anni si è anche assistito ad: un consistente incremento delletà media della madre al momento del parto; Un incremento di nascite fuori dal matrimonio – che in Italia è però minore rispetto agli altri paesi europei

32

33 Tassi di fecondità per età della madre – (x 1000)

34 Nascite naturali (percentuale totale nati vivi). 1960, 1970 e %

35 Legittimi %naturali% Tot , , , , , , , , ,6

36 Specificità dati milanesi

37 I mutamenti della natalità a Milano : incremento del tasso di fecondità, delle nascite fuori dal matrimonio, di nati da genitori stranieri

38 Mutamento nella mortalità : Aumento speranza di vita Differenze di genere Rilievo patologie cardio-circolatorie, dellapparto respiratorio e tumorali Ruolo delle condizioni di lavoro e degli stili di vita

39 AnnoAlla nascitaA 60 anni U.D.U.D ,643,013,513, ,856,015,216, ,272,316,719, ,580,018,422, ,282,820,825,0 2020*78,384,721,626,2 Evoluzione della vita media alla nascita e a 60 anni in Italia

40 Uomini e +Totale Malattie infettive e parassitarie 0,030,080,331,774,680,61 Tumori 0,580,9215,38114,66286,1635,69 Tumore dello stomaco 0,000,041,098,1025,432,69 Tumore del colon, retto e ano 0,000,021,3210,2831,533,36 Tumore della trachea, bronchi e polmoni 0,020,034,6336,9852,879,93 Diabete mellito 0,020,010,617,4030,392,57 Malattie sistema nervoso 0,150,250,605,2526,372,14 Malattie sistema circolatorio 0,200,6910,09101,78668,0344,74 Infarto del miocardio 0,010,093,8826,1178,648,66 Disturbi circolatori dellencefalo 0,050,131,5523,80202,1511,78 Malattie apparato respiratorio 0,100,170,9217,88142,46 8,48 Malattie apparato digerente 0,030,162,8614,1950,975,27 Cause accidentali e violente 0,635,244,459,0141,566,21 Incidenti stradali 0,343,081,632,865,482,24 Altre cause 0,331,942,548,6072,905,53 2,079,4537,78280,531323,54111,25 Cause di morte - Tassi standardizzati per età (per ), 1998

41 Donne e +Totale Malattie infettive e parassitarie 0,04 0,191,394,240,47 Tumori 0,380,8110,8751,36145,3818,02 Tumore dello stomaco 0,000,030,563,3014,601,28 Tumore del colon, retto e ano 0,000,030,965,5519,201,98 Tumore della trachea, bronchi e polmoni 0,000,030,925,109,881,56 Tumore della mammella della donna 0,000,103,198,6717,603,22 Diabete mellito 0,02 0,336,5935,712,53 Malattie sistema nervoso 0,140,130,433,6421,981,61 Malattie sistema circolatorio 0,420,333,4652,53574,8830,52 Infarto del miocardio 0,010,030,669,3052,623,70 Disturbi circolatori dellencefalo 0,110,101,0215,46179,649,34 Malattie apparato respiratorio 0,150,100,435,5060,783,27 Malattie apparato digerente 0,030,071,118,1338,873,18 Cause accidentali e violente 0,311,181,123,8732,952,61 Incidenti stradali 0,170,710,430,931,280,60 Altre cause 0,370,691,146,7070,494,27 1,87 3,39 19,09139,71985,28 66,48 Cause di morte - Tassi standardizzati per età (per ), 1998

42 Incremento immigrazione Incremento anche negli ultimi anni Incremento specifico flussi da Europa dellEst Differenze di genere, ma in via di attenuazione (ricongiungimenti familiari)

43 Stranieri residenti Incidenza su pop. Res.2,77,1 Popolazione straniera ANNI Aree geografiche di cittadinanza Unione europea Europa centro- orient. Altri paesi europei Africa settentr. Altri paesi africani Asia orient

44 Di cui2009 (in migliaia) UE Europa Centro-Orientale Altro Europa 12 Nord Africa 647 Altra Africa 285 Asia Orient. 333 Altra Asia 354 Nord America 18 Sud America 325 Oceania 2 Apolidi0,8

45 < e +media Nord Ovst12,715,26,40,88,6 Nord Est13,216,16,80,89,1 Centro10,514,46,91,08,3 Sud2,34,02,40,32,5 Isole2,33,51,90,32,1 Italia8,411,05,20,7 6,5 Incidenza popolazione straniera per classi detà

46 Mutamento popolazione Incremento fino agli anni 60, poi assestamento Incremento popolazione anziana Differenze di genere Differenze territoriali

47

48

49 Indici Vec- chiaia Dipendenza strutturale Dipendenza degli anziani Età media ,951,129,842, ,751,630,242, ,851,730,443, ,151,930,643,1

50 Struttura popolazioneper classedetà ,814, ,566,165, ,614,314,5 80 e +3,14,45,6 Tot.100%

51

52 Specificità dati milanesi

53 Diminuzione della popolazione -non compensata da un incremento nei comuni Hinterland Maggiore invecchiamento - anche come portato dei flussi migratori degli anni Forti differenze per sesso Specifico incremento grandi anziani forte presenza di immigrati

54 Piramide della popolazione 1991

55 Piramide della popolazione 2001

56 Mutamenti in atto nelle strutture familiari Famiglia: insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune. La F. può essere costituita anche da una sola persona Riduzione numero componenti –Incremento singles –Incremento famiglie ricostruite –Incremento coppie non coniugate –Incremento famiglie monogenitoriali –Diminuzione N. figli per famiglia –Specifico incremento di giovani che vivono in famiglia Accentuazione nelle Regioni Settentrionali e nelle grandi città Differenze per sesso e per collocazione sociale

57 Famiglie per numero di componenti Italia ( ) ,715,817,820,6 24,9 219,621,223,624,727,1 322,521,722,122,221,6 420,420,521,521,219,0 512,611,59,57,95,8 6 e +14,49,45,43,41,7 Totale N. medio componenti 4,03,63,32,82,6 Fonte: dati Istat, censimenti, anni vari

58 Tipologia Italia A - singles11,518,324,9 B – coppia senza figli13,417,119,6 C – genitori + figli55, ,1 Di cui con entrambi i genitori (46,9)(39,1) D – F. estese, multiple.19,411,56,0 Di cui senza nucleo1,41,32,6 N. medio. Componenti3,63,02,6 Totale Tipologie familiari – censimenti

59 Famiglie e nuclei familiari per tipologia - Medie , , , ANNISoli Fam. > 5 comp. Fam. con aggr. o + nuclei Coppie con figli Coppie senza figli Monogen. Coppie non con. Fam. Ricostit. % anni figli cel/nub ,06,85,259,428,612,03,54,773, ,96,55,157,630,212,34,14,772, ,46,24,856,830,612,74,65,672, ,15,94,656,330,713,05,56,172,5

60 TIPOLOGIE FAMILIARI ANNO 2005 Italia Ripartizioni geografiche Nord-OvestNord-estCentroSud Persone sole26,129,026,527,422,5 Altre fam. senza nuclei2,01,9 2,22,1 Coppie senza figli20,022,221,920,016,9 Coppie con figli39,035,436,435,945,8 Monogenitore8,08,17,97,88,1 Coppie senza figli + altri c.. 1,11,01,21,70,9 Coppie con figli + altri c. 1,91,42,22,41,7 Monogen. + altri c. 0,60,50,7 Con due o più nuclei1,30,51,41,91,4

61 anni M79,884,889,6 F55,272,179,8 MF67,778,584, anni M39,953,266,3 F19,834,846,8 MF29,944,156, anni M15,523,733,2 F8,714,019,2 MF12,118,926,2 % di giovani che vivono in famiglia in qualità di «figli» per classe di età e sesso. Italia: 1981, 1991 e 2001.

62 Tipologia familiare degli anziani e della popolazione complessiva - Italia Tipologia familiarePop. > 65 anni Totale Popolazione Soli27,39,4 Con non parenti4,52,1 Coppia41,516,8 di cui con figli14,360,6 Monogenitoriali6,68,9 altro5,72,0 Totale100% Fonte: dati Istat, censimento 2001

63 Sesso et + U.Soli9,016,010,9 Coppia42,457,146,3 Coppia co figli34,612,128,6 Monogenit.2,61,72,4 Fam. Estese11,513,011,9 100% D.Soli23,345,331,0 Coppia36,419,530,5 Coppia co figli19,02,813,3 Monogenit.9,28,08,8 Fam. Estese12,224,416,5 100% Tipologia fam.* Età * sesso - Italia


Scaricare ppt "Materiale per il corso di Sociologia della famiglia: matrimoni divorzi, nascite, morti, flussi migratori Carla Facchini 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google